Printer Friendly

Lara Nicolini, Ad (l)usum lectoris: etimologia e giochi di parole in Apuleio.

LARA NICOLINI, Ad (l)usum lectoris: etimologia e giochi di parole in Apuleio.

2011. Pp. 220. Patron Editore. Paperback, 18 [euro].

ISBN 9788855531085

Dedicare un volume intero, e non propriamente breve, ai giochi di parole di Apuleio potrebbe sembrare a prima vista un'impresa destinata a scarso successo: da una parte, la lingua e lo stile del retore e romanziere africano sono stati gia ampiamente studiati, e le sue opere commentate; dall'altra, come si sa, spiegare una battuta o un gioco di parole e certamente il modo migliore per rovinarle. Eppure, Apuleio e ancora evidentemente capace di sorprendere, e lo stesso vale per Lara Nicolini: il suo lavoro ci fa rendere conto di quanto sofisticata sia la scrittura di Apuleio, e di quanto ancora, nonostante la gran mole di lavoro che ad essa e stato dedicato, la sua lingua necessiti di essere studiata. Il quadro che ne emerge, infatti, ci rivela un Apuleio solo in parte gia noto; e, oltre a illuminare di senso molti passi con analisi dettagliate, ci permette anche di delineare alcuni tratti piu generali della figura del Madaurense.

Il primo capitolo prende le mosse da un gioco di parole finora passato inosservato (Venere che a 10,6,2-3, annunciando a Psiche che dovra mettere ordine in una seminum passivam congeriem, dice alla ragazza tuam frugem periclitabor: dove il senso originale e non metaforico di frugem allude implicitamente alla natura della prova che attende Psiche) per passare ad una breve esposizione generale della scienza etimologica degli antichi e del suo sfruttamento da parte di poeti e letterati. Viene anche affrontata la delicata questione della necessita di identificare criteri che permettano di evitare sovrainterpretazioni, vedendo nel testo allusioni e giochi di parole che vanno molto al di la dell'intenzionalita dell'autore. (1) Impresa questa importante e necessaria, anche se in fondo--considerando anche quanto il concetto stesso di 'intenzionalita dell'autore' sia indebolito dalla critica contemporanea--la responsabilita ultima di ogni decisione in proposito non puo che risiedere nella sensibilita dell'interprete; e quella di N., affinata da molti anni di studi apuleiani e non, e senz'altro degna della massima fiducia.

La parte piu stimolante di questa prima sezione, e forse dell'intero volume, cerca di dare una spiegazione anche biografica all'attenzione di Apuleio per la lingua, che lo porta a sfruttarne potenzialita nascoste e, talvolta, a farle quasi violenza. Alla base di questo sperimentalismo, per N., sta il fatto che Apuleio ha imparato il latino (e poi anche il greco) come lingua straniera, essendo il punico la sua lingua madre. Si tratta di un'intuizione avanzata quasi in sordina da Griffiths e poi ripresa da altri autorevoli studiosi, (2) che ora trova la piu ampia e argomentata conferma nel lavoro di N. per la quale "e la consapevolezza lessicale continuamente esibita a provare questo atteggiamento certamente non naturale, quasi agonistico, nei confronti di quella che pure, forse anche molto presto, sara diventata la sua [cioe di Apuleio] lingua principale" (p. 35).

Il secondo capitolo ("Giochi di parole in Apuleio") affronta l'argomento in modo sistematico, categorizzando il materiale raccolto in ben 10 sezioni nelle quali si dividono le diverse tipologie di giochi di parole (1. "Figure etimologiche, poliptoti, paronomasie"; 2. "Doppi sensi"; 3. "'Ipersemantizzazione'. Scelte lessicali marcate e addensamenti di significati"; 4. "'Prendere alla lettera'. Doppi sensi di frasi idiomatiche e proverbiali"; 5. "Resurrezione di metafore"; 6. "Hapax legomena e innovazioni semantiche"; 7. "Il senso di Apuleio per la lingua: uno strano hapax in met. 6,19"; 8. "Hapax su base greca"; 9. "Fantasia ricostruttiva: gli hapax semantici"; 10. "Innovazione su base lessicale ed enallage"). La suddivisione e molto dettagliata, e anche se--come del resto e inevitabile in questi casi--la precisa collocazione di qualche esempio potrebbe essere oggetto di discussione, essa svolge un'utile funzione euristica. Chi comunque non vuole impegnarsi in una lettura 'cover to cover' ma va in cerca di informazioni su passi precisi e agevolato anche dai preziosi indici (Locorum, Nominum, Rerum, Verborum latinorum, Verborum graecorum). La scelta del materiale presentato e estremamente ampia, ma ovviamente non esaustiva: una raccolta completa va esplicitamente, e giustamente, al di la degli scopi del volume. La maggior parte dei brani analizzati proviene dalle Metamorfosi, ma non mancano alcuni passi tratti da Apologia, Florida, e trattati filosofici.

E veniamo finalmente ad alcuni esempi, capitolo per capitolo. Apuleio, come e noto, ama accostare parole diverse collegate da somiglianza di suono o identita (vera o presunta) di etimo, o parole identiche con significati diversi. Questa tendenza da luogo a espressioni talvolta piuttosto scontate, il cui effetto puo anche risultare fiacco se non addirittura sgradevole--soprattutto a critici di impostazione rigidamente classicistica come Eduard Norden che, come e noto, non era affatto un ammiratore dello stile di Apuleio e lo considerava troppo sonoro e quasi effeminato. Tali sono ad esempio met. 5,23,1 insatiabili animo ... satis curiosa; oppure 11,22,2 noctis obscurae non obscuris imperiis ... monuit. In altri casi pero la costruzione risulta piu complessa e meno evidente a prima vista, e con cio stesso, naturalmente, piu interessante agli occhi del filologo e meno passibile di censure stilistiche. Un ottimo esempio viene proprio dal prologo del romanzo, che N. riesce a trattare con acume e originalita nonostante si tratti del brano piu attentamente studiato di tutte le Metamorfosi--e, forse, uno dei piu studiati in assoluto tra tutti i testi letterari latini. Nella frase sermone isto Milesio varias fabulas conseram l'autrice sottolinea non tanto il nesso fabulas conserere, spesso evidenziato come costruzione standard nei commenti, quanto la piu sottile connessione etimologica sermone ... conserere, della quale in fondo la prima iunctura puo considerarsi un'istanza particolare. Anche l'accostamento tra sermo e sero, naturalmente, e nobilitato da molti precedenti letterari, ed e reimpiegato da Apuleio, che spesso non si fa scrupoli a sfruttare ripetutamente un'arguzia particolarmente riuscita, anche in altre occasioni, eventualmente con variatio (ad es. 1,3,2 sermonem ... pertexere). Proprio il fatto che i giochi di parole, a base etimologica e non, sono una caratteristica cosi frequente dello stile apuleiano costituisce per N. una delle argomentazioni che possono, e devono, essere chiamate in causa al momento di scegliere tra restituzioni alternative del testo. Restando su sero, il fatto che questo verbo sia sottoposto quasi sempre a un 'trattamento etimologico' da Apuleio e uno dei vari motivi addotti da N. per i quali a met. 5,15,3 si dovrebbe considerare molto seriamente la lezione ad destinatam fraudium pedicam sermonem conserentes di un recenziore (registrata da Oudendorp ma trascurata da tutte le edizioni moderne) contro il conferentes di F, accettato da tutti gli editori. Tra parentesi, questo e uno dei casi che travalicano la distinzione in categorie utilizzata dalla N., essendo prima accennato al cap. 2.1 e poi ripreso con maggiore ampiezza al cap. 2.5.

Tra i doppi sensi, particolarmente brillante e quello di apol. 4 satis, ut puto, crinium crimen quod illi quasi capitale intenderunt, refutatur. In questo brano una paronomasia piuttosto buffonesca ed evidente, crimen crinium, prepara quella che, come anticipato da V. Hunink, (3) e la vera pointe della frase: un'accusa riguardante i capelli infatti diviene inevitabilmente, in bocca agli sconsiderati accusatori di Apuleio, un crimine ... 'capitale'. N. sottolinea giustamente come la lettura ad alta voce potesse e dovesse enfatizzare la battuta con un uso sapiente di pause, volumi e intonazioni. Aggiungerei che qui abbiamo anche una spia testuale del gioco di parole nell'avverbio quasi, che sottolinea lo scostamento tra senso reale e senso comico della frase alla quale si possono dare due sensi possibili: "un'accusa tanto grave da essere quasi passibile di morte", e "un'accusa molto grave, quasi ... un'accusa capitale". Questo del resto rientrerebbe in una tendenza ben rilevata da N., per cui avverbi come vere costituiscono appunto spie testuali che possono servire ad allertare il lettore/ascoltatore della presenza di un gioco di parole (per i riferimenti si veda il lemma verus/vere, che piuttosto inaspettatamente si trova nell'index rerum anziche nell' i. verborum). Nel passo in questione, del resto, anche ut puto marca l'ingresso dell'argomentazione in una sfera non oggettiva e personale, quindi disponibile al comico.

Nelle Metamorfosi, alcuni doppi sensi sono nascosti, percepibili soltanto ad un second-reader gia informato (almeno in modo generico) su come andranno a finire gli eventi narrati 'in presa diretta' da Lucio. Non per questo, naturalmente, essi devono essere trascurati o attribuiti al caso: costituiscono anzi una prova concreta di come Apuleio ingaggi continuamente il suo pubblico in un gioco interpretativo che coinvolge sia il piano linguistico che quello piu generico del 'significato' del romanzo stesso. A questa categoria appartengono espressioni come spiritus efflare, applicata a 2,32,6 a quelli che per Lucio sono ladroni da lui uccisi, ma che in realta sono solo degli otri gonfiati che il nostro eroe ha forato con la spada (e spiritus efflare, variante scelta non a caso del piu comune animam efflare, puo ben adattarsi ad ambedue le situazioni). Molti doppi sensi sono costruiti sulla base di espressioni tecniche derivanti da lingue specializzate, come quella del diritto. Raffinata, avvocatesca e insieme scabrosa e la comicita che scaturisce dalla terminologia che il mugnaio usa a 9,27,5 nei confronti del giovane sorpreso a letto con la moglie: nec herciscundae familiae sed communi dividundo formula dimicabo, ut sine ulla controversia vel dissensione tribus nobis in uno conveniat lectulo. Il senso osceno di divido e gia ben evidenziato da commenti e studi precedenti, ma si deve all'accurata analisi di N. l'osservazione che anche convenio si colloca a meta tra linguaggio erotico e giuridico. Del tutto originale invece e l'acuta interpretazione (al par. 2.5) di met. 2,17,5 ad cuius noctis exemplar similes adstruximus alias plusculas, dove N. sottolinea giustamente l'uso di espressioni tecniche dell'architettura (ad ... exemplar, adstruximus: frequenti i paralleli in Vitruvio) adattate argutamente da Apuleio ad un contesto amatorio.

Molto simili a doppi sensi sono quei casi che che N. rubrica come "ipersemantizzazioni". La differenza sta nel fatto che qui non si ha un contrasto tra i possibili significati di un'espressione, ma un sovraccarico di significato, con la sovrapposizione di un'interpretazione 'pregnante' ad una 'normale'; cosa che, naturalmente, crea spesso problemi di traduzione. Il caso di 10,3,6, dove la noverca si rivolge al figliastro con parole molto ambigue, sarebbe forse meglio definito come doppio senso tout court: nella frase habes capax necessarii facinoris otium si esprime sia l'inevitabilita del facinus che la sua natura incestuosa (se si prende necessarius nel senso di 'parente, congiunto'). PiU calzante la definizione di 'ipersemantizzazione' in altre occasioni, come la frase rivolta da Venere a Cerere e Giunone a 5,31,2 nec enim vos utique domus meae famosa fabula et non dicendi filii mei facta latuerunt. N. riprende qui, correttamente a parere di chi scrive, l'interpretazione di Kenney per cui Cupido "non merita di esser chiamato figlio" di Venere, ma allo stesso tempo e considerato dalla dea "quell'infame di mio figlio", se si considera che non dicendus = infamis.

Ancora riconducibili alla categoria generale dei doppi sensi sono quelle espressioni che vengono usate normalmente in senso figurato, ma che Apuleio impiega (soltanto, anche o soprattutto) nel loro senso letterale. La definizione di anilis fabula applicata ad Amore e Psiche (4,27,8) e forse l'esempio piu eclatante e studiato. L'espressione ricorre nella letteratura filosofica e satirica nel senso traslato di 'storia inutile, adatta ai bambini', ma in Apuleio essa si adatta perfettamente anche alla concretezza della situazione: Amore e Psiche e infatti narrata per l'appunto da una vecchia--anzi, nella antica letteratura Amore e Psiche e, a quanto ne sappiamo, l'unica 'storia da vecchie' narrata proprio da una vecchia. Apuleio del resto sembra apprezzare particolarmente questo tipo di ironia, e anche in altre occasioni crea equivalenti narrativi di espressioni standard. (4) La cosa e molto evidente anche a 2,7,1 dove Lucio decide di andare a casa e approcciare la serva Fotide; impulsivo come sempre, passa subito dai pensieri ai fatti, dicendo pedibus in sententiam meam vado--un'applicazione tutta particolare del sistema di votazione per discessionem applicato nel Senato romano. Anche in questo caso, il pun e sfruttato piu volte (cf. met. 6,32,3 e 7,10,2). A questa situazione narrativa e applicata anche un'altra frase formulare tipica delle deliberazioni senatorie: quod bonum felix et faustum itaque, licet salutare non erit, Photis illa temptetur (2,6,8). Qui N. concede forse troppo credito alla traduzione di Fo, (5) arguta ma a mio parere non garantita dal contesto, per cui salutare conterrebbe una maliziosa sfumatura sessuale ("anche se non troppo igienico"). Al contrario, considerata la giusta disponibilita di N. a prendere in considerazione anche giochi di parole che solo un 'second-reader' e in grado di comprendere, stupisce la sua scarsa propensione a conferire a licet salutare non erit un significato pertinente al livello extra-diegetico, cioe un'allusione alla dinamica di caduta-salvezza che appare inevitabile accettare in qualche modo, una volta giunti alla fine del romanzo. La connessione a questa dinamica sembra del resto supportata dal fatto che la formula ricorre anche, leggermente variata, in 11,29,5 (quod felix itaque ac faustum salutareque tibi sit: detto in sogno dalla divinita a Lucio).

La sezione successiva esamina i casi in cui l'uso apuleiano rivitalizza l'etimo di un'espressione le cui origini metaforiche non sono piu percepite nell'uso comune ('metafore morte'). Qui il caso piu interessante e congetturale: a 11,30,4 dove il dio Osiride prescrive a Lucio di non lasciarsi intimidire dalle maldicenze degli invidiosi, il codice Laurenziano offre un testo chiaramente corrotto: nec extimescerem malevolorum disseminationes quas studiorum meorum laboriosa doctrina ibi deserviebat. Ovviamente deserviebat non da senso, ed e stato oggetto di numerosi tentativi di emendazione di vario pregio fino all'assai improbabile devervefaciebat di Giarratano. La proposta di Oudendorp, ibidem serebat, ha il pregio di combinare un alto grado di verosimiglianza paleografica con un gioco di parole che ormai possiamo riconoscere per tipicamente apuleiano, fondato sul recupero del senso primario di due parole come disseminatio (il cui etimo e non piu percepito nell'uso) e sero.

Apuleio, si sa, si diceva orgoglioso creatore di parole in Apologia 38,3: non stupisce quindi incontrare anche nel romanzo molti hapax. N. offre qui una pregevole trattazione ad es. del problematico inigninum a 7,203, e un'intera sezione (la 2.7) e dedicata ad una originale e molto convincente analisi del polentacium/polentarium che si legge a 6,19,2. Non concordo con lei tuttavia nel ritenere horripilo (met. 3,24,5) un hapax assoluto e una creazione apuleiana: il ThLL attesta la presenza del verbo nei glossari (il che non stupisce) ma anche nella vetus Latina, e soprattutto l'esito italiano 'orripilare' fa pensare che la parola fosse di uso comune e popolare piu che non la creazione individuale di un letterato estroso. (6) Una sezione successiva, la 2.8, e dedicata agli hapax su base greca; N. osserva giustamente che "a differenza di quanto accade in Plauto, in Apuleio i composti non fanno mai violenza alla lingua; mancano ad es. gli ibridi e anche i composti a piu di due membri, e poche sono anche le innovazioni nell'uso dei suffissi" (p. 141 s.).

La ricerca di effetti comici, ma anche "una sorta di insofferenza per il banale" portano alla frequente presenza, nella lingua apuleiana, di hapax semantici. Particolarmente acuta e convincente oltre che innovativa, in questo ambito, e l'analisi di 9,33,4 una de cetera cohorte gallina per mediam cursitans aream clangore genuino velut ovum parere gestiens personabat. L'uso di ceterus al singolare e sembrato spesso sospetto; tuttavia N. lo spiega efficacemente ricordando che il senso primario di cohors e quello di 'spazio destinato al pollame' (cfr. l'italiano 'cortile'); qui il termine subisce uno spostamento metonimico e passa a significare direttamente le cohortis aves. Oltre a fornire l'ennesimo esempio della liberta e originalita con cui Apuleio utilizza la lingua latina, questa interpretazione spiega bene anche il singolare ceterus, che in Apuleio e normale se seguito da nome collettivo.

Innovazioni semantiche e originalita espressiva si possono ottenere anche agendo sui rapporti sintattici tra le parole: Apuleio mostra in effetti una certa propensione all'uso dell'enallage, a cui e dedicata l'ultima sezione del volume. Interessante qui e il caso di 6,28,5, un altro brano in cui la pressione esercitata dall'estro di Apuleio sulla lingua latina ha portato a sospettare dell'integrita testuale del brano: setas incuria lavacri congestas et horridas compta diligentia perpolibo. A creare problemi e naturalmente il nesso compta diligentia: alla corruzione in cuncta di vari recenziori si aggiungono alcune congetture dei filologi (ad es. prompta Robertson, ampla Helm). Intervenire sul testo, tuttavia, e inutile: l'aggettivo compta, forzatamente riferito a diligentia, e in fondo giustificato dal fatto che tanta cura e applicata all'azione di 'pettinare' le setole dell'asino. Naturalmente, tutto questo si rivela un vero incubo per il traduttore: (7) rinunciando alla densita espressiva dell'originale latino, si potrebbe forse azzardare "con l'attenzione di un parrucchiere".

Per concludere, N. ci offre un nuovo e importante strumento per comprendere quella costruzione difficile ma affascinante che e la lingua di Apuleio. Lo fa sia offrendo materiale nuovo che sistematizzando e spesso approfondendo intuizioni altrui, e fondandosi su una sensibilita linguistica e filologica che, anche se in un lavoro come questo e inevitabile non concordare su alcune questioni di dettaglio, e sempre di ottimo livello. Molte delle osservazioni di N. sono destinate a lasciare il segno nei futuri lavori su Apuleio, e nelle stesse edizioni del testo delle Metamorfosi! (8)

(1) I punti di riferimento qui sono R. Maltby, The Limits of Etymologising, "Aevum Antiquum" 6 (1993), 257-275; e J.J. O'Hara, The Names. Vergil and the Alexandrian Tradition of Etymological Wordplay, Ann Arbor (MI) 1996.

(2) J. Gwyn Griffiths, Apuleius of Madauros. The Isis Book (Metamorphoses, Book XI), Leiden 1975, 59 s.; E.J. Kenney, Cupid and Psyche, Cambridge 1990, 2; J.L. Hilton in S.J. Harrison, J.L. Hilton, V.J.C. Hunink, Apuleius, Rhetorical Works, Oxford 2001, 126 s.; J.N. Adams, The Regional Diversification of Latin, 200 B.C.-A.D. 600, Cambridge 2003, 569-576.

(3) V. Hunink, Apuleius of Madauros. Pro se de magia (Apologia), Amsterdam 1997, vol. II, p. 26 ad loc.

(4) Allo stesso modo, talvolta Apuleio rivitalizza a livello narrativo dettagli secondari e ornamentali, come paragoni e similitudini, da lui trovati in modelli epici: cf. E. Finkelpearl, Metamorphosis of Language in Apuleius. A Study of Allusion in the Novel, Ann Arbor, Univ. of Michigan Press 1988, 47 s.; L. Graverini, The Winged Ass. Intertextuality and Narration in Apuleius' Metamorphoses, in: S. Panayotakis--M. Zimmerman--W. Keulen (edd.), The Ancient Novel and Beyond, Leiden-Boston, Brill 2003, 210 s.

(5) A. Fo, Apuleio. Le Metamorfosi o L'asino d'oro, Milano, Frassinelli 2002 (poi anche Einaudi 2010).

(6) Qualche dubbio analogo ho sul fatto che l'aggettivo congrex di 7,16,1 sia "con ogni probabilita" un conio di Apuleio (p. 78). Sebbene Apuleio sia, a quanto ne sappiamo, il primo a farne uso, Il ThLL riporta un discreto numero di attestazioni piu tarde, soprattutto cristiane a partire da Tertulliano; si tratta probabilmente anche in questo caso di un termine di uso popolare, recuperato da Apuleio ma non altrimenti attestato in fonti letterarie precedenti.

(7) Forse spinta proprio da questa difficolta, nella sua edizione con testo a fronte del 2005 N. adottava comptas di Kronenberg. Essa tuttavia, come la stessa N. osserva in questa occasione (p. 172, n. 538), e impossibile: lascia il complemento di modo senza aggettivo, e cio (oltre a sbilanciare la frase) renderebbe necessaria l'integrazione di un cum. La dura enallage e invocata a difesa del testo tradito gia da B.L. Hijmans Jr. et al., Apuleius Madaurensis. Metamorphoses. Books VI 25-32 and VII, Groningen 1981, 52 ad loc., sulla scia di H. Armini, Studia apuleiana, "Eranos" 26 (1928), 273-339, p. 303.

(8) I refusi che ho potuto rilevare sono molto pochi, e non vale davvero la pena di darne conto. Piuttosto, poco condivisibile e la scelta di non fornire, nelle numerosissime citazioni dalle Metamorfosi, la suddivisione in paragrafi dell'edizione di Robertson (adottata in questa recensione), che e divenuta ormai uno standard riconosciuto e utilissimo per individuare velocemente i brani indicati.

Reviewed by Luca Graverini, University of Siena at Arezzo.

graverini@gmail.com
COPYRIGHT 2012 Barkhuis Publishing
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2012 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Author:Graverini, Luca
Publication:Ancient Narrative
Article Type:Book review
Date:Jan 1, 2012
Words:3338
Previous Article:B. Pouderon, C. Bost-Pouderon (eds.), Passions, vertus et vices dans l'ancient roman.
Next Article:G.A. Karla (ed.), Fiction on the Fringe. Novelistic Writing in the Post-Classical Age.
Topics:

Terms of use | Privacy policy | Copyright © 2019 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters