Printer Friendly

Risa Sodi and Millicent Marcus, ed. New Reflections on Primo Levi. Before and After Auschwitz.

Risa Sodi and Millicent Marcus, ed. New Reflections on Primo Levi. Before and After Auschwitz.

New York: Palgrave MacMillan, 2011.

Come ricordano all'inizio della loro prefazione Risa Sodi e Millicent Marcus, fino al 1990 il nome di Primo Levi nel mondo anglosassone era noto solo all'interno di una stretta cerchia di specialisti. In effetti nella Library of Congress esistono 69 volumi In inglese contenenti nel titolo "Primo Levi;" restringendo la ricerca ai soli titoli di critica letteraria, la prima monografia in inglese su Levi data al 1995 ed e a firma di Nicholas Patruno. Davanti a questo tardivo riconoscimento postumo da parte della critica anglosassone, il volume curato da Sodi e Marcus fa la sua parte, mettendo pero insieme saggi di diverso valore.

Il volume si articola in quattro sezioni: la prima, Politics, Nationalism and Collective Memory, inquadra sotto un profilo storico l'attivita intellettuale di Levi, partendo dal bel lissimo contributo di Stanislao Pugliese, "Primo Levi's Politics: Giustizia e Liberta, the Partito d'Azione, and 'Jewish' Anti-Fascism" (17-29) che punta il dito sulla rimozione ("erasure," 18) del pensiero politico dello scrittore da parte della critica letteraria statunitense. Pugliese suggerisce che il motivo di questa rimozione e dovuto alla "disturbing reality" messa a nudo da Levi riguardo alla illusoria morte degli istinti fascisti nella vita politica italiana ed europea. Puo aver nociuto alla popolarita di Levi in Nord America anche la sua volonta di non essere incasellato nella categoria culturalmente onorata degli "scrittori dell'olocausto," per scegliere il meno privilegiato ruolo di "scrittore," destinato a portare testimonianza e a cercare una "ethical fine of conduct and moral reasoning based on classical humanism [...] after Auschwitz" (21). Uilluminismo laico e ateo di Levi (si ricordera la sua famosa frase "c'e Auschwitz, quindi non puo esserci Dio") come una forma di disillusione, quasi un sub-elemento della riservatezza torinese. Visione da leggere in controluce rispetto alla forza della fede di Elie Wiesel, corroborato da un dialogo con Dio e la comunita religiosa durato sessant'anni dopo la Shoah.

Nancy Harrowitz firma il secondo saggio, intitolato "The Itinerary of an identity. Primo Levi's 'Parallel Nationalization' " (31-43). Lo studio analizza la presa di distanza dello scrittore rispetto all'ebraismo, inserendola nella cornice di una difesa della propria identita italiana, che Levi sentiva intimamente propria (32). Harrowitz parte dal concetto della parallela nazionalizzazione di Momigliano per giungere alle riflessioni di Gramsci circa la mancanza di un antisemitismo italiano e contesta le conclusioni dei due intellettuali dimostrando come "the path to emancipation [of the Italian Jews] was not the uncomplicated one that Momigliano suggests, and both Momigliano and Gramsci'a analyses are simplistic and misleading" (38). In questo modo, Fautrice conclude che "Levi's understanding of Italian Jewish identity raises questions" (41) suggerendo che probabilmente lo scrittore pecco in generosita rispetto alla reale responsabilita storica degli italiani nei confronti dell'antisemitismo.

Robert S. C. Gordon firma con "Primo Levi and Holocaust Memory in Italy, 19581963" (45-59), un breve excursus su come fu onorata la memoria della Shoah da parte del mondo culturale italiano nel lustro preso in esame. Gordon conclude che in quegli anni "an eclectic mass of output and activity relating to the Holocaust emerged in Italy" (55) e all'interno di questo processo, lo studioso riconosce a Levi un ruolo primario.

La seconda parte del volume, "Unbearable Witness" e aperta dal contributo piu originale, il saggio di Jonathan Druker "Trauma and Latency in Primo Levi's The Reawakening" (63-77) che dimostra come la struttura de La Tregua segua da vicino la teoria freudiana dei tre livelli del trauma (choc iniziale, periodo di latenza, ricordi traumatici ricorrenti). In quest'ottica, Druker sostiene che la struttura del racconto sia piu importante del suo contenuto, poiche la testimonianza di Levi aiuta il lettore a comprendere come l'individuo traumatizzato non possa mai completamente uscire dal suo incubo e si senta obbligato, usando una descrizione di Freud, a ripetere il materiale represso anziche a ricordarlo.

Altro contributo interessante e quello a firma di Marina Beer, "Primo Levi and Italo Calvino. Two Parallel Literary Lives." Uautrice ripercorre la relazione speciale che uni i due grandi scrittori sia sotto il profilo professionale per i tipi della Einaudi, che sotto il profilo personale. In modo acuto, Beer fa notare come alla fine Calvino e Levi, nonostante la reciproca stima, abbiano seguito strade quasi opposte riguardo alla scrittura, allo stile e alla filosofia dell'intellettuale; Beer lo fa riassumendo, tra l'altro, le risposte che i due grandi dettero al celebre questionario "Pourquoi ecrivez-vous?" pubblicato dal quotidiano francese Liberation (110).

Nel contributo successivo, "L'immagine di lui che ho conservato. Communication and Memory in Lilit e altri racconti (Moments of Reprieve)" Elizabeth Scheiber offre un'analisi comparata dell'edizione originale e quella americana della raccolta Lilit e altri racconti, soffermandosi sui problemi conseguenti alla riduzione operata nell'edizione d'oltre oceano, dove lo stralciamento della prima sezione ha, secondo Scheiber, inficiato la ipertestualita presente nella raccolta italiana.

Lawrence Langer firma il saggio seguente, "The Survivor as Author. Primo Levi's Literary Vision of Auschwitz." Lo studioso si sofferma sulla spinta morale che conduce Levi a scrivere Se questo e un uomo, e in particolare ne analizza il celeberrimo capitolo 11, il Canto d'Ulisse, sostenendo che "a careful examination of Canto 26 suggests that Levi may have had something else in mind, nota tribute to the enduring value of cultural memory or the art of poetry but an invitation to differentiate [...] how literature may invade and transform reality" (140).

Saltando la "personal reflection" (151) di Nicholas Patruno che ripercorre la genesi e le conseguenze della pubblicazione della sua monografia su Levi (151-6), il saggio di Mima Cicioni azzarda una lettura di Se non ora quando in chiave di moderno western, appoggiandosi a una lettura fornita da Levi stesso a commento del suo lavoro. Chiude l'antologia il contributo (171-94) di Ellen Nerenberg, intitolato "Mind the Gap. Performance and Semiosis in Primo Levi;" il "gap" di cui tratta Nerenberg e la distanza fra significato e significante, o fra intenzione e interpretazione, che emerge "at the heart of the discourse concerning the ethics of representing the Shoah" (178). La ricercatrice analizza in modo comparato le trasposizioni radiofoniche di Se questo e un uomo fatte per la Canadian Public Radio e per la Rai e poi due trasposizioni teatrali dello stesso testo messo in scena al Teatro Carignano di Torino nel 1966 e un adattamento di Sir Antony Sher portato a Londra e New York fra il 2004 e il 2005.

SCILTIAN GASTALDI

University of Toronto
COPYRIGHT 2012 American Association of Teachers of Italian
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2012 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Author:Gastaldi, Sciltian
Publication:Italica
Article Type:Book review
Date:Sep 22, 2012
Words:1067
Previous Article:Marco Codebo. Narrating from the Archive. Novels, Records, and Bureaucrats in the Modern Age.
Next Article:Editorial note.
Topics:

Terms of use | Privacy policy | Copyright © 2020 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters