Printer Friendly

La variante di Luneburg. La traduzione romena del romanzo di Paolo Maurensig.

Paolo Maurensig e nato nel 1943 a Gorizia e vive a Udine. Di professione agente commerciale, restauratore di strumenti musicali, un appassionato di musica e un noto maestro scacchista, occupa, a partire dal 1993 una posizione di spicco nella narrativa italiana. Il suo esordio come scrittore avviene nel 1993 con il romanzo La variante di Luneburg che diventa il caso letterario dell'anno, vincendo il premio letterario "Giuseppe Berto" e il premio "Pen Club" nel 1993 e nel 1994 la prima edizione del premio letterario "Latisana per il Friuli." La sua produzione letteraria e piuttosto prolisse in quanto al primo ne seguirono numerosi altri romanzi tra cui Canone inverso, L'ombra e la meridiana, Venere lesa, L'uomo scarlatto, Il guardiano dei sogni, Vukovlad. Il signore dei lupi, Gli amanti fiamminghi,

La tempesta. Il mistero di Giorgione e LJoro degli immortali (2010). Il romanzo di cui ci occupiamo e stato tradotto in numerosissime lingue.

La Variante di Luneburg

Apparentemente un giallo, il romanzo di Maurensig e in realta una metafora che racchiude nella storia di un'inimicizia - nata attorno a una scacchiera e che diventa spia strazziante della Storia, due facce protagoniste entrambe dell'olocausto, pedine di colori opposti spinte a sfidarsi fino all'anientamento totale, uniti da una passione irrefrenabile per il gioco degli scacchi. Attraverso questa sfida i due maestri del gioco maturano esperienze simili ed opposte, alimentano con arte, energia entusiasmo e disperazione il fuoco della loro passione comune, finendo per perseguirsi pur di vincere la loro ultima partita, rivincita e vendetta allo stesso tempo.

All'inteno della molteplice dimensione narrativa del romanzo vanno individuate delle particolari tematiche circoscritte a un proprio ambito. Dalla prospettiva del tradutorre ogni singolo ambito esige delle scelte traduttive molto mirate alle specificita appartenenti al registro e allo stile, nonche ad ambiti culturali molto particolari. Riportiamo di seguito le tematiche con le relative "esigenze" traduttive:

* Leggenda--scelte lessicali e grammaticali appropriate allo stile

* Giallo--terminologia criminalistica e stile

* Scacchi--nomi propri e terminologia connessa

* Esoterismo--la scacchiera magica di Tabori

* Lager--lessico, prestiti (Kapo, Appellplatz, Revier)

* Ampie descrizioni di persone, luoghi e di situazioni

* Dialoghi--brevi e poco frequenti, registro colloquiale e formale

* Soliloqui--piuttosto estesi creano una dimensione tipica della evocazione e della riflessione psicologica e storic.

La leggenda

L'incipit del romanzo porta in scena una delle leggende collegate all'invenzione degli scacchi. Nella traduzione al romeno si e considerato lo stile narrativo fiabesco, l'impegno delle scelte traduttive avendone l'obbligo di trovare soltanto quelle soluzioni ritenute adeguate. In seguito si vedra il testo ottenuto nella lingua di arrivo, in neretto appaiono mese in risalto quelle unita traduttive che sono state oggetto di riflessione in virtU alle carattersitiche dello stile narrativo fiabesco. Eccovi i punti dove tra la lingua di partenza e quella di arrivo si sono registrati certi mutamenti significativi:

premiare [right arrow] a rasplati (volle premiare [right arrow] a vrut sa-l rasplateasca)

accettare di buon grado [right arrow] a se invoi (aveva [...] accettato di buon grado [right arrow] se invoise fara impotrivire)

rendersi conto [right arrow] a pricepe [right arrow] (si rese conto [right arrow] pricepu)

stimare opportuno [right arrow] a socoti de cuviinta (stimo opportuno [right arrow] socoti de cuviinta)

sottacere [right arrow] a pastra sub tacere (sottace [right arrow] pastreaza insa sub tacere)

appasionarsi [right arrow] a se Impatimi (si appasiono [right arrow] se Impatimi)

l'esosita [right arrow] teribila avaritie
Sembra che Vinvenzione degli scacchi sia
legata a un fatto di sangue.
Narra infatti una leggenda che quando il
gioco fu presentato per la prima volta a
corte il sultano volle premiare l'oscuro
inventore esaudendo ogni suo desiderio.
Questi chiese per se un compenso
apparentemente modesto, di avere cioe
tanto grano quanto poteva risultare da una
semplice addizione: un chicco sulla prima
delle sessantaquattro caselle, due sulla
seconda, quattro sulla terza, e cosi via ...

Ma quando il sultano, che aveva in un
primo tempo accettato di buon grado, si
rese conto che a soddisfare una simile
richiesta non sarebbero bastati i granai
del suo regno, e forse neppure quelli di
tutta la terra, per togliersi dall'imbarazzo
stimo opportuno mozzargli la testa.

La leggenda sottace il fatto che quel
sovrano dovette pagare in seguito un
prezzo ben maggiore: egli si appassiono al
nuovo gioco fino a smarrirne la ragione.

L'esosita del mitico inventore, infatti, e
pari solo a quella del gioco stesso.

Se pare ca inventarea sahului este legata
de un fapt sangeros. De altfel, o legenda
povesteste ca, atunci cand jocul a fost
intma data prezentat la curte, sultanul a
vrut sa-l rasplateasca pe necunoscutul
inventator indeplinindu-i orice dorinja.
Acesta ceru pentru sine o rasplata aparent
modesta, aceea de a avea atata grau cat
ar putea sa capete printr-o simpla
adunare: un graunte pe prima din cele
saizeci si patru de patrajele, doua pe cea
de-a doua, patru pe a treia si asa mai
departe...

Dar atunci cand sultanul, care la
inceput se invoise fara impotrivire,
pricepu ca pentru a satisface asemenea
cerere nu i-ar fi ajuns toate hambarele
regatului si poate ca nici macar cele ale
intregului pamant, pentru a iesi din
incurcatura, socoti de cuviinja sa-i reteze
capul.

Legenda pastreaza insa sub tacere
faptul ca acel suveran trebui sa plateasca,
mai apoi, un prej cu mult mai mare: el se
impatimi de noul joc pana la a-si pierde
minjile din pricina lui.

Teribila avarijie a miticului nascocitor, e
de fapt, doar pe masura celei a jocului
insusi. (2)

Descrizione la scacchiera magica ai Tabori, pp.100-101.


Con la scacchiera magica di Tabori si entra in un altro ambito narrativo che abbiamo chiamato esoterismo, dove ci soffermeremo soltanto sulla traduzione dei tre comandamenti incisi sui tre lati di questo oggetto del tutto particolare, e prescinderemo dei mutamenti avvenuti al livello dell'ordine dei periodi tra LP e LA. Nelle tre scritte e ricorrente la parola dolore e vi si crea una graduazione in cui la parola dolore viene a reggere in nuce il divieto anunciato che si converte in un auspicio. Ecco i mutamenti delle tre frasi in cui per dare la forza dovuta di un comandamento, inteso nel suo senso biblico, in romeno si e arrivati alla inversione delle due componenti del tempo futuro per rendere il futuro con valore imperativo della LP.

"Tu non arrecherai dolore" [right arrow] "Nu vei fi izvor durerii"

"Tu fuggirai il dolore" [right arrow] "Indeparta-vei de la tine durerea"

"Tu imparerai dal dolore" [right arrow] Invata-vei din durere"
Sembrava provenire da un altro mondo, o
essere un oggetto sacro. Incise su un lato
c'erano le ventidue lettere dell'alfabeto
ebraico, e sui rimanenti tre,
semicancellate dal tempo, tre scritte che
mio padre riteneva di aver decifrato. In
tutte e tre ricorreva la parola "dolore:"
"Tu non arrecherai dolore," "Tu
fuggirai il dolore" e "Tu imparerai dal
dolore." Suonava come un
comandamento, o come un'indecifrabile
profezia.

Parea provenit dintr-o alta lume ori
parea un obiect sacru. Pe una din
laturi avea sapate cele douazeci si doua
de litere ale alfabetului ebraic, iar pe
celelalte trei, aproape cterse de vreme,
erau trei inscriptii pe care tata
considera ca le descifrase. In toate trei
revenea cuvantul "durere:" "Nu vei fi
izvor durerii," "Indeparta-vei de la
tine durerea," si "Invata-vei din
durere." Suna ca o porunca [biblica]
sau ca o profetie indescifrabila.

Descrizione casa di Tabori, p. 50


Con la descrizione della casa di Tabori affrontiamo la descrizione non piU di oggetti bensi di luoghi, d'altronde una peculiarita narrativa di Paolo Maurensig la quale richiamo un altrettanto particolare impegno da parte del traduttore.

mutamento urbano [right arrow] reinoire urbanistica

aveva scarnificato tutto cio che la circondava [right arrow] pustiise tot ce se afla de jurimprejurul cladirii acesteia

come l'ultima fetta di torta su un piatto [right arrow] aidoma unei ultime felii de tort ramase pe farfurie

divideva una strada in due viuzze che le si stringevano ai lati. [right arrow] despica precum o pana strada, imparjind-o in doua stradute mai mici care se ingustau catre temelia casei.
Quella costruzione sembrava l'unica
superstite di un implacabile
mutamento urbano, che nel corso
degli anni aveva scarnificato tutto
cio che la circondava, lasciandola in
piedi--si sarebbe detto--come l'ultima
fetta di torta su un piatto, e di
questa aveva le sembianze e si ergeva
proprio cosi, sottile e come un cuneo
divideva una strada in due viuzze che
le si stringevano ai lati.

Construcjia aceea parea a fi singura
supraviejuitoare a unei implacabile reinoiri
urbanistice care de-a lungul anilor pustiise
tot ce se afla de jur-imprejurul cladirn
acesteia, lasand-o in picioare; ai fi zis ca
este aidoma unei ultime felii de tort
ramase pe farfurie, avand chiar si aspectul
acesteia, asa cum se inalja subjire si
despica precum o pana strada, imparjind-o
in doua straduje mai mici care se ingustau
catre temelia casei.


Abbiamo la convinzione di aver riportato tre esempi apparteneti a tre degli ambieti narrativi del romanzo e ci auguriamo di essere rriusciti nel nostro proposito di portare allo stesso tempo alla luce una parte non sempre visibile del laboratorio traduttologico all'interno del quale si e portato a termine la traduzione romena di questo primo romanzo di Paolo Maurensig.

BIBLIOGRAFIA

Maurensig, Paolo. (1993), La variante di Luneburg. Adelphi.

FLORIN GALIS

galisflo@yahoo.it

Universita Spiru Haret

NOTE

Maurensig, Paolo. (1993), La variante di Luneburg. Adelphi.

Maurensig, Paolo. (1999), Varianta Luneburg. Bucuresti: Univers. Traduzione di Florin Galis.
COPYRIGHT 2014 Addleton Academic Publishers
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2014 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Author:Galis, Florin
Publication:Linguistic and Philosophical Investigations
Article Type:Essay
Geographic Code:4EXRO
Date:Jan 1, 2014
Words:1533
Previous Article:The law of language and the law of structure in the dominant masculine discourse of Jean Rhys's Wide Sargasso Sea.
Next Article:Assuming language identity through exile in Norman Manea's fiction.
Topics:

Terms of use | Privacy policy | Copyright © 2018 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters