Printer Friendly

Amazzonia emozionale. Porto Velho.

Agradecimento:

"Ringrazio vivamente l'amico Prof. Dr. Josue da Costa Silva per avermi magnificamente ospitata a Porto Velho. Il mio grazie affettuoso va anche alla Prof. Dr. Salete Kozel per aver rivisto il testo e averlo fatto pubblicare nonche al Professor Dr. Dante Ribeiro da Fonseca per aver facilitato le mie ricerche".

Premessa.--Pensare all'Amazzonia significa immaginare la patria dell'acqua, della foresta e il respiro del mondo: una distesa sconfinata di risorse naturali e valori ambientali.

Si sa molto della sua vastita--oltre 7 milioni di kmq appartenenti per il 65% al Brasile che vi ha ritagliato nove stati--del valore planetario, della straordinaria biodiversita e dell'insensato sfruttamento economico.

E nota l'occupazione dell'immensa regione che, tuttavia, resta relativamente vuota: 30 milioni di abitanti, 4 ab./kmq, 15% dei 199 milioni della popolazione brasiliana (IBGE, 2009) (2).

Il popolamento pio antico segue il corso dei fiumi; il pio recente, a sud, affianca le vie di comunicazione aperte da circa quarant'anni. Due sono le principali: la prima corre da Brasilia a Belem per la dorsale Rio Tocantins-Rio Araguaia; la seconda va da Cuiaba nel Mato Grosso a Porto Velho in Rondonia, lungo i margini meridionali della foresta. La Transamazzonica, fonte di tante speranze per l'avanzamento della colonizzazione, non ha riguardato che l'Est, il Maranhao e la parte orientale del Para. Pio lontano, il tracciato nella foresta e stato abbandonato (Nunes Leal, 1984; Claval, 2004, pp. 329-330).

Il fronte pioniere e avanzato attingendo alle sterminate risorse e seguendo cicli: prima quelli dell'oro e delle spezie, poi, nel secondo Ottocento e primo Novecento, quello del cauccio, considerato l'oro bianco. Dagli anni Settanta si sono scavate miniere (3), utilizzato e commercializzato sempre pio intensamente e illegalmente il legname, bruciata la foresta per sostituirvi gli immensi latifondi per l'allevamento estensivo. Proliferano le piantagioni di soia, resa economica dal trasporto fluviale (4). Portata dai sojeros, coloni del Sud, raccoglie un quarto della produzione di tutto il Paese. A fornire soia, riso e bestiame sono i margini meridionali, l'area veramente dissodata. (5)

Il valore dell'immenso bassopiano non e offerto solo dalla natura. Lo fanno anche le opere dell'uomo, come appare evidente dalle sedi umane e da molte e diverse categorie di manufatti e segni impressi nell'ambiente.

E il caso di Porto Velho (Porto Vecchio), citta dell'Amazzonia occidentale, e il motivo del suo fascino.

Capitale dello stato brasiliano della Rondonia (Fig.1), la Cidade de Todos --cosi chiamata per l'incrocio etnico che la caratterizza quale eredita della storia--non trascura il proprio passato. La comunita, che pure e slanciata verso il futuro, non si disinteressa delle proprie radici e conserva una parte importante della propria memoria: quella legata indissolubilmente alla ferrovia che, agli inizi del Novecento, le ha dato origine quale capolinea settentrionale. Si tratta della ferrovia Madeira-Mamore (Penha de Menezes, 1980, pp. 43-47 e passim; 1990; Pontes Pinto, 1993, pp. 125-129; Sobral da Silva Marrocos, 1993; Foot Hardmann, 2005, pp. 292-293 e 304; Ferreira, 2005, pp. 202ss; Ribeiro da Fonseca, 2007, pp. 86-144).

I resti della ferrovia rappresentano oggi i pio preziosi beni culturali della capitale.

L'Estrada de Ferro e divenuta la forma visibile del passato che ha prodotto l'insediamento, il modello della sua rappresentazione e un modo per ripensare e ricostruire di continuo l'identita del luogo. Scolpita nel territorio e nell'anima, essa e presente ovunque: nel logo della citta, nei resti di manufatti, nel museo che ne raccoglie i materiali, nelle raffigurazioni, nell'immaginario e nelle conversazioni della gente. Le difficolta dell'attuazione e gli sforzi epici richiesti l'hanno ammantata di leggenda.

Come nel caso della costruzione della Transiberiana (Andreotti, 2007, pp. 78-99) si colgono in quest'opera momenti fondanti di un luogo e di un paesaggio, il cui potenziale espressivo sta tutto nel pugno dell'impresa.

La cultura del luogo riscopre la qualita sacra del passato nei segni e valori del lavoro e della creativita umana impressi nel paesaggio.

I processi di modernizzazione e di trasformazione accelerata in atto non fanno che aumentare la sensibilita e consapevolezza del carattere di una singolare testimonianza che celebra la vita e l'opera dell'uomo: un momento decisivo della genesi urbana e della storia di una comunita che va conservato e difeso.

Non si tratta in questo caso di beni di eccezionale valore estetico che rientrano in paradigmi di valutazione del bello propri dell'Occidente e dei suoi archetipi, ma di realta significative per quel mondo e quella cultura. Sono manufatti che per richiami storici e sociali trascendono la funzione materiale per cui sorsero. Essi sono patrimonio culturale perche percepiti e assunti come tema collettivo dagli abitanti che vi si riconoscono, consolidano la consapevolezza di se, forniscono un carattere alla citta e suggerimenti al visitatore per l'omologazione psicologica al contesto.

Certo, si potrebbe riflettere sul fatto che un bene naturale--la foresta pluviale amazzonica--viene distrutto per far posto all'uomo e alle sue necessita, ma questo e un altro discorso che coinvolge le leggi dello sviluppo e il tragico inciampo della pressione demografica e dei problemi elusi.

La tentazione emotiva indotta da Porto Velho e dal suo patrimonio culturale, tangibile e intangibile, e nelle intenzioni di questo contributo. Il visitatore che percorra la citta non puo sottrarsi allo spirito che opera in essa e alle suggestioni provenienti dal sito e dai manufatti in cui la civitas incarna il proprio sentire.

Sembra, dunque, lecito parlare di visione emozionale suggerita beni culturali della citta e dal loro contesto paesaggistico.

Questo studio si basa su indagini sul campo, ricerche documentarie in archivi e biblioteche e rapporti di collaborazione tra me e membri della comunita di Porto Velho.

Una visione emozionale.--Quando ci s'interroga sul significato di visione emozionale di luoghi e beni culturali pare di dover anzitutto chiarire il senso dei termini.

Cosa s'intende con il termine "emozione", variamente interpretato? E con la dizione "beni culturali", di cui si possono dare molteplici letture?

Il primo e comunemente usato per indicare stati d'animo, impressioni o sentimenti vivi e intensi: un'esperienza istintiva e immediata.

La locuzione "beni culturali" nell'opinione corrente riguarda fatti della cultura materiale e immateriale, espressione dell'identita e dei valori simbolici di una comunita. Di norma si tratta delle testimonianze del passato che configurano il patrimonio e la memoria storica di luoghi e societa, ma valgono pure i segni della cultura in atto. Profondamente comunicative sono le impronte della storia e quelle singolari opere che si elevano a dignita patrimoniale per l'attribuzione di significato loro conferita.

In monumenti della moderna architettura il processo semiotico puo delinearsi sin dal progetto stesso. Esso e ideato dal suo autore allo scopo di creare un bene patrimoniale eloquente, ricco di valore etico ed estetico. Le emozioni sono incorporate nell'idea stessa dell'artefatto per trasformarlo in stigma improntato nel territorio e nel paesaggio.

Parlare di visione emozionale dei beni culturali significa predisporsi a cogliere le suggestioni che vi sono incarnate e assumerle quale criterio cognitivo e valutativo. In altre parole, sensazioni e sentimenti divengono norma o principio d'analisi del reale.

La presenza materiale e spirituale pienamente rappresentata dei beni culturali ne fa rilevare le tonalita sentimentali, le infinite impressioni con tutte le sfumature percettive che coinvolgono, ispirano e informano. Attraverso i moti dell'animo si avverte l'importanza del patrimonio culturale. E cosi che la percezione e i suoi profondi sensi avviano all'analisi e alla conoscenza. Suscitati per lo pio dall'estetica--peraltro non sempre necessaria--e purificati dalla percezione stessa, garantiscono il riscatto etico delle opere. Talora accade, invece, che siano i valori etici, come nel caso in esame, e soltanto i valori etici a mostrarne tutta la densita.

Guida all'esperienza una vocazione umanistica, oltre che scientifica, che deve rapportarsi alla cultura di riferimento, poiche le emozioni sono costruzioni culturali e sociali. Riuniscono coloro che condividono la stessa rappresentazione dello spazio.

Le emozioni hanno attratto l'attenzione sin dall'antichita. Gia Platone se ne occupa come malattie dell'anima da combattere ai fini del proprio equilibrio. Gli stoici, coerenti con il suo pensiero, le definiscono "vane opinioni", associate a un cedimento della ragione. Anche per Aristotele sono affezioni dell'anima: positive, se rimangono nell'equilibrio che connota la virto e non cadono nell'eccesso o nel difetto. Nel medioevo S. Tommaso, esprime lo stesso concetto parlando di modificazioni dell'anima, in quanto dotata di potenzialita che la induce a ricevere o subire un'azione.

Sara solo con la filosofia moderna che esse diverranno un aspetto fondamentale dell'esperire umano, contrapposto alla ragione. Si riconoscera allora il sentimento come fonte o principio autonomo di affezioni e affetti: una categoria individuata per ordinarli e classificarli. Tale riconoscimento e connesso a quello della soggettivita, propria di una linea di pensiero che partendo da Pascal, attraverso i moralisti francesi e inglesi--La Rochefoucauld, Vauvenargues, Shaftesbury e Hume--giunge sino a Rousseau e a Kant. Per essi il principio o l'organo delle emozioni e distinto da quello dei ragionamenti e irriducibile a esso (Abbagnano, 1998, pp. 352 e 986).

Pascal per primo ha parlato delle ragioni del cuore, che la ragione non conosce (Pensees, IV, 277):

Le coeur a ses raisons que la raison ne connait point.

Ma, per quanto contrapposte, le proposizioni del sentimento o del cuore hanno la stessa certezza di quelle del ragionamento (Pensees, IV, 282):

Nous connaissons la verite, non seulement par la raison (dans le sens de raisonnement) mais encore par le coeur.

(Noi conosciamo la verita non solo mediante la ragione--nel senso di ragionamento--ma addirittura mediante il cuore).

E rileva che (Pensees, I, 3):

Ceux qui sont accoutumes a juger par le sentiment ne comprennent rien aux choses de raisonnement; car il veulent d'abord penetrer d'une vue, et ne sont point accoutumes a chercher les principes. Et les autres, qui sont accoutumes a raisonner par principes, ne comprennent rien aux choses de sentiment, y cherchent des principes, et ne pouvant voir d'une vue.

(Quelli che sono avvezzi a giudicare col sentimento, non capiscono niente delle cose di ragionamento perche vogliono penetrar subito la questione con un colpo d'occhio e non sono avvezzi a cercare i principi. E gli altri, al contrario, che sono avvezzi a ragionare per principi, non capiscono niente delle cose di sentimento perche ricercano i principi e non possono coglierli con un sol colpo d'occhio).

Le tendenze della psicologia contemporanea mirano a superare il contrasto e a recuperare il rapporto tra emozione e ragione, riconoscendo che hanno bisogno l'una dell'altra. Si parla pertanto di "intelligenza emotiva" e di "emozione veggente". Si sottolinea soprattutto il fatto che una tonalita emotiva accompagna ogni stato di coscienza, sia essa percettiva o cognitiva. Tale tonalita emotiva, che Heidegger chiama situazione affettiva (Befindlichkeit), e per lui radicata nella sostanza stessa dell'uomo, cioe nella struttura ontologica della sua esistenza. Le emozioni sono, dunque, modi d'essere fondamentali. Per Sartre esse rappresentano una certa misura d'apprendere il mondo e, quindi, in primo luogo, sono "coscienza del mondo".

Si riconferma cosi la nozione d'emozione o sentimento come capacita di apprendere il valore di un fatto o di una situazione (Abbagnano, 1998, pp. 358-361).

Geografia culturale e visione emozionale.--La geografia culturale partecipa della contemporanea corrente d'interesse per le emozioni (6). Sembra questa una delle pio interessanti tendenze disciplinari. Essa prende le forme di una geografia dello spirito, ma anche dei sensi, dedicata alle modalita sensoriali che integrano la nostra esperienza del mondo. Risponde a un avvertito bisogno di rientrare nella realta e calarvisi con tutti i sensori. Invita a comprendere maggiormente i luoghi, a penetrare con sensazioni e suggestioni nell'interiorita delle cose, nel rumore di fondo che vi si nasconde. Interroga gli spazi geografici alla ricerca della loro algebra invisibile, della loro cifra. Esamina l'infinita moltitudine d'immagini e messaggi che vi scaturiscono e le impressioni che si proiettano su di noi e si stratificano negli spazi stessi.

Da quanto detto assume consistenza un progetto di psicogeografia, un'alleanza tra psiche e geografia che suggerisce di vivere la realta in modo pio consapevole e profondo.

Sembra sia stata Giuliana Bruno (2002), Professor of Visual and Environmental Studies presso l'Universita di Harvard, a divulgare la definizione di "geografia emozionale". Ha cosi battezzato una serie d'immagini mentali, prodotto diretto dell'immaginazione, e mondi interiori generati dalla sollecitazione e dagli stimoli fisici, intellettuali e sentimentali che provengono dai luoghi.

Se la Bruno ha diffuso un'espressione e una tematica, molto presenti specialmente nelle aree anglofone (7), la geografia delle emozioni non e certo nata ora, ma nell'Otto-Novecento. Come psicogeografia o geopsiche ha avuto precedenti illustri, in particolare nel mondo tedesco.

Si puo ricordare l'insigne precursore della geografia umana, Alexander von Humboldt, che nelle Ansichten der Natur (1808; 1998, pp. 161-162) descrive il bacino dell'Orinoco rianimandolo di suoni e rumori. L'esperienza sensoriale uditiva emerge nell'evocazione del silenzio di mezzogiorno nella foresta tropicale, in violento contrasto con il suo incessante strepito notturno.

Ma e soprattutto Willy Hellpach, che fu medico e professore di psicologia all'Universita di Heidelberg, autore di un'opera di vasta risonanza, Geopsyche (1911; 1960), a occuparsi delle impressioni sensibili che derivano dall'esperienza dell'ambiente e delle influenze che modificano il nostro essere e la nostra vita psichica.

Oggi molte delle sue interpretazioni e considerazioni sono superate, non ultima quella che riduce il paesaggio alla natura o all'ambiente naturale, ma rimangono cruciali la prospettiva offerta e l'attenzione portata sull'intera gamma delle sensazioni.

Pio moderno e attuale, Herbert Lehmann (1986, p. 123) parla di paesaggio e si richiama a Johann Christian Holderlin. Egli sente a se congeniali le visioni del poeta perche entrambi si riconoscono come cifra di un rapporto spirituale dell'uomo con lo spazio geografico, immediatamente avvertito. Il suo progetto di pubblicare una Psychologie der Landschaft non fu attuato a causa della sua scomparsa. E notevole tuttavia che egli lo abbia elaborato perche consapevole della particolare esperienza dello spazio rappresentata dal paesaggio e dai suoi elementi. Si tratta di un processo psicologico molto complesso, intrecciato da momenti emotivi che affondano le radici nella profondita dell'animo umano e persino nel subconscio (Andreotti, 1994; 1996).

Prima di Lehmann, Ernst Cassirer (1923; 1925) ha ricercato i contenuti spirituali della realta e il significato che anima documenti e monumenti del passato, al di la della loro esistenza fisica.

A lungo ci si potrebbe soffermare sugli studiosi francesi. Al di la di fenomenologi quali Gaston Bachelard (1947; 1957) e Maurice Merleau-Ponty (1962; 1965), il geografo Eric Dardel (1952; 1986) introduce alla geografia emozionale attraverso l'immaginario, le poetiche dello spazio, l'esaltazione di spazi estetici e mitici. Egli ci mostra il mondo che sente e sperimenta con infinita tonalita di percezioni.

L'autorevole antropologo statunitense che ha coniato il termine di prossemica, Edward T. Hall, ha prospettato in un testo di alta qualita, The Hidden Dimension (1966; 1988), la parte sostenuta dai sensi nelle relazioni con spazi personali e collettivi entro culture diverse.

La visione emozionale accentua toni, spazi e momenti. Indaga la struttura nascosta di luoghi e paesaggi e sperimenta la realta con il coinvolgimento dei sentimenti e di tutti i sensi, modulati secondo la loro straordinaria polifonia. Sono questi ad animare la vita e a dare forma e colore alle emozioni. Il reale e assunto come complesso percettivo e fenomenologico. Si trascura d'interpretarlo, come troppo spesso e stato fatto, secondo misure matematiche--volumi, parametri, quozienti--che lo impoveriscono di significato. Non si vuole pio sacrificare lo stupore alla razionalita.

Lo spazio fisico e spazio vissuto e lo spazio vissuto trascende la geometria e la misurabilita (Pallasmaa, 2007, p. 81). La psicologia e una chiave adatta a comprenderlo.

Ambienti e luoghi respirano per la vivacita e calore delle vite che li attraversano. Sono come un racconto per immagini. Il paesaggio, in specie, e stato inventato dall'uomo per parlare di se stesso attraverso immagini (Andreotti, 2008, p. 14). In esse vi e conoscibilita. Lo conferma il punto di vista di Massimo Carboni (2002): "Ma non e forse l'immagine [...] uno strumento di conoscenza, anche se con proprie indelegabili modalita non unicamente e non strettamente cognitive?"

A lungo la cultura occidentale ha chiuso all'osservatore ogni partecipazione emotiva, attribuendo grande importanza all'oggettivita quale parte integrante di valori conoscitivi riconosciuti come scientifici. Ne e derivata l'esaltazione della vista ritenuta il pio nobile dei sensi perche basata sull'occhio, strumento imparziale per raccontare la verita (Pallasmaa, 2007, p. 23).

In particolare nel Rinascimento, l'invenzione della rappresentazione prospettica ha reso l'occhio il punto centrale del mondo percettivo e stabilito la predominanza della vista sugli altri sensi. Gli altri sensi non interessavano alla scienza perche ritenuti troppo soggettivi e relegati nel dominio dei fenomeni (Barbara, 2000, p. 13).

La cultura contemporanea altamente tecnologica, basata sulla massificazione e mercificazione dell'immagine, ha poi esasperato la separazione dei sensi. Ha privilegiato la vista e l'udito, sensi sociali, mentre ha pressoche escluso dal codice culturale gli altri, pensati come residui sensoriali arcaici cui e stata attribuita una funzione puramente privata (Pallasmaa, 2007, pp. 24-25).

Nella sua formulazione pio semplice la geografia culturale emozionale rimette a posto le cose accogliendo e promovendo ciascuna attivita sensoria, valutata in combinata integrazione con tutte le altre e in connessione con la percezione cognitiva ed emotiva del mondo. Invita a dar impulso alle diverse dimensioni dell'esperienza percettiva e risalto al mondo fenomenico che decreta la fine del primato dello sguardo e delle regole geometrico compositive.

L'obiettivo di questo testo e dimostrare che certi luoghi partecipano a un processo culturale complesso attraverso cui vengono prodotti valori e significati. Punto di partenza e l'ipotesi che ogni cultura manifesta una polarizzazione affettiva nei riguardi di particolari spazi. Che cosa la determina? E perche proprio quelli? Quali rappresentazioni alimentano sensazioni e sentimenti? Qual e il loro peso?

Si e scelto il caso di Porto Velho perche sembra offrire l'orizzonte per tentare di capire dov'e nascosto, o va cercato, il sortilegio di luoghi e beni che sollecitano i sensi, seducono ed emancipano percezioni, pensieri e facolta immaginative. L'eroico passato che ha originato la citta legittima l'identita contemporanea. Gli abitanti sono trasportati indietro nel tempo attraverso l'interazione con luoghi e beni carichi di materia emozionale: matiere-emotion, come direbbero i francesi. Lo scambio affettivo tra se e l'esterno fa emergere luoghi e beni come siti della memoria e come forma di condensazione o punti forti nella costruzione del tessuto sociale.

Le emozioni poggiano su dati oggettivi. Per tale motivo, prima di interessarsi al loro apporto nell'interpretazione e comprensione della realta, si ritiene necessaria la descrizione di fatti, fenomeni ed eventi.

Porto Velho.--L'Amazzonia sollecita, dunque, un'esperienza emozionale: illumina di segnali la capitale della Rondonia.

E questo uno stato della fascia occidentale dello sconfinato bassopiano: l'antico Territorio del Guapore, come fu chiamato sino al 1956 (Pontes Pinto, 1993; Hugo, 1996; Machado de Lima, 1997; Ribeiro da Fonseca, 2007).

Lo stato--uno dei ventisei del Brasile--e nato dallo smembramento dell'Amazonas e del Mato Grosso, nel 1943, nell'ambito della politica di consolidamento dei confini promossa da Getulio Vargas. Appartiene alla regione Norte. La Repubblica Federale comprende, infatti, cinque regioni che non hanno valore amministrativo, oltre al distretto federale della capitale, Brasilia.

La Rondonia si estende per 237.576 kmq ed ha una popolazione di 1.503.928 abitanti. La densita e poco pio di 6 ab./kmq (IBGE, 2009).

Fino agli anni Settanta lo stato era quasi completamente immerso nella foresta pluviale sempreverde--Hileia (= zona di selva), come fu battezzata da Alexander von Humboldt--e abitato da circa 10.000 persone. Fu poi occupato e disboscato. Si calcola che da allora abbia perso circa un quinto della copertura vegetale originaria.

Gran parte della popolazione della Rondonia vive a Porto Velho: 382.829 residenti distribuiti su un'unita municipale vastissima. Si tratta, infatti, di 34.082 kmq. La densita e di 11 ab./kmq.

La citta e situata a 98 m.s.l.m., su un terrazzo dell'esteso, antichissimo bassopiano amazzonico (Fig. 2). Sorge sulla sponda orientale del Rio Madeira, il principale affluente di destra del Rio delle Amazzoni, al confine con lo stato di Amazonas. Non molto lontana dalla Bolivia e dal Peru, e un importante nodo di trasporti e comunicazioni.

La qualita del sito provoca un'immediata, profonda impressione. La morfologia dolcemente ondulata del ripiano che distingue una parte alta da una bassa, la copertura di terra rossa (tierra vermelha) che sembra ardere (8), le macchie di foresta verdeggianti nell'aria satura d'umidita, il trascorrere lento del Madeira nella morbida ansa che lo incurva, il suo respirare sotto un cielo immenso, colmo di vapori infiammati al tramonto dalla ruota di fuoco del sole (Fig. 3), tutto concorre a creare un ambiente di singolare energia e ad esaltare il pensiero.

Non altrettanto vigore dimostra la struttura della citta portatrice delle tipiche caratteristiche dei centri urbani di fondazione. Il piano e a scacchiera. Le strade s'incrociano perpendicolarmente, organizzate attorno a pio larghi assi: le avenidas che ritagliano un gran numero di quartieri o bairros.

Nonostante la geometria della griglia, l'accrescimento esplosivo subito nel corso del Novecento ne ha fatto un insieme disordinato. Nel disegno urbano non esiste, come non sembra mai esistita, un'intenzione estetica, una sequenza che la innervi, esito di una qualche volonta formale. Gli edifici sono disomogenei anche nei quartieri centrali. Accanto a residenze di bella fattura, si collocano modeste o miserabili costruzioni. I bairros periferici accolgono talora agglomerati di casupole di legno e latta o di materiali scadentissimi, degradati, disposti su strade da asfaltare, senza marciapiedi e privi delle fondamentali infrastrutture. E il caso, ad esempio, dei quartieri Esperanca da Comunidade, Pantanal o Socialista.

La parte alta della citta ospita i centri amministrativi e residenziali che comprendono edifici composti anche di molti piani; quella bassa il centro commerciale e i suburbi. Per la forma a scatola e la policromia, le abitazioni dei quartieri periferici ricordano certe cittadine del West statunitense. Del resto Dante Ribeiro da Fonseca ha titolato "Uma cidade a Far West" un suo lavoro su Porto Velho (1998).

La storia della citta--una storia giovane e assai dinamica, interessata da continui, velocissimi mutamenti--non e quella dell'approdo da cui ha preso il nome, ma s'incarna nella vicenda della ferrovia che ne e contemporaneamente mito fondatore e bene culturale.

Nascita e sviluppo della citta.--Il centro, infatti, deve la sua origine e la sua trasformazione spaziale e sociale ai primi tentativi di costruire la ferrovia Madeira-Mamore (Estrada de Ferro Madeira Mamore, EFMM) nell'ultimo ventennio del XIX secolo. La data di nascita e il 1907 (9).

Dopo le fasi iniziali, la realizzazione della via ferrata avvenne tra il 1907 e il 1912. Fu una conseguenza del Trattato di Petropolis del 1903 per dare assetto definitivo ai confini con la Bolivia che assegno al Brasile il possesso dello stato dell'Acre. Gli accordi compresero lo sfruttamento e il commercio del cauccio, nel momento del suo boom. Il Brasile s'impegno a costruire la ferrovia tra il modesto insediamento di Santo Antonio do Madeira e quello di GuajaraMirim (ex Espiridiao Marques), con un ramo sino alla fortezza di Vila Bela in Bolivia, sul Mamore, costruita nel XVIII secolo per fissare la linea confinaria. La Bolivia si riservo i diritti d'uso della via di comunicazione.

Scopo principale del tracciato fu facilitare il transito della gomma boliviana e brasiliana nonche di altre merci fino a Santo Antonio, dove sarebbero state imbarcate per raggiungere, attraverso il Rio Madeira e il Rio delle Amazzoni, l'Atlantico e, quindi, i mercati europei e nordamericani (Santilli, 1988; Sobral da Silva Marrocos, 1993).

In precedenza i prodotti destinati alla vendita erano trasportati su canoe indigene con numerosi problemi causati dalla necessita di trasferire i carichi per le rapide e cascate che il Madeira forma nel tratto superiore sino a Santo Antonio.

Porto Velho nacque per la necessita di costruire impianti, abitazioni e servizi, per i pionieri addetti ai lavori della ferrovia (Penha de Menezes, 1980, I, pp. 74 e 105; II, p. 137; Gomes da Silva, 1991; Foot Hardman, 2005, pp. 169 e 253). Punto iniziale, a nord, avrebbe dovuto essere Santo Antonio do Madeira. In realta, in seguito, l'impresa concessionaria scelse un luogo 7 km pio a valle perche, secondo Manoel Rodrigues Ferreira (1960, p. 141; 1981, pp. 212-213) pio favorevole a creare un adeguato porto fluviale. Si trattava dell'area un vecchio porto, antica stazione del distretto militare di Jamari, in terra appartenente alla giurisdizione dello stato di Amazonas. Quel vecchio porto dara il suo nome all'insediamento che ne derivo (10). Santo Antonio non vi si prestava per i caratteri del sito: la cascata tra sponde rocciose e la ristrettezza del luogo, come si dira poi.

Per Dante Ribeiro da Fonseca (2007, pp. 91-92) l'impresa decise di costruire un altro porto non solo per problemi ambientali di mancanza di spazio e insalubrita, ma anche sociali. Santo Antonio, infatti, non solo era un villaggio portuale e commerciale, ma anche un luogo malfamato, dove si beveva, si giocava e ci si prostituiva: una specie di "Sodoma tropicale".

Porto Velho, al contrario, avrebbe dovuto presentarsi come asettico stabilimento industriale, dotato d'ogni conforto e infrastruttura necessaria per mantenere--nel limite del possibile in una regione insalubre come quella del Madeira--condizioni di produttivita del lavoro.

Attorno alla stazione iniziale della ferrovia si crearono strutture e opere di risanamento, case d'abitazione in legno, luoghi di lavoro e spazi per il tempo libero, assieme a un ospedale modello, Candelaria. (Penha de Menezes, 1980, p. 51).

A proposito della nascita di Porto Velho, Ferreira scrive (1960, p.141):

Em maio de 1907 a companhia construtora chegou a Santo Antonio. Enquanto ali organizava a sua base, sete quilometros abaixo, tambem na margem do rio Madeira, derrubava diversos hectares da mata e dava inicio a construcao da atual cidade de Porto Velho que seria ponto inicial da Estrada de Ferro Madeira-Mamore".

(Nel maggio del 1907 la compagnia costruttrice arrivo a Santo Antonio. Mentre la organizzava la sua base, sette chilometri a valle, sempre sulla sponda del Rio Madeira, abbatteva diversi ettari di foresta e dava inizio alla costruzione dell'attuale citta di Porto Velho che sarebbe il punto iniziale della ferrovia Madeira-Mamore).

In seguito nota (Ferreira, 1981, pp. 212-213):

No dia 21 de junho de 1907, ja a empresa construtora tinha homens trabalhando na linha. Ate o mes de dezembro de 1907, a empresa manteve uma media de 140 trabalhadores, todos brasileiros. Santo Antonio, ja era, naquele ano, um pequeno povoado, aonde vinham ter principalmente os produtores de borracha de rio acima. Entretanto, de comum acordo entre o Governo brasileiro e a Madeira-Mamore Railway, ficou estabelecido que o ponto inicial da ferrovia, seria o local denominado Porto Velho, conforme sugerira em 1883, o engenheiro Carlos Morsing. Com uma diferenca: no seculo passado, esse local era denominado Ponto Velho, e agora, Porto Velho. E ali, comecou a companhia a derrubar a mata, a fim de construir a estacao inicial, um cais, as oficinas da ferrovia, casas do pessoal graduado etc. Comecava, pois, a surgir uma cidade, no ponto inicial da estrada de ferro Madeira-Mamore.

(Il giorno 21 giugno 1907 l'impresa di costruzioni aveva gia uomini che lavoravano sulla linea. Fino al mese di dicembre del 1907 la societa ha mantenuto una media di 140 lavoratori, tutti brasiliani. Santo Antonio era gia in quell'anno una piccola citta dove venivano soprattutto coloro che producevano gomma a monte del Rio. Tuttavia, di comune accordo tra il Governo brasiliano e la Compagnia ferroviaria Madeira-Mamore, si decise che punto di partenza della ferrovia sarebbe stato il posto che si chiama Porto Velho, come aveva suggerito nel 1883, l'ingegner Carlos Morsing. Con una differenza: in passato questo luogo era conosciuto come Punto Vecchio. E la, la societa comincio ad abbattere la foresta, al fine di costruire la stazione di partenza, un molo, le officine della ferrovia, case per i funzionari, etc. Cominciava, quindi, a sorgere una citta nel punto di partenza della ferrovia Madeira-Mamore).

Il primo nucleo della citta era una stretta fascia lungo il Madeira sino al punto ove si trova oggi la caserma dell'estinta Guardia Territoriale. Da quel punto la striscia si allargava formando un'ampia curva che toccava con i suoi margini il Rio Candeias. I terreni sino al luogo ove e collocato oggi l'Ufficio delle Poste appartenevano all'impresa che faceva i lavori della Madeira-Mamore.

Completato il tracciato ferroviario nel 1912, circa un migliaio di persone dimorava in quello che era allora un piccolo villaggio. Le residenze dei dirigenti, degli operai e dei lavoratori della ferrovia, erano in stile coloniale inglese. Le abitazioni del personale qualificato (ingegneri, topografi, disegnatori, medici, amministratori), quasi sempre di nazionalita statunitense, erano completamente avvolte da uno schermo in finissimo filo di rame per impedire l'entrata delle terribili zanzare e di insetti di ogni specie. Allo stesso scopo erano costruite in modo speciale anche le porte. Ogni entrata ne aveva due, separate da un piccolo vano. Varcata la prima porta, si doveva sostare un po' di tempo nella cella, prima di aprire la seconda (Ferreira, 2005, pp. 243-244) .

Il quartiere pio popoloso sorgeva a sud, su una modesta collina, in seguito abbattuta, nell'area di concessione della ferrovia. Era destinato ai lavoratori neri provenienti dalle isole britanniche dei Caraibi. Questi erano detti barbadianos e Barbadoes o Barbedian Town l'area in cui risiedevano (11). Pio tardi fu chiamata Alto do Bode. Assieme al nucleo che esisteva intorno alle installazioni ferroviarie formava un settore insediativo tipico, ma fragile e insalubre. Le abitazioni erano di legno in stile caraibico che, metamorfosato in Amazzonia, assumeva modelli inconfondibili.

Progressivamente, fuori dal terreno di concessione, in area pubblica, si andava costituendo un altro insediamento di quartieri di case di legno e paglia, occupate da immigrati di molte nazionalita. Qui si stabiliranno poi il mercato, la chiesa, la scuola, due cinema, un teatro sociale, i bar e le numerose case di prostituzione (Pontes Pinto, 1993, p. 128; Foot Hardman, 1988, pp. 196-197). Tale settore urbano era diviso da quello molto meglio strutturato ove dimoravano i funzionari pio qualificati dell'impresa in residenze dotate di luce elettrica, acquedotto, fognature, negozi forniti e campi da tennis (12). Si andarono cos! formando due distinte parti con aspetti diversi, quasi due citta, separate da una linea frontaliera, la Avenida Divisoria, ora Avenida Presidente Dutra.

Ognuna delle due comunita aveva una propria lingua: inglese e spagnolo nell'area della ferrovia; portoghese per gli atti ufficiali e per i brasiliani nell'area esterna. Ma ciascuna aveva anche un commercio, una polizia e, quasi delle proprie leggi (Sobral da Silva Marrocos, 1993).

In seguito la citta si sviluppo conoscendo cicli di progresso e battute d'arresto. Il centro prospero per alcuni decenni, sino a quando l'economia della regione non fu penalizzata dalla concorrenza del cauccio malese, i cui costi erano inferiori.

Nel 1943 Porto Velho, a causa del miglioramento delle condizioni del sito e del porto che garantiva un facile accesso al fiume, fu scelta come capitale del neo costituito Territorio del Guapore, mutato, nel 1956, in Territorio di Rondonia (Hugo, 1996) (13).

L'inizio del secondo conflitto mondiale coincise con una ripresa dell'economia. Le forze alleate, perso il controllo del cauccio malese, dovettero ricorrere a quello amazzonico.

La conclusione della guerra segno per lo sviluppo della citta un altro momento d'arresto, perdurato sino alla fine degli anni Cinquanta. Fu allora che si scoprirono nell'area depositi di cassiterite, un minerale di biossido di stagno, la cui estrazione e commercializzazione rappresentano al momento l'attivita principale. Nello stesso periodo furono trovate grandi quantita d'oro nel letto del Rio Madeira, oggi suggestivamente costellato dalle draghe dei cercatori (garimpeiros). A questo s'aggiunse la realizzazione di ampi allevamenti bovini nella zona.

Prospettive di lavoro nei diversi settori richiamarono una forte immigrazione che provoco seri problemi alla citta, rinvigorendone la fisionomia duale propria, del resto, di molti centri urbani del mondo. Alla parte ricca e benestante, con abitazioni, uffici, luoghi di ritrovo e di commercio curati e ordinati, si contrappongono, soprattutto nelle favelas del distretto suburbano o negli insediamenti della popolazione rivierasca (ribeirinhos), concentrazioni di poverta e disoccupazione.

Dai primi anni del XXI secolo, Porto Velho, la Rondonia, come l'Amazzonia e tutto il Brasile, sono passati attraverso processi di riconfigurazione globale che li hanno profondamente trasformati.

La ferrovia.--La costruzione dell'Estrada de Ferro--366 chilometri nel cuore della foresta amazzonica--ostacolata dall'ambiente, fu una delle pio difficili opere mondiali d'ingegneria, paragonata all'apertura del Canale di Panama, avvenuta negli stessi anni (1907-1914). L'esecuzione fu affidata a una compagnia statunitense, la Madeira Mamore Railway Company, creata dal magnate Percival Farquhar (1864-1953) che se ne assunse la responsabilita (Gauld, 2006) (14).

Il sacrificio di vite umane fu enorme, tanto da essere conosciuta come Ferrovia do Diabo (Ferrovia del Diavolo) (Ferreira, 1981, pp. 212-213). Si calcola che circa 6.000 lavoratori perirono per naufragi, affogamenti, frecce degli indios, morsi di animali, ma anche per le malattie tropicali, ancora endemiche nella regione: malaria, febbre gialla, tifo, beri-beri, dengue e altro. (15) Appartenenti a circa cinquanta nazionalita (16), provenivano da un gran numero di Paesi, in particolare, come detto, dai Caraibi, ma vi erano pure americani, inglesi, cinesi, italiani, tedeschi, spagnoli, danesi e altri.

La linea ferroviaria ha notevolmente modificato l'area regionale. E stata abbattuta parte della selva, sino allora percorsa solo da bandeirantes in cerca d'indigeni e oro e di gesuiti, in cerca di anime da convertire (Moog, 1969).

E scomparso, oggi ridotto a ruderi, l'antico insediamento di Santo Antonio do Rio Madeira, un tempo elevato a municipio, dotato di tram e di un giornale settimanale (17). E stato sostituito dalla citta di Porto Velho, la cui data ufficiale di fondazione e considerata il 2 ottobre 1914. Allo stesso modo, a sudovest della citta, sulla sponda orientale del Rio Mamore, al confine con la Bolivia, nella stessa Rondonia, e nato il centro di Guajara-Mirim. Fu realizzato nel 1912, anno dell'apertura della ferrovia. Le due citta sono state collegate dalla via ferrata sino al 1972. Essa funziono per cinquantaquattro anni, sino al 1966. Fu allora disattivata dal Presidente della Repubblica, Humberto de Alencar Castelo Branco (18). L'ultimo viaggio avvenne nel 1972, quando fu definitivamente sospesa. La resero antieconomica non solo il collasso dei prezzi della gomma, ma anche la costruzione del Canale di Panama ufficialmente inaugurato nel 1920, e l'apertura della ferrovia dalla Bolivia al Pacifico attraverso il Cile.

A causa del totale abbandono si comincio a vendere come ferro vecchio parte del materiale acquisito.

Un tratto di soli 7 chilometri a fini turistici fu riattivato a partire dal 1981. Funziono sino al 2000, dopo di che subentrarono altri cinque anni di paralisi. Il breve tragitto fu ripercorso il 2 novembre 2005 per un unico viaggio che porto al Cimitero di Candelaria, a due chilometri dal centro di Porto Velho, i partecipanti alla messa che si svolge annualmente per commemorare le migliaia di operai che persero la vita durante i lavori della ferrovia.

Poche giorni dopo, il 10 novembre dello stesso anno, l'Istituto do Patrimonio Historico e Artistico Nacional (IPHAN) assunse la tutela di quanto rimaneva del patrimonio della Estrada de Ferro, oggi sotto la responsabilita della Gerencia Regional de Patrimonio da Uniao (GRPU) in Rondonia.

Il Governo federale e quello municipale sono impegnati nella salvaguardia di questo bene e nella rivitalizzazione di tutto il complesso. Istituzioni senza scopo di lucro--l'Associacao dos Amigos da MadeiraMamore e la Madeira-Mamore Railway Society--agiscono con determinazione nello stesso senso.

La storia della ferrovia, incarnata nella citta, e una sorta di peripezia narrativa per episodi o capitoli. Il primo inizia nella Praca Tres Caixas d'Agua.

As Tres Caixas d'Agua.--Una delle pio importanti testimonianze, considerate memoria storica dell'Estrada de Ferro, si trova nella Praca Tres Caixas d'Agua, aperta al posto del vecchio Garagem do Territorio, nel Bairro Caiari, parte alta del centro antico di Porto Velho, dove l'Avenida Carlos Gomes incrocia la Rogerio Weber. Si tratta di tre cisterne, chiamate As Tres Marias(tm), divenute simbolo e logo della capitale (Fig. 4). Furono costruite tra il 1910 e il 1912, per rifornire d'acqua potabile gli operai e l'abitato. Ognuna aveva la capacita di 200 mila litri, acquisiti per forza di gravita. Funzionarono sino al 1957 (Cidade ..., 2009).

Ideate ed erette da una societa di Chicago, sono scure e monumentali, forgiate nel ferro. Si presentano come enormi cilindri, con tettuccio conico e base inferiore concava. Non sono adagiate a terra, ma si elevano, ciascuna, su quattro pilastrini metallici, collegati da una rete geometrica di tralicci sollevati sino a una stretta passerella con parapetto che avvolge la parte bassa di ogni cilindro. Una scaletta in ferro consente di accedervi.

La gamma di sensazioni che sono in grado di provocare giustifica la qualifica di oggetti carichi di valenze simboliche e simulacrali. Lo stesso vale per la loro presenza ovunque. Non c'e immagine della citta, souvenir, ricordo o discorso, che non ne richiamino la presenza. Non c'e manifestazione di rilievo che non si svolga alla loro ombra nella piazza che le ospita. La bandiera del municipio le mette in risalto sullo sfondo giallo e blu. Al visitatore sono offerte come i primi e pio significativi monumenti della citta. Esse contribuiscono a creare la qualita differenziale urbana e permettono di sfuggire all'anestesia della sensibilita.

La categoria della realta e data dalla loro struttura, dall'eccessiva elevazione, dalle dimensioni esagerate e dal colore nero, terribilmente cupo, nella cornice del verde degli alberi e del pastello dei fiori. Evidentemente tale categoria non e identica a quella dell'esperienza interiore, che commuove ed esalta chi le presenta e le associa intimamente al territorio, le identifica con il luogo, fa notare la loro centralita, l'effetto dei chiaroscuri e l'atmosfera.

Nell'esperienza spaziale prevalgono la percezione tattile, acustica, olfattiva e il senso aptico, che e quello della posizione del corpo e del movimento nello spazio.

Attraverso il corpo si sente e definisce il respiro del luogo, la sua essenza. L'eco dei passi sulla piazza lastricata e il vociare confuso di chi vi sosta sono riflessi dai tre manufatti e pongono in diretta interazione con il sito, di cui s'impara a conoscere il particolare odore. L'odore emana dal materiale ferroso delle cisterne e dalla terra umida e si mischia al profumo intenso della vegetazione intorno. Un odore che si sovrappone a quello inconfondibile della citta che pervade tutto e non lascia mai.

Si segue Pitte (1998, p. 10) per il quale:

L' odeur constitue un element essentiel du caractere des lieux. [...] Presque tout reste a comprendre en ce domaine.

(L'odore costituisce un elemento essenziale del carattere dei luoghi. [...] In questo campo quasi tutto resta da capire).

Ed e proprio cosi perche non si possono dissociare i luoghi dai particolari odori o profumi che li impregnano. Difficile e poi decifrare tale sensazione perche, se la geografia degli odori riposa su fondamenti del tutto oggettivi, che interessano la fisica, la chimica e la biologia, le sovrastrutture d'ordine culturale rendono complesse le analisi. La percezione olfattiva varia, infatti, da un individuo all'altro, da una societa all'altra, e dietro le predilezioni, le repulsioni e le indifferenze, si nascondono l'educazione, l'immaginario e la liberta (ivi, p. 7).

Chi e estraneo a quel mondo vive momenti emotivi contrastanti. Venendo da una cultura nutrita di archetipi occidentali, le cisterne sconvolgono per una presa di contatto che e vertigine, disorientamento e sconcerto: tre giganti scuri dal dirompente impatto visivo che non sembrano trovare alcuna giustificazione se non nella passata funzionalita. Non vi sono canoni estetici che possano suggestionare. In seguito, saranno quelli etici, la capacita evocativa di un tempo e di una situazione, a impressionare. La chiave interpretativa sta tutta e solo nella conoscenza storica. Si capira come le cisterne siano divenute un bene collettivo, un segno forte di cui ha importanza anche il richiamo all'acqua, un valore assoluto per la vita e un simbolo culturale di enorme portata emotiva.

L'atto creativo dello spirito, simile al processo di creazione artistica, fa gorgogliare sensi eroici dai particolari di quel paesaggio, il quale esplode di continuo nell'immaginazione. Un qualcosa di misterioso e complesso induce a intravedere dietro i soverchianti spettri di ferro le figure pallide ed emaciate degli addetti alla deforestazione, degli operai e delle folle di diseredati accorsi a lavorare e cercar fortuna in un ambiente ostile che ne fece strazio e scempio.

Al primo impatto di sgomento, subentrano immagini e sentimenti comunicati dalla memoria del tempo che fu. Si avvertono allora risonanze che turbano. E si capisce la centralita del luogo, la piazza che diviene teatro, piattaforma o palco, per le pio rilevanti manifestazioni cittadine, sacre e profane. Soprattutto il suo essere punto di aggregazione ove la comunita si riunisce a fine settimana.

Superati lo shock e i sentimenti iniziali, si diviene partecipi di quella realta che esalta sempre pio l'immaginazione. La percezione sensoriale valorizza il luogo. Ci si lascia sedurre soprattutto nel momento in cui si smorzano gli esaltanti bagliori della luce del giorno e la piazza accoglie ombre profonde che confondono le immagini delle cose e rendono ambigue le distanze. Le tentazioni della fantasia mettono a fuoco tanti paesaggi della notte di cui si ha esperienza, conosciuti pure attraverso il cinema, la pittura e la fotografia. Gli accostamenti si fanno arditi: la notte di New York in "Taxi driver" di Scorsese o quella di Venezia in "Senso" di Visconti, le "Tre croci" di Rembrandt, il "Colosso" di Goya, le due tele "Notte stellata" di Van Gogh, la "Broadway di notte", fotografata da Alvin Langdon Coburn.

Il complesso del Museu dell'Estrada de Ferro.--Quanto detto sopra vale anche per un altro bene culturale: il Museo o parco tematico, situato nella Praca da EFMM, sulle sponde del Madeira (Fig. 5). E formato da un insieme di edifici, in via di riqualificazione, dopo un periodo di abbandono e degrado. L'area, un tempo marginale, era uno spazio anomico e residuale che costituiva un buco nero nella coscienza della citta. Infatti, per decenni se ne trascurarono importanza e significato. Solo negli ultimi anni si e presa piena consapevolezza del suo valore testimoniale, anche per l'interesse dimostrato da chi proveniva da fuori per lavoro o turismo. La rinnovata sensibilita ha restituito un ruolo culturale a tutto il complesso, fatto oggi oggetto di attenzione e conservazione.

La nuova situazione partecipativa che ha salvato il luogo tematizzando il parco sembra doversi ricondurre alla volonta di evitare la deriva verso la quale slitta la moderna citta generica. Nello stesso tempo si contrasta l'amnesia nei confronti del motore generativo dell'urbanizzazione, si rafforzano le ragioni storiche della propria esistenza e si allontana il pericolo di perdita della coscienza collettiva.

Il complesso comprende, oltre alla stazione (estacao Porto Velho), due magazzini (armazem de carga e descarga, n. 1 e n. 2), un edificio per riparare macchine e vagoni (predio das officina) e uno per dirigerle verso quest'ultimo (girador o rotunda).

La stazione e in muratura di mattoni pieni, a vista, con alte finestre in vetro, quadrettate in legno. E coperta da un tetto rivestito tegole d'argilla convesse al centro, alla maniera francese. Il tetto sporge a protezione del passaggio che circonda l'intera costruzione. Lo sostengono pilastrini in ferro, che s'elevano dal suolo e si curvano in alto, formando ampie arcate che scandiscono e delimitano il percorso coperto. Sopra l'ingresso centrale una scritta molto evidente indica l'Estacao de Porto Velho. In caratteri minori si segnala che ci si trova sull'Estrada de Ferro Madeira Mamore.

Dopo la dismissione della ferrovia, la stazione e stata utilizzata come museo, trasferito poi nel pio antico dei due magazzini (n. 1). L'altro (n. 2) e disattivato.

Il Museo ospita, assieme ad altre, la prima locomotiva, passata per l'Amazzonia, il Coronel Churchill, venuta direttamente dall'Inghilterra e segnata con il numero 12. Una (la n. 18) si trova all'esterno della stazione; un po' pio lontano appare un vagone. Un'altra ancora (n. 15) e al coperto. Tra il materiale presente si trovano anche una cicogna e un velocipede--mezzi usati dai sorveglianti per vigilare sulla linea--macchine, attrezzature, arredi, libri, filmati, fotografie e altri documenti cartacei e non.

I magazzini, ciascuno di circa 50 metri per 20, furono progettati e prefabbricati negli Stati Uniti, come del resto i serbatoi di cui s'e sopra detto. Sono chiusi lateralmente e coperti da lastre di zinco galvanizzato, con pavimenti in cemento. Quello che accoglie il museo (n. 1), a destra guardando il fiume, risale al 1912. Contiguo, alla sua sinistra, sorge quello costruito nel 1943 (n. 2) per soddisfare l'intensificarsi del commercio di gomma durante la seconda guerra mondiale.

L'edificio delle officine e il pio grande e complesso dell'intero parco museale. Funziono sino al 1972. In seguito fu sotterrato e poi recuperato. Comprende diverse parti, destinate un tempo alla meccanica, alla fonderia, alla carpenteria, alla pittura e alla segheria. Serviva non solo la ferrovia, ma anche la comunita.

All'ingresso il "girador o rotunda" avviava all'interno dell'officina macchine e vagoni per le riparazioni.

II luogo e suggestivo. Se ne riconosce la naturale bellezza nella quieta orizzontalita della radura ardente sotto il sole equatoriale, impetuoso e superbo, e nella vegetazione intorno, lambita dalla morbida linea del Madeira. Gli edifici, intimamente partecipi della natura, danno l'impressione di appartenere ad essa. Crescono senza sforzo dall'ambiente con il quale armonizzano. Non si tratta solo del profilo orizzontale, ma anche della loro tinta di porpora che, unita al vermiglio del suolo, avvolge la spianata in una tonalita luccicante. Questa da il senso del tutto: un medesimo colore rimarca la continuita tra natura e artefatto. Lembi forestati incorniciano il complesso, al riparo dal rumore della strada. Il terrazzo prospiciente il fiume ne svela dall'alto l'esistenza.

Il corso d'acqua intensifica le sensazioni: se ne percepiscono i forti odori, i suoni attutiti, gli umori, ma soprattutto si sente e si respira l'umidita dell'aria, appesantita dalla sua presenza. Il fiume rappresenta la base dell'esperienza sensibile, permeando tutti i sensi e, in modo pio profondo, il tatto, l'udito e l'odorato.

Immensa e la potenzialita espressiva del luogo, come il flusso di messaggi che ne deriva. Si costruiscono scenografie dell'immaginazione. Il parco suggerisce la visione onirica della ferrovia e la sua epopea, mito fondatore della citta, e sollecita mille figurazioni. Si ricordano i primi tentativi falliti di costruire la strada di ferro e tutte le vittime dell'esplorazione della foresta. Si rammentano le riproduzioni della Revista Illustrada, pubblicata a Rio de Janeiro da Angelo Agostini, (20) che mostrano in prima pagina l'immagine degli ingegneri della Commissao Morsing, periti in tale missione nel 1883, assieme agli operai. Si rivede il tormento di uno dei lavoratori, orribilmente ricoperto di sanguisughe. Si ricordano le suggestive incisioni di Santo Antonio do Rio Madeira con la casa sulla cascata oppressa dal gran tetto di paglia e le piccole imbarcazioni sul fiume e nel porto sorvegliato da alte palme dall'esilissimo tronco. Si va con il pensiero alle fotografie dell'unica strada del villaggio, rivestita d'erba, tracciata sul corso di un antico canale che congiungeva il porto das canoas al porto dos vapores. E poi si ripercorrono le tappe del progressivo abbattimento della foresta, del concretizzarsi della ferrovia, dei carichi di gomma in attesa di trasporto e del costituirsi di Porto Velho tra le infinite difficolta del terreno e del clima, documentate dal fotografo Dana B. Merrill (21). Della sua opera rimangono scritti nel cuore, oltre a paesaggi e oggetti, ritratti di gruppo e di singoli lavoratori nei costumi del paese di provenienza. Si rivive l'atmosfera espressionista che egli ha saputo creare con l'obiettivo e si ritorna con la mente a certi passaggi scavati nell'antichissima roccia in cui s'insinuano le locomotive, a suggestivi scorci dell'ambiente forestale, alle capanne di foglie di palma affogate nel verde, agli accampamenti operai dati da vagoni coperti di paglia, agli stessi operai immersi nell'acqua sino alla cintola, agli indios Caripuna, amici del personale ferroviario, e alle loro canoe di corteccia, al gruppo di ingegneri nordamericani con stivali, fazzoletto al collo e cappello alla maniera dei cow-boys, al fiero lavoratore indiano dal pesante turbante e i grossi orecchini o al turco ottomano il cui viso sotto il fez sembra scolpito nella pietra.

Le figurazioni che il parco ispira sono rafforzate da altre architetture e immagini, esterne al complesso ferroviario. Al di la di esso, esistono in citta altri edifici storici che vi sono idealmente collegati. Il filo rosso che li unisce e solo ideale, perche dal punto di vista topografico e formale le consonanze sono scarse, e limitata l'integrazione con il sito e il contesto paesaggistico. Le costruzioni non crescono armonicamente dal luogo, ne partecipano di un unico sistema spaziale. Del resto, non potrebbe essere altrimenti in un tessuto urbano disordinato, non unitario, ne interconnesso. Eppure ognuno di questi edifici racchiude un significato e un valore etico o un sistema compositivo e uno stile che lo fanno apprezzare.

Un'eloquente costruzione e il Predio da antiga administrao da EFMM (Palazzo dell'antica amministrazione dell'Estrada de Ferro Madeira Mamore), collocato alle spalle del complesso ferroviario. La sua singolare forma e, infatti, quella di una locomotiva stilizzata. Fu inaugurato il 15 gennaio del 1949.

Le linee sono geometriche: un bianco corpo tozzo, rettangolare, con alte finestre disposte a gruppi di tre, e sovrastato da una torre quadrata e definito da una pio ampia costruzione sporgente. L'edificio e detto Predio do Relogio per via dell'orologio, collocato su ogni lato della torre.

Un altro luogo della memoria e il Mercado Cultural con la sua esposizione di tabelloni che richiamano la ferrovia, la nascita e sviluppo della citta (Fig. 6). L'edificio e la ricostruzione dell'antico Mercato pubblico. Quest'ultimo fu eretto nel 1915 sulla piazza Getulio Vargas, come il Municipio che lo fronteggia. Nel 1966 fu distrutto da un incendio che risparmio solo due recinti (Cidade ..., 2009). La Prefettura municipale l'ha rifatto nell'originario stile art deco. La facciata color avorio si apre in una successione di alte arcate decorate con i tipici motivi dello stile. All'interno s'e ricavato un gradevole anfiteatro in mattoncini a vista che chiude uno spazio centrale e un palco. E un luogo piacevole ove si svolgono molti eventi culturali e incontri della municipalita.

Il ricordo della ferrovia costella la citta d'immagini: si riversa pure nel vistoso tabellone che sovrasta l'ingresso del moderno edificio bianco e verde della Posta (Fig. 7). Ha la forma di enorme francobollo da 7,00 real con una locomotiva e l'immagine della linea ferroviaria. La scritta "Brasil 81" specifica "50 anos da nacionalizacao da Estrada de Ferro Madeira Mamore".

Cemiterio de Candelaria.--Si e poco sopra accennato fuggevolmente al Cimitero di Candelaria. Ma l'area, di cui oggi rimangono pochi resti inghiottiti dalla foresta, merita qualche parola in pio, perche considerata luogo sacro, mistico e mitico, dalla popolazione.

Quello che e chiamato O Cemiterio dos herois esquecidos (Cimitero degli eroi abbandonati) fu costruito contemporaneamente alla linea ferroviaria vicino all'omonimo complesso ospedaliero (Ferreira, 1961, p. 141; 2005, pp. 205-206) (22), su una collina dolcemente lambita da un corso d'acqua. Si trova a due chilometri dal centro di Porto Velho, ai margini del tracciato ferroviario, verso l'antico, estinto, villaggio di Santo Antonio. Si estende tra il complesso residenziale Cujubim, presso il Club dei sottotenenti e sergenti del V battaglione di Ingegneria delle costruzioni dell'esercito, e le abitazioni del Bairro do Triangulo.

Era riservato agli stranieri che morivano nella costruzione della ferrovia (Carvalho, 1999). Secondo la statistica dei medici ospedalieri, vi furono sepolte 1.593 persone di ventidue Paesi. I compatrioti che sopravvissero, ultimata la ferrovia, tornarono nelle terre d'origine, senza curarsi dei compagni defunti.

Il cimitero fu chiuso nel 1920: nessun corpo fu riesumato, i nomi dimenticati e le lapidi rubate o distrutte. Nella foresta che l'ha ricoperto si rintraccia a fatica qualche tumulo e qualche croce o lapide con poche scritte (Fig. 8). La coscienza del passato richiede il recupero del luogo, divenuto meta di pellegrinaggio e d'interesse anche da parte delle giovani generazioni che vi si recano in visita con gli insegnanti. Esiste tra la popolazione il desiderio di reinserirlo nel tessuto vivo della citta come espressione di emozione e di sacralita e come parte della storia condivisa.

In questo caso il bene culturale e un paesaggio, meglio un criptopaesaggio, che si svela solo in proporzione dell'intensita con cui il rapporto spirituale lo trasforma e interpreta. La chiave e la potenzialita interiore dell'uomo, nelle sue pio svariate forme, compresa l'immaginazione. Tale facolta e alimentata dal carico di memoria e di storia che trasforma un ambiente, che potrebbe essere anodino, insignificante perche poco vi appare tra l'intrico della vegetazione, in un paesaggio di lacerante epicita. E acquista eloquenza la Stimmung, un sentimento, un'ebbrezza psicologica, che dispone impressioni e atmosfere secondo i disegni dello spirito.

Il luogo ha un significato metafisico: induce a porsi domande sul trascendente, l'esistenza della divinita e l' immortalita dell'anima.

Il suo genius loci incatena e il suo fascino afferra. Vi aleggia un senso di mistero, cui non e estranea la letteratura: le pagine del diario di viaggio compiuto in Amazzonia nel 1910 dallo scrittore britannico Henry Major Tomlinson (1912) e le memorie del paulista Manoel Rodrigues Ferreira (1961), invitato alla fine degli anni Cinquanta dal Governatore del Territorio a conoscere la Rondonia.

Il primo descrisse percorsi e impressioni, tra cui il turbamento per i racconti degli uomini in uscita dagli accampamenti nella foresta. Essi narravano quanto nascondesse la barriera di verde ininterrotto entro cui non penetrava mai la luce del sole. La selva copriva anche le sepolture di Candelaria, destinate probabilmente ad accogliere personaggi ormai fiaccati e vinti. Si presentavano, infatti (Tomlinson, 1912, p. 280):

bearded like Crusoe, pallid as anaemic women, and speckled with insect bites

(barbuti come Crusoe, pallidi come donne anemiche, e segnati da punture di insetti).

A Tomlinson la campana della locomotiva che entrava nelle tenebre della foresta sembrava risuonare in modo sepolcrale.

Sensazioni di morte furono pure quelle che provo Manoel Rodrigues Ferreira nel rivisitare le macerie della ferrovia. Fu lui a riscoprire, alla fine del 1959, il Cimitero dell'Ospedale di Candelaria, parzialmente ricoperto dalla foresta. Lo spinse a ricercarlo una suggestiva fotografia di Dana B. Merrill che Ferreira pubblico nel suo volume sulla ferrovia (1961, p. 297). L'immagine presenta una radura aperta nella foresta: il terreno e disseminato da tracce di piante abbattute, la terra e rivoltata quasi in attesa di coltivazione e file di croci bianche si allineano come nei cimiteri di guerra. La radura che vide Merrill non esisteva pio al tempo di Ferreira. La foresta aveva riconquistato il suo spazio e avvolto tutto in un viluppo di alberi, liane e rampicanti.

La visita di oggi e un'immersione nel mistero della morte, nella profondita del tempo, nella lirica degli scrittori. Si va con la mente al resoconto dell'autore brasiliano e davanti agli occhi si sgrana una serie di rappresentazioni. Ecco l'"historiador da melanconia"--come lo chiama Francisco Foot-Hardman (2005, p. 200)--muoversi tra il groviglio scuro della vegetazione strisciante, imbattersi in tumuli di granito, in lastre di marmo, in ornamenti di ferro lavorato e corone di biscuit, molte racchiuse in teche metalliche dal coperchio di vetro. Lo si vede intento a fotografare e ricopiare le iscrizioni delle tombe soprattutto di giovani funzionari americani, di eta compresa tra i venti e i quarant'anni, e forse stupirsi per il fatto che la gran massa dei lavoratori scomparisse anonima, senza quasi un segno sul tumulo. E ancora ricavare dai tumuli, ricoperti di muschio, l'impressione di un paesaggio sottomarino. E poi eccolo intrigato nel ritrovare un nome di donna, Lydia Xavier, raro, unico, di origine portoghese, perche non vi erano quasi donne la, se non prostitute. Chi era Lydia Xavier per meritare un'iscrizione funebre? E allora lo si pensa frequentare archivi e compulsare documenti e, infine, rinvenire qualche informazione: l'eta della donna, (trent'anni), la provenienza (Pernambuco), la causa di morte (suicidio), ma non il motivo della sua importanza. La testimonianza dello stato nubile dimostro che non pote neppure godere del riflesso dei privilegi di un eventuale potente marito.

Nonostante le ricerche, la figura femminile probabilmente lo deluse perche conservo il suo enigma e il suo segreto inesplicabile.

L'oscurita della foresta, l'aria senza movimento, il caldo esasperante e soprattutto l'isolamento fecero sentire a Ferreira quasi fisicamente il dolore e la solitudine di quanti perirono nei capanni degli accampamenti, nei soffocanti vagoni surriscaldati o nelle camere dell'ospedale, in mezzo a tanti sconosciuti. Essi giacevano in solitudine, come vissero in solitudine i loro ultimi giorni.

Le sensazioni e i sentimenti che inquietarono lo scrittore sono gli stessi provati dal visitatore di oggi. Attanaglia ancora l'oppressione funebre, senza pio l'insopportabile fischio della locomotiva che risuonava lugubremente in quel silenzio di morte. E ancora, al pari di Ferreira, uscendo dalla foresta nella luce abbagliante del sole, si prova un sentimento di resurrezione.

Il luogo, il tempo, il mistero s'intrecciano a Candelaria, che e soprattutto un invisibile paesaggio del dolore e dell'affanno. Cripto-paesaggio, come si e detto sopra; deathscape, come lo definirebbero gli studiosi anglofoni (Hallam and Hockey, 2001; Morris and Thomas 2005; Maddrell, 2009): uno spazio simbolico, affettivo, investito di significato e di sacralita.

Considerazioni conclusive.--Precipitare nell'ambiente e nel paesaggio di Porto Velho con il ricorso a concetti umanistici, individuare il genius loci e sentirne l'intimita, cogliere i legami affettivi che uniscono gli abitanti al luogo e rilevarne le esperienze dirette trasformate in simboli: questi sono stati i presupposti del lavoro. Consapevoli del passato della citta, consci delle molteplici complessita intercorrenti fra quel luogo e la storia che lo ha connotato, dosando impressioni, colori e atmosfere, si e cercato di darne un'interpretazione, la pio fedele possibile.

Come molte altre citta del mondo, Porto Velho e stata costruita dal nulla. E cresciuta dapprima lentamente e poi in modo accelerato soprattutto nel corso degli ultimi cinquant'anni, in corrispondenza con la scoperta della cassiterite nelle masse granitiche del sottosuolo e dell'oro nelle sabbie del Madeira. Si e sviluppata senza un piano, senza tradizioni e senza esempi.

Al di la della qualita del sito e delle caratteristiche paesistiche offerte dalla foresta e dall'acqua, la prima superficiale impressione di un estraneo e il disordine urbanistico, la dispersione ed eterogeneita della struttura, alle quali s'aggiunge la policromia degli edifici. I mille colori delle costruzioni dalle forme incongruenti divengono specchio di un insostenibile kitsch. La deriva estetica e innegabile.

L'organizzazione di un'immagine-paesaggio e resa difficile dalla scarsa leggibilita per la confusione di elementi e la competizione di spazi e oggetti non gerarchizzati.

Introducendosi nella trama urbana e approfondendo la comprensione degli elementi e dei riferimenti forti al centro del sentire della civitas--i punti nodali legati alla costruzione della ferrovia e alla nascita dell'insediamento--si e riconosciuto che, sebbene la citta sia priva di qualita estetiche, e ricca di senso e forza emozionale. L'arricchiscono di significato un viluppo di aspetti invisibili, qualcosa di intangibile, il rapporto affettivo e la memoria. Tutto questo le da un carattere e ne contrasta la banalita.

In particolare, il colloquio con il patrimonio culturale di Porto Velho, dato dai riferimenti cui s'e accennato, evidenzia gli stimoli che hanno concorso alla sua instaurazione e restaurazione, stimoli che commuovono. Paradigma dell'accorrere di sollecitazioni sono la storia e la cultura della citta dagli aspetti contrastanti e dalle molte anime che convergono nel pur breve passato.

La virto e le nervature del patrimonio culturale stanno nella dote plastica tributaria dell'immaginario ferroviario. Dote plastica significa costruzione di elementi e valorizzazione di essi dopo averne acquisito piena coscienza. Ma dote plastica significa anche che tutto e accaduto quasi per istinto, non costruito in uno studio di architetti o pianificatori. Nell'osservare quei coefficienti a posteriori, sembra che essi siano stati tenuti presenti come se "a priori" fosse nato il percorso culturale dei beni considerati.

La grande anima umana, ossia il sentire comune, la tradizione e l'intensita del codice ripropongono continuamente in quei beni il colore dell'impresa da cui discendono e l'alito della tragedia e della fatalita che ha travalicato la volonta umana.

Gli scorci sensibili della storia, della fatica e del dramma, nel loro aspetto di contingenza e permanenza, appaiono attraverso un alto impegno spirituale di conoscenza e adesione.

Esplorare il significato primo del patrimonio di Porto Velho con tutte le varie fonetiche permette di ascoltare ogni voce che ha partecipato al concerto della fondazione e all'attuale perfezionamento. Consente pure di lasciarsi condurre in labirinti di sensazioni, di emozioni, di scoperte e di afferrare i significati pio riposti di simboli che in questa diffusa globalizzazione distinguono la citta da infinite sedi umane quasi senza nome.

Non va dimenticato il contesto naturale. Se l'ambiente ha costituito la dannazione di coloro che hanno posto le fondamenta della citta, nulla di quel patrimonio sarebbe immaginabile senza la consonanza con la cornice in cui s'inserisce, senza la sua scenografia. Le evocazioni sono liriche: conoscenze esperienziali della natura amazzonica si saldano a fascinazioni recenti e passate: scritture, citazioni storico-artistiche, motivi fotografici, televisivi e cinematografici.

Resta da valutare quanto l'assorbimento di tali echi ha influenzato la visone emozionale dei beni culturali. O, al contario, sino a che punto la prospettiva umanistica, voce di una verita interiore, si riflette su un ambiente seducente, dagli alti richiami, ma anche estremo, difficile, monotono e malinconico, come ricordano Claude Levi-Strauss in Tristes Tropiques (1955; 1988, p. 290 e passim) e Philippe Descola in Les Lances du Crepuscole (1994, pp. 233-237).

ANEXOS

[FIGURA 1 OMITIR]

[FIGURA 2 OMITIR]

[FIGURA 3 OMITIR]

[FIGURA 4 OMITIR]

[FIGURA 5 OMITIR]

[FIGURA 6 OMITIR]

[FIGURA 7 OMITIR]

[FIGURA 8 OMITIR]

[FIGURA 9 OMITIR]

[FIGURA 10 OMITIR]

[FIGURA 11 OMITIR]

BIBLIOGRAFIA

ABBAGNANO N., Dizionario di filosofia, Torino, Utet Libreria, 1998.

ANDERSON B., HARRISON P., "Questioning affect and emotion", Area, vol. 38, n. 3, pp. 333-335.

ANDERSON K., SMITH S. J., "Editorial: Emotional Geographies", Transactions of the Institute of British Geographers, n. 26, 2001, pp. 7-10.

ANDREOTTI G., Paesaggi culturali, Milano, Unicopli, 1996.

ANDREOTTI G., Alle origini del paesaggio culturale, Milano, Unicopli, 1998.

ANDREOTTI G., "Il paesaggio, massimo bene della cultura europea", in E. Manzi (a curaj, Beni culturali e territorio, Roma, Societa Geografica Italiana, 2003, pp. 9-16.

ANDREOTTI G., "Antipaesaggio", in C. Campione, F. Farinelli, C. Santoro, Scritti per Alberto Di Blasi, Bologna, Patron, 2006, pp. 55-66.

ANDREOTTI G., Paesaggi in movimento, paesaggi venduti, paesaggi rubati, Trento, Artimedia-Trentini, 2007.

ANDREOTTI G. (dir.), La Geographie culturelle vue d'Italie, Geographie et Cultures, n. 64, 2007.

ANDREOTTI G., Riscontri di geografia culturale, Artimedia-Trentini, 2008a (1a ed., 1994).

ANDREOTTI G., Per un'architettura del paesaggio, Trento, Trentini-Artimedia, 2008b (1a ed., 2005).

ANDREOTTI G., "Paesaggi razionali, paesaggi sensoriali, psicologia ambientale. Introduzione", in P. Persi (a cura), Territori emotivi. Geografie emozionali, Fano (Pu), Grapho5, 2010a, pp. 529-532.

ANDREOTTI G., "Il senso etico ed estetico del paesaggio", Ambiente, Societa, Territorio, n.4/5, 2010b, pp. 3-8.

BACHELARD G., La Terre et les reveries de la volonte, Paris, Jose Corti, 1947.

BACHELARD G., La poetique de l'espace, Paris, Presses Universitaires de France, 1957 (ed. ital., La poetica dello spazio, Bari, Dedalo libri, 1975).

BARBARA A., Storie di architettura attraverso i sensi, Milano, Bruno Mondadori, 2000.

BARBARA A., PERLISS A., Architetture invisibili: l'esperienza dei luoghi attraverso gli odori, Milano, Skira, 2006.

BARRETO, P., SOUZA Jr. C., NOGUERON, R., ANDERSON, A. e SALOMAO, R., Pressao humana na foresta amazonica brasileira, Belem, Wri e Imazon, 2006.

BERTAGNA B., Ferrovia Do Diabo: Desafio No Inferno Verde, s.n. s.l., 1987.

BERTAGNA B., Brevissima historia da Madeira-Mamore, Porto Velho, 2000.

BORZACOV Y. P., Estrada de ferro Madeira-Mamore: uma historia em fotografias, Instituto Historico e Geografico de Rondonia, Porto Velho, Grafiel, 2004.

BORZACOV Y. P., Porto Velho. 100 Anos de historia, 1907-2007, Porto Velho, Primor Forms, 2007.

BROSSE J., Inventaire des senses, Paris, Grasset, 1965.

BROWDER J. O., "Public policy and deforestation in the Brasilian Amazon", in Repetto R., Gillis M. (eds.), Public policies and the misuse of forest resources, Cambridge (Ma), University of Cambridge Press, 1988, pp. 247-283.

BROWDER, J. O. (ed.), Fragile Lands of Latin America: Strategies for Sustainable Development, Boulder, CO, Westview Press, 1989.

BROWDER, J. O. "Extractive reserves and the future of the Amazon's rainforest: some cautionary observations", in Counsell S., Rice T. (eds.), The Rainforest Harvest: Sustainable Strategies for Saving Tropical Forests. Friends of the Earth Trust, London, 1992a.

BROWDER, J. O., "The limits of extractivism: tropical forest strategies beyond extractive reserves", Bioscience, vol. 42, n. 3, 1992, pp. 174-181.

BROWDER, J. O. 1992. "Social and economic constraints on the development of market-oriented extractive systems in Amazon rain forests", Adv. Econ. Bot., vol. 9, pp. 33-41.

BROWDER, J. O., "Surviving in Rondonia: the dynamics of colonist farming strategies in Brazil's northwestern frontier", Stud. Comp. Int. Develop., vol. 29, n. 3, 1994, pp. 45-69.

BROWDER, J. O., GODFREY B. J., Rainforest cities: Urbanization development and globalization of the Brazilian Amazon, New York, Columbia University Press, 1997.

BROWDER, J. O., PEDLOWSKI M. A., "Agroforestry performance on small farms in Amazonia: findings from the Rondonia Agroforestry Pilot Project", Agrofor. Syst. 2000, vol. 49, pp. 63-83.

BROWDER J. O., "Conservation and Development Projects in the Brazilian Amazon: lessons from the Community Initiative Program in Rondonia", Environmental Management, vol. 29, n. 6, 2001, pp. 750-762.

BROWDER, J. O. 2002. "The urban-rural interface: urbanization and tropical forest cover change", Urban Ecosyst., vol. 6, pp. 21-42.

BROWDER, J. O., PEDLOWSKI M. A., SUMMERS P. M., "Land use patterns in the Brazilian Amazon: comparative farm-level evidence from Rondonia", Human Ecol. vol. 32, 2004, pp. 197-224.

BRUNO G., Atlante delle emozioni. In viaggio tra arte, architettura e cinema, Milano, Bruno Mondadori, 2006 (ed. orig., Atlas of emotion: journeys in art, architecture, and film, New York, Verso Books, 2002).

CALDO C., GUARRASI V. (a cura), Beni culturali e geografia, Bologna, Patron, 1994.

CAMPORESI P., Le officine dei sensi, Milano, Garzanti, 1985.

CANTANHEDE A., Achegas para a historia de Porto Velho, Manaus, Escola Tecnica 1970.

CARBONI M., L'occhio e la pagina. Tra immagine e parola, Milano, Jaca Book, 2002.

CARVALHO A., Candelaria. Luz e sombra na trajetoria da EFM, Porto Velho, Abg Grafica e Editora, 1999.

CASSIRER E., Philosophie der symbolischen Formen. Erster Teil: Die Sprache. Berlin, Bruno Cassirer, 1923 (trad. ital., La filosofia delle forme simboliche, 1, Il Linguaggio Firenze, Sansoni, 2004).

CASSIRER E., Philosophie der symbolischen Formen. Zweiter Teil: Das mythische Denken. Berlin, Bruno Cassirer, 1925 (trad. ital., Linguaggio e mito, "Coll. Testi e documenti", Milano, SE, 2006).

CIDADE de PORTO VELHO, CIDADE de TODOS, Porto Velho, Coordinatoria Municipal de Turismo, 2009.

CLAVAL P., La fabrication du Bresil. Une grande puissance en divenir, Paris, Belin, 2004.

COHEN M., Uma saga amazonica: atraves da minisserie Mad Maria, Rio de Janeiro, Globo, 2005.

COORDENADORIA MUNICIPAL DE TURISMO (CMTUR), Cidade de Porto Velho, Porto Velho, 2009.

CORNA PELLEGRINI G., Geografia dei valori culturali. Modelli e studi, Roma, Carocci, 2004.

COY M., "Desenvolvimento regional na periferia amazonica. Organizacao do espaco, conflitos de interesses e programas de planejamento dentro de uma regiao de "fronteira". O caso de Rondonia", in C. Aubertin (a cura), Fronteiras, Brasilia, ed. da UnB, 1988, pp. 167-194.

CRAIG N., Estrada de Ferro Madeira-Mamore: historia tragica de uma expedicao, Sao Paulo, Nacional, 1947.

DARDEL E., L'Homme et la Terre. Nature de la realite geographique, Paris, Puf, 1952 (trad. ital., L'Uomo e la Terra. Natura della realta geografica, Milano, Unicopli, 1986).

DAVIDSON J., BONDI L. and SMITH M. (eds.), Emotional Geographies, Aldershot (UK)-Burlington (Usa), Ashgate, 2005.

DESCOLA Ph., Les Lances du Crepuscole, "Coll. Terre Humaine", Paris, Plon, 1994.

DONEGANA C. "Nel cuore verde del Brasile", Citta Nuova Rivista, 15 agosto 2009.

DORFLES G., Elogio della disarmonia, Milano, Garzanti, 1986.

DULAU R., PITTE J.-R. (dir.), Geographie des odeurs, Paris, L'Harmattan, 1998.

FACULDADE SAO LUCAS, Projeto memorias e imagens de Porto Velho, Porto Velho, 2002.

FERNANDES A. O'Campo, Madeira--Mamore: do genio humano ao abandono, Porto Velho, Rondoforms, 2005.

FARE I. (a cura), Il discorso dei luoghi, Napoli, Liguori, 1992.

FEDERACAO DAS INDUSTRIAS DO ESTADO, Rondonia. Perfil e Diretrizes, Porto Velho, FIERO, 1995.

FERREIRA, M. R., Nas selvas amazonicas, Sao Paulo, Ed. Biblos, 1961.

FERREIRA M. R., Ferrovia do Diabo: historia de uma estrada de ferro na Amazonia, Sao Paulo, Melhoramentos. Secreteria de Estado da Cultura, 1981.

FERREIRA M. R., A Ferrovia do Diabo, Sao Paulo, Melhoramentos, 2005 (7a ed.; 1a, 1951).

FOOT HARDMAN F., Trem fantasma: a modernidade na selva, Sao Paulo, Companhia das Letras, 2005 (1a, 1988).

GALLIOT E., "Noms de paysages. Proposition pour un cinquieme critere", Geographie et Cultures, Special Paysage, n.13, 1995, pp. 75-93.

GOETHE J. W., La teoria dei colori, Milano, Il Saggiatore, Mondadori, 1987.

GAULD Ch. A., The last Titan. Percival Farquhar, Palo Alto (CA), Stanford University, 1964 (ed. br., Farquhar, o ultimo tita: um empreendedor americano na America Latina, traducao Eliana do Vale, Sao Paulo, Editora de Cultura, 2006).

GEOGRAFIA, ENCICLOPEDIA TEMATICA, 2 voll., Milano, Garzanti, 2006.

GOMES da SILVA A., Amazonia. Porto Velho, Porto Velho, 1991.

GOMES da SILVA A., Conhecer Rondonia. Porto Velho, M&M, 1997.

GOMES da SILVA A., Nos rastros dos pioneiros, Porto Velho, Escopo, 1984.

GRIFFITHS P., What emotions really are. The problems of psychological categories, Chicago, University of Chicago Press, 1997.

GROSS D., The secret history of emotion. From Aristotle's Rhetoric to modern brain science, Chicago, University of Chicago Press, 2006.

GRZYBOWSKI C., PIRO P., BLIN A., De quelle Amazonie le monde a-t-it besoin?, Rio de Janeiro, Creative Commons, 2008.

HALL E. T., The Hidden Dimension, New York, Doubleday, 1966 (trad. ital., La dimensione nascosta. Significato delle distanze tra i soggetti umani, Milano, Bompiani, 1988).

HALLAM and HOCKEY, Death, Memory and Material Culture, Oxford, Berg, 2001.

HELLPACH, W, Geopsyche. Die Menschenseele unter dem Einfluss von Wetter und Klima, Boden und Landschaft, Leipzig, Engelmann, 1911 (ed. ital., Geopsiche, Roma, Paoline, 1960).

HILLMAN J., L'anima dei luoghi. Conversazione con Carlo Truppi, Milano, Rizzoli, 2004.

HUGO V., Os desbravadores, voll. I e II, ed. Salesiana Cbag, 1998 (3a).

HUGO V., 50 anos do Territorio Federal do Guapore 1943-1993, Porto Velho, SER, 1996.

HUMBOLDT von A., Ansichten der Natur: mit wissenschaftlichen Erlauterungen, Tubingen, Cotta, 1808 (ed. ital., Quadri della natura, Scandicci (Fi), La Nuova Italia, 1998).

INSTITUTO BRASILEIRO DE GEOGRAFIA E ESTATISTICA (IBGE), Rondonia, Rio de Janeiro, 2009a.

INSTITUTO BRASILEIRO DE GEOGRAFIA E ESTATISTICA (IBGE), Porto Velho, Rio de Janeiro, 2009b.

KEARNEY A., "Homeland emotion: an Emotional Geography of Heritage and Homeland", International Journal of Heritage Studies, vol. 15, n. 2-3, March-May 2009, pp. 209-222.

KOOLHAAS R. Junkspace, Macerata, Quodlibet, 2006.

KOZEL S., SILVA da COSTA J., FILIZOLA R., GIL FILHO F., Expedicao Amazonica: desvendando espaco e representacoes dos festejos em comunidades amazonicas, Curitiba, SK ed., 2009.

KRAVIGNY F. W., The jungle route, New York, ?, 1940.

LEHMANN H., Essays zur Physiognomie der Landschaft (Hrsg. von Anneliese Krenzlin u. Renate Muller), "Erdkundliches Wissen", H. 83, Stuttgart, Franz Steiner Verlag Wiesbaden, 1986.

LEVI-STRAUSS C., Tristes tropiques, Paris, Plon, 1955 (ed. ital., Mondadori, 1988).

LIMA D., POZZOBON J., Amazonia socio ambiental: sustentabilidade ecologica e diversidade social, Estudos Avancados 54, Dossie Amazonia brasileira II, Instituto de Estudos Avancados, Universidade Sao Paulo, v. 19, n. 54, mai/ago 2005, pp. 45-76.

LOPES SARAIVA A., SILVA da COSTA J., "Espacialidade das festas religiosas em comunidades ribeirinhas de Porto Velho, Rondonia", Espaco e Cultura, UERJ, RJ, n. 24, Jul./Dez. 2008, pp. 7-18.

[?] ADRIANO

MACHADO de LIMA A., Terras de Rondonia, Rio de Janeiro, IBGE, 1969; Parecis, 1997.

MADDRELL A., "Mapping changing shades of grief and consolation in the historic landscape of St. Patrick's Isle, Isle of Man", in M. Smith, J. Davidson, L. Cameron, L. Bondi (eds.), Emotion, place and culture, Farnham (UK)-Burlington (Usa), Ashgate, 2009, pp. 35-55.

MATIAS F., Pioneiros. Ocupacao humana e trajetoria politica de Rondonia, Porto Velho, Maia, 1997.

MEIRELLES FILHO J., Amazzonia, Milano, Corbaccio, 2007.

MENEZES N., DEYVESSON I. GUSMAO, Presidio da ilha de Santo Antonio do Rio Madeira, Porto Velho, Tribunal de justica do estado--centro de documentacao historica, 2005.

MERLEAU-PONTY M., Senso e Non senso, Milano, Il Saggiatore, 1962.

MERLEAU-PONTY M., Fenomenologia della percezione, Milano, Il Saggiatore, 1965.

MONTEIRO M. A., "Meio seculo de mineracao industrial na Amazonia e suas implicacoes para o desenvolvimento regional", Estudos Avancados, vol. 19, n. 53. pp. 187-207.

MOOG V., Bandeirantes e pioneiros, Rio de Janeiro, Civilizacao Brasileira, 1969.

MORAN E. F., "Deforestation and land use in the Brazilian Amazon", Human Ecology, vol. 21, n.1/March 1993, pp. 1-21.

MORRIS S. M. and THOMAS C., "Placing the dying body: emotional, situational and embodied factors in preferences for place of final care and death in cancer", in J. Davidson, L. Bondi and M. Smith (eds.), Emotional Geographies, Aldershot (UK)-Burlington (Usa), Ashgate, 2005, pp. 19-32.

MURRAY-SCHAFER R., Il paesaggio sonoro, Milano, Ricordi-Unicopli, 1997.

NOGUEIRA J., A Madeira Mamore: a bacia do Mamor, Jornal do Comercio. Rio de Janeiro, 31.1.1913.

NUNES LEAL P., O Outro Braco da Cruz, Governo de Rondonia, Porto Velho, 1984.

OLIVIEIRA O. A. (de), Assim e Rondonia, Porto Velho, Dinamica, 2000.

OLIVEIRA O. A. (de), Geografia de Rondonia. Espaco & producao, Porto Velho, Dinamica, 2001 (3a).

PALLASMAA J., The eyes of the skin. Architecture and the senses, New York, John Wiley, 2005 (ed. ital., Gli occhi della pelle. L'architettura e i sensi, Milano, Jaca Book, 2007).

PASCAL B., Pensees, Paris, Faugere, 1844.

PENHA de MENEZES E., Retalhos para a historia de Rondonia, Porto Velho,

PMPV, vol. I, 1980; vol. II, 1990.

PERDIGAO F., BASSEGIO L., Migrantes amazonicos--Rondonia. Trajetoria da ilusao, Sao Paulo, Loyola, 1992.

PEREIRA de REZENDE N., Carajas: memorias da descoberta, Rio de Janeiro, Grafica e Editora Stampa, 2009.

PERSI P. (a cura), Territori contesi, Pollenza (Macerata), Ciocca, 2009.

PERSI P. (a cura), Territori emotivi. Geografie emozionali, Fano (Pu), Grapho5, 2010.

PILE S., The body and the city: psychoanalysis, space and subjectivity, London-New York, Routledge, 1997.

PITTE J.-R., "Introduction", in Dulau R., Pitte J.-R. (dir.), Geographie de odeurs, Paris, L'Harmattan, 1998, pp. 7-14.

PONTES PINTO E., Rondonia. Evolucao historica, Rio de Janeiro, Expressao e Cultura, 1993.

RIBEIRO da FONSECA D., "Uma cidade a Far West: tradicao e modernidade na origem de Porto Velho", in Secreteria Municipal de Cultura Esporte e Turismo, Porto Velho conta a sua historia, ABG Grafica e Editora, Porto Velho, 1998.

RIBEIRO DA FONSECA D., Estudos de Historia da Amazonia, Porto Velho, Grafica e Editora Maia, 2007.

RITIMO, Les dossiers documentaires en ligne, "Amazonie de tous les dangers, Amazonie de tous les espoirs", avril 2009.

RIVERO, S. L. M., Quais os Desafios para uma Agricultura Sustentavel em Rondonia?, Porto Velho, Editora da Universidade Federal de Rondonia, 2001.

RIZZO G. G., Amazzonia co yvy ore retama. Distruzione, sopraffazione, speculazione, Roma, Gangemi, 2006.

ROGER A., Nus et paysages. Essai sur la fonction de l'art, Paris, Aubier, 1978.

ROGER A., Court traite du paysage, Paris, Gallimard, 1997 (ed. ital., Breve trattato del paesaggio, Palermo, Sellerio, 2009).

SAMPAIO W., SILVA V., Os povos indigenas de Rondonia: contribuicoes para a compreensao e sua cultura e de sua historia, Porto Velho, Unir, 1998.

SANTILLI M., Madeira-Mamore: imagem & memoria, Sao Paulo, Memorias Discos Edicoes: Mundo Cultura, 1988.

SEPLAN/RO-NURE, Cinco Anos de Migracao em Rondonia. Porto Velho, 1984.

SEPLAN/RO-NURE, Boletim de Migracao, Porto Velho, 1985.

SERVICO DE APOIO AS MICRO E PEQUENAS EMPRESAS DE RONDONIA --SEBRAE, Diagnostico Socioeconomico. Cacoal, Porto Velho, 1999.

SILVA da COSTA J., Mito e Lugar. Dissertacao de Mestrado, Dep. de Geografia--Universidade de Sao Paulo, USP, 1994.

SMITH M., DAVIDSON J., CAMERON L., BONDI L. (eds.), Emotion, place and culture, Farnham (UK)-Burlington (Usa), Ashgate, 2009.

SOARES MACEDO S., Quadro do paisagismo no Brasil, Sao Paulo, Edusp, 1999.

SOBRAL da SILVA MARROCOS A., "Uma historia da Estrada de Ferro Madeira Mamore", Compendio de historia de Rondonia, Fundacao Cultural do Estado de Rondonia (FUNCER), Porto Velho, 1993.

SOUZA M. (de), Mad Maria, Rio de Janeiro, Civilizacao Brasileira, 1980.

TEIXEIRA C. Correa, Visoes da Natureza. Seringueiros e Colonos em Rondonia. Sao Paulo: Educ/Fapesp, 1999.

TEIXEIRA M. A. D., "Mortos, dormentes e febris: um estudo sobre o medo, a morbidade e a morte nos vales do Guapore e Madeira entre os seculos VIII e XX", in Secreteria Municipal de Cultura Esporte e Turismo, Porto Velho conta a sua historia, ABG Grafica e Editora, Porto Velho, 1998 (1a, 1988).

THERY H., "Routes transamazoniennes et reorganisation de l'espace: le cas de Rondonia", Cahiers d'Outre-Mer, vol. 34, n. 133, pp. 5-22.

THIEBLOT M. J, Rondonia: um folclore de luta, Sao Paulo, Conselho Estadual de Artes e Ciencias Humanas, 1977.

THRIFT N., "Intensities of feeling: towards a spatial politics of affect", Geografiska Annaler Series B, vol. 86, n.1, 2004, pp. 57-78.

THRIFT N. J., Non-Representional Theory. Space, Politics, Affect, London, Routledge, 2007.

TOMLINSON H. M., The sea and the jungle, London, 1912.

VALVERDE O., A organizacao do espaco na faixa da Transamazonia, vol. I, Rio de Janeiro, IBGE, 1979.

Giuliana Andreotti (1)

(1) Professore ordinario di Geografia. Dipartimento di Filosofia, Storia e Beni Culturali. Facolta di Lettere e Filosofia. Universita degli Studi di Trento. Trento (Italia). giuliana.andreotti@lett.unitn.it

(2) Tutti i dati statistici federali e municipali sono forniti dall'IBGE, Instituto Brasileiro de Geografia e Estatistica di Rio de Janeiro, 2009.

(3) Ferro, oro, argento, platino, uranio, diamanti, pietre preziose, quarzo, manganese, magnesite, rame, bauxite, nichel, stagno, petrolio, litio, sono alcune delle ricchezze minerarie offerte dalla regione. Alla fine degli anni Sessanta nella Serra dos Carajas e stato scoperto il pio ricco giacimento di ferro a cielo aperto del mondo: una riserva valutata in 18 miliardi di tonnellate. Il ferro e considerato il pio puro del pianeta (Pereira de Rezende, 2009).

(4) Le vie interne navigabili si estendono per 52.000 km. Lungo il Rio delle Amazzoni sorgono con sempre maggior intensita terminali fluviali (Geografia, I, 2006, p. 300).

(5) Le risorse dell'Amazzonia, il loro sfruttamento e la ricerca di uno sviluppo meno devastante, sono oggetto di una ricca letteratura in molti Paesi e lingue del mondo. Si vedano, ad esempio: Browder, 1988, pp. 247-283; Moran, 1993, pp. 1-21; Monteiro, 2005, pp. 187-207. Barreto, Souza, Nogueron, Anderson e Salomao, 2006; Mireilles Filho, 2007; Ritimo, avril 2009.

(6) Su questo punto si veda, ad esempio, G. Andreotti, "Architettura del paesaggio e poetiche emozionali", in E. Soraci (a cura), Atti del Convegno "Dall'immagine all'immaginato: una nuova percezione della Geografia", Casale Monferrato 4-6 settembre 2008, in CD. Allo stesso modo si prendano in considerazione gli Atti del IV Conv. Intern. di Beni Cult., Pollenza (Mc), 11-13 luglio 2008: P. Persi (a cura), Territori contesi. Campi del sapere, identita locali, istituzioni, progettualita paesaggistica, Pollenza (Mc), Ciocca, 2009.

Tutto giocato sul tema dei "Territori emotivi. Geografie emozionali" e stato un altro Convegno org anizzato da Peris Persi a Fano (4-6 settembre 2009). Gli Atti (2010) sono usciti a Fano per i tipi di Grapho5.

(7) La recente svolta emozionale in geografia e sicuramente pio che una moda di passaggio. Basta osservare il gran numero di pubblicazioni, convegni e corsi dedicati all'argomento. Tra i volumi, oltre al citato lavoro di Giuliana Bruno, si ricordano: Davidson J., Bondi L. and Sdmith M. (eds.), Emotional Geographies, 2005; Smith M., Davidson J., Cameron L., Bondi L. (eds.), Emotion, Place and Culture, 2009.

Riflessioni sui rapporti soggettivi con lo spazio urbano sono stati anticipati da Steve Pile in The body and the city: psychoanalysis, space and subjectivity, 1997.

Sorprendente e la quantita di saggi e articoli. Tra essi: Anderson K., Smith S. J., "Editorial: Emotional Geographies", 2001, pp. 7-10; Thrift N., "Intensities of feeling: towards a spatial politics of affect", 2004, pp. 57-78; Kearney A., "Homeland emotion: an Emotional Geography of heritage and homeland", 2009, pp. 209-222.

L'Australia si segnala per convegni e sessioni di colloqui. Particolarmente rilevante il symposium di Adelaide del 6-8 aprile 2010: "Third International and Interdisciplinary Conference on Emotional Geographies".

(8) Il colore rosso e dato dallo strato di sabbie e argille colorate del miocene e del quaternario che formano il bassopiano (Planicie Amazonica), nonche dai calcari metamorfici e da strati orizzontali arenosi e argillo-arenosi di colore rosso che ricoprono le antichissime rocce cristalline precambriane e mesozoiche, base dell'altipiano brasiliano (Planalto Sul-Amazonico). Questo corrisponde allo scudo sudamericano, una delle pio antiche masse continentali emerse, modellata in penepiano dalla lunghissima erosione subaerea. Estese aree sono occupate da grandi masse di granito, talora tagliate da dicchi di diabase. Si distinguono anche vari tipi di gneiss, anfiboliti, quarziti e filladi.

Il territorio della Rondonia e in gran parte ritagliato nell'altipiano, estremo settore nord-occidentale del Planalto Central Brasileiro. Ha forma piuttosto compatta, con una leggera disposizione nord-ovest sud-est che e il senso delle principali sierre: la Serra dos Pacaas-Novos e parte della Chapada dos Parecis. Queste, specialmente sul versante esterno, degradano verso il bassopiano con modeste scarpate che determinano rapide e cascate nei fiumi, come nel caso dell'alto Madeira. Nel letto dei corsi d'acqua dominano formazioni di sedimenti recenti costituiti da grossolane sabbie ferruginose (Penha de Menezes, 1980, pp. 100-101). Nel Madeira si setacciano le sabbie per ricavarne l'oro, presente anche nei depositi di altri fiumi amazzonici.

(9) Una ricchissima serie di fonti sull'origine della citta e presentata da Dante Ribeiro da Fonseca (2007, pp. 86-90).

(10) Sembra che il toponimo originario sia stato Ponto do Velho (= Punto del Vecchio). Nel luogo ove si trovano la caserma dell'estinta Guardia Territoriale e il porto del Servizio di Navigazione del Madeira sorgeva una casa rurale al centro di molti frutteti, tra cui un esteso bananeto, proprieta del Senhor Pimentel, conosciuto come Velho Pimentel. Nella sua casa si fermavano abitualmente raccoglitori di cauccio, agricoltori e pescatori, per prendere un caffe speciale, tostato in un coccio di argilla e pestato con il pestello, e cambiare i vestiti bagnati con altri asciutti, prima di mettersi in viaggio per il mercato di Santo Antonio. Il ricordo del luogo e del vecchio che garantiva una simile ospitalita sarebbe passato alla citta.

Un'altra versione vuole che il nome derivi da Porto Velho di Santo Antonio, alla foce del Bate Estaca, sulle terre dell'italiano Frandolli, ove avvenivano le operazioni portuali, quando le imbarcazioni non potevano raggiungere Santo Antonio a causa dell'acqua bassa del fiume nella stagione siccitosa (Penha de Menezes, 1980, pp. 311-312).

(11) I caraibici portavano con se le famiglie, pertanto non potevano alloggiare nelle dimore costruite dalla ferrovia per i lavoratori, ove erano ammessi solo gli scapoli. Oltre alla grande quantita di oriundi delle Barbados, vi erano immigranti di Trinidad e Tobago, Grenada, St. Vincent, St. Lucia e Martinica. La cultura caraibica ha influenzato non solo le costruzioni, ma anche la musica, la danza e la gastronomia della citta.

(12) E difficile capire come si fossero creati campi da tennis per i nordamericani al fine di non far loro mutare improvvisamente il modo di vita, considerate le precauzioni prese nelle residenze contro le punture di insetti. Probabilmente anche queste strutture erano schermate da reti di fili di rame.

(13) Il nome fu mutato in omaggio a Candido Rondon o Marechal Rondon (1865-1958), ufficiale dell'esercito brasiliano che esploro il Mato Grosso e il bacino occidentale dell'Amazzonia. Di origini miste, portoghesi e bororo, difese la popolazione indigena. Nel 1910 contribui a fondare e fu il primo direttore del Servico de Protecao aos Indios (SPI), trasformato nella Fundacao Nacional do Indio (FUNAI), la prima istituzione di protezione degli indios e della loro cultura. Per essi nel 1952 in Mato Grosso creo la prima riserva, il Parco Nazionale Xingu. Nel 1919 divenne capo del Corpo Brasiliano di Ingegneri e fu alla testa della Commissione Telegrafica. A lui si deve la posa delle linee telegrafiche che congiunsero il confine occidentale del Brasile al resto del Paese. Considerato il padre delle telecomunicazioni brasiliane, ebbe il titolo di Marechal, il pio alto grado militare in Brasile (Levi-Strauss, 1955; 1988, pp. 277-278 e passim; Valverde, 1979; Thery, 1981, pp. 5-22; Coy, 1988, p. 171).

(14) In seguito la Madeira Mamore Railway Company si associo alla May Jakyll & Randolph.

(15) I dati provengono dall'Associacao dos Amigos Madeira-Mamore e dalla Madeira-Mamore Railway Society, entita senza fini di lucro che lottano per la conservazione e rivitalizzazione del patrimonio rimanente dell' Estrada de Ferro Madeira-Mamore (EFMM).

(16) Il miscuglio etnico ha originato caleidoscopiche tradizioni culturali, evidenti particolarmente nella gastronomia, in cui la cucina indigena convive con il sushi, le influenze nordestine e le diversita andine.

(17) Al suo posto dal 1914 sorge la Capela de Santo Antonio. Il luogo e di grande rilevanza per la comunita, sia per la vicinanza all'omonima cascata, sia per la devozione popolare al santo.

(18) Per non rompere il Trattato di Petropolis del 1903, fu necessario sostituire la linea ferroviaria con una strada rotabile tra Porto Velho e Guajara-Mirim. Ne e derivata la BR-425. La BR-364, che da Porto Velho si muove in direzione di Guajara-Mirim, non tocca la citta, ma la supera a settentrione (Nunes Leal, 1984).

(19) La religiosita popolare ha associato le tre cisterne alle figure evangeliche di Maria, madre di Geso, Maria di Magdala (Maddalena), Maria di Betania, sorella di Marta e di Lazzaro.

(20) Le copie della Revista Illustrada sono i numeri 348, 349 e 356 del 1883.

(21) Sul fotografo di New York Dana B. Merrill, inviato per un anno (1909-1910) a raccogliere la documentazione fotografica su ogni aspetto della ferrovia e lascio duemila scatti si vedano le opere del sovrintendente alla costruzione della EFMM, F. W. Kravigny (1940), del professore della Stanford University, CH. A. Gauld (1964; 2006), di M. Ferreira (1959; 2005) e di F. Foot-Hardman (1988; 2005).

(22) Il luogo ove sorse l'ospedale, voluto dalla Compagnia per il suo personale, apparteneva inizialmente a un boliviano. Questi lo vendette a un italiano, di nome Bertini, il quale lo denomino Candelaria, in omaggio a Nossa Senhora das Candeias, la cui festa si celebra il 2 febbraio.
COPYRIGHT 2011 Editora da UFPR
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2011 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Author:Andreotti, Giuliana
Publication:Ra'e Ga
Date:Jun 1, 2011
Words:14201
Previous Article:Apresentacao.
Next Article:Cultura e dimensoes do viver em Yi-Fu Tuan: algumas aproximacoes geograficas.

Terms of use | Privacy policy | Copyright © 2019 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters