Printer Friendly

Brief notices.

Esperienze Letterarie, Anno XXVIII, Fascicolo 1 (2003): Marco Santoro, "In memoriam: Lorenzo Frattarolo (1912-2003)" (3-11); Georges Guntert, "Manzoni, Schiller e A. W. Schlegel: dalla teoria degli stili all'episodio della madre di Cecilia" (13-34); Dante Delia Terza, "'Ricordo tutto ma non intendo niente.' Il conflitto tra intelligenza e memoria nel destino di Zeno. Appunti su Svevo" (35-44); Cristina Barbolani, "Teneri accenti e languidi sospiri: su una traduzione spagnola inedita della Mirra" (45-67); Federico Abodi, "I Promessi Sposi di Montaigne" (69-85); Luigi Peirone, "Miglior fabbro del parlar materno" (87-91); Maria Cristina Cafisse, "Rassegna sul giornalismo letterario napoletano del secondo Ottocento (1996-2001)" (93-106); Recensioni (107-17); Schede bibliografiche (118-28); Spoglio delle riviste (129-52).

Esperienze Letterarie, Anno XXVIII, Fascicolo 2, (2003): Maria Teresa Lanza, "Vita e morte di Matamore (da Corneille a Gautier)" (3-22); Pasquale Guaragnella, "La 'rhetorica docens' di un umanista. Antonio Labriola e la redazione dei Saggi sul materialismo storico" (23-44); Toni Iermano, "Curiosita giornalistiche e gusto narrativo in Cose viste di Ugo Ojetti" (45-70); Giuseppe Stellardi, "Gadda, Ungaretti, Wittgenstein: tle scrittori, la guerra, tre destini della scrittura" (71-87); Loredana Palma, "Un pubblico non napoletano per Mastriani. Note bibliografiche su alcuni periodici di eta preunitaria" (89-92); Juri Berlini, "La stampa quotidiana in Ungheria oggi" (93-99); Francesco Tateo, "L'alba dei vinti" (101-03); Girolamo De Miranda, "Ha mai cantato Partenope a Napoli? Per un'aggiornata rassegna bibliografica sulla lirica napoletana del Seicento" (105-14); Recensioni (115-23); Schede Bibliografiche (124-40); Spoglio delle Riviste (141-60).

Esperienze Letterarie, Anno XXVIII, Fascicolo 3 (2003): Francesco Tateo, "Divagazioni sul Tacito di Scipione Ammirato" (3-18); Antonio Palermo, "Traduzioni di modelli culturali e d'arte nel secondo Ottocento 'napoletano'" (19-31); Floria Maria Ghezzo, "Fiamme e follia, ovvero la morte delia madre arcaica in Monte Ignoso di Paola Masino" (33-56); Marco Pacioni, "Andrea Zanzotto, Sovrimpressioni: una lettura" (57-70); Giusi Baldissone, "La tragedia di Beatrice. Una lezione su 'Donne ch'avete intellecto d'amore'" (71-79); Vita Giordano, "Realta e fiction davanti agli specchi di Massimo Bontempelli" (81-91); Federico Abodi, "Manzoni nel Terzo Millennio" (93-107); Recensioni (109-20); Schede Bibliografiche (121-38); Spoglio delle Riviste (139-60).

Forum Italicum, Volume 37, No. 1, Spring 2003: John Stark, "The Old Man of Crete" (5-19); Franco Masciandaro, "Melchiesedech's Novelletta of the Three Rings as Irenic Play (Decameron I.3)" (20-39); Anthony Ellis, "The Old Man in a Medicean Context: Lorenzino, the Florentine 'New Brutus' and Aridosia" (40-55); Cajsa C. Baldini, "A Courtier or a Prince: Shakespeare's Richard H as a dramatization of Conflicting Paradigms of Political Craftmanship" (56-59); Tristana Rorandelli, "Nascita e morte della massaia di Paola Masino e la questione del corpo materno nel fascismo" (70-102); Daniela Bini, "Women of the South and the Art of Carlo Levi" (103-20); John Mastrogianakos, "'Embedded Narratives of Subversion in Luciano Bianciardi's La vita agra" (121-46); Candelas Gala, "Identity and Writing: A Lacanian Reading of Alba de Cespedes' Quaderno proibito and Dacia Maraini's Donna in Guerra" (147-60); Joseph Francese, "Eco's Poetics of 'The Model Reader'" (161-83); Archivio (184-207); Notes (208-29); Poetry (230-35); Eventi (236-51); Book Reviews (252-92).

Giornale Storico della Letteratura Italiana, Anno CXX, Fascicolo 589 (2003): Ugo Dotti, "Manzoni, la borghesia, il romanzo (Moravia e Gadda)" (1-35); Maria Luisa Doglio, "Ricordo di Giovanni Getto" (36-55); Erminia Ardissino, "Appunti di critica dantesca: la risposta di Vincenzio Borghini al 'Discorso' del Castravilla" (56-85); Domenico Chiodo, "Di alcune curiose chiose a un esemplare delle 'Rime' di Gandolfo Porrino custodito nel fondo Cian" (86-101); Christian Genetelli, "Prima di Moroncini. Sulla tradizione delle opere di Giocamo Leopardi" (102-26); Bollettino Bibliografico (127-50); Annunzi (151-60).

Giornale Storico della Letteratura Italiana, Anno CXX, Fascicolo 590, (2003): Arnaldo Di Benedetto, "'Michelangiol, da' rei tempi costretto ...' Alfieri e le arti figurative" (161-90); Giuseppe Antonio Camerino, "Oltre la memoria e l'infanzia. Noia e nonvivere da Alfieri a Leopardi" (191-205); Arnaldo Bruni, "Foscolo fiorentino all'ombra di Canova" (206-34); Guido Baldi, "La 'Signora' di Monza: potere feudale ed eros" (235-50); Mario Marti, "Sulle due redazioni del Decameron" (251-59); Domenico Chiodo, "L'amico, l'ancella e il petrarchismo (?) di Niccolo Lelio Cosmico" (260-65); Rassegna Bibliografica (266-74); Bollettino Bibliografico (275-305); Annunzi (306-16); Necrologio (317-20).

Intersezioni, Anno XXIII, numero 1, aprile 2003: Vinicio Pacca, "Sulla concezione petrarchesca della fortuna" (5-24); Raffaele Carbone, "Forza, mistero e ambivalenza dell'immaginazione secondo Malebranche" (25-50); Alessandro Carrera, "'Se tutti i mari fossero d'inchiostro.' Aporie della testimonianza da Primo Levi a Derrida" (51-66); Neff Pollastri, "La consulenza filosofica tra saggezza e metodo" (67-94); Vittorio De Palma, "Note in margine a due recenti pubblicazioni husserliane" (95-102); Alberto Bonchino, "Sulle letture francesi di Hegel" (103-30); Roberta Castoldi e Francesco Bianchini (a cura di), "L'esempio tra scoperta e creativita. Intervista a Douglas Hofstadter" (131-42); Libri (143-64).

Intersezioni, Anno XXIII, numero 2, agosto 2003: Emilia di Rocco, "Criseida e Alisoun: vedove a Troia e nell'Inghilterra medievale" (167-84); Luciano Bottoni, "'Segretario dell'inferno' e il Savonarola" (185-220); Annalisa Izzo, "A proposito di un finale senza morte. Le Confessioni di un italiano e i finali romanzeschi" (221-44); Paolo Trama, "'Come sangue di scarafaggio.' Retorica e fantasmi della scrittura ne La pietra lunare di Tommaso Landolfi" (245-70); Franca D'Agostini, "Pensare con la propria testa. Un problema metafilosofico e le sue implicazioni filosofiche" (271-92); Francesco Rigotti, "'Il filosofo al telaio' o la traduzione come esperienza di liberta" (293-302); Stefano Marino, "Filosofia nella musica. Theodor W. Adorno a cento anni dalla nascita" (303-22); Libri (323-48).

Italianistica, Anno XXXII, Numero 1, gennaio/aprile 2003: A. Maggi, "Il commento al 'se oscuro': la Dichiarazione di Giuliano Goselini e la fine del sapere rinascimentale" (11-28); R. Donnarumma, "Dialogismo come realismo: il Serpente di Malerba" (29-38); S. Lazzarin, "Intorno a qualche nome di Buzzati" (39-58); A. Perli, "Lettura di A Senia di Carlo Michelstaedter (59-68); I. Tufano, "Le lezioni di Sanguineti su Dante" (69-74); P.M. Forni, "Luoghi comuni e pseudo-verita nella poesia di Luciano Erba" (75-40); Bibliografia (81-132) Notiziario (133-60).

Italianistica, Anno XXXII, Numero 2, maggio/agosto 2003: Michele Dell'Aquila, "Versi d'amore e prose di romanzi: le responsabilita della letteratura" (193-204); Annalisa Izzo, "Lena o la trappola dell' 'happy end'" (205-24); Bruno Porcelli, "Livelli di funzionalita onomastica in Eros di Verga" (225-34); Maria Teresa Ricci, "La grazia in Baldassare Castiglione: un'arte senz'arte" (2354-46); Maria Cristina Figorilli, "Elogi paradossali nei due libri di Lettere facete e piacevoli (1561-1575)" (247-76); Bibliografia (277-98); Notiziado (299-324).

Italian Quarterly, Year XXXIX, Nos. 153-154, Summer-Fall 2002: Fabian Alfie, "A Sonnet Ascribed to Saint Catherine of Siena: Attribution and Intertextualities" (5-18); Martin Ederer, "The Vita Contemplativa and the Vita Activa in the Thought of Domenico de' Domenichi (1416-1478)," (19-30); Daniela Cavallaro, "Penelope: Variation on a Theme" (31-38); Alan R. Perry, "Giovanni's Secret Weapon: The German Lager and Guareschi's Use of Reason as Humor" (39-54); Giuseppe M. Tosi, "Gli scritti critici di Tomasi di Lampedusa o della letteratura come modello di esistenza" (55-66); Stephen Kolsky, "Changing Places: Space in Sibilla Aleramo's Una donna" (67-76); Michael P. McDonald, "Intervista a Carlo Castellaneta" (77-92); Book Reviews (93-124).

Italian Quarterly, Year XL, Nos. 155-56, Winter-Spring 2003: Richard Bonanno, "Sculptural Form and the Love Theme in Michelangelo's Rime" (5-16); Giuseppe Natale, "Il Compagno: Between Naturalism and Symbolism" (17-26); Stefano Giannini, "Un'agra salita. Lettara di Autostrada della Cisa di Vittorio Sereni" (27-36); Rita Cavigioli, "Sorelle nel tempo: ritratti di donne che invecchiano insieme in Di buona famiglia di I. Bossi Federigotti" (37-48); Alberto De Vivo, "Ecocriticism: una nuova epistemologia?" (49-62); Salvo Mastellone, "The 'Social Philosophy' of John Stuart Mill and the 'Educative Democracy' of Giuseppe Mazzini" (63-80); Andrea Brendler and Francesco Iodice, "Intervista a Dacia Maraini sui nomi" (81-90); Poetry (91-112); Book Reviews (113-24).

Italian Studies, Volume LVII (2002): Toby Levers, "The Image of Authorship in the Final Chapter of the Vita Nuova" (5-19); Elizabeth Mozzino-Howell, "Monarchia II.X and the Medieval Theory of Consequences" (20-36); Annick Paternoster, "L'interazione scortese nella seconda redazione del Cortegiano di Baldassar Castiglione" (37-60); Abigail Brundin, "Vittoria Colonna and the Poetry of Reform" (61-74); Luciano Parisi, "L'umorismo di Manzoni" (75-96); Katia Pizzi, "La 'questione triestina' nel Giornalino della domenica di Vamba (1906-11)" (97-112); Martin McLaughlin and Arianna Scicutella, "Calvino e Conrad: dalla tesi di laurea alle Lezioni Americane" (113-32); Ursula Fanning, "Review Article: Women's Writing in Italy" (151-56); Reviews (157-206).

Italian Studies, Volume LVIII (2003): Justin Steinberg, "Bankers in Hell: the Poetry of Monte Andrea in Dante's Inferno Between Historicism and Historicity" (5-30); Jane E. Everson, "Read What I Say and Not What I Read: Reading and the Romance Epic in 15th Century Ferrara" (31-47); Simon A. Gilson, "Tradition and Innovation in Cristoforo Landino's Glosses on Astrology in his Comento sopra la Comedia (1481)" (48-74); Charlotte Miller, "John Flaxman's Working Copy of Dante's Divina Commedia" (75-87); Olivia Santovetti, "'Il lettore mutatosi in collaboratore': Digression and the Reader in Carlo Dossi's Texts" (88-103); Shirley W. Vinall, "Princes and Pierrots: Palazzeschi's Early Writing and Laforgue" (104-32); Catherine O'Rawe, "Authors, Texts, and Pre-texts: Pirandello's Uno, nessuno e centomila as 'romanzo testamentario'" (133-49); Reviews (150-91).

La rassegna della letteratura italiana, Anno 107, Serie IX, n. 1, gennaio-giugno 2003: Simone Casini, "Il ramo d'oro dell'antichita. Alfieri e la discesa agli inferi sulle orme di Seneca" (5-33); Francesca Favaro, "Su Monti traduttore: versioni giovanili e misconosciute" (34-64); Dirk Vanden Berghe, "Le Annotazioni alle Canzoni di Leopardi e la Proposta di Monti" (65-77); Chiara Biagioli, "Per una storia compositiva e editoriale dell'Assedio di Roma, con due autografi mazziniani" (78-93); Michel Cassac, "Piero Gobetti: l'eredita, permanente" (94-103); Tiziana Arvigo, "Casa sul mare e I morti: una lettura" (104-18); Luigi Surdich, "Montale, gli oggetti, un'interpretazione" (119-26); Carlo Annoni, "Sul 'Dante' di Mario Apollonio. Poetica della gratitudine e poetica della conciliazione" (127-48); Sandro Bemardi, "Antonioni, narratore periferico" (149-56); Giorgio Luti, "Ricordo di Luigi Baldacci" (157-59); Notiziario (160-62); Rassegna bibliografica (163-435).

Lettere Italiane, Anno LV, n. 1, gennaio-marzo 2003: D. Delcorno Branca, "Un camaldolese alia festa di S. Giovanni. La processione del Battista descritta da Agostino di Portico" (3-25); L. Bolzoni, "Le tecniche della memoria e la costruzione degli spazi interiori fra Medioevo e Rinascimento" (26-46); A. Celli, "Lingue sacre. Leo Spitzer sulle fonti arabe delle letterature europee" (47-78); M. Fantato, "Momenti delia critica petrarchesca nella prima meta dell'Ottocento: Luigi Carter" (79-105); C. Fenoglio, "Il servo gallonato: da Proust a Montale" (106-15); A. Battistini, "Eloquenza e civilta in Marc Fumaroli" (116-21); C. Berra, "Per una lettura delle Lecturae Petrarce di Padova" (122-40); Recensioni (141-57); Notiziario (158-59); I Libri (160-62).

Lettere Italiane, Anno LV, n. 2, aprile-giugno 2003: E Ferretti, "Quasi in un picciolo mondo' dantesco: allegoria e finzione nella Liberata" (169-95); A. Battistini, "Il 'torrente d'eloquenza' di un predicatore 'dell'intelletto" (196-218); F. Bausi, "Il giardino incantato. Giorgio Bassani lettore di Thomas Mann" (219-48); C. Del Popolo, "'O donna di virtu' (Inf. II, 76)" (249-56); D. Brancato, "'O facitor de gli stellanti chiostri': un'inedita traduzione di Benedetto Varchi di De Consol. Philosophiae, Lib. I, m. 5" (257-66); A. Cristiani, "Una pagina poco nota di storia letteraria del Settecento: il 'Colpo d'occhio sullo stato presente della letteratura' di Giovanni Ristori" (267-92); Recensioni (293-309); Notiziario (310-11); I Libri (312-14).

Lettere Italiane, Anno LV, n. 3, luglio-settembre 2003: V. Branca, "La vigilia normalistica di Giovanni Getto, studente-maestro" (322-26); E. Sanguineti, "Getto lettore di Dante" (327-34); C. Delcorno, "Gli studi di Giovanni Getto sulla letteratura religiosa degli Ordini Mendicanti" (335-60); M. L. Doglio, "Getto e Tasso" (361-73); C. Ossola, "Degli 'affetti intellettuali.' Il Barocco de lohn di Giovanni Getto" (374-91); G. Ficara, "Getto, Manzoni e l'aria di casa" (392-98); G. Barbed Squarotti, "Il 'Novecento' di Getto" (399-407); C. Magris, "Giovanni Getto, un anno dopo" (408-16); M. Maggi, "'Sconcertati concerti': Tesauro, la 'supposition' e l''arte nuevo'" (417-42); G.P. Marchi, "Tra cavalli e lettere. Nota sul terzo viaggio in Inghilterra di Vittorio Alfieri" (443-49); Recensioni (450-65); Notiziario (466); I Libri (467-70).

Rinascimento. Rivista dell'Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento. Seconda serie, Volume 42 (2002): Gian Carlo Garfagnini, "Platone 'teologo' e politico: il sogno di uno stato 'divino'" (3-30); Paolo Cherchi, "Petrarca, Valerio Massimo, e le 'concordanze delle storie,'" (31-66); Francesco Bausi, "Il mechanicus che scrive libri. Per un nuovo commento alle Invective contra medicum di Francesco Petrarca" (67-112); Michele Ciliberto, "Bruno, Mocenigo e il Nuovo Mondo: un esercizio di lettura" (113-42); Gigliola Fragnito, "Diplomazia pontificia e censura ecclesiastica durante il regno di Enrico IV" (143-70); Giovanni Maria Fara, "Albrecht Durer lettore e interprete di Bitruvio e Leon Battista Alberti in un'inedita versione di Cosimo Bartoli" (171-350); Carmelo Occhipinti, "Sulla fortuna di Procopio di Cesarea nel XV secolo: il Giustiniano di Costantinopoli e i primi monumenti equestri di eta umanistica" (351-80); Luciano Gargan, "Un possessore di opere albertiane: Francesco Marescalchi" (381-98); Tobias Leuker, "Un dono poetico di Bartolomeo della Fonte per Alessandro Cortesi (e un altro del Cortesi per papa Sisto IV)" (399-408); Simone Bionda, "La copia di tipografia del Trattato dei Governi di Bernardo Segni: breve incursione nel laboratorio del volgadzzatore di Aristotele" (409-42); Diego Pirillo, "Intorno all'idea di 'giustizia misericordiosa': Bruno e gli 'eretici italiani'" (443-62); Fabrizio Meroi, "'Sofistici apparati' e 'preziosa oscurita.' Nota su Bruno e Schopenhauer" (463-74).

Strumenti Critici, Anno XVIII, Fascicolo 1 (n. 101), gennaio 2003: Giuliana Adamo, "Limina testuali hello sperimentalismo di Italo Calvino" (1-27); Roberto Costantini, "La problematica del segno in 'Sir Gawain and the Green Knight'" (29-74); Grazia Cerulli, "W. B. Yeats. A Poet and His Discontents" (75-89); John Meddemmen, "L'estro comico della lingua inglese in italiano. A proposito di Alan Bennett (91-122); Rossano Pestarino, "Tra 'Amadigi,' 'Floridante' e 'Liberata': storia di un verso tassiano (e tracce di una dipendenza?)" (123-45); Biblioteca (147-59).

Strumenti Critici, Anno XVIII, Fascicolo 2 (n. 102), maggio 2003: Rita Caprini, "I nomi della 'strega' in Europa: dalla lingua alla storia, ai testi" (161-82); Manuela Marchesini, "'Signorina Rosina': Pizzuto e Beckett, ovvero la scrittura come pittogramma" (183-201); Giovanna Pinna, "La 'Braut von Massino' di Schiller o della poetica in poesia" (203-33); Guido Lucchini, "Due lettere del Tommaseo a Giuseppe Barzilai" (235-45); Rossano Pestarino, "In margine al recupero delle 'Rime' di Diego Sandoval di Castro" (247-69); Alfonso Paolella, "Tasso nel giudizi di De Breme, di Pellico e Gherardini" (271-85); Manro Nervi, "Fuori orario. Il bastonatore nel 'Processo' di Franz Kafka (287-309); Biblioteca (311-21).

Strumenti Critici, Anno XVIII, Fascicolo 3 (n. 103), settembre 2003: Angelo Stella, "Ricordo di Maria Corti" (325-44); Margherita Versari, "Il motivo del confine nella poesia di Stefan George" (345-56); Giovanni Fontana, "'Lo scavo che ai miei giorni migliori tento in me cercandomi ...': alle radici del 'realismo del corpo' di Betocchi" (357-86); Roberto Constantini, "Semiosi e amor cortese in 'Sir Gawain and the Green Knight'" (387-416); Fletro Benzoni, "'La Parure' di Manpassant. Strategie conclusive ed echi flaubertiani" (417-38); Andrea Binelli, '"Ode on a Grecian Urn' di John Keats, ovvero la natura dialogica e transtemporale della bellezza" (439-54); Dante Isella, "Ancora sulle manzoniane 'Strofe per una Prima Comunione' (a guisa di 'Errata corrige')" (455-59)

Studi novecenteschi, XXIX, numero 63-64, giugno-dicembre 2002: Davide Puccini, "Renzo Gherardini" (7-30); Saveria Chemotti, "Giuseppe Berto e lo spettatore medio" (31-78); Guido Baldassari, "Nell'officina dei 'Conviviali': 'I vecchi di Ceo'" (79-126); Marco Vianello, "Le fate, e gli gnomi: Perrault e Gozzano" (127-38); Margherita Angelini, "Grande guerra e fascismo nelle voci dell'Enciclopedia italiana" (139-78); Andrea Celli, "Eteronimie. Contini su Serra" (179-206); Stefano Lazzarin, "Dissipatio Ph. G. Landolfi, o l'anacronismo del fantastico" (207-38); Andrea Rondini, "La scrittura e la sfida. Una lettura di 'Lilit' di Primo Levi" (239-76); Omar Ceretta, "Dalla fabbrica al salotto mondano. L'effimero Olimpo dei semidei ottieriani" (277-308); Adriana Da Rin, "La lingua della 'Finzione di Maria' di Fulvio Tomizza" (309-38); Rodolfo Zucco, "Per uno studio della rima in De Signoribus: 'Principio del giorno" (339-62); Sandra Bortolazzo, "I 'Versi giovanili (1938-1942)' di Andrea Zanzotto: il paesaggio come allegoria dell'ambito del poetico" (363-92); Giuseppe Iannacone, "Carlo Mazzantini e l'espressionismo dell''altra' memoria" (393-414); Attilio Motta, "Alba e tramonto di un mondo nuovo. Da Asor Rosa alle memorie dei sagisti" (415-32); Renato Nistico, "Arcaicita del postmoderno: l'opera poetica di Nino De Vita" (433-46).
COPYRIGHT 2004 American Association of Teachers of Italian
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2004 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Author:Albanese, Nicholas
Publication:Italica
Article Type:Bibliography
Date:Mar 22, 2004
Words:2597
Previous Article:Carlo Testa. Masters of Two Arts: Re-creation of European Literatures in Italian Cinema.
Next Article:Books received 2003.
Topics:


Related Articles
Records Center Operations accepted by ANSI.
Records Center Operations, 2nd Edition.
Records Center Operations, 2nd Edition.
The Pentateuch: An Annotated Bibliography. (Briefly Noted).
New IABC Research Foundation studies examine intellectual capital and Virtual Workforces.
The First Urban Christians.
A Bibliography of Medical and Bio-Medical Biography, 3d ed.
Marc Blitzstein: a Bio-Bibliography.
Understanding diversity through novels and picture books.
Anthony Munday and the Catholics.

Terms of use | Privacy policy | Copyright © 2021 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters