Printer Friendly

How does a commentary come into being? The phrase id est/ Come nasce un commento? La formula id est.

Il mio intervento avra sostanzialmente carattere interlocutorio; la ricerca che propongo, infatti, e ancora in fieri. Lo scopo e verificare se esista uno spazio d'indagine, se le operazioni finora intraprese siano corrette e se sulla loro base sia gia possibile tracciare qualche linea di demarcazione--fermo restando che quelle linee dovranno essere costantemente ridisegnate con l'avanzare dell'indagine. In sostanza, qui m'importa soprattutto segnalare come, se molto di nuovo si e scritto negli ultimi tempi sui commenti tardoantichi, la cui conoscenza e oggi certo piu ampia di quanto non fosse una ventina d'anni fa, manca tuttavia un'analisi sistematica del loro lessico, delle forme che assumono, del vocabolario tecnico al quale fanno ricorso. E chiaro che non puo essere questa la sede ne l'occasione per supplirvi. Suggerire un argomento di studio e abbozzarne un possibile sviluppo mi sembra, per il momento, un risultato piu che soddisfacente.

La mia intenzione e dunque di esaminare la formula id est, l'italiano <<cioe>>, l'inglese <<that is>>. Mi pare infatti un nesso particolarmente importante per chi si interroga sugli elementi costitutivi che danno origine a un commento, perche in teoria e, o dovrebbe essere, la prima, o una delle prime, formule esegetiche in uso. Con pero una precisazione. Id est puo valere sia in funzione sinonimica (come nel tipo bellus id est pulcher), attraverso la sostituzione di cio che e meno noto con cio che e piu comune, sia in una generica funzione esplicativa (del tipo ille dictator id est Caesar qui fuit dictator) o, addirittura, riassuntiva di un intero periodo e concetto (Pompeius, Caesar et Crassus, id est triumuiri illi). Dunque, id est si rivela una formula semplice, in apparenza banale, ma che in realta offre varie possibilita d'uso, che si direbbero fondate tutte sul meccanismo dell'analogia e della sinonimia. Attraverso id est si dovrebbe arrivare a una corrispondenza sintetizzabile nella formula A = B, dove A indica il testo di partenza e B quello di arrivo, mentre il segno matematico dell'uguaglianza sottintende un rapporto di sostituzione che possa valere tanto a livello di lingua che di contenuto (ossia, che possa introdurre una parola, un concetto, una perifrasi giudicati uguali sul piano lessicale o su quello concettuale) (1). A incuriosirmi verso questa formula, aggiungo, e stato un passo di Seneca. Si tratta di Dialogi 10, 9, 2-4, il De breuitate uitae, che riporto per intero:
   Clamat ecce maximus uates et uelut diuino ore instinctus salutare
   carmen canit: <<optima quaeque dies miseris mortalibus aeui prima
   fugit>>.

   <<Quid cunctaris?--inquit--Quid cessas? Nisi occupas, fugit>>. Et
   cum occupaueris, tamen fugiet; itaque cum celeritate temporis
   utendi uelocitate certandum est et uelut ex torrenti rapido nec
   semper ituro cito hauriendum. Hoc quoque pulcherrime ad
   exprobrandam infinitam cunctationem, quod non optimam quamque
   <<aetatem>> sed <<diem>> dicit. Quid securus et in tanta temporum
   fuga lentus menses tibi et annos in longam seriem, utcumque
   auiditati tuae uisum est, exporrigis? De die tecum loquitur et de
   hoc ipso fugiente. Num dubium est ergo quin <<optima quaeque prima
   dies fugiat mortalibus miseris>>, id est occupatis? Quorum puerilis
   adhuc animos senectus opprimit, ad quam inparati inermesque
   perueniunt. Nihil enim prouisum est: subito in illam necopinantes
   inciderunt, accedere eam cotidie non sentiebant ...


Qui Seneca fa uso di formule che interpretano il testo di Virgilio, mimando operazioni e nessi tipici di un commento grammaticale. Nell'ordine, offre infatti prima una parafrasi del testo virgiliano; poi la sua riscrittura letterale con una diversa sistemazione delle parole, quella che si chiama ordinatio, <<la messa in prosa>>; infine, una nota chiarificatrice. Quest'ultima si realizza quando Seneca sostituisce a miseris mortalibus, la forma utilizzata da Virgilio, id est occupatis, con un'espressione, id est, che e quella della glossa esplicativa, ma un vocabolo, occupati, che di mortales non e la spiegazione e che, se ha senso nel lessico e nel contesto di Seneca, non ne ha nessuno in quello di Virgilio (dove non di mortali occupati si parla, ma di mortali e basta) (2). Dunque, e in atto una sorta di processo, per cosi dire, 'mistificatorio', per cui, attraverso un nesso che sembrerebbe di tradizione e codificato nella forma e nell'uso, Seneca in realta introduce una falsa interpretazione e piega le parole di Virgilio ai propri fini, con un facile ma implicito sillogismo (tutti i mortali sono miseri; tutti i mortali sono occupati; gli occupati sono quindi miseri). O meglio: Seneca riadatta Virgilio a una verita a suo giudizio piu appropriata e per lui piu consona, esibendo sfacciatamente il procedimento. Non che travisi del tutto il testo virgiliano; ma di fatto non lo esplica, o quanto meno lo esplica solo all'interno del proprio pensiero: non la morte e il male ne il fuggire della vita; e la cattiva occupazione del tempo.

Il problema che mi sono posto e allora questo: nell'agire cosi, Seneca opera in modo singolare, oppure si possono trovare paralleli per il suo procedere? E, ampliando il discorso, qual e il campo di utilizzo di id est? Quale la relazione fra l'uso che ne propone il filosofo e quello attestato nei commenti? E ancora: qual e la possibilita di sfruttare id est all'interno dei commenti? Da cio sono nati il mio interesse e la discussione che intendo sviluppare. Prima, naturalmente, mi sono rivolto alla bibliografia esistente. Non ho compiuto una ricerca esaustiva di quanto era forse disponibile. Quattro saggi, di varia natura e misura, mi hanno fornito le linee-guida per l'indagine. Si tratta di un capitolo dedicato a id est e al suo equivalente hoc est dallo studioso americano Clarence Linton Meader (3); dell'articolo steso dal medesimo studioso, in coppia con Eduard Wolfllin, per l'Archiv fur Lateinische Lexikologie (4); della voce del Thesaurus Linguae Latinae che ne e derivata (5); di un saggio piu recente di Jean Beranger, apparso nel Colloquium di Bonn sulla Historia Augusta e dedicato per l'appunto alle occorrenze del nesso--undici in tutto--negli Scriptores di quella raccolta (6). Nel suo intervento Beranger aveva anche cercato di delineare una storia della formula, che ne stabilisse l'uso comune: nato in ambito erudito, id est servi da subito a spiegare attraverso sinonimi, perifrasi, etimi o altre notizie grammaticali quanto nei testi poteva apparire oscuro (7). Con Cicerone, il Cicerone dei trattati filosofici e retorici, il nesso si cristallizzo, aggiungendo alla casistica fin qui delineata la traduzione dei termini greci. Questo rimase l'impiego usuale, rispetto al quale pochissime e di scarso significato si rivelano le variazioni (8). Ampliando l'indagine agli storici, suo principale campo d'interesse, Beranger ha notato come id est non sembri da loro molto sfruttato: mai presente nelle Historiae e negli Annales di Tacito (9), compare due sole volte in Svetonio; Livio ne fa un uso piu ampio, per un totale di una decina di casi, che non modificano le tipologie gia note, ma ne aggiungono una nuova, la spiegazione d'espressioni tecniche di estrazione giuridica o sacrale. Nella prosa d'eta tarda, apologeti e scrittori cristiani in primis, le occorrenze si moltiplicano: da una parte la formula, che serve a definire con precisione un concetto, consente ora di dare corpo con facilita a problemi particolarmente pressanti nelle controversie giuridiche e religiose che attraversano un po' tutto il tardoantico; dall'altra, si diffonde un suo uso retorico, che la trasforma in elemento strutturale della prosa, in un modo di costruire e dare sviluppo alla frase, introducendo una parentesi che non interrompe l'esposizione principale.

Il disegno tracciato da Beranger fornisce dunque alcuni piloni cronologici di tutto rispetto, la trama di una possibile ricostruzione storica e sei diversi campi d'applicazione, che potremmo chiamare 'di tradizione' (10); ma ci lascia anche con alcune domande da soddisfare, invitandoci a cercare conferma ai dati forniti in una diversa e piu ampia casistica, per indagare se e come i nostri commenti s'inseriscano nella vicenda tracciata e quale sia il ruolo di Seneca nel processo fin qui ricostruito--Seneca essendo un prosatore del tutto trascurato dallo studioso svizzero.

Partiamo allora da quest'ultima domanda; la prima operazione che mi sono proposto e stata infatti di verificare la presenza di id est nel lessico del filosofo cordovese e l'uso che se ne ricava; in seguito, ho allargato il campo alla prosa latina in generale, per stralci e campionamenti, con particolare attenzione ai testi di ambito tecnico (11); infine, mi sono concentrato sui commenti a Virgilio, a me meglio noti degli altri. Dico subito che ricerche del genere, condotte sostanzialmente su materiale informatico, non sono ne troppo facili ne, soprattutto, troppo sicure, e di alcune questioni tecniche devo quindi dare preliminarmente ragione. Si trattera poi di decidere se i problemi siano davvero insormontabili, oppure se, anche a tener conto della parzialita e dell'approssimazione dei risultati raggiunti, quei risultati possano essere considerati di qualche utilita. Ora, la prima difficolta alla quale prestare attenzione e che molte ricorrenze rischiano di sfuggire ai nostri strumenti, perche non sempre essi sono in grado di distinguere i diversi casi in cui viene utilizzata la formula e che con l'uso esplicativo di cui ho parlato finora possono non avere nulla a che fare. In aggiunta, bisognera ricordare come l'operazione che ci interessa si possa sviluppare anche senza ricorrere alla frase in questione, sicche l'indagine ha valore circoscritto e non esaustivo (12). Inoltre, cosa forse piu importante, e evidente come, accanto ad id est, dovranno essere successivamente presi in esame tutti i nessi analoghi, quali il gia menzionato hoc est, ma anche item, sane, quasi, scilicet, siue, aliter ecc., senza dei quali la ricerca si presenta subito monca e parziale. Infine, va ancora notato che, sebbene un certo numero di occorrenze risulti registrato dai comuni repertori, resta dubbio se siano da prendere in considerazione ai nostri fini. Singolare il caso di Apicio, su cui tornero piu tardi: nella uulgata la formula compare quattro volte, ma tutte e quattro le volte e stata espunta dagli editori moderni, come glossa penetrata nei codici prima del nono secolo. Questo spiega perche, a verificare in parallelo le liste fornite da Beranger con quelle di Meader o con le mie, le somme relative ai singoli autori non risultino mai coincidenti. Davvero, della matematica non ci si puo fidare!

Torno comunque a Seneca, che offre nove ricorrenze nei Dialogi, una mezza dozzina nel De beneficiis, una dozzina nelle Naturales Quaestiones, una ventina nelle Epistolae (13). Qui non posso prendere in esame tutti i passi evidenziati; propongo piuttosto alcune valutazioni che, da quegli elenchi, si possono forse arrischiare. In genere Seneca sembra fare un uso tradizionale del nesso, ossia un uso che rientra nelle tipologie registrate da Beranger, rispettando i campi d'applicazione e gli schemi ordinari della formula. A volte, pero, si avverte la tendenza a non far combaciare il testo finale con il testo iniziale, per cui, modificando quanto visto in precedenza, dovremo dire che A [not equal to] B, oppure che A = B, ma solo a fatica e dopo un'elaborata operazione mentale. In effetti, dai testi riportati in appendice si ricava come alcune corrispondenze siano forzate, nel senso che 'funzionano' solo entro certi limiti e in un preciso ambito di ragionamento (e il caso di T17, decisamente apodittico, perche fondato su un assioma della filosofia stoica; o di T10, che si basa su una similitudine non completamente sviluppata). Altre hanno invece senso solamente accettando il discorso svolto in precedenza dal filosofo (come avviene in T14), oppure vengono date per assimilabili, ma di fatto sono al limite di un vero e proprio arbitrio (T2). Spendo volentieri qualche parola di piu intorno a quest'ultimo caso: in esso contio viene presentato come equivalente di conuiuium, per indicare come Valerio Asiatico fosse stato umiliato pubblicamente da Caligola, che in un banchetto aveva indicato tutte le performances sessuali della moglie. Come nell'altra nota studiata finora, quella da cui siamo partiti, la corrispondenza ha valore soltanto nel contesto di Seneca, perche propone un'equivalenza di termini che di fatto non esiste, e che puo essere accettata solo tenendo presente un non detto, rimasto implicito nel discorso (per cui il banchetto, come l'assemblea, e un luogo pubblico in cui non si dovrebbe dare diffusione a informazioni di carattere privato). L'impressione che si ricava e percio che Seneca qui faccia uso della formula in un modo che potremmo definire 'dialettico', nel quale la messa in relazione dei due elementi cosi collegati e, in realta, una loro messa in tensione, che richiede che dal termine di partenza si arrivi a quello finale attraverso un ragionamento non scontato a priori, e che risulta determinato piu dall'andamento generale del testo che da una sostituzione meccanica e puramente linguistica (o anche concettuale, ma pur sempre immediata), come previsto dalla norma corrente. Quello di Seneca e un procedimento 'dinamico', non 'statico'. Forse anche per questo, sul piano formale la sostituzione assume spesso l'aspetto di un restringimento o di un ampliamento della formula iniziale, ma raramente quello di una parificazione secca, in cui fra A e B intervenga una sostituzione netta e bilanciata dei termini (come peraltro avveniva, a parziale sconfessione di quanto appena detto, proprio nel caso dal quale siamo partiti e in T2). Probabilmente per la medesima ragione, si avverte anche come l'operazione di sostituzione in Seneca si svolga piu facilmente sul piano del contenuto e delle idee espresse dal contesto--contenuto e idee che ci si attende in partenza come dinamici, e che in questo 'dinamismo' lasciano ampio spazio di manovra a chi usa la formula stessa (14)--che non in quello della semplice variazione lessicale, che per sua natura si direbbe piu statica (sebbene poi, come abbiamo visto negli esempi esaminati piu da vicino, anche la variazione linguistica ammetta una certa liberta di comportamento ...). Che sono le motivazioni che rendono Seneca, a mio giudizio, un buon punto d'osservazione per studiare le applicazioni della formula, e che giustificano lo spazio dedicatogli finora.

E pero giunto il momento di passare alla seconda parte dell'indagine, fino ad arrivare ai commenti a Virgilio. Incomincio con alcune indicazioni che si ricavano dalle fonti di prosa. A questo proposito dovrei offrire, naturalmente, una gran quantita di dati. Cerco di ridurli al minimo, con tutti i rischi che questo comporta; cio significa che faro riferimento a una serie di scrittori i cui passi non discuto uno per uno, ma per i quali mi limito a segnalare alcuni casi significativi, per passare direttamente alle possibili conclusioni (15). Inizio da Catone, l'autore piu antico a far uso della formula, che gia se n'avvale secondo i meccanismi che riteniamo piu tipici, ossia come normale formula sintattica (T22), o precisare delle unita di misura (T18, T19, T20, T21). Ed e significativo che nelle orazioni, per quanto pervenuteci allo stato frammentario, id est non compaia mai, cosi come non si ritrova nei frammenti storici: quasi a dimostrare che la formula era accettabile solo entro certi limiti ed entro taluni contesti, stilistici e di lingua. Quanto ad Apicio, a parte i dubbi gia sollevati in precedenza, al di la delle incertezze circa l'originalita o meno delle attestazioni, qualche indicazione concreta dalle diverse occorrenze si puo ricavare. Le glosse in lui sono infatti solamente di tipo linguistico, cioe di una forma ben nota e che prima dicevo piu statica. In due casi, in effetti, una parola rara e spiegata con una corrispondenza del tipo A = B, ma con una formula che una volta e piu ampia in B, l'altra in A. In T24 il silfio e presentato come la radice del laser, con un'equivalenza di concetto che mette al secondo posto (B) la perifrasi di quanto si legge al primo (A); in T26, al contrario, il capretto e l'agnello syringiati, <<disossati>>, vengono indicati con l'unico termine mammotestus, qualunque cosa esso voglia significare. Qui A offre una perifrasi che B specifica con un termine solo e riassuntivo, pur conservando intatta l'uguaglianza di senso. Ancora piu interessanti gli altri due casi: in entrambi un'indicazione precisa ma non troppo perspicua trova specificazione in una categoria logica diversa da quella di partenza, e che alla prima si sostituisce. In T23 si ricorda che i porri vanno cotti finche l'acqua bolle--elemento descrittivo--cioe finche si riduce di due terzi--elemento quantitativo; in T25 il lettore e invitato a mettere in casseruola poca acqua per cucinare il pollo lesso elemento descrittivo--ossia un terzo della capacita della pentola--elemento quantitativo. Il che rivela come, anche nel caso in cui non ci sia una modificazione ideologica del tipo conuiuium = contio, perfino le glosse 'puramente linguistiche' si prestino a una certa liberta di forma e di contenuto: con tutti i rischi che questo comporta, di presentare cioe per sinonimico cio che sinonimico di fatto non e, o lo e solo entro certi termini e ben determinati contesti.

Per gli altri autori mi limito a un elenco di dati, ricavandoli in parte dal censimento che ho eseguito io stesso, in parte dalla dissertazione di Meader (16). Fra i gromatici si segnala la scarsa frequenza della formula (17) e il suo uso prettamente tradizionale--con tradizionale intendendo le sei categorie evidenziate in precedenza. Altrettanto si puo dire per gli scrittori di geografia. In un campionario piu vasto, non riassumibile entro alcuna denominazione specifica, aggiungo che Sallustio presenta tre sole occorrenze del nesso, peraltro tutte discutibili (18), Vitruvio diciannove, Velleio Patercolo tre, Valerio Massimo sei, Petronio otto, Plinio il Vecchio una quarantina circa (molte di incerta tradizione), Plinio il Giovane quindici, Gellio una cinquantina, Floro tredici, Gaio un centinaio, non tutte sicure nella loro attestazione codicologica, Censorino sedici, Eutropio una e per di piu dubbia (19), Macrobio almeno un'ottantina. Calpurnio Flacco ne fa un uso piu interessante (T36), che potremmo definire 'retorico', proponendo attraverso l'equivalenza un suo concettismo, secondo il modello gia visto in Seneca. Concludo questo elenco con i dati relativi a due oratori di professione: Cicerone, il Cicerone oratore appunto, non quello dei trattati o delle epistole, e Apuleio. Nel primo si danno una ventina abbondante di casi, nel secondo ventitre, che pero, se eliminiamo quelli derivati dalle opere tecniche e/o dottrinarie, si riducono ad otto (i soli riportati in appendice, uno dei quali peraltro dubbio). In generale, si riconoscono le tipologie evidenziate da Beranger. Gli esempi maggiormente interessanti paiono quelli in cui, attraverso la sostituzione, Apuleio enfatizza un concetto gia espresso in precedenza, e di per se ben chiaro, al quale vuole conferire nuova forza retorica: come avviene per tota domus, specificata nei suoi elementi, a dare ulteriore efficacia alla frase (T38); oppure, per la semplice sostituzione sinonimica, ma sempre a scopo d'eloquenza, non di esegesi, nell'esempio del cavallo di flor. 21 (T44). Casi che sembrano trasformare il nesso in uno dei consueti mattoncini di cui Apuleio ammanta la sua prosa ricercata e leziosa, ma che intanto ci rivelano un altro possibile uso della formula.

Tutto cio consente di azzardare un primo riassunto. Abbiamo visto come id est, attestato fin dalle origini, di norma introduca un'equivalenza fra due termini, equivalenza che si puo realizzare tanto a livello di forma che di concetto, e che nel migliore dei casi e sia di forma che di concetto. I problemi incominciano quando la corrispondenza non e perfetta, ossia quando si abbia una mancata uguaglianza concettuale fra i termini in gioco: fatto che puo derivare dal rischio implicito della sostituzione, quale che essa sia e per quanto 'onesta' possa risultare l'intenzione di chi la sta attuando (20); ma che puo anche derivare, ed e cosa piu grave, dalla precisa volonta di forzare il dato di partenza, ora per ragioni ideologiche e con procedimenti che abbiamo chiamato 'dialettici', ora per ragioni retoriche e con procedimenti provenienti dalla retorica. In questo, Seneca sembra costituire un vero e proprio punto di snodo; da li in avanti, aumenta la mobilita del nesso, ben prima del suo diffondersi nella prosa tardoantica. Per il resto, dovremo convenire che la ricostruzione proposta da Beranger, per quanto parziale, sembra confermata dai nuovi dati, e che sicuramente esatti si possono ritenere i campi d'applicazione da lui indicati come 'normali' e 'tradizionali' (21). Si ha anche l'impressione--che andra tuttavia riconfermata--che nei testi piu specificatamente tecnici ci sia una tendenza a non far troppo uso della formula, come se fosse giudicata 'ghettizzante'; viceversa, abbastanza inattesa risulta la sua adozione nella prosa non direttamente connessa con un ambito tecnico (pur con molte eccezioni). Negli scrittori piu legati alla scuola, infine, ma che non siano autori di veri e propri commenti, sembra di avvertire un uso maggiormente fisso e banale, direi quasi 'formulare' e 'formalizzato'. E quanto avviene, ad esempio, nei passi di Ampelio (TT 27-30) e di Asconio (TT31-35) offerti, a guisa di modello, in appendice. In generale, direi che l'uso 'libero' del nesso sembra indizio di una forte personalita autoriale.

Quanto agli scoliasti virgiliani, anticipo innanzi tutto che di tre soltanto mi sono interessato e, come vedremo, nemmeno per esteso. Si tratta di Emilio Aspro, prescelto perche pervenutoci in frammenti di limitata estensione; e dei due commenti tardoantichi piu ampi e riconosciuti (e riconoscibili) anche nella veste esterna, quello di Tiberio Claudio Donato alla sola Eneide e di Servio e del Servio Danielino all'intero corpus virgiliano. Nel caso di Aspro, le occorrenze sono poche: ed e indicativo che, da grammatico, Aspro faccia un uso della formula che potremmo dire 'strettamente grammaticale', avvalendosene per spiegare costruzioni improprie o comunque insolite, quali un ordine di parole fondato sull'anastrofe (T45); un nesso in cui resta incerto a quale personaggio vada riferita un'affermazione (T46); dei vocaboli utilizzati da Virgilio in un'accezione rara o in un costrutto che li rende di dubbio significato (T47); una struttura grammaticale anch'essa inusuale, sebbene legittima e non priva di paralleli (T48). Altrettanto sembra di poter ricavare dagli scolii ad Orazio segnalati da Meader: Pseudo Acrone, che non fa quasi mai ricorso al costrutto, Porfirione, che ne fa un uso frequentissimo (22). Passando a Servio e a Tiberio Donato, credo di dover fornire qualche dato numerico. In Donato, salvo errori, ho contato centoventicinque occorrenze del nesso, con una curiosa ripartizione interna che presenta un'ampia concentrazione in due soli libri, il quinto e il sesto, che insieme assorbono oltre un terzo delle ricorrenze, e una tendenza che, a non tener conto del dato appena segnalato, si direbbe altrimenti vedere un aumento dei casi man mano si procede nell'opera (23). Comunque, centoventicinque occorrenze non sono molte, ma non sono nemmeno poche. Ho provato a verificare un caso corrispondente, quello di ordinatio, un'altra tipica operazione grammaticale (24). Qui i dati sono piu labili, perche l'ordinatio si puo indicare in molti modi, e nulla garantisce della completezza delle ricerche. Fatto sta che, al momento, fisserei le attestazioni del termine e dei suoi immediati derivati in una sessantina, la meta giusta di quelle dell'altro nesso. Di conseguenza, possiamo dire: id est in Donato non e frequente, ma e pur sempre ben attestato. Parlero poi delle diverse tipologie che si possono ravvisare.

Prima, devo fornire i dati di Servio (25): di id est non si da nessuna occorrenza nelle opere minori (il De metris Horatianis, il De centum metris, il De finalibus); ce ne sono quarantotto o quarantanove nel commento all' Ars di Elio Donato (26); quanto al commento a Virgilio, nelle Bucoliche ho contato oltre duecento ricorrenze, ma il calcolo non puo essere troppo preciso: ci sono casi filologicamente dubbi e c'e la lacuna tra la fine della prima e l'inizio della seconda egloga, riempita con materiale di provenienza filargiriana che ho incluso lo stesso nel computo, ma per la quale si potrebbe decidere diversamente. Nei primi due libri delle Georgiche (li mi sono fermato) ho registrato altri duecento casi circa; nei cinque iniziali dell' Eneide (corrispondenti al primo volume di Thilo, ricontrollabile sul testo di Harvard) settecento. Interessante mi e parso anche in questo caso il confronto con ordo/ordinatio/ordinare: i dati parlano di una ventina di occorrenze nelle Bucoliche, altrettante nei primi due libri delle Georgiche, piu o meno settanta nei primi cinque dell' Eneide; le diverse formule mancano, e non ci aspetteremmo di meno, in tutte le restanti opere, incluso il commento ad Elio Donato (l'Ars, d'altronde, non e un testo poetico e non viene illustrata verso per verso). Anche da questi dati, per quanto incompleti, qualcosa si puo ricavare: in primo luogo segnalerei la frequenza della formula, che fa impallidire i numeri di Donato; poi, incuriosisce la proporzione costante fra le Bucoliche e le Georgiche, due opere che, nella porzione da me considerata, assommano piu o meno allo stesso numero di versi. Nell' Eneide si registra un numero maggiore di casi ma una minore densita, se si tiene conto della piu ampia quantita di versi sottoposti al controllo. Si nota inoltre una proporzione costante in tutte e tre le opere (dieci a uno), non so fino a che punto significativa, fra le occorrenze di id est e quelle di ordinatio. Infine, va segnalata l'assenza pressoche completa del nesso dalle composizioni di ambito tecnico, a favore di una sua presenza solo nei veri e propri commenti.

Fin qui, pero, ho parlato dell'abbondanza, non della tipologia e del valore delle ricorrenze. Vediamo se e possibile ricavare qualcosa di piu. In realta, devo fare una nuova premessa, che puo inficiare--almeno in parte--i risultati che espongo. Ho infatti scelto di concentrarmi solo sulle occorrenze presenti in Tiberio Claudio Donato, utilizzando Servio come termine di confronto. Due le ragioni della decisione: la prima, erano numericamente inferiori, quindi mi sembravano piu facili da gestire. La seconda, che Donato non e, com'e noto, un autore marcatamente grammaticale, anzi, stando alle dichiarazioni del proemio, egli scrive in opposizione al mondo dei grammatici (27). Se, nonostante questo, cosi numerose sono le ricorrenze del nesso nel suo lessico, ho pensato che potesse rappresentare meglio di Servio la 'percezione comune', l'uso generale della formula, quello al quale era difficile sottrarsi, anche a non essere esegeti di professione. Si intende che tutte le scelte operate sono personali ed opinabili, e tutte andranno rimesse in discussione. Per il momento, suggerisco alcune situazioni ricorrenti all'interno delle diverse note:

--ce ne sono di costituite da osservazioni puramente lessicali a singole parole, ritenute bisognose di commento in quanto appartenenti, a seconda dei casi, o alla lingua poetica o a una lingua 'tecnica' (di qualunque gergo si tratti: di fatto, quasi sempre di lessico sacrale o marinaresco); mancano pressoche del tutto in Donato, e sono invece frequenti in Servio, dove risultano numerosissime, le parole greche tradotte e spiegate in tal modo;

--altre volte ci troviamo davanti ad osservazioni lessicali a singole parole, ritenute bisognose di annotazione in virtu del nesso entro il quale compaiono all'interno del testo virgiliano, della situazione descritta dal poeta, della specifica sfumatura che in quello specifico giro di parole--e solo in quello! vengono ad assumere. A differenza del caso precedente, non sono termini che avrebbero bisogno di annotazione, se non se ne avvertisse la necessita in virtu del contesto entro il quale si trovano inseriti (28);

--ci sono poi casi in cui la nota introdotta da id est serve a spiegare nessi piu ampi e, a volte, intere frasi. Questa e la serie piu variegata, che raduna un po' tutto quanto non e rientrato nelle categorie precedenti e che ammette al suo interno numerose suddivisioni. Donato infatti, a seconda dei casi, puo fornire un'indicazione ritenuta necessaria alla comprensione immediata del contesto, specificando ad esempio chi parla, a chi, di chi; oppure, puo segnalare una figura retorica, soprattutto l'esatta ordinatio delle parole; ci sono note che servono a sintetizzare un'intera situazione narrativa; altre chiariscono uno specifico dettaglio, indispensabile a comprendere la situazione entro cui ci si muove. A volte sono l'occasione per una divagazione intrisa di retorica, nella quale Donato allarga e rifa il testo virgiliano secondo principi suoi propri; infine, si danno casi in cui la nota donatiana si propone di evidenziare un non detto del racconto, qualcosa di implicito, la conseguenza lasciata in sospeso da quanto viene affermato dal narratore o dal personaggio che parla, in modo da fornire un'informazione che riscriva, in forma piu chiara e distesa, quanto intendevano dichiarare il poeta o il personaggio, o che metta in evidenza la conseguenza di quanto da loro affermato (29).

Il primo dato che possiamo ricavare da questo rapido sommario e che ci sono, in sostanza, due tipi di intervento, che pero ammettono al loro interno una serie multiforme di tipologie, che sono le tipologie evidenziate nella 'tradizione' comune. Alcune note risultano infatti determinate da ragioni lessicali, altre dal contenuto dei versi. Va anche aggiunto che nelle osservazioni di Donato si riconosce ora un uso piu 'tecnico' (volto a spiegare il testo di Virgilio), ora uno piu 'retorico' (in cui Donato prende spunto da Virgilio, ma si dilunga per altre strade: come avviene ad esempio in T66, dove il riferimento a Polimnestore e alla sfortuna di Troia da avvio a una declamazione sul tema dell'umana auiditas che corrompe i valori piu sacri) (30). Sottolineo ancora come, attraverso le proprie parole, Donato sembri spesso dare risalto a due qualita tipiche di Virgilio, la proprietas e la breuitas: ovverosia, l'appropriata scelta dei vocaboli perfino quando, o perche tecnici o perche 'poetici', non risultino immediatamente perspicui; e la forza della concentrazione stilistica, elemento fondante del pathos virgiliano. Ne consegue che due siano anche le azioni richieste al commentatore: la prima, chiarire e giustificare la scelta di certe specifiche parole da parte del poeta; la seconda, sostituirsi all'autore e sviluppare quei dettagli che Virgilio, per precisa volonta artistica, aveva invece taciuto. Questo mi embra particolarmente importante, perche proprietas e breuitas sono le caratteristiche riconosciute piu volte da Donato al poeta mantovano, della cui presenza all'interno del poema egli offre una precisa formulazione; sono le doti che, a suo dire, di Virgilio fanno Virgilio--con l'aggiunta che non e ben chiaro se Donato sottolinei i suddetti casi in nome di questi principi (31), o se sia arrivato a formulare i medesimi principi, ai quali altrove ha dato forma piu generale, a partire da questi casi e dalle operazioni alle quali l'hanno costretto. Fatto sta che in Donato si riconosce una certa coerenza, sia nei confronti delle Interpretationes Vergilianae nel loro insieme, sia in quelli della tradizione che abbiamo fin qui delineato. Con l'obbligo di aggiungere che in lui e anche attestata una forte varieta di possibili usi, cosa che lo avvicina piu alla tradizione 'comune' che a quella 'tecnica' o, peggio ancora, a quella 'strettamente grammaticale' e 'scolastica'. In altre parole: i meccanismi in sostanza sono gli stessi che abbiamo identificato nel corso dell'intera rassegna; pero, a differenza di quanto avveniva negli altri autori connessi con il mondo della scuola, qui c'e una tendenza a includere tutte le possibilita offerte dal nesso, evitando di fermarsi su poche tipologie fisse, continuamente ripetute. In particolare, va aggiunto che in Donato si direbbero trovare grande spazio quegli ampliamenti del testo di partenza che abbiamo delineato come caratteristici di un certo tipo di prosa di marcata provenienza retorica, e che ci sono parsi rivelare una piu forte personalita autoriale da parte di chi vi faceva ricorso.

Se esaminiamo qualche caso specifico, possiamo tentare qualche ulteriore considerazione. Incomincio dalle parole poetiche (32): prevedibilmente, Servio e Donato mostrano in genere la necessita di intervenire nei medesimi casi. Anzi: quando le Interpretationes Vergilianae sottolineano il valore poetico di una parola, di solito scopriamo che anche Servio presenta un'analoga nota di commento, che pero non e mai del tutto coincidente con quella di Donato; Servio, per parte sua, riporta un maggior numero di segnalazioni del genere, anche in casi sconosciuti a Donato. Piu forte, ma probabilmente ugualmente poco significativa, e certo mai tale da far pensare alla derivazione di un commento dall'altro o al riuso da parte di entrambi di una medesima fonte, e la somiglianza quando sia in gioco una parola tecnica (33). Fra queste annotazioni, suscita particolare interesse quella ad Aen. 6, 780 <<et pater ipse suo superum iam signat honore>> (34): la proposta di Servio, che in superum scorge un accusativo singolare da riferire al sottinteso Romolo, e senz'altro corretta; Donato, che lo ritiene genitivo plurale (nel nesso pater superum, cioe Giove), e invece indifendibile. Quanto alle traduzioni di parole greche, ho gia detto come in Donato una simile eventualita sia pressoche assente (35); in Servio si tratta di casi significativi, oltre che per la frequenza, per la loro indipendenza dal testo virgiliano. Valgano per tutti i dati offerti dal primo libro: vi compaiono diciotto occorrenze del genere (36), nelle quali la nota introdotta da id est spesso serve a spiegare un termine non presente nella frase virgiliana. Tre sole volte c'e uno stretto legame con Virgilio, e cioe nelle note ad Aen. 1.53, 1.57, 1.742, che segnalano, rispettivamente, le ragioni per cui il poeta impiega l'aggettivo sonorus in relazione ai venti, quelle di animus in connessione allo stesso soggetto, di errare per i movimenti della luna. Negli altri casi, il nesso con l'Eneide e sempre assai labile: a volte la parola commentata o tradotta con la nota aperta da id est era usata da Servio all'interno del proprio discorso, sicche dovremo dire che, in certa misura, il commentatore commenta se stesso, piu che il testo poetico; altrimenti, si tratta di divagazioni erudite, secondo un gusto per l'esibizione ed il sapere enciclopedico abbastanza diffuso in tutto il mondo tardoantico. In particolare, si avverte un certo compiacimento nel proporre la traduzione greca di termini latini, oppure l'etimo grecizzante di parole tipicamente latine, o di nomi propri di origine ellenica.

Circa le espressioni racchiuse entro nessi poetici (T49-59) (37), ma altrimenti normalissime, anche in quel caso si danno, certo, talune coincidenze fra Donato e la tradizione serviana, ma senza che si possa parlare di note assolutamente affini o che facciano pensare a una derivazione comune. Impressione generale e che, in molti casi in cui Donato si sofferma a fornire una spiegazione del genere, Servio e il Servio Danielino preferiscano passare oltre, ritenendo superfluo ogni chiarimento. Cio non sorprende, perche e proprio attraverso queste considerazioni che Donato sottolinea a piu riprese la uis rhetorica del poeta mantovano, realizzando cosi una delle finalita della propria opera. Fra tutti, degno di nota risulta il caso di Aen. 4, 357 (T53), in cui Donato commenta il nesso horrenda dicta pertulit con <<horrenda, id est quae sine horrore mentis referri non possint>>. Nel testo virgiliano, infatti, horrenda non c'e: i mandata di Giove, riferiti da Mercurio ad Enea, non si accompagnano a nessun aggettivo. Sembra di intuire che Donato, in realta, qui stia commentando se stesso, ovvero un testo forse gia parafrasato e trascritto su un foglio di appunti e scambiato poi, per qualche imprevedibile ragione, per quello virgiliano. Non so se l'ipotesi regga fino in fondo: se si, ci illuminerebbe sul metodo di lavoro del nostro commentatore (38).

Piu interessanti i casi del terzo tipo (T60-72). Non solo perche, in assoluto, numericamente piu numerosi, ma anche perche sono quelli in cui si vede l'interprete agire al meglio delle proprie possibilita. Notevole e, in primo luogo, la varieta degli atteggiamenti, che arrivano a prevedere la messa in tensione di ipotesi contrastanti (T65), lo svelamento di figure retoriche come l'anastrofe (T69) e la similitudine (T70), la segnalazione di una sorta di rottura della superficie narrativa (T71), un rimando interno al racconto (T72). Lo studio di simili annotazioni consentira di ricostruire un'immagine non solo dell'interprete, ma anche del pubblico al quale queste spiegazioni si intendevano indirizzate. Ma non puo essere un problema da affrontare ora. Cio che colpisce, e da cui si potra ricavare qualcosa di immediatamente utile, e la constatazione che soltanto a volte Servio e Donato intervengono di fronte alla medesima, presunta oscurita--il che lascia ipotizzare l'esistenza di una sorta di 'mercato libero' entro il quale era ancora possibile decidere autonomamente che cosa fosse necessario spiegare, che cosa no. Nella maggior parte dei casi, Donato si direbbe agire indipendentemente sia da Servio che dal Servio Danielino (e quanto avviene ad esempio, fra le testimonianze raccolte in appendice, per quelle rubricate alla voce T60, T62, T66 e T68). Non solo: ma nelle poche occorrenze in cui si registra un intervento comune, le soluzioni proposte di rado appaiono coincidenti; e, in tali occasioni, Donato alle volte concorda con Servio (come succede a T61 e T67), alle volte con il Servio Danielino (T64 e T65). Il che rende difficile fissare regole o parentele precise con la tradizione dell'uno o dell'altro testo, e aleatori i casi che, in una direzione o nell'altra, si sono utilizzati allo scopo.

Quest'ultima constatazione consente, credo, una conclusione provvisoria. Molto ci sarebbe ancora da dire, e i singoli casi raccolti andrebbero esaminati uno per uno. Non si puo farlo qui: la sede ideale dovra essere un commento perpetuo all'uno o all'altro testo, a Servio o a Donato, ammesso che abbia senso progettare un commento a un commento, una sorta di commento elevato alla potenza. Volendo trarre le somme da quanto detto finora, questo tuttavia auspicherei di aver dimostrato: un'indagine del genere non era stata finora tentata; sarei contento se ne avessi indicato la possibilita, forse addirittura la necessita. Lungo la strada intrapresa ho dovuto compiere, giocoforza, una serie di scelte. Mi piacerebbe che fossero sottoposte al vaglio dei lettori, cosi da stabilire se il lavoro compiuto ha una sua logica e se vale la pena proseguire per questa via. Qualche indicazione, per quanto precaria, penserei di averla raggiunta. Quelle relative al nesso id est nel suo complesso le ho gia anticipate. L'indagine di Beranger ne risulta confermata, ma anche perfezionata. Quelle relative alla scoliastica virgiliana sono tutte da scrivere. Ci provo adesso. Il primo elemento da far emergere e, a mio parere, la relativa frequenza dei nessi introdotti da id est; poi, la loro presenza in ambiti e tipologie differenti di commento, in Servio come in Donato; quindi, la varieta delle forme e degli schemi attestati dalla formula, e dei tipi da essa assunti, in opposizione alla tendenza a limitare la casistica emersa nell'ambito scolastico piu convenzionale; infine, lo sfruttamento spesso non banale, che rivela come, pur essendo i commenti un prodotto di scuola, essi lascino trapelare un'identita e una volonta d'autore. La liberta con la quale il nesso viene utilizzato fa inoltre si che Donato lo possa trasformare in pretesto per tirate retorico/morali, Servio e il Servio Danielino se ne avvalgano in note che esulano da Virgilio (come nel caso delle parole greche). Colpisce infine la constatazione di come Donato coincida spesso con Servio e il Servio Danielino circa le situazioni entro le quali utilizzare la formula, ma mai, o quasi mai, circa le effettive collocazioni in cui inserirla, e certo mai in relazione alle parole usate all'interno della nota venutasi cosi a creare--e questo perfino quando i contenuti complessivi esibiti dai diversi commentatori siano, nella sostanza, praticamente identici. L'impressione che se ne ricava e che alle spalle dei nostri testi ci fosse, piu che un testo compiutamente organizzato al quale attingere e dal quale fosse impossibile prescindere, una serie di annotazioni sparse cui richiamarsi liberamente, ma da riordinare in modo autonomo, ciascuno per proprio conto. Se cio e verosimile, le note che abbiamo recensito dovevano essere abbastanza diversificate gia in origine; erano probabilmente anonime; non erano ancora fissate in una forma che ne rendesse difficile il riuso con variazione. Quasi certamente, facevano parte di una tradizione fluida, 'libera' nella struttura, in gran parte annidata fra le righe o i margini di papiri e codici, non formalizzata in un'opera autorevole, che rendesse obbligatorio seguirne le tracce. Dalla rielaborazione di questa tradizione dovettero trarre inizio i commenti che ci sono pervenuti, e che di fronte al materiale a disposizione si sono comportati con una liberta della quale, a volte, intuiamo ancora il procedimento. Ma della quale, in ogni caso, non possiamo che essere loro grati.

APPENDICE

SENECA

T1 dial. 2, 3, 2: si negas accepturum iniuriam, id est neminem illi temptaturum facere, omnibus relictis negotiis Stoicus fio.

T2 dial. 2, 18, 2: huic [scil. Valerio Asiatico] in conuiuio, id est in contione, uoce clarissima qualis in concubitu esset uxor eius [C. Caesar] obiecit.

T3 dial. 4, 1, 1: quaerimus enim ira utrum iudicio an impetu incipiat, id est utrum sua sponte moueatur an quemadmodum pleraque quae intra nos <non> insciis nobis oriuntur.

T4 dial. 5, 19, 5: Adicere his longum est quodpatres quoque occisorum eadem nocte dimissis per domos centurionibus [C. Caesar] confecit, id est homo misericors luctu liberauit.

T5 dial. 6, 11, 2: Decessit filius tuus, id est decucurrit ad hunc finem ad quem quae feliciora partu tuo putas properant.

T6 dial. 7, 4, 1: Potest aliter quoque definiri bonum nostrum, id est eadem sententia non isdem comprendi uerbis.

T7 dial. 9, 12, 1 : Proximum ab his erit ne aut in superuacuis aut ex superuacuo laboremus, id est ne quae aut non possumus consequi concupiscamus aut adepti uanitatem cupiditatium nostrarum sero post multum sudorem intellegamus, id est ne aut labor inritus sit sine effectu aut effectus labore indignus.

T8 dial. 11, 5, 2: quem nemo aduersus te animum gerit, eum esse tu credis fratris tui, ut cruciatu tui noceat tibi, ut te uelit abducere ab occupationibus tuis, id est a studio et a Caesare?

T9 nat. 1, 1, 12: ibi est unde uenti sunt, id est in aere, qui inter lunam terrasque medius est.

T10 nat. 1, 3, 13: non est ergo mirum si, cum duae res sint, sol et nubes, id est corpus et speculum, tam multa genera colorum exprimuntur.

T11 nat. 1, 5, 1: alii enim in illis simulacra cerni putant, id est corporum nostrorum figuras a nostris corporibus emissas ac separatas.

T12 nat. 1, 6, 6: quia in nube est aliquid uitro simile quod potest perlucere, est aliquid et aquae, quam, etiamsi nondum habet, iam parat, id est iam eius natura est in quam ex sua uertitur.

T13 nat. 1, 15, 3: ab his tacta nos dicimus <fulgurata, id est> icta sine fulmine.

T14 nat. 2, 23, 2: Cum autem aer mutabilis in ignem maximis uiribus (id est suis), cum in uentum conuersus est, atteratur, ueri simile est ignem excuti caducum et cito interiturum.

T15 nat. 2, 43, 1: quia Iouem, id est regem, prodesse etiam solum oportet, nocere non nisi cum pluribus uisum est.

T16 nat. 5, 17, 3: hanc lineam, quae inter aperta et occulta est, id est hunc circulum, [TEXT NOT REPRODUCIBLE IN ASCII] Graeci uocant, nostri finitorem esse dixerunt, alii finientem.

T17 nat. 7, 30, 4: in sanctiore secessu maiestas tanta delituit et regnum suum, id est se, regit, nec ulli aditum dat nisi animo.

CATONE

T18 agr. 15: parietes uillae si locet in p. C (id est p. X quoquouersum).

T19 agr. 57: heminas in dies, id est in mense congios IIS.

T20 agr. 57: in dies sextarios, id est in mense congios quinque.

T21 agr. 57: in dies heminas ternas, id est amphoram.

T22 agr. 125: ubi desiuerit feruere mustum, murtam eximito: id est ad aluum crudam et ad lateris dolorem et ad coeliacum.

APICIO (39)

T23 3, 2, 5: capita porrorum simul elixabis in caccabo nouo, ita ut aqua ad tertias deferueat [id est ut ex tribus eminis aquae una remaneat].

T24 3, 4, 1: adicies in mortarium piper, cuminum, silfi modice [id est laseris radicem], rutam modicum ...

T25 6, 9, 13: mittis ... lac et salem modicum, mel et aquae minimum [idest tertiam partem].

T26 8, 6, 6: Haedus siue agnus syringiatus [id est [dagger] mammotestus].

LUCIO AMPELIO

T27 8, 11: [Ilio, una pietra] quem si ante tangas [id est] aut fricueris, lac demittit (40).

T28 8, 22: [le mura di Babilonia] quem Memnon aedificauit lapide cocto, id est calce et sulfure.

T29 14, 4: [il duello fra Messeni e Spartani in cui] centeni, id est quinquageni, concertauerunt.

T30 49, 2: [Servio Tullo fece si che] optimus et locupletissimus quisque in suffragiis, id est in populo Romano, plurimum ualeret.

ASCONIO PEDIANO

T31 Pis. 3 : ius dedit Latii, ut possent habere ius quod ceterae Latinae coloniae, id est ut petendo magistratus ciuitatem Romanam adipiscerentur.

T32 Pis. 10: frater ille inimici mei, id est P. Clodi.

T33 Mil. 38: postulatur ut diuidatur, id est de rebus singulis referatur.

T34 Mil. 39: postero die, id est Kal. Mart.

T35 Mil. 45: pridie, id est vini Kal. Febr.

CALPURNIO FLACCO

T36 decl. 39: O fili, si tamen hoc nomen, quod natura dedit, fortuna non abstulit, agnosce te filium uiri fortis; uince feliciter, id est, peri fortiter! Haec est enim tua iam sola uictoria.

APULEIO

T37 apol. 101: radicem iudicii huius, id est hereditatis quaesitae inuidiam, funditus sustuli.

T38 met. 1, 10: at uero coetus illius auctorem nocte intempesta cum tota domo, id est parietibus et ipso solo et omni fundamento, ut erat clausa ad centesimum lapidem in aliam ciuitatem ... transtulit.

T39 met. 11, 10: gerebat altaria, id est auxilia, quibus nomen dedit proprium deae.

T40 flor. 12, 7: nam <coruum> quidem si audias, id est crocitare, non loqui.

T41 flor. 16, 25: si nihil ex gratia eius petitio mea defregisset, id est, ut usque quaque esset gratuitum.

T42 flor. 16, 42: salua reuerentia consularis sui uiderentur factum eius non aemulati, sed secuti, id est ut integro die beneficium ad me publicum perueniret.

T43 flor. 18, 15: patria mihi est in concilio Africae, id est uestro, etpueritia apud uos.

T44 flor. 21, 4: equum deligunt diutinae fortitudinis, uiuacis pernicitatis, id est et ferre ualidum et ire rapidum.

EMILIO ASPRO

T45 Pompeivs, 5, 273 Keil: Conisturgim uenit] ad quam Conisturgim uenit? Vbi fuerant legiones, quo uenit. Conuertas ordinem: iste enim dixit <<Conisturgim apud legiones uenit>> id est apud Conisturgim fuerant legiones, quo iste uenit. Mutauit ordinem.

T46 Servivs Avctvs ad Verg. Georg. 4, 453: Non nullius] id est non leuis numinis. Significat autem nympharum <iram>, non, ut quidam uolunt, Orphei manium.

T47 Scholia Veronensiaad Verg. Aen. 9, 386: Iamque inprudens] id est inprudens et ignorans se euasisse. An <<inprudens>> quod supra alte<rum felix <<Eurya>lum tenebrae ramorum onerosaque praeda impediunt>>? Ergo: inprudens morari Euryalum. Hoc pot<ius, ne uel mini>me intercidat sensus calor.

T48 Servivs ad Verg. Aen. 9, 418: Asper tamen dicitper tempus utrumque hoc est inter tempus utrumque, ut e contra <<hunc inter fluuio Tiberinus amoeno>> id est per hunc (41).

TIBERIO CLAUDIO DONATO

T49 1, 135: Quos ego ... !] <<Ego>> id est imperator loci et qui sim de potioribus diis.

T50 1, 330: nostrumque leues, quaecumque, laborem] <<Quaecumque>> id est siue soror Phoebi siue <una> nympharum.

T51 2, 504: spoliisque superbi] <<Spoliis superbi>> id est glorias ostendentes praetereuntibus eorum dominorum qui illa pugnando atque uincendo retraxissent hostibus superatis.

T52 3, 469: sunt et sua dona parenti] Dedit etiam Anchisae sua dona, id est quae aetati eius merito conuenirent.

T53 4, 357: mandata per auras detulit] Ecce in praesenti etiam interpres diuum, hoc est Mercurius, horrenda dicta pertulit, id est quae sine horrore mentis referri non possint.

T54 5, 54: strueremque suis altaria donis] si inter hostes essem et solitudines Syrtium, honorarem tamen neque istud clam, sed publice facerem, ducens funereas pompas et onerans altaria suis donis, id est sollemnibus et ueterum moribus institutis.

T55 6, 280: ferreique Eumenidum thalami]<<ferrei Eumenidum thalami>> duri, id est inmites.

T56 6, 836: ille triumphata Capitolia ad alta] ad alta Capitolia id est magna uel in altum ducta.

T57 9, 232: primus lulus accepit trepidos] id est turbatos cogitatione necessaria et properatione.

T58 11, 216: puerique parentibus orbi] id est qui perdiderantpatres.

T59 12, 767: nautis olim uenerabile lignum] olim, id est cum staret et quamdiu stetit.

T60 1, 96: contigit oppetere] et quia pathetica fuit, continua dictio perseuerare non potuit, cum dicturum fuisse intellegamus quod dolebat, id est <<Ego autem amissa patria, in fluctibus, perdita gloria, moriturus sum>>.

T61 1, 265: tertia dum Latio regnantem uiderit aestas] id est modico tempore regnaturum Aenean, hoc est triennio, cumque hoc dicit, ostendit procul dubio moriturum, sed quod fuit triste praetermissum est.

T62 1, 292: Remo cum fratre Quirinus iura dabunt] id est leges Romuli perdurabunt.

T63 1, 520: coram data copia fandi] quando data est fandi copia, id est quando cum praesente regina coram licuit loqui, mutata sunt omnia quae turbulenta uidebantur.

T64 1, 546: quem si fata uirum seruant] ait enim <<quem si fata uirum seruant>>, hoc est si uiuit, si uescitur aura aetheria, id est si incolumis manet, neque adhuc crudelibus occubat umbris, hoc idem significat.

T65 2, 784: parta tibi] partum uel paratum accipiendum est, uel partum tibi, id est tibi adquisitum laboribus alienis.

T66 3, 53: Ule ut opes fractae Teucrum et Fortuna recessit] ille, inquit, id est qui speraretur humanus, qui amico seruaturus fidem putaretur, ille diues, ille rex, ille delectus ex plurimis et haesitantis Priami deliberatione praelatus, qui alendum susceperat innocentem, amici ueteris filium, intellegit patris fortunam et Troianorum uotisque hostium auaritia praecipitante consentiens omnia foederum religiosa corrupit, iugulauit puerum et scelerata consecutus est lucra.

T67 3, 476: cura deum] id est quem dii amarent, probatio huius dicti <<bis Pergameis erepte ruinis>>.

T68 3, 605: uastoque inmergite ponto] conclusit, hanc quasi reuera libenter quaereret mortem, et ait <<uastoque inmergite ponto>> id est si pereo, hominum manibus periisse iuuabit. Ecce ubi prodidit quia uiuere magis maluit quam occidi. Si pereo enim dixit, non cum periero.

T69 6, 239 quam super] id est super quam.

T70 6, 578-579: tantum tenditque sub umbras, quantus ad aetherium caeli suspectus Olympum] id est quantum in superna panditur tantum ad inferos tendit habita aestimatione dupli, hoc est ut ab ipso ore Tartari quantum ad caelum est, bis tantum ad inferos pateat.

T71 8, 347-348: et Capitolia ducit, aurea nunc] id est cum haec scribebantur.

T72 10, 612 et tua tristia dicta timentem] id est imperiosa et quae prohibentis habeant minas; meminerat enim, ut in nono libro positum est [9, 803] Irim ab ipso ad se missam cum mandatis haud mollibus, ut fauorem Rutulorum desereret.

MASSIMO GIOSEFFI

Universita degli Studi di Milano

(1) Ometto volutamente il caso in cui, invece, B corregga esplicitamente A, nel valore di <<cioe no>>, come nel tipo Pompeius, id est Caesar, bellum Pharsalicum uicit.

(2) Cf. Gioseffi, Massimo, <<Duca, Signore, Maestro. Virgilio nella Commedia di Dante>>, in Peroni, Barbara (ed.), Leggere e rileggere la Commedia dantesca, Milano, Edizioni Unicopli, 2009, pp. 211-232.

(3) Meader, Clarence Linton, The Latin Pronouns Is, Hic, Iste, Ipse. A Semasiological Study, New YorkLondon, Macmillan, 1901, pp. 53-66.

(4) Meader, Clarence Linton-Wolfllin, Eduard, <<Zur Geschichte der Pronomina demonstrativa>>, ALLG 11, 1900, 369-393 (l'articolo prosegue anche nel numero successivo, ma senza interessarsi al nostro nesso).

(5) Cf. Buchwald, Wolfgang, in ThLL VII, 2, 1966, col. 468.

(6) Beranger, Jean, <<Des glosses introduites par id (hoc) est dans l'Histoire Auguste>>, in Bonner Historia-Augusta-Colloquium, Bonn, Habelt, 1985, pp. 1-20.

(7) Diverso, ma analogo, lo schema di Meader, op. cit., pp. 64-65: <<To translate a foreign word [...]. To give the application of a metaphorical expression [...]. To explain a Latin expression by giving a more familiar synonym, stating all its component parts, vice versa stating a common characteristic of a number of particulars mentioned, stating one or more of the component parts either [...] one cited to illustrate the general expression or that element which is especially appropriate to the context, and to which the writer directs particular attention [...]. This often takes the form of a correction of a general statement, combining with a synonymous expression a statement of the ground or purpose (object to be attained) for an action, correcting a false application (intended to deceive) of a word by some other person>>.

(8) Quintiliano, ad esempio, ama fornire prima la parola latina, poi l'equivalente greco, e non il contrario, in quanto quest'ultimo e di norma un termine tecnico, dunque piu preciso e forse perfino meglio conosciuto alla cerchia elitaria dei suoi lettori (Beranger, art. cit., 4).

(9) Ma presente una volta in dial. 3, 4 e 9, 6 (= Beranger, art. cit., 5-6), un'altra nella sezione etnografica di Germ. 40, 2: <<... in commune Nerthum, id est Terram matrem, colunb>>. In parallelo a quest'ultimo caso si possono citare, pur con qualche dubbio, Caes. Gall. 7, 57, 1: <<... Lutetiam proficiscitur, id est oppidum Parisiorum quod positum est in insula fuminis Sequanae>> e 7, 58, 2-3: <<... eodem, quo uenerat, itinere Metiosedum peruenit, id est oppidum Senonum in insula Sequanae positum, ut paulo ante de Lutetia diximus>>.

(10) E che ripeto qui. Id est serve a introdurre un sinonimo, un etimo, una perifrasi esplicativa, una possibile spiegazione grammaticale, la traduzione di un nome greco o comunque forestiero, un'espressione giuridica o sacrale, forse potremmo meglio dire un termine della lingua tecnica o la sua spiegazione.

(11) Per la definizione dei quali mi sono avvalso di Paniagua Aguilar, David, El Panorama literario tecnico-cientifico en Roma (siglos I-II d.C.) <<Et docere et delectare>>, Salamanca, Ediciones Universidad de Salamanca, 2006.

(12) Esemplare il caso di Virgilio e le Arae ad Aen. 1, 108-109 <<... tresNotus abreptas [scil. naues] in saxa latentia torquet / (saxa uocant Itali mediis quae in fluctibus Aras)>>>>, dove tutto il verso 109 e spiegazione di saxa al v. 108, o, meglio, saxa anticipa e spiega Arae che segue--pero la formula, evidentemente 'impoetica', non c'e.

(13) In appendice ho riportato una selezione di questo materiale, vale a dire tutti i casi tratti dai Dialogi, escluso quello gia citato nel testo, e gli esempi derivati dalle Naturales Quaestiones che mi parevano maggiormente significativi.

(14) Perche, in simili circostanze, alle volte B riassume A e lo riduce cosi a un'unita che unisce piu elementi assieme, oppure ne segnala un singolo elemento che a suo giudizio lo qualifica come importante; alle volte lo amplifica e ne specifica le principali componenti: con un procedimento di riscrittura che punta, in tutti e tre i casi, a far balenare delle equivalenze prima non scontate (ma che non sempre si possono accettare per vere).

(15) Le principali occorrenze sono riportate in appendice, anche li con un procedimento selettivo.

(16) Rispetto alla quale, peraltro, i dati numerici a mia disposizione non coincidono mai esattamente. Non e tuttavia questa la sede per discutere la casistica specifica: aumentate o diminuite di qualche unita, le indicazioni restano pur sempre entro un ambito frequenziale che si puo ritenere, agli scopi dell'intervento, piu che soddisfacente.

(17) Cioe una ventina di casi in Igino, uno in Balbo, uno soltanto in Frontino, per di piu fortemente grammaticalizzato e forse posticcio: cf. lim. grom. 7 Guillaumin: <<limites autem appellati transuers&lt;i&gt; s<unt> a limo [id est] antiquo uerbo; a quo dicunt poetae "limis oculis "; item limum cinctum, quod purpuram transuersam habeat, <e>t limina ostiorum>>.

(18) Si tratta di Iug. 31, 26 e 85, 35 (in cui piu che una glossa esplicativa sembra trattarsi di una formula generica di passaggio) e rep. 1, 8, 1, di incerta paternita.

(19) Evtr. 3, 10, 2: <<Verum cum inpatientia Varronis consulis contradicente altero consule [id estAemilio Paulo] apud uicum, qui Cannae appellatur in Apulia, pugnatum esset, ambo consules ab Hannibale uincuntur>>. L'espunzione risale a Sylburg, Friedrich, Historiae Romanae Scriptores Latini Minores, III, Francofurdi, apud Andreae Wecheli heredes, 1590.

(20) E quanto avviene, per l'appunto, laddove si avverte lo slittamento da un ambito di categoria ad un altro. D'altra parte, come s'e detto, la sostituzione si fonda sempre su un meccanismo non controllato con rigidita: infatti, ammette per definizione un procedimento riassuntivo e uno espansivo, che tendono a mescolarsi senza regola e a modificare, piu o meno inconsciamente, il testo di partenza.

(21) Con la precisazione che i sei ambiti indicati da Beranger si specificano in una varieta di casi e di sottocasi, di tipologie, finalita e funzioni, per cui le forme riconosciute come 'normali' autorizzano, nella realta, una serie di applicazioni alquanto libere.

(22) Meader, op. cit., 58.

(23) Ecco gli esatti dati: nel libro primo risultano nove occorrenze; nel secondo, quattro; nel terzo, cinque; nel quarto, quattro; nel quinto, ventuno; nel sesto, ventisei; nel settimo, sei; nell'ottavo, otto; nel nono, nove; nel decimo, ancora nove; nell'undicesimo, quattordici; nel dodicesimo, dieci.

(24) Cf. Gioseffi, Massimo, <<Vt sit integra locutio: esegesi e grammatica in Tiberio Claudio Donato>>, in Gasti, Fabio (ed.), Grammatica e grammatici latini: teoria ed esegesi, Como-Pavia, Ibis-Collegio Ghislieri, 2003, pp. 139-159.

(25) E del Servio Danielino: non ho distinto le due redazioni, cosa non sempre facile sulla base delle attuali edizioni. Di fatto, citero Donato nel testo di Georgii, Heinrich (ed.), Lipsiae, Teubner, 1905-1906, e Marshall, P. K., Manuscripta 37, 1993, 3-20; Servio in quello di Thilo, Georg (ed.), Lipsiae, Teubner, 1881-1887.

(26) L'incertezza e determinata da una possibile espunzione.

(27) Per un inquadramento di Donato e di tutto cio che lo riguarda, rinvio all'ormai classico Squillante Saccone, Marisa, Le Interpretationes Vergilianae di Tiberio Claudio Donato, Napoli, Societa Editrice Napoletana, 1985.

(28) Esemplare il caso di sua dona ad Aen. 3, 469 (T52). Donato li mette in evidenza che sua significa <<non di Anchise, ma appropriati ad Anchise>>. Il possessivo di per se non richiederebbe spiegazione di sorta; e l'uso che ne fa Virgilio a meritare qualche segnalazione.

(29) Cf. Gioseffi, Massimo, <<Ritratto d'autore nel suo studio. Osservazioni a margine delle Interpretationes Vergilianae di Tiberio Claudio Donato>>, in (ed.), <<E io saro tua guida>>. Raccolta di saggi su Virgilio e gli studi virgiliani, Milano, LED, 2000, pp. 151-215.

(30) Analoghe annotazioni, sempre introdotte dal nesso id est, ma che si sviluppano per conto loro, in una 'tirata' retorica sul tema di avidita, bramosia di ricchezze, scelta di vita povera ma onesta, si leggono a commento di Aen. 6, 621, 8, 180, 12, 518. Il tema, d'altronde, ricorre anche in note dalla diversa struttura, e si riconosce come uno dei topoi preferiti di Donato e del suo insegnamento.

(31) Ossia, se abbia sentito il bisogno di apporre una nota al testo virgiliano perche in quelle specifiche occasioni riconosceva l'applicazione dei principi da lui gia formulati altrove in forma generale.

(32) Delle quali non ho riportato nessun esempio in appendice. Ne cito qualcuno qui, in forma abbreviata: sono le note che si leggono ad Aen. 1, 96 (oppetere vi e interpretato come interire; Servio dice <<ore terram petere, id est mori>>); 2, 385 sternimus = occidimus (Servio e il Servio Danielino non presentano nessuna nota); 4, 383 supplicia haurire cioe uidere, con rimando ad Aen. 4, 661 oculis haurire (Servio commenta con luere, dare); 4, 642 effera, ossia <<exasperata in pernicem suam crudelium consideratione coeptorum>> (Servio scrive <<furiata saeuis cogitationibus>> e il Danielino <<nimis fera>>).

(33) Anch'esse non riportate in appendice. Come nel caso precedente, ne fornisco un florilegio qui: ad Aen. 1, 160 ab alto e interpretato da Donato come <<ab ea parte qua continuum fuerat mare>>(Servio non reca nessuna annotazione); a 2, 207-208 legere e spiegato con transmittere, transire, praeterire, rimandando poi a Aen. 3, 292 (Servio fa la stessa cosa, con tanto di identico rimando); cosi a 3, 292 legere e spiegato con nauigando retinere, mentre Servio commenta solo il resto del verso e non ripete quanto ha gia detto in precedenza; a 6, 3 obuertere proras e inteso come <<a pelago nauium primas partes inflectere>> (Servio ha solo una nota sull'uso del plurale, che dimostra come Enea non si occupi dei dettagli pratici, ma li lasci ai suoi uomini); a 6, 138 Iuno inferna e spiegato con Proserpina (Servio ha nota identica, con rimando pero allo Iuppiter Stygius di Aen. 4, 638); infine, a 12, 311 pius e spiegato come deorum cultor (Servio non offre nessuna nota).

(34) Il riferimento e a Romolo, che Anchise mostra ad Enea, gia coronato con i simboli della apoteosi con la quale Marte, suo padre, lo glorifichera alla fine della vita terrena.

(35) Fanno eccezione le note ad Aen. 7, 84 <<saeua mephitis>> (spiegato con odor grauissimus; Servio aggiunge anche putor terrae, e propone alternativamente il riferimento a un dio paredro di Giunone o a un nome alternativo di Giunone) e 11, 768 <<Cybelo id est loco in quo Cybele colebatur>> (Servio risolve la nota nel piu semplice mons).

(36) Sono le note di Servio e/o del Servio Danielino ad Aen. 1, 17; 1, 22; 1, 39; 1, 53; 1, 57; 1, 133; 1, 144; 1, 184; 1, 196; 1, 267; 1, 269; 1, 373; 1, 388; 1, 408; 1, 416; 1, 619; 1.742; 1.744.

(37) Come al solito, nulla piu di un semplice florilegio dei casi che si potevano citare.

(38) Identica situazione si ripete a commento di Aen. 6, 67 (licet) e 6, 621 (auaritia). Hoppe, Karl, De Tib. Claudio Donato Aeneidos interprete, Diss. Gottingae 1891, 2, considera il caso dal quale siamo partiti come una prova delle citazioni mnemoniche di Donato, che avrebbe confuso il testo virgiliano con Aen. 4, 378 <<[nunc] interpres diuum fert horrida iussa per auras>> (il punto di vista di Didone).

(39) Numerazione, testi e indicazioni filologiche provengono da Andre, Jacques (ed.), Apicius. L'art culinaire, Paris 1974. Le quattro frasi introdotte da id est sono state espunte, rispettivamente, da Humelberg, Gabriel, Tiguri, in officina Froschoviana, 1542 (la prima e l'ultima), e Schuch, Christian Theophil, Heidelbergae, Winter, 18742 (la seconda e la terza). Soprattutto per la prima, appare evidente la somiglianza con Ser. med. 474-475, dal quale potrebbe derivare.

(40) L'espunzione risale all'edizione di Assmann, Erwin, Lipsiae, Teubner, 1935: cf. Arnaud-Lindet, MariePierre (ed.), L. Ampelius. Aide-Memoire, Paris 1993, pp. 14 e 63.

(41) Per queste testimonianze rimando a Tomsin, Alfred, Etude sur le Commentaire Virgilien d'Aemilius Asper, Paris, Les Belles Lettres, 1952, rispettivamente pp. 23, 58 e 59-60.
COPYRIGHT 2008 Ediciones Universidad de Salamanca
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2008 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Author:Gioseffi, Massimo
Publication:Voces
Date:Jan 1, 2008
Words:10113
Previous Article:The philology as encyclopaedia. The De nuptiis Philologiae et Mercurii by Martianus Capella/La filologia come enciclopedia. Il De nvptiis Philologiae...
Next Article:Access to knowledge through the Liber Glossarum. Some reflections on its elaboration/Acceder au savoir par le Liber Glossarvm. quelques reflexions...

Terms of use | Privacy policy | Copyright © 2019 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters