Printer Friendly

<>. Note sull'origine e sull'utilizzazione del principio tra medioevo e prima eta moderna.

Resumen: El principio enunciado en el titulo aparece entre las regulae iuris situadas al final del Liber Sextus de Bonifacio VIII. Encuentra su origen en el derecho privado recogido en el corpus justinianeo, y paso al campo del derecho publico a traves del ius decretalium. El principio fue usado durante siglos como argumento juridico y racional en las discusiones sobre la dinamica del ejercicio del poder, tanto dentro de la Iglesia como en el ambito de las instituciones seculares. Las reflexiones de los juristas (asi como de los filosofos, teologos y escritores politicos) situaron el principio entre los instrumentos y procedimientos que hacen posible la participacion de la comunidad (a traves de sus representantes) en el gobierno de la res publica: la aprobacion de los miembros se concibe como un limite del poder de quien ostenta el gobierno de la comunidad. En las elaboraciones teoricas el principio de la participacion y de la aprobacion se ve como derivacion de la razon: pertenece a la esfera del derecho natural o al ius gentium.

Palabras clave: Gobierno eclesiastico; Gobierno secular; consentimiento o aprobacion; participacion; ius commune; Medievo y primera edad moderna.

Abstract: The principie enunciated in the title appears among the regulae iuris placed at the end of the Liber Sextus of Boniface VIII. It originates from the private law of Justinian, and shifted to the field of public law through the ius decretalium. The principle was used for centuries as a legal and rational argument in discussions on the dynamics of the exercise of government power, both in the Church and in secular institutions. The jurists (as well as philosophers, theologians, and political writers) placed the principle among the tools and procedures that enable the participation of the community (through its representatives) in the government of the res publica: the consent of the subjects is conceived as a limit to the power of anyone who has the government of the community. The principle of participation and consent is seen to descend from reason: it belongs to natural law orto the ius gentium.

Keywords: Church government; secular government; consent; participation; ius commune; medieval and early modern ages.

<<Quod omnes tangit, debet ab omnibus approbari>>. Notes on the origin and use of the principle from the Middle Ages to the early Modern era *

1. PREMESSA. UNA REGULA IURIS DEL LIBER SEXTUS

Sin dalle sue origini la scienza giuridica medievale ha prestato attenzione al tema della partecipazione dei componenti di una comunita--sia essa politica o ecclesiastica--alle decisioni che riguardano la comunita stessa. Il contributo del pensiero giuridico alia elaborazione teorica dei modelli di partecipazione e agli sviluppi pratici di tali modelli puo essere indagato sotto molteplici punti di vista. Intendo trattare il tema a partire dal principio enunciate nel titolo: <<quod omnes tangit, debet ab omnibus approbari>>. In questa formula esso compare tra le regulae iuris poste alia conclusione del Liber Sextus di Bonifacio VIII (1298) (1). Il principio, tuttavia, ha una storia ben phi antica, perche lo vediamo circolare a partire dalla seconda meta del secolo XII. Esso fu utilizzato per secoli quale argomento giuridico e razionale nelle discussioni sulle dinamiche dell'esercizio del potere di governo.

2. IL PRINCIPIO <<QUOD OMNES TANGIT>>: DALLE ORIGINI ROMANE ALLA UTILIZZAZIONE NELLA PRASSI DI GOVERNO ECCLESIASTICA E NELLA DOT-TRINA CANONISTICA (SEC. XII-XIV)

Il principio in questione trae la sua origine dal diritto private giustinia-neo. I giuristi medievali lo trovavano formulate in una costituzione, traman-data dal Codex, riguardante la tutela. Essa stabilisce che, quando i tutori stanno amministrando congiuntamente il patrimonio dello stesso pupillo, la loro amministrazione congiunta puo essere terminata solo il consenso di tutti: <<Tunc etenim, sive testamentarii sive per inquisitionem dati sive legitimi sive simpli-citer creati sunt, necesse est omnes suam auctoritatem praestare, ut, quod omnes similiter tangit, ab omnibus comprobetur>> (2). Queste ultime parole erano idonee a essere estratte dal loro contesto originale, perche esprimevano un principio pronto a essere applicato in situazioni diverse. Al culmine di que-sto processo di depurazione, il principio fu canonizzato tra le regulae iuris del Liber Sextus. Non e un caso che dal diritto giustinianeo il principio sia appro-dato a una compilazione legislativa della Chiesa. Infatti proprio la scienza ca-nonistica fu il principale tramite della diffusione del principio nel discorso giuridico, politico e teologico.

L'utilizzazione del principio e attestata da alcuni scritti canonistici degli ultimi due decenni del secolo XQ. La anonima summa Reverentia sacrorum canonum, di scuola francese (1183-1192), menziona il principio trattando della questione del papa eretico (a fide devius): poiche cio che e buono e riguarda tutti da tutti deve essere approvato, alio stesso modo l'eresia, che e un male, riguarda tutti i giudici della Chiesa, e quindi da tutti (forse) dovrebbe essere condannata (3). Ma fu attraverso la Summa decretalium di Bernardo da Pavia che il principio guadagno ampia diffusione nel contesto della scienza giuridica. Bernardo utilizza il principio nel quadro delle questioni riguardanti il governo della diocesi, i rapporti tra vescovo e capitolo cattedrale, le procedure deci-sionali dei capitolo: <<Sciendum est igitur, quod in his quae a capitulo fieri vel ordinari debent, omnium consensus est requirendus, ut quod omnes tangit ab omnibus comprobetur>> (4). Il capitolo cattedrale rappresenta una sorta di microcosmo, nel quale si compendiano problemi di carattere generale. In quale modo si forma la volonta delle persone giuridiche collegiali? In quale modo gli appartententi a una comunita o a un collegio (universitas, collegium) possono esprimere il loro consenso o dissenso su un particolare materia? II principio quod omnes tangit (= qot) fornisce una soluzione: le questioni che riguardano tutti, devono essere trattate e decise da tutti. Come vedremo piu avanti, i giu-risti si impegnarono a chiarire il significato e le conseguenze giuridiche del principio. Esso esprime una esigenza presente nella vita della Chiesa (e owia-mente delle comunita politiche), che le fonti del secolo XII esprimono in modo vario, non solo al livello della elaborazione dottrinale, ma anche delle pratiche di governo. Relativamente a questo tema, e stata messa in luce una significativa documentazione proveniente dalla Francia meridionale (5). Essa riguarda i conflitti intercorsi tra il capitolo di Maguelone e i vescovi succedutisi sulla cattedra episcopale di quella diocesi. In una decretale risalente agli anni 1167/1169, ad esempio, Alessandra III dava istruzioni alle parti in causa, enunciando la regola che le questioni che riguardano Putilita comune devono essere trattate e decise con una comune deliberazione: <<ut communi deliberatione tractetur quod ad communem utilitatem attendit>> (6). E evidente che tale regola esprime la medesima esigenza rappresentata dal principio qot. Questo compare esplicitamente in un documento del luglio 1200 a proposito di una decisione collegiale del capitolo di Maguelone: <<et ne ambiguitas altercationum futuris temporibus penitus sit explosa, rationi fuit consentaneum ut quod omnes tan-gebat, in ecclesiae capitulo ab omnibus comprobetur>> (7).

Tra la fine del secolo XII e gli inizi del XIII il principio qot ha ampiamente consolidara la sua presenza nel linguaggio dei papi legislatori e dei giuristi. Innocenzo III, ad esempio, lo utilizza per rondare e raffbrzare una sua decisione riguardante la collaborazione tra un vescovo e l'arcidiacono nella scelta o nella rimozione dei decani rurales: <<Ad hoc breviter respondemus, quod, quum iuxta imperialis sanctionis auctoritatem ab omnibus quod omnes tangit approbari debeat, et quum commune eorum decanus officium exerceat, com-muniter est eligendus, vel etiam amovendus>> (8).

Al tema della partecipazione nel governo ecclesiastico attiene anche la decretale Etsi membra di Onorio III (9). Essa prende le mosse dalle rimostranze sollevate dai capitoli cattedrali della provincia ecclesiastica di Sens: l'arcive-scovo e gli altri vescovi suffraganei non avevano voluto ammettere i procura-tori dei capitoli a partecipare al concilio provinciale. Nel concilio sarebbero state trattate anche materie riguardanti gli stessi capitoli; percio i capitoli si appellarono alia Sede Apostolica. Onorio III stabilisce che i capitoli, attraverso i loro rappresentanti, devono essere ammessi a partecipare al concilio provinciale, <<maxime super illis, quae ipsa capitula contingere dignoscuntur>>. E importante notare che Onorio ILI inquadra questa decisione in un contesto ecclesiologico di tipo corporativo. Ai destinatari della decretale il papa ricorda che la Chiesa e un corpus e che tra il caput e le diverse membra sussiste (deve sussistere) una necessaria interdipendenza (connexio in caritatis unitate) (10).

La glossa ordinaria di Bernardo da Parma approva con plauso la decisione papale: <<et merito, quia quod omnes tangit ab omnibus debet comprobari>>" (11). Ma vi e di pio. La decretale Etsi membra diviene una sede tipica a margine della quale i giuristi discutono sulla possibilita che i laici partecipino ai concili. Secondo Bernardo da Parma, la loro partecipazione e normalmente esclusa, eccetto che nei casi riguardanti tutti i fedeli (la causa fidei) o specificamente i laici (il matrimonio).

3. ASPETTI DEL FUNZIONAMENTO DEL PRINCIPIO <<QUOD OMNES TANGIT>>: I SINGULI E IL COLLEGIUM

Il principio qot sembrerebbe imporre che le questioni di interesse comune debbano essere decise con una deliberazione unanime: in questo senso e usato, ad esempio, nella costituzione di Giustiniano sopra richiamata. Ma la questione e di sapere se una deliberazione unanime degli interessati sia sempre necessaria. II problema fu particolarmente approfondito dai giuristi, che lo risolsero attra-verso una ingegnosa distinzione. Potrebbe soprendere che alie origini Bernardo da Pavia abbia collegato il principio qot non gia alia regola della unanimita, ma a quella della maggioranza (12). Il suo punto di osservazione, lo ricordiamo, era il modo di agire del capitolo cattedrale. Secondo Bernardo, il principio esige che nelle materie di interesse comune si debba chiedere consenso di tutti gli interessati. Nel corpo collegiale (universitas), tuttavia, prevale di regola la volonta della maggioranza: di regola, perche il dissenso della minoranza potrebbe fondarsi su una rationabilis causa. Siamo di fronte alia dialettica, che ha trovato espressione e sviluppo nel diritto canonico, tra maior pars e saniorpars. In breve, la maior pars prevale solo in quanto sia anche saniorpars, cioe la parte sostenuta da ragioni piu forti e "sane". Cio apre la via a una possibile prevalenza della minor pars, qualora essa sia anche sanior. II sistema, come si comprende, puo funzionare solo in quanto sia possibile un appello a una istanza gerarchicamente superiore, che decida quale parte, la maggioranza o la minoranza, debba prevalere.

Sulla scia di Bernardo da Pavia, il principio qot fu considerate uno strumento per promuovere la partecipazione dei componenti di una comunita (politica o ecclesiastica) alie decisioni che riguardano la comunita stessa. In quanto si applica ai corpi collegiali, il principio deve coordinarsi con le regole che definiscono le modalita attraverso le quali il corpo stesso definisce la propria volonta. Pertanto, tutti gli interessati hanno il diritto di essere convocad nell'assemblea (e il correlativo dovere di parteciparvi). Ma la volonta del corpo collegiale si definisce attraverso l'applicazione del principio di maggioranza (temperate dal principio della sanior pars nel caso specifico dei corpi ecclesiastici) (13). Il carattere complementare del principio qot e della regola della maggioranza e posto in luce dai canonisti quando commentano un capitolo del Liber Extra che disciplina la consacrazione dei vescovi. La norma stabilisce che la consacrazione dell'arcivescovo sia compiuta da tutti i vescovi della provincia (la norma originale, una decretale pseudoisidoriana, richiedeva questo anche per l'elezione dei vescovi) (14). Il commento di Enrico da Susa, sulla scia della glossa ordinaria di Bernardo da Parma, e estremamente chiaro: <<sic habes argumentum ad illud generale, quod omnes tangit debet ab omnibus comprobari ... Dicas, quod in hoc casu omnes vocandi sunt ... et si omnes concordant, bene quidem, alioquin maiori parti standum erit ... nisi minor pars rationabile quid pretendat ...>> (15).

A margine di queste discussioni, i civilisti chiariscono una ulteriore questione di ordine tecnico. Sulla base di un frammento del Digestum essi spie-gano, innanzi tutto, che e necessaria la presenza dei due terzi dei componenti il collegio. Per la validita della deliberazione e sufficiente il consenso della maggioranza dei presenti (16).

Vi sono dei casi, al contrario, nei quali la regola della maggioranza non e applicabile, ma piuttosto si richiede una deliberazione unanime. II discrimine tra le due ipotesi passa attraverso la distinzione tra cio che e commune pluribus uti singulis, e cio che e commune pluribus uti collegium. Questa distinzione appare gia formulata nella glossa ordinaria di Bernardo da Parma sulle Decretales di Gregorio IX (17), ma si affermo definitivamente attraverso il commento di Dino del Mugello sulla regula iuris del Liber Sextus (18). La regola della maggioranza si applica quando si tratta di materie che competono pluribus uti collegium o uti universis, cioe di materie riguardanti la persona giuridica collegiale nel suo complesso. Secondo Giovanni d'Andrea, <<illud dicuntur omnes facere, quod facit maior pars>> (19). Nei casi in cui la decisione e comune pluribus uti singulis, invece, si richiede il consenso di tutti. Lesempio e quello della citata costitu-zione giustinianea in tema di tutela, o quello della costituzione di una servitu su un bene di proprieta di piu persone: il consenso di tutti e richiesto affinche tale costituzione possa avere validita ed effetto (20). In sostanza, si esige un consenso unanime quando la deliberazione riguarda i diritti individuali dei componenti un collegium, o anche di una serie indistinta di persone. Quest'ultima ipotesi e trova esempio in un'opinione di Giovanni d'Andrea. Il canonista si chiede se il papa possa imporre ex novo la continenza agli accoliti. La risposta e che il papa possa farlo solo rispetto a coloro che non siano stati ancora ordinari accoliti; tale decisione, invece, non potrebbe (non dovrebbe) avere effetto su coloro che siano gia accoliti al momento in cui la nuova norma e stabilita (21). L'esempio porta to da Giovanni d'Andrea puo non suscitare parucolare emozione o interesse in noi lettori del secolo XXI. Tuttavia, al di la del caso specifico, e chiaro che attraverso tale esempio emerge l'idea che i diritti individuali devono essere tutelad di fronte agli interventi del potere legislativo: i diritti quesiu (in questo caso, la facolta di contrarre matrimonio) possono essere modificad solo con il consenso degli individui che ne sono titolari. Come dira incisivamente Bartolo da Sassoferrato, il consenso di tutti gli interessati e richiesto <<quantum ad preiudicium singulorum>> (22).

4. AMBITI DI UTILIZZAZIONE DEL PRINCIPIO NEL CONTESTO ECCLESIASTICO

Il significato, gli effetti, i limiti del principio qot sono il frutto della elaborazione scientifica dei giuristi. Tale elaborazione ispira la prassi giuridica e a sua volta ne e ispirata. Abbiamo visto come gli stessi Pontefici romani nelle loro decretali avevano maturato e imposto l'idea che le questioni comuni devono essere trattate e deliberate dalle persone interessate.

Loperativita del principio qot e visibile a tutti i livelli della vita della Chiesa. In generale, esso opera nel campo della decisioni delle persone giuridiche colle-giali, sia secolari che religiose. Un ambito tipico di applicazione e quello delle elezioni. In questo settore esso si connette armoniosamente con due ulteriori principi che hanno origine nella tarda antichita. A proposito delle elezioni epi-scopali Celestino I (428) aveva affermato che nessun vescovo deve essere imposto a una comunita che non lo voglia: <<nullus invitis detur episcopus>> (23). Sulla stessa linea, Leone Magno (445) aveva stabilito che colui che e preposto al governo della comunita deve essere eletto da tutti gli appartenenti alia comunita stessa: <<qui praeiuturus est omnibus, ab omnibus eligatur>> (24). In un'altra decretale il me-desimo pontefice aveva anche detto che per nessuna ragione (<<nulla ratio sinit>>) possono essere accolti nel collegio episcopale vescovi che non siano stati eletti dal clero e richiesti dal popolo della diocesi (25). Attraverso le collezioni canoniche tali testi attraversano l'alto medioevo, giungono nel Decretum di Graziano, entrano nelle argomentazioni dei giuristi e nel discorso politico.

Il principio qot e frequentemente invocato a proposito dei concili, nei quali, secondo la tradizione della Chiesa, sono trattate questioni che riguardano la fede e la disciplina ecclesiastica.

Sebbene non sia esplicitamente citato, e evidente che il principio sta alia base della bolla con la quale Innocenzo III convoco il Concilio Lateranese IV, che si svolse nel 1215. I propositi del papa riguardavano la recuperado Terre Sanctae e la reformatio universalis Ecclesiae: <<poiche questi temi riguardano lo stato comune di tutti i fedeli, convochiamo un concilio generale secondo Tandea consuetudine dei Santi Padri>> (26). La convocazione e indirizzata innanzi tutto ai soggetti ecclesiastici: arcivescovi, vescovi, abati e priori dovranno con-venire a Roma personalmente o tramite <<idonei rappresentanti>> (<<idoneos responsales>>). La convocazione e estesa anche ai sovrani secolari. Essi sono invitati a mandare al concilio <<idonei rappresentanti>> (<<viros idoneos>>), poiche saranno trattati mold temi che attengono all'ordine delle cose temporali (27).

Nelle riflessioni dottrinali il collegamenti tra l'istituzione concillare e il principio qot diviene esplicito e frequente.

Umberto di Romans ([cruz] 1277), maestro generale dell'Ordine dei Predi-catori, menziona il principio quando espone le ragioni per le quali i concili sono convocati (28). II concilio e il luogo nel quale la Chiesa suole trattare le questioni difficili che riguardano tutti, e che perianto richiedono il consilium della multitudo dei partecipanti: attraverso il confronto delle opinioni si favorisce l'azione dello Spirito Santo che assiste la Chiesa.

Il concilio e un luogo nel quale si concentra la coscienza della Chiesa. Guglielmo Durante il Giovane ([cruz] 1330) vede nel concilio generale il centro di irradiazione di una reformatio in capite et in membris. Piu in generale, egli ritiene che l'assemblea sia l'istituzione nella quale il potere del papa e dei sovrani laici possa essere controllato e limitato entro i confini della ragione. In particolare, papa e sovrani laici non dovrebbero andare contro le leggi poste dai concili generali o contro il diritto comunemente recepito (approbatum) senza convocare un generale concilium. A fondamento di questa proposta Guglielmo pone il principio qot: esso e qualificato come regula utriusque iuris, cioe principio comune al diritto civile e al diritto canonico (29).

Durante la crisi successiva al 1378--il "grande scisma" che opponeva il papa avignonese al papa romano--il principio qot fu ripetutamente invocato per sostenere la necessita della via conalii: solo il concilio generale puo risolvere con autorita i problemi dello scisma, poiche esso rappresenta la Chiesa universale. Alie origini della crisi, il principio qot e utilizzato in questo senso da Conrad von Gelnhausen (30) (1380) e da Heinrich von Langenstein (31) (1381). E bene sottolineare una significativa precisazione presente nel loro discorso: i problemi che riguardano tutti devono essere trattati ab omnibus, vel vice omnium. II concilio, come si e detto, e il luogo dove si realizza la rappresentanza della Chiesa. Poiche e impossibile convocare tutti i fedeli, i legittimi partecipanti del concilio hanno il potere di agire in rappresentanza della Chiesa universale.

5 AMBITI DI UTILIZZAZIONE DEL PRINCIPIO NEL CONTESTO DELLE ISTITUZIONI SECOLARI

Il panorama delle istituzioni secolari presenta aspetti non diversi da quelli che riguardano la Chiesa. Nell'Europa del secolo XII si diffonde la prassi di convocare assemblee politiche chiamate curiae, colloquia o parlamenta, basate sul principio della rappresentanza. Si fa strada l'idea che non e possibile governare senza consenso, ma e possibile governare il consenso e il modo di ottenerlo. In tali assemblee convergono i rappresentanti dei vari ordini della societa (clero, ordini religiosi, citta, signori feudali). Siffatto modello rappresentativo fu agevolato dall'utilizzazione di concetti provenienti dal ius commune. I rappresentanti delle istituzioni corporative sono qualificati come proairatores muniti di plena potestas (32); a giustificazione della loro convocazione e spesso allegato il principio qot. I giuristi danno una puntuale lettura di questi fenomeni utilizzando i concetti che la scienza giuridica ha elaborate pariendo dai materiali del Corpus iuris civilis e delle compilazioni canonistiche (33).

Gli esempi potrebbero moltiplicarsi, e mostrano Pampia diffusione di modelli radicad nella cultura del ius commune.

Nel 1244 Federico II convoca una curia generale dell'impero a Verona, per ristabilire la pace nella Chiesa: il principio qot e posto alia base della convocazione di una assemblea nella quale devono essere trattate questioni che riguardano <<specialiter singulos ac generaliter universos>> (34).

In questo contesto, non sorprende trovare un esplicito riferimento al principio qot nel famoso writ con il quale Edoardo I, re di Inghilterra, convoca in parlamento i rappresentanti del clero (1295): <<Sicut lex iustissima, provida circumspectione sacrarum principum stabilita, hortatur et statuit ut quod omnes tangit ab omnibus approbetur, sic et nimis evidenter ut communibus periculis per remedia provisa communiter obvietur>> (35). Mi sembra che il richiamo al principio qot non sia una fioritura dotta o retorica in un prowedimento di carattere occasionale. Cinque anni dopo, infatti, Edoardo I, nel contesto di un conflitto con Bonifacio VTII, sottopone il caso al parlamento di Lincoln con questa motivazione: <<Consuetudo est regni Angliae quod in negotiis tangentibus statum eiusdem regni requiratur consilium omnium quos res tangit>> (36).

Un tipico settore nel quale il principio qot e invocato e quello dell'imposizione tributaria. Si diffondono l'idea e la pratica che l'imposizione di nuovi tributi deve essere trattata e deliberata da assemblee rappresentative. Ancora una volta sarebbe possibile portare moltissimi esempi. Scelgo un documento riguardante lo Stato della Chiesa verso la meta del secolo XIV: e tratto dalle Constitutiones Aegidianae promulgate nel 1357 dal cardinale Egidio Albornoz, legato e vicario generale in temporalibus di Innocenzo VI. La costituzione abolisce una serie di imposte stabilite abusivamente da tyranni nei precedenti venticinque anni di disordini. Sono importanti alcune considerazioni di principio: e interesse della res publica che i cittadini siano ben dotad di beni, mentre le imposte abusive li hanno impoveriti. Inoltre, e conforme alia ragione che cio che riguarda tutti sia approvato da tutti: <<Reipublice interest locupletes habere subiectos, et, sicut rationi congruit, ut quod omnes tangit ab omnibus approbetur>>. E necessario, quindi, che i nuovi tributi siano imposti con il consenso degli interessati (37). La costituzione, in particolare, stabilisce che le somme riscosse attraverso i tributi siano utilizzate conformemente alia volonta espressa dalle assemblee dei cittadini, per evitare che il denaro sia impiegato abusivamente a vantaggio di soggetti privati. La destinazione delle somme riscosse deve essere stabilita <<a tota communitate, vel universitate, non tantum per modum consilii specialis, vel generalis, sed etiam per modum parlamenti generalis>> (38).

6. ALLA RICERCA DEI FONDAMENTI DEL PRINCIPIO: TRA RATIO, AEQUITAS, IUS NATURALE E IUS GENTIUM

I giuristi non si impegnano a chiarire quale sia il fondamento dei principio qot. Tuttavia, affermazioni che ricorrono qua e la nella documentazione inducono a dire che nella comune valutazione esso fosse considerato un principio di diritto naturale o di ragione. In questo senso si esprimono il documento francese dei 1200 piu sopra ricordato (rationi consentaneum) e la costituzione egidiana appena menzionata (sicut rationi congruit).

Questa interpretazione trova conferma se guardiamo al modo in cui il principio qot e utilizzato dai filosofi o dagli scrittori politici. Nelle loro opere e possibile rintracciare alcune esplicite riflessioni circa i suoi fondamenti.

Guglielmo di Ockham scrive il Dialogas negli anni Trenta del Trecento. Egli utilizza il principio qot nel quadro di una discussione riguardante l'elezione del Sommo Pontefice. Il suo discorso, pero, si apre verso prospettive piu ampie, perche tocca in generale il problema del modo in cui una comunita ecclesiastica o civile debba darsi un governante (<<praelatus vel princeps vel rector>>) (39). Pur senza espliciti riferimenti alle fonti, e evidente che Ockham allude ai due nod principi enunciad da Celestino I e Leone Magno (40): scrive, infatti, che colui che e preposto al governo di una universitas deve essere eletto dai membri della comunita, e che nessun governante puo essere imposto a chi non lo voglia. In questo contesto egli richiama anche il principio qot. Per Ockham electio, consensus e approbatio da parte dei membri della universitas configurano una procedura che si colloca nell'ambito del ius naturale, nella particolare accezione di diritto che <<ex iure gentium vel aliquo facto humano evidenti ratione colligitur>> (41): con un riferimento questa volta espresso--a un passo di Isidoro da Siviglia trasmesso da Graziano (D.1 c.7).

In quegli stessi anni, verso il 1340, Lupoid von Bebenburg scrive il Tractatus de iuribus regni et imperii Romanorum. Pur non citandolo nella formula classica, Lupoid utilizza il principio qot nel contesto di un capitolo diretto a provare l'indipendenza del regnum et imperium dalla Chiesa Romana (42). In quanto giurista (aveva studiato diritto canonico a Bologna alia scuola di Giovanni d'Andrea) Lupoid menziona alcune fond giuridiche alie quali il principio era tradizionalmente collegato. Ma, soprattutto, ricollega il principio alie sue fond: esso e dettato da aequitas et ratio naturalis, ed appartiene alia sfera del ius gentium (43).

7. UNA VOCE IN ETA MODERNA: BARTOLOME DE LAS CASAS. LIBERTA, CONSENSO, SOVRANITA POPOLARE

Collocare l'ambito di azione del principio qot nella sfera del ius naturale o del ius gentium comporta delle conseguenze. Cio significa che il valore che tale principio esprime e comune a tutti i popoli, ed e anche sottratto alia disponibilita degli uomini per la tendenziale intangibilita delle sfere dei diritti superiori.

Le conclusioni maturate nei secoli del Medioevo--attraverso il concorso dell'opera di giuristi, teologi, filosofi e scrittori politici--trascorrono nell'eta moderna senza soluzione di continuita. Questo patrimonio di pensiero offre strumenti e soluzioni a coloro che sono chiamati a confrontarsi con situazioni storiche profondamente diverse. Un caso esemplare e offerto, nel secolo XVI, da Bartolome de Las Casas. Non ho la pretesa di costringere in poche righe la ricchezza del suo pensiero. Intendo richiamare alcuni aspetti estremamente interessanti della sua opera dottrinale.

Nel trattato De regia potestate Bartolome de las Casas costruisce una teoria della sovranita popolare che appare fortemente debitrice del pensiero giuridico medievale. Egli non nega l'istituzione monarchica o imperiale, ma ne vede l'origine (causa effectiva, efficiens etfinalis) nella volonta del popolo: alla base sta l'idea della lex de imperio tramandata dalle fond giustinianee (44). Poiche il popolo e origine e fine della giurisdizione dei re e dei principi, le decisioni che lo riguardano devono essere prese con il suo consenso (45). Il popolo, in sostanza, non si e spogliato della propria sovranita, ma ne ha delegato l'esercizio a una persona chiamata ad agire nell'interesse della respublica. Percio a nessun sovrano e lecito stabilire alcunche a carico del popolo (tributa, serviria, in generale onera), senza che esso abbia dato il suo consenso. E l'autore non esita a dire che se il princeps o rex agisce senza tale consenso, il suo atto non e valido de iure (46).

La parola consensus risuona nel trattato con amplissima frequenza e costituisce la chiave di volta della costruzione teorica di Bartolome de Las Casas. Le basi giusnaturalistiche di questa teoria sono nutrite da materiali normativi e dottrinali della tradizione medievale. II consensus del popolo e lo strumento di un patto sociale--il termine e pacisci--che assume le forme della subiectio del popolo al rex (47). Per Las Casas la priorita del populus rispetto ai suoi governanti non e solo cronologica, ma discende dalla natura stessa (48). Qui compare un altro concetto fondamentale nella concezione di Las Casas. Il consenso, infatti, e un modo in cui si manifesta la naturale liberta della persona umana e quindi del popplo: una liberta che si esprime, in questo caso, nella scelta del proprio regime politico. E la liberta--aggiunge Las Casas sulla scia del giureconsulto romano Paolo--e res inextimabilis, un bene spirituale piu prezioso pio di qualsiasi altro bene materiale (49).

La liberta e il consenso fondano dunque la struttura contrattuale del rapporto tra i governati e i governanti. Da cio ha origine Pobbligo dei governanti di agire per il bene della res publica. Servizio (ministerium) e un altro concetto fondamentale di tale teoria. Il governante e minister legis, il governo e administratio e non dominium. Il governo e pertanto regolato dalle leggi, che Las Casas chiama significativamente leges politicae, cioe leggi che regolano i rapporti tra i governanti e i governati (50). Siamo di fronte a cio che noi chiamiamo "Stato di diritto". Della tradizione giuridica del ius commune Las Casas valorizza qui la costituzione Digna vox di Valentiniano III, che all'immagine del princeps legibus solutus contrapponeva quella del princeps legibus alligatus: senza negare Vabsolutio legibus--che discendeva dalla stessa tradizione giuridica romana (D. 1.4.1 pr.)--la norma aveva affermato che il rispetto delle leggi era per il princeps un vincolo morale (51). Un vincolo morale del quale la dottrina giuridica medievale aveva sottolineato la forza e la capacita di costituire un vero obbligo per il princeps nobile e onesto (52).

Per Las Casas non vi e alternativa, e rimane fermo il principio generale che il governante e la sua azione sono sottoposti alia legge e, piu ampiamente, al diritto, che e dominate dalle fond giuridiche "superiori" (ius naturale e ius gentium). Tuttavia egli ammette--ancora una volta poggiandosi sulla tradizione giuridica medievale--che per una causa legitima il governante possa anche derogare alle leggi vigenti. Se manca la giusta causa, pero, l'azione contra legem e il pregiudizio arrecato al popolo sono atti contrari al diritto naturale e al diritto divino (53). Nel discorso di Las Casas il piano della natura e il piano soprannaturale si congiungono. Vi e una convergenza tra il precetto cristiano della carita (amore del prossimo) e il precetto elementare che la natura stessa rende manifesto: la natura e la Parola di Dio proibiscono a ciascuno di fare ad altri cio che non si vuole sia fatto a se. Per questa ragione il pregiudizio che un governante arrecasse alia liberta del popolo sarebbe una violazione della giustizia (54).

Penso che sia giusto collocare Bartolome de las Casas tra coloro che hanno contribuito alia costruzione delle idee costituzionalistiche. E penso che non sia esagerato dire che egli sia stato un teorizzatore di cio che noi chiamiamo diritto di autodeterminazione dei popoli. Questa conclusione mi sembra giustificata anche da quanto emerge da un'altra celebre opera del domenicano spagnolo, il De thesauris (1563). Le sue idee sulla sovranita popolare sono qui applicate alia vicenda del dominio politico degli Spagnoli sulle popolazioni delle Indie occidentali. II trattato concerne la questione se sia giuridicamente e moralmente consenti to ai conquistatori spagnoli appropriarsi degli ingenti tesori trovati nei sepolcri degli Indios. II problema e trattato alla luce di alcuni principi di carattere generale.

Secondo Las Casas le bolle alessandrine, con le concessioni fatte ai re cattolici, non intendevano privare reges e domini naturales delle rispettive giurisdizioni e proprieta (55). Questa conclusione discende, anzi tutto, dalla prassi della Sede Apostolica, che ha sempre difeso fino alio stremo tutto cio che deriva dal diritto divino o naturale (56). Ma la conclusione e giustificata anche in base alia consolidata dottrina dei canonisti medievali (primo fra tutti Innocenzo IV), secondo la quale il papa non puo privare ne i cristiani ne gli infideles dei propri dominia e iurisdictiones (57).

Cio premesso, la giurisdizione dei re di Spagna sulle Indie non puo trovare fondamento nella concessione papale. Essa puo acquisire legittimita solo attraverso il consenso e l'approvazione dei popoli liberi: cio e <<naturale vel de iure naturali>> (58). Ancora una volta Las Casas argomenta sull'autoritl del diritto canonico medievale: allega, infatti, alcuni canoni, riguardanti le elezioni ecclesiastiche, nei quali si richiedeva il consenso del popolo dei fedeli. In questo contesto non puo mancare la citazione del principio qot. II principio, che vale all'interno della comunita ecclesiastica, vale a piu forte ragione rispetto a un popolo libero, estraneo alia cristianita, ma avente <<proprios naturales reges non recognoscentes superiorem>> (59). Insomma, il governo spagnolo sui popoli delle Indie puo considerarsi legittimo solo in quanto si fondi sul loro consenso. Tale consenso deve essere libero: non puo essere estorto con la forza, ma piuttosto acquisito con la persuasione, con l'ausilio di buone ragioni e attraverso un approccio bonario o addirittura supplice (60).

8. IL PRINCIPIO <<QUOD OMNES TANGIT>> E IL CONSTITUZIONALISMO OCCIDENTALE

Nonostante la distanza temporale che ci separa dagli uomini e dagli eventi sui quali mi sono soffermato, non posso trattenermi dal notare la modernita dei temi trattati e delle soluzioni enucleate dai giuristi medievali a partire dai materiali contenuti nel Corpus iuris civilis e nelle collezioni canoniche. Essi hanno elaborato una dottrina della partecipazione e del consenso nel quadro di una concezione corporativa della comunita e del suo governo. In tale teoria ha un ruolo centrale l'idea che le questioni che riguardano tutti devono essere trattate da tutti. Al giorno d'oggi non esiteremmo a dire che tale principio e intimamente connesso con le dinamiche delle istituzioni democratiche. I giuristi medievali hanno elaborate queste teorie prendendo spunto dal quadro istituzionale dei propri tempi: un quadro fitto di istituzioni di tipo monarchico (impero e regni); con una Chiesa a un tempo monarchica e collegiale nella sua articolazione tra caput e membra, riproducibile ai diversi livelli della sua struttura gerarchica; con le istituzioni cittadine che si collocano nell'orbita ideale o reale di una istituzione monarchica (l'impero o i diversi regna), o aspirano a una totale indipendenza (la civitas que non recognoscit superiorem ed e sibi princeps (61), con il suo regimen ad populum (62), della quale parla Bartolo da Sassoferrato).

In questo quadro istituzionale moho diversificate le riflessioni dei giuristi (ma anche di filosofi, teologi e scrittori politici) enucleano strumenti e procedure idonei a consentire la partecipazione della comunita (attraverso i suoi rappresentanti) al governo della res publica. In questo modo essi individuano nel consensus dei governati un limite al potere del principe o, pio in generale, di chiunque abbia il governo della comunita. Nelle loro ricostruzioni, il principio della partecipazione e del consenso e visto discendere dalla ragione, appartiene al diritto naturale e delle genti. I giuristi medievali possono essere collocati a giusto titolo nella storia del costituzionalismo occidentale.

RECIBIDO: 4 DE SEPTIEMBRE DE 2012 / ACEPTADO: 22 DE OCTUBRE DE 2012

Bibliografia

BETTETINI, A., Riflessioni storico-dogmatiche sulla regola "quod omnes tangit" e la "persona ficta", in Studi in more di Francesco Finocchiaro, I (Universita degli Studi di Roma "La Sapienza"; Pubblicazioni dell'Istituto di Diritto Pubblico della Facolta di Giurisprudenza, Serie III, 90), CEDAM, Padova 2000, 193-230.

--Formazione della volonta collegiale, principio democratico e verita nel diritto della Chiesa, in A. GONZALEZ-VARAS IBANEZ (coord.), El Ius Commune y la formacion de las instituciones de Derecho Publico, Tirant Lo Blanc, Valencia 2012, 93-107 (gia in A. LONGHITANO [cur.], Repraesentatio. Sinodalita ecclesiale e integrazione politica [Studio Teologico San Paolo, Catania: Quaderni di Synaxis, 20], Giunti, Firenze 2007, 155-168).

CALASSO, F., Iglossatori e la teoria della sovranita, Giuffre, Milano 1957.

CHODOROW, S., Christian Political Theory and Church Politics in the Mid-Twelfth Century. The Ecclesiology of Gratian's Decretum, University of California Press, Berkeley-Los Angeles-London 1972, 199-210.

CONDORELLI, O., Principio elettivo, consenso, rappresentanza: itinerari canonistici su elezioni episcopali, provvisioni papali e dottrine sulla potesta sacra da Graziano al tempo della crisi conciliare (secoli XII-XV) (I Libri di Erice, 32), Il Cigno, Roma 2003.

--Ius e lex nel sistema del diritto comune (secoli XTV-XV), in A. FIDORA---M. LUTZ-BACHMANN--A WAGNER (Hrsg.), Lex und Ius. Lex and Ius. Beitrage zur Begrundung des Rechts in der Philosophic des Mittelalters und der Fruben Neuzeit (Politische Philosophic und Rechtstheorie des Mittelalters und der Neuzeit. Abteilung II: Untersuchungen, 1), Frommann-Holzboog, Stuttgart (Bad Cannstatt) 2010, 27-88.

CONGAR, Y., "Quod omnes tangit, ab omnibus tractari et approbari debet", Revue Historique de Droit Francais et Etranger IV serie, 36 (1958) 210-259, ora in IDEM, Droit anden et structures ecclesiale (Collected Studies Series, 159), Variorum, London 1982, n. III.

CORTESE, E., La norma giuridica. Spunti teorici nel diritto comune classico, I-II (Ius Nostrum, 6.1-2), Giuffre, Milano, 1962-1964.

--Il problema della sovranita nel pensiero giuridico medioevale, Roma, Bulzoni, 1966.

--"Sovranita (storia)", in Enciclopedia del Diritto 43, Giuffre, Milano 1990, 205-224.

FASOLT, C, Quod omnes tangit ab omnibus approbari debet: The Words and the Meaning, in S. B. BOWMAN--B. E. CODY, In Iure Veritas: Studies in Canon Law in Memory ofSchafer William, University of Cincinnati-College of Law, Cincinnati 1991, 21-55.

GIACCHI, O., La regola "quod omnes tangit" nel dirito canonico", Jus. Rivista di Scienze Giuridiche 3 (1952) 77-100.

GLOMB, A, "Sententia plurimorum". Das Mehrheitsprinzip in den Quellen des kanonischen Rechts und im Schriftum der klassischen Kanonistik (Bohlau, Koln-Weimar-Wien 2008).

GONZALEZ-VARAS IBANEZ, A., Consejo y consentimiento en los organos colegiados canonicos. Su incidencia en el Derecho Publico secular medieval, Tirant Lo Blanc, Valencia 2007.

--El Ius Commune y la convocatoria de concilios y Cortes de Leon y Castilla en la Edad Media, in A. GONZALEZ-VARAS IBANEZ (ccord.), El Ius Commune y la formacion de las instituciones de Derecho Publico, Tirant Lo Blanc, Valencia 2012, 109-164.

GOURON, A., Aux origines medievales de la maxime "Quod omnes tangit", in J. L. HAROUEL (dir.), Histoire du droit social. Melanges en hommage a Jean Imbert, Presses Universitaires de France, Paris 1989, 277-286, ora in IDEM, Droit et coutume en France aux XIIe et XIIe siecles (Collected Studies Series, 422), Variorum, Aldershot-Brookfield 1993, n. XII.

GROSSI, P., "Unanimitas". Alle origini del concetto di persona giuridica nel diritto canonico, Annali di Storia del Diritto 2 (1958) 229-331.

HALL, E., King Henry III and the English Reception of the Roman Law Maxim "quod omnes tangit", Studia Gratiana 15 (= Post Scripta), Romae 1972, 125-145.

LEICHT, P. S., Un principio giuridico medievale (1920), ora in IDEM, Scritti vari di storia del diritto italiano, I, Giuffre, Milano 1943, 129-141.

MAHN-LOT, M., Bartolomeo de las Casas e i diritti degli Indiani, Payot, Paris 1982; traduzione italiana, Jaca Book, Milano 1985.

MARONGIU, A., Il principio della democrazia e del consenso. Quod omnes tangit ab omnibus approbari debet nel XIV secolo, Studia Gratiana 8 (Bononiae 1962), 556-575, ristampato col titolo II principio della partecipazione e del consenso. Quod omnes tangit ab omnibus approbari debet nel XIV secolo, in IDEM, Dottrine e istituzioni politiche medievali e moderne. Raccolta (Universita di Roma, Facolta di Scienze Politiche, 28), Giuffre, Milano 1979, 255-279.

MAYALI, L., De la juris auctoritas a la legis potestas. Aux origines de l'Etat de droit dans la science juridique medievale, in J. KRYNEN--A. RIGAUDIERE (eds.), Droits savants et pratiques francaises du pouvoir (XIe-XVe siecles), Presses Universite de Bordeaux, Bordeaux 1992, 129-149.

MERELLO ARECCO, I., La maxima "Quod omnes tangit". Una aproximacion al estado del tema, Revista de Estudios Historico-Juridicos 27 (2005) 163-175.

MIGLIORINO, F., "Mysteria concursus". Itinerari premoderni del diritto commerciale (Universitl di Catania, Pubblicazioni della Facolta di Giurisprudenza, N.S., 161), Giuffre, Milano 1999, 153-164.

PADOA-SCHIOPPA, A., Note sul principio maggioritario nel diritto canonico classico, in F. ROUMY--M. SCHMOECKEL--O. CONDORELLI (Hrsg.), Der Einfluss der Kanonistik auf die europdische Rechtskultur. II. Offentliches Recht (Norm und Struktur 37.2), Bohlau, Koln--Weimar--Wien 2011, 27-38.

PARADISI, B., Il pensiero giuridico deigiuristi medievali, in FIRPO, L. (dir.), Storia delle idee politiche, economiche e sociali, II.2, UTET, Torino 1973, 211-342, ora in IDEM, Studi sul medioevo giuridico (Istituto Storico Italiano per il Medioevo, Studi Storici, 163-173), nella Sede dell'Istituto, Roma 1987, 263-433 (in particolare 395-401: a 401 per errore attribuisce a Ockham un pensiero di Lupoid von Bebenburg).

PENNINGTON, K., Bartolome de Las Casas and the Tradition of Medieval Law, Church History 39 (1970) 149-161, ora in IDEM, Popes, Canonists, and Texts 1150-1550 (Collected Studies Series, 412), Variorum, Aldershot 1993.

--Representation in Medieval Canon Law, The Jurist 64 (2004) 361-383.

--Politics in Western Jurisprudence, in A. PADOVANI--P. G. STEIN, The Jurists' Philosophy of Law from Rome to the Seventeenth Century (A Treatise of Legal Philosophy and General Jurisprudence, 7), Springer, Dordrecht 2007, 157-211.

PEREZ LUNO, A. E., De regia potestate. Democracia y derecho humanos en Bartolome de las Casas, in Fray Bartolome DE LAS CASAS, Obras completas, 12. De regia potestate, edicion de J. GONZALEZ RODRIGUEZ, Introduccion de A. E PEREZ LUNO. Quaestio theologalis, edicion de A. LARIOS RAMOS, O.P.--A. GARCIA DEL MORAL GARRIDO, O.P. (Alianza Editorial, Madrid 1990) I-XXXIX.

POST, G, Roman Law and Early Representation in Spain and Italy, 1150-1250, Speculum 18 (1943) 211-232, ora in IDEM, Studies in Medieval Legal Thought. Public Law and the State, 1100-1322, Princeton University Press, Princeton 1964, 61-90.

--Plena potestas and Consent in Medieval Assemblies, Traditio 1 (1943) 355-408, ora in IDEM, Studies in Medieval Legal Thought, 91-162.

--A Romano-Canonical maxim, quod omnes tangit, in Bracton and in Early Parliaments, Traditio 4 (1946) 197-251, ora in IDEM, Studies in Medieval Legal Thought, 163-238.

QUAGLIONI, D., La sovranita, Laterza, Roma-Bari 2004.

--Dal costituzionalismo medievale al costituzionalismo moderno, Annali del Seminario Giuridico dell'Universita di Palermo 52 (2007/2008) 55-67.

STEIN, P., Regulae iuris. From Juristic Rules to Legal Maxims, At the University Press, Edimburgh 1966, 149 ss.

TIERNEY, B., Foundations of the Conciliar Theory: the Contribution of the Medieval Canonists from Gratian to the Great Schism (Cambridge Studies in Medieval Life and Thought, n.s. 4), Cambridge University Press, Cambridge 1955 [volume ristampato con una Introduzione dell'Autore contenente aggiornamenti tematici e storiografici (Studies in the History of Christian Thought, 81), Brill, Leiden--New York-Koln 1998].

--Medieval Canon Law and Western Constitutionalism, Catholic Historical Review 52 (1966) 1-17, ora in IDEM, Church Law and Constitutional Thought in the Middle Ages (Collected Studies Series, 90), Variorum, London 1979, n. XV.

--Religion, Law, and the Growth of Constitutional Thought 1150-1650 (The Wiles Lectures Given at the Queen's University of Belfast), Cambridge University Press, Cambridge 1983.

--The Idea of Representation in the Medieval Councils of the West, in Concilium, 187 (1983), p. 25-30, ora in IDEM, Rights, Law and Infallibility in Medieval Thought (Collected Studies Series, 578), Variorum, Aldershot-Brookfield 1997, n. XI.

--Hierarchy, Consent and the "Western Tradition", Political Theory 15 (1987) 646-652, ora in IDEM, Rights, Law and Infallibility, n. XII.

--Aristotle and the American Indians, in IDEM, The Idea of Natural Rights. Studies on Natural Rights, Natural Law, and Church Law, 1150-1625 (Emory University Studies in Law and Religion, 5), Scholar Press, Atlanta 1997, 255-287; traduzione italiana: Aristotele e gli Indiani d'America, in IDEM, L'idea dei diritti naturali. Diritti naturali, legge naturale e diritto canonico 1150-1625, Il Mulino, Bologna 1997, 363-408.

Orazio CONDORELLI

Professore ordinario di Diritto Canonico

Universita degli Studi di Catania

ocondorelli@lex.unict.it

* Relazione presentata al Convegno di studio Constitutionalism in Europe before 1789 (Universita di Bergen, 25-26 aprile 2012). Una versione in inglese sara pubblicata negli atti del Convegno.

(1) VI.5.[13].29.

(2) C.5.59.5.2, de auctoritate praestanda, 1. Veterem dubitationem.

(3) <<Set nunquid metropolitanus vel episcopus alius in eum (scil. papam) animadvertere posset? Quod forte videtur, quia heresis omnes ecclesie iudices tangit, et quod omnes similiter tangit ab omnibus, sicut si bonum est debet comprobari, ita si malum est improban, ut colligi potest ex eo quod dicitur in C. de auctoritate L ult. Tutius tamen videtur ...>>. Edizione integrale del testo in B. TIERNEY, Pope and Council: Some New Decretists Texts, Medieval Studies 19 (1957) 197-218 (216); ora in IDEM, Church law and Constitutional Thought in the Middle Ages (Collected Studies Series, 90), Variorum, 1979, n. II.

(4) Bernardi Papiensis Episcopi Faventini, Stimma decretalium, ed. E.A.T. LASPEYRES, J. Manz, 1860, 75: Comp.I 3.10, de his, quae fiunt a maiori paite capituli: <<Dictum est, quod negotia episcopalia consilio canonicorum sint facienda. Sed quoniam ea, quae a fratrum capitulo fiunt, universitatis consilium requirunt, videamus de his quae fiunt a maiori parte capituli; saepe namque contingit, ut qui inter canonicos sunt minoris valentiae aut discretionis, plus moveant seditionis et deterior rota discordet a plaustro. [seccion] 1. Sciendum est igitur, quod in his quae a capitulo fieri vel ordinari debent omnium consensus est requirendus, ut quod omnes tangit ab omnibus comprobetur, ut arg. Dig. de aqua pluvi. arc. In concedendo (8) et Cod. de auctor. praest. 1. ult. Si tamen minor pars maioris partis ordinationi resistit, sive appellet sive non, praevalet quod fit a maiori parte, nisi minor rationabilem causam sui dissensus ostendat, ut infra eod. c. 1; maiori namque parti concedendum est, ut Dist. LXV c. 1. 2. et 3 et Cod. de decurion. Nominationem (46) et Dig ad municip. Quod maior (19)>>.

(5) A. GOURON, Aux origines medievales de la maxime "Quod omnes tangit", in J. L. HAROUEL (dir.), Histoire du droit social. Melanges en hommage a Jean Imbert, Presses Universitaires de France, 1989, 277-286, ora in IDEM, Droit et coutume en aux XIIe et XIIIe siecles (Collected Studies Series, 422), Variorum, Aldershot--1993, n. XIII.

(6) J. L. 11462: edizione in J. RoQUETTE--A. VILLEMAGNE, Bullaire de l'Eglise de Maguelone. I. 1030-1216, Louis Valat, Montpellier 1911, n. 83, 121-125 (124): <<ad munitionis custodiam, cum consilio prepositi et sanioris partis capituli, episcopus personam inveniet, et claves ei committet, ut communi deliberatione tractetur quod ad communem utilitatem attendit>>.

(7) Edizione in J. ROQUETTE--A. VILLEMAGNE, Cartulaire de Maguelone, I, Louis Valat, Montpellier 1912, n. 257, 453-463 (458 ss., poi di nuovo a 461).

(8) Liber Extra (d'ora in poi, X), 1.23.7, de officio archidiaconi, c. Ad baec, [seccion] 6 (Innocenzo III, 1198-1215; gia Comp.IV.1.11.1).

(9) X.3.10.10, de his, quae fiunt a praelato sine consensu capituli (Yimcriptio recita: Innocentius III. Archiepiscopo Senonensi et eius suffraganeis; in realta decretale di Onorio III; gia Comp.V.3.8.1): <<Etsi membra corporis Christi (Et infra) Provinciae Senonensis capitula cathedralium eccle-siarum suam ad nos querimoniam transmiserunt, quod archiepiscopus Senonensis et eius suf-fraganei procuratores eorum nuper ad provinciale concilium convocatos ad tractatum eorum admittere noluerunt, [cruz] licet nonnulla soleant in huiusmodi tractari conciliis, quae ad ipsa noscuntur capitula pertinere, quare nostrum audientiam appellarunt. Sane nos, auditis quae ipsorum nuncii, super hisproponere voluerunt, et intellectis nihilominus Uteris, quas nobis super eodem curatis negotio destinare, tractatum exinde cum fratribus nostris habuimus diligenter, et utique concorditer Visum fuit nobis et eisdem fratribus nostris, ut capitula ipsa ad huiusmodi concilia debeant invitari, et eorum nuncii ad tractatum admito, maxime super illis, quae ipsa capitula contingere dignoscuntur>>. Un'edizione completa della decretale, sulla base del registro papale, e data da R. KAY, The Council ofBourges: A Documentary History (Church, Faith and Culture in the Medieval West), Ashgate, Aldershot-Burlington 2002, 538-543, con il commento a 97-101.

(10) <<Et si membra corporis Christi, quod est ecclesia, non omnia unum actum habeant sed diversos ... ipsa tamen menbra efficiunt unum corpus, ita quod non potest oculus dicere manui 'tua opera non indigeo' aut caput pedibus 'non estis michi necessarii', sed multomagis que videntur membra corporis infermiora esse necessaria sunt, quandoquidem omnia secundum temperationem divinam in idipsum collecta esse debent ut non sit scisma in corpore quod in vinculo pacis servare debet spiritus unitatem ... (in fine) Ideoque volumus et presentium vobis auctoritate mandamus quarinus id decetero sine disceptatione servetis ... quatinus capite mem-bris et membris capiti digna vicissitudine obsequentibus corpus scismatis detrimenta non sentiat sed connexum in caritatis unitate consistat>> (ed. KAY, 540-542).

(11) Bernardo DA PARMA, Apparatus in X.3.10.10, v. contingere, in Aedibus Populi Romani, Romae 1582: <<et merito, quia quod omnes tangit ab omnibus debet comprobari, 63 dist. cap. 1 et 66 dist. c. 1 et 8 q.1 Licet ergo, et supra de temporibus ordinationum Si archiepiscopus, ubi de hoc ... Laici vero huiusmodi concilii interesse non debent, nisi specialiter invitentur, 68. dist. Hadrianus, in fine, vel etiam nisi specialiter tractaretur causa fidei, 96 dist. versi. nam (recte: Ubinam: D.96 c.24). Vel nisi tractaretur de matrimonio, quia cum tales cause eos tangant, possunt interesse, 35 q. 5 Ad sedem>>.

(12) Cfr. supra, nota 4.

(13) Come detto poco sopra nel testo, il principio della sanior pars non puo operare dove non esiste una istanza superiore di giudizio: questo e il caso della elezione del Sommo Pontefice, per la quale il c. Licet de vitanda (Alessandra III nel Concilio Lateranense III, 1179: poi X. 1.6.6) stabili la necessita della maggioranza dei 2/3.

(14) X.1.11.6, de temporibus ordinationum, c. Si archiepiscopus [gia Comp.I.1.4.2; capitolo pseudoisidoriano che nel Liber Extra e attribuito Lucio LU; cfr. P. PIlNSCHlUS (ed.), Decretales PseudoIsidorianae et Capitula Angilramni, B. Tauchnitz, Leipzig 1863; rist. anast. Aalen 1963, 120]: <<Si archiepiscopus [diem] obierit, et alter fuerit ordinandus archiepiscopus [electus], omnes episcopi eiusdem provinciae ad sedem metropolitanam conveniant, ut ab omnibus ipse eligatur et ordinetur. Oportet autem, ut ipse, qui illis omnibus praeesse debet, ab omnibus illis eligatur et or-dinetur. Reliqui vero comprovinciales episcopi, si necesse fuerit, ceteris consentientibus, a tribus iussu archiepiscopi poterunt ordinari; sed melius est, si ipse cum omnibus eum, qui dignus est, elegerit, et cuncti pariter pontificem consecraverint>>.

(15) Enrico DA SUSA, Lectura in X.1.11.6 v. cum omnibus (Henrici de Segusio cardinalis Hostiensis ... In primum decretalium librum Commentaria, apud Iuntas, Venetiis 1581, fol. 99vb). Cfr. Bernardo DA PARMA, Apparatus in X 1.11.6, v. ab omnibus.

(16) D. 50.1.19, Ad municipalem et de incolis: <<Quod maior pars curiae effecit, pro eo habetur, ac si omnes egerint>>. Cfr. Accursio, glossa ad v. curie, sub signo Aquilae se renovantis, Venetiis 1591: <<presentis, nam due partes debent esse presentes, sed sufficit maiorem partem duarum partium consentire, ut C. de dec. t. Nominationum libro X (C. 10.32.45), et supra quod cuiuscumque universitatis "nomine vel contra earn agatur" 1. Nulli cum sequenti (D.3.4.3 e 4). Quandoque tamen maior pars non potest preiudicare minori, ut C. de auctoritate prestanda 1. finali (C.5.59.5) et supra de aqua pluvia arcenda 1. Si autem (D.39.3.10)...>>. E incisiva la conclusione di Bartolo DA SASSOFERRATO, Comm. in D. 50.1.19, Ad municipalem et de incolis, 1. Quod maior (Battholus super secunda ff. Novi, per Baptistam de Tortis, Venetiis 1526, fol. 250vb): <<Oppono C. de decurionibus 1. Nominationum (C.10.32.45). Solutio. Dico quod omnes debent vocari et debent esse presentes due partes, tunc quod facit maior pars presu-muntur omnes facere et omnes facere videntur...>>.

(17) Bernardo DA PARMA, Apparatus in X. 1.2.6, de constitutionibus, c. Quum omnes, v. constitutum. E utile riportare un pezzo della lunga glossa, nella quale Bernardo introduce una ulteriore distinzione tra gli atti che il collegium compie ex necessitate e gli atti che ex necessitate non fiunt: <<... Sed nunquid est verum generaliter, quod maior pars capituli facit, totum capitulum facere intelligitur? Quod videtur infra de iis que fiunt a maiore parte capituli Cum in cunctis. Dicas quod si aliquid est commune pluribus, non ut collegiatis, sed ut singulis, quod fit a maiori parte illorum, nihil valet nisi omnes consentiant, ff. de servitute rusticorum prediorum 1. Per fundum (D.8.3.11), nisi rem concedant in naturalem usum, quod potest facere unus etiam invitis sociis et contradicentibus, Instit. de rerum divisione [seccion] religiosum versic. in commune vero sepulchum (Inst. 2.1.9), et nisi in casu infra de iure patronatus c. Postulasti (X.3.38.30) et c. Quoniam in quibusdam (X.3.38.3). Si vero sint plures ut collegium, distingue, si aliqua facienda sint ex necessitate, ut alienationes, electrones, et similia, sufficit quod maior pars facit, infra de iis que fiunt a maiore parte capituli Cum in cunctis (X.3.11.1), dum tamen absentes vocentur, infra de electione c. Quod sicut (X.1.6.28) et c. Venerabilem (X.1.6.34). In aliis que ex necessitate non fiunt, qualia erant ista que isti faciebant (il caso del c. Quum omnes riguardava uno statuto capitolare che regalava la divisione dei redditi delle prebende), nihil potest fieri nisi omnes consentiant, ut hie, et in predicta 1. Per fundum (D.8.3.11), et debent consentire ut collegium, non tamquam singuli, arg. infra eod. c. Cum M. Ferrariensis (X.1.2.9) et infra de electione c. In Genesi (X. 1.6.55)>>.

(18) Dino DEL MUGELLO, Comm. in regulam iuris <<quod omnes tangit ...>> (Dyni Muxellani ... Commentaria in regulas iuris pontificii, apud Cominum de Tridino, Venetiis 1572, fol. 98r-v): <<Istius regule exemplum poni potest in omni eo quod est commune pluribus tamquam singulis, ut ecce si plures habent fundum communem et volunt constituere servitutem in fundo, oportet omnium consensum intervenire, alias defectus unius reddit constitutionem inutilem, ut ff. de servitutibus rusticorum prediorum 1. Per tuum receptum ... Sed oppono, et videtur quod sufficiat consensus maiori partis ... Sed facilis est solutio, quia in eo quod est commune pluribus, ut universis, statur voluntati maioris partis ... In eo vero quod est commune pluribus ut singulis, requiritur singulorum consensus, ut hic...>>.

(19) Giovanni D'ANDREA, Apparatus in VI.5.[13].29, v. Quod omnes, In aedibus Populi Romani, Rome 1582.

(20) D.39.3.10 pr.: <<Si autem plures sint eiusdem loci domini, unde aqua ducitur, omnium voluntatem esse sequendam non ambigitur: iniquum enim visum est voluntatem unius ex modica forte portiuncula domini praeiudicium sociis facere>>. Cfr. la diversa fattispecie prevista in D.39.3.8, nella quale vale il medesimo principio: <<In concedendo iure aquae ducendae non tantum eorum, in quorum loco aqua oritur, verum eorum etiam, ad quos eius aquae usus pertinet, voluntas exquiritur, id est eorum, quibus servitus aquae debebatur, nec immerito: cum enim minuitur ius eorum, consequens fuit exquiri, an consentiant. Et generaliter sive in corpore sive in iure loci, ubi aqua oritur, vel in ipsa aqua habeat quis ius, voluntatem eius esse spectandam placet.

(21) Giovanni D'ANDRFA, Apparatus in VL5.[13].29, v. Quod omnes: <<... Item est argumentum ad questionem, an Papa possit statuere invitis acholytis, quod ipsi contineant. Et hec questio notatur 82 dist. Proposuisti, et dixit ibi Ioannes quod non, quia castitas suaderi potest, non imperari ... Bartholomeus Brixiensis ibi contra, cuius dictum penitus est falsum, nisi intelligas de promovendis: sed ipse (cioe Giovanni Teutonico) de promotis etiam intellexit, ut eius verba demonstram ...>>. Bartolomeo DA BRESCIA, in una notazione inserita nella glossa ordinaria in D.82 c.2, v,. sed ea plane, aveva contestara l'opinione di Giovanni Teutonico, dicendo: <<quod falsum est, cum habeat plenitudinem potestatis ... nec legibus adstringitur ...>>.

(22) Bartolo DA SASSOFERRATO, Comm. in D. 50.1.19, Ad municipalem et de incolis, 1. Quod maior (Bartholus super secunda ff. Novi, per Baptistam de Tortis, Venetiis 1526, fol. 250vb-251ra).

(23) Celestino I ai vescovi della Gallia, Ep. II ce. 4 e 5 (anno 428, JK 369; Patrologia Latina 50.430); poi anche in Decretum Gratiani, D. 61 c. 12 e 13.

(24) Leone I ai vescovi della provincia di Vienne, Ep. 10 c. 6 (anno 445, JK 407, Patrologia latina 54.634).

(25) Leone I a Rustico di Narbona, Ep. 167 (anno 458 o 459, JK 544; Patrologia latina 54.1203); poi nel Decretum di Graziano, D. 62 c. 1.

(26) Innocenzo III, bolla Vineam Domini, 19 aprile 1213 (Patrologia Latina 216. 823-827, in particolare 824): <<... quia hec universorum fideliuin communem statum respiciunt, generale concilium iuxta priscam sanctorum patrum consuetudinem convocemus...>>.

(27) <<Cum igitur in hoc generali concilio sint multa tractanda que ad statum vestri ordinis pertinebunt, decet et expedit ut ad idem concilium viros idoneos destineos, qui negotia vestra debeant fideliter procurare>> (ivi, col. 826).

(28) Umberto DI ROMANS, De eruditione praedicatorum, liber II, tractatus II, c. 1, de conciliis (Maxima Bibliotheca Veterum Patram et Antiquonim Scriptorum Ecclesiasticorum, tomo XXV, Lugduni, apud Anissonios, 1677, 507 C): <<Secundo notandum est que sit causa concilia celebrandi in Ecclesia Dei. Ad quod sciendum est, quod in Ecclesia quandoque emergunt aliqua ardua, que tangunt omnes, vel muitos, et indigentes magno consilio et adiutorio divino, et ideo convocandi sunt illi quos hec tangunt, quia sicut dicit ius, quod omnes tangit ab omnibus debet approbari. Et etiam sunt convocandi ut habeatur melius consilium, ad quod facit multitudo, ut predictum est: quandoque enim Deus revelai uni etiam minori (ut dicit Benedictos) quod non revelat alteri maiori...>>.

(29) Guglielmo Durante il Giovane, Tractatus de modo generalis concilii celebrandi, Parisiis, apud Poncetum le Preux, 1545, Pars I, tit III, 6r: <<Regenda igitur atque limitanda, et restringenda est sub ratione potestas, ut totum ratio regat ...>>; p. 10 s.: <<Videretur esse salubre consilium pro republica et pro dictis administratoribus reipublice, quod sic sub ratione, ut premissum est, limitaretur potestas eorandem, quod absque certo consilio dominorum cardinalium dominus papa et reges ac principes absque aliorum proborum consilio ... non uterentur prerogativa huiusmodi potestatis potissime aliquid concedendo contra concilia et contra iura approbata communiter. Et quod contra dieta concilia et iura nihil possent de novo statuere vel condere nisi generali concilio convocato. Cum illud quod omnes tangit, secundum iuris utriusque regulam, ab omnibus debeat communiter approbari>>.

(30) Conrad VON GELNHAUSEN, Epistola concordiae (1380), prologus, c. 1 [edizione in F. BLIEMETZ-RIEDER, Das Generalkonzil im Grossen abendlandischen Schisma, Scheming Paderborn 1904, 66]: <<Cumque sacrosancta ecclesia, de cuius capite agitar, omnium catholicorum sit mater communis ... ad omnes ei compati ipsiusque occurrere oppressioni pertinet christianos, ut quod omnes tangit ab omnibus vel vice omnium tractetur. Necesse est ergo concilium convocan generale ...>>.

(31) Heinrich VON LANGENSTEIN (Henricus de Assia), Consilium paris, de unione et reformatione Ecclesiae (1381), in Joannis Gersonii ... Opera omnia, opera et studio LUD. ELLIES DU PIN, tomo II, Sumptibus Societatis, Antwerpiae 1706, col. 823: <<Item casus novi et periculosi emergentes in diocesi aliqua, per concilium particulate, sive provinciale emendantur. Igitur casus novi et ardui, totum mundum concernentes, per generale concilium discuti debent. Quod enim omnes tangit, ab omnibus, vel vice omnium tractari debet et convenit>>.

(32) C.2.12.10, de procuratoribus, 1. Si procurator: <<Si procurator ad unam speciem constitutes officium mandati egressus est, id quod gessit nullum domino praeiudicium facere potuit. Quod si plenam potestatem agendi habuit, rem iudicatam rescindi non oportet, cum, si quid fraude vel dolo egit, convenire eum more iudiciorum non prohiberis>>.

(33) E esemplare un passo dei commentaria di Jean FAURE sulle Institutiones (Inst. 4.16, De pena temere litigantium) [Ioannis Fabri iurisconsulti clarissimi ... In quatuor libros Institutionum eruditissima commentaria, Apud Altobellum Salicatium, Venetiis 1572, fol. 183rb (fol 173rb per errore nell'ed.), n. 7]: <<Quid ergo, si ali qui fuerunt vocati, alii non, vel omnes non exaudierunt vocem preconis? ... Quid ergo fiet, si res tangat muitos? Verbi gratia dux, comes, vel episcopus vendicavit sibi aliquid ius, forte subiectionem, vel aliud ius super aliqua terra, vel aliquo ordine, forte Cisterciensi: nunquid singuli debent vocari? Videtur quod sic, quia quod omnes tangit, etc. Satis videretur contrarium, quod sufficeret vocari prelatos, et administratores, extra de maioritate et obedientia c. fin. Potest dici, quod si habent corpus, vel universitatem, sufficiat vocari consules seu administratores universitatis. Si non habeant, sufficiat vocari prelatos in personis ecclesiasticis, vel barones seu habentes iurisdictionem terrarum et villarum, quia illi habent administrationem rei publicae, per dictum cap. fin ... Et potest dici, quod si sint plures consules, sufficiat vocare unum, vel duos ... sed non sufficeret vocari syndicum ... Scio quod Curia Franciae servat contrarium: vocat enim habitantes et dat eis licentiam faciendi procuratorem in causa illa. Sed quando vult facere collectas, servat bene que dixi. Nam non vocat nisi prelatos, barones, et villas notabiles>>.

(34) <<Ad ea quae nobis incumbunt, contingunt imperium et specialiter singulos ac generaliter universos, presentiam omnium conveniat instancius evocare, ut quod tangit omnes ab omnibus approbetur>> [Federico II (marzo 1244), lettera indirizzata all'arcivescovo di Worms, in Jean Louis Alphonse HUILLARD-BREHOLLES, Historia diplomatica Friderici secundi, H. Plon, Parisiis 1860, vol. VI. 1, 167-169].

(35) Edizione in W. STUBBS, Select Charters and Other Illustrations of English Constitutional History from the Earliest Times to the Reign of Edward the First, Clarendon Press, Oxford 81905, 484 ss.

(36) Edizione in W. STUBBS, The Constitutional History of England in its Origin and Development, II, Clarendon Press, Oxford 1880, 165.

(37) Aegidianae Constitutiones, cum Additionibus Carpensibus, nunc denuo recognitae, et a quampluribus erroribus expurgatae cum glossis non minus doctis, quam utilibus, praestantissimi viri Gasparis Caballini de Cingulo iurisconsulti Picentis, Venetiis 1588, Liber II, De statutis et ordinamentis terranim, cap. XXXVII, 115b: <<vocetur consilium terrae specialem vel generale secundum terrarum statuta...>>.

(38) Aegidianae Constitutiones, Liber II, De gabellis et datiis, cap. XXXVIII, 118a-b: <<Item quia postquam in provinciis invaluere tyranni, vel propter partialitatiem terrarum regimina fuere occupata, in civitatibus, et terris diverse, importune et quasi importabiles indicte et violenter usurpate fuerunt datie et gabellae, ex quibus subditi in detrimentum Reipublice (cuius interest locupletes habere subiectos) depauperantur, et ex pecunia inde redacta datur occasio multa illicite committendi ... [la costituzione abolisce tutte le gabelle e i dazi imposti nei 25 anni precedenti, a meno che essi non siano stati stabiliti <<civitatum et aliarum terrarum communicato generali consilio, et habito consilio maioris partis, et consensu ad bussulas et pallutias ...>>] Alterius autem quarte ex dictis constitutionibus eiusdem domini Bertrandi tenor talis [si riferisce a quattro costituzioni edite da Bertrando del Poggetto quando svolgeva l'ufficio di riformatore <<in proivinciis et terris ecclesiae>>, di cui si parla nel cap. XXXVI, 114b]. Item quia Reipublice interest locupletes habere subiectos, et sicut rationi congruit ut quod omnes tangit ab omnibus approbetur, ac ratione et equitati multum oberrat, quod alii colligentes, que non messuerunt, de bonis esurientium sine eorum conscientia saturentur: quod tamen evenire contingit, quando bona universitatum vel etiam singularum personarum, que ex collectis, prestantiis, gabellis, et datiis et aliis obventionibus colligunt directe, vel indirecte veniunt ad alios, qui tanquam tauri inter vaccas, ex prerogativa potentie, vel impressione tyrannidis existentes, bona huiusmodi suis usibus vendicant, applicant et usurpant: Nos, contra tales inconvenientias et insolentias (quantum nobis est possibile) providere volentes, eadem auctoritate statuimus et ordinamus, quos nulli, cuiuscunque conditionis existant, bona aliqua mobilia, vel immobilia, vel pecunias, que ex datiis, collectis, prestantiis vel gabellis seu quibusvis aliis obventionibus, introitibus universitatum vel communitatum quarumcunque habebuntur, recipientur, vel quomodolibet redigentur, accipere per se, vel alios directe, vel indirecte valeant, vel suis usibus quomodolibet applicare, nisi a tota communitate, vel universitate, non tantum per modum consilii specialis, vel generalis, sed etiam per modum parlamenti generalis talibus concessum fuerit, quod bona, vel pecunias huiusmodi possent suis usibus applicare...>>.

(39) Guglielmo DI OCKHAM, Dialogus, liber tertius tractatus secundi teniae partis Dialogi, cap. VI [Melchior GOLDAST (ed.), Monarchiae S. Romani Imperii ... Tomus secundus, Typis Nicolai Hoffmanni, Francofordiae 1614; Akademische Druck--und Verlagsanstalt, rist. anast. Graz 1960, 934]: <<Discipulus: Declarasti secundum opinionem praescriptam duo quae videbantur obscura: nunc dic qualiter, secundum eandem rationem "Romani" ex iure divino habent ius eligendi summum pontificem. Magister: Ad hoc dicitur, quod Romani ex iure naturali tertio modo dicto habent ius eligendi summum pontificem. Supposito enim quod aliquibus sit aliquis praelatus vel princeps vel rector praeficiendus, evidenti ratione colligitur quod, nisi per ilium vel illos cuius vel quorum interest, "contrarium" non ordinetur, illi quibus est praeficiendus habent ius eligendi et praeficiendi eis, unde nullus dari debeat ipsis invitis. Hoc multis exemplis et rationibus posset probari: sed adducam pauca. Et prima est ad hoc, quod universitati mortalium nullus praefici debet, nisi per electionem et consensum eorum. Amplius: quod omnes tangit, debet tractari per omnes. Quod autem debeat aliquis praefici aliis, omnes tangit, igitur per omnes tractari debet. Rursus, quorum est sibi facere iura, illorum est, si voluerint, eligere caput. Sed populus quicumque et civitas potest sibi proprium ius facere, quod civile vocatur, dist. I, ius civile. Igitur et populus et civitas potest sibi proprium ius facere et caput eligere. Et ita semper spectat ad illos, quibus est aliquis praeficiendus, praeficiendum eligere, nisi per ilium vel illos cuius vel quorum interest, contrarium ordinetur. Quod ideo dicitur, quia illi possunt, saltern in multis casibus, cedere iuri suo et transferre ius suum in alium vel alios; per quern modum licet populus ex iure naturali tertio modo dicto, vel secundo modo, habet ius condendi leges, illam tamen potestatem transtulit in imperatorem, et ita in potestate imperatoris fuit transferre in aliquem vel aliquos ius eligendi. Similiter illi, quibus est aliquis praeficiendus, sunt in huiusmodi subiecti alicui superiori, ille superior potest or-dinare quod illi non habent ius eligendi, licet haberent ius eligendi ex iure naturali secundo modo dicto, si scilicet nec per ipsos nec per superiorem esset contrarium ordinatum...>>.

(40) Cfr. supra, note. 23-24.

(41) Guglielmo DI OCKHAM, Dialogus, liber tertius tractatus secundi teniae partis Dialogi, cap. VI (ed. cit., 932).

(42) Lupoid VON BEBENBURG, Tractatus de iuribus regni et imperii Romanorum, cap. 14 [J. MIETHKE-CH. FLUELER (hrsg.), Politische Schriften des Lupoid von Bebenburg (Monumenta Germaniae Historica, Staatsschriften des Spateren Mittelalters, IV Band), Hannover, Hahnsche Buchhandlung, 2004, pp. 377-378]: <<Capitulum XIIIm, quod per submissiones vel recogniciones regum Romanorum pape et ecclesie Romane factas non preiudicatur regno et imperio in suis iuribus, quominus principes et populus regno et imperio subiecti possint contradicere ipsorumque sit contradictio admittenda ... Dico salvo semper iudicio saniori, quod tales submissiones vel recogniciones per aliquos ex regibus Romanorum ipsi ecclesie Romane facte dicto regno et imperio in suis iuribus ac eciam ex consequenti principibus et aliis subditis ipsius regni et imperii preiudicare non debent. Nam cum submissiones et recognitiones huiusmodi de consensu principum electorum ac eciam aliorum principum et populi regno et imperio subiectorum non sint facte, ipsi principes et alii populum regni et imperii representantes poterunt contradicere ac eorum est contradictio admittenda, quod sic probatur...>>.

(43) Lupoid VON BEBENBURG, Tractatus de iuribus regni et imperii Romanorum, cap. 14 (ed. cit., 380): <<Preterea equitas et racio naturalis dictat apud omnes, quod quando per aliquod factum preiudicatur pluribus, quod id per omnes illos comprobari debebit, et sic illud videtur esse de iure gentium, ff. de iusticia et iure c. Omnes populi (D.1.1.9). Hoc eciam probatur iure canonico et civili, extra de officio archidiaconi Ad hec [seccion] in fine (X. 1.23.7 [seccion] 6), ff. de aqua pluvia arcenda l. In concedendo (D.39.3.8) cum multis concordanciis>>.

(44) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Notabile II, [seccion] IV [cito da Fray Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Edicion de J. GONZALEZ RODRIGUEZ, Introduccion de A. E. PEREZ LUNO. Quaestio theohgalis, Edicion de A. LARIOS RAMOS, O. P. y A. GARCIA DEL MORAL GARRIDO, O.P. (Obras completas, 12), Madrid, Alianza Editorial, 1990, 60]: <<1. Nulla subjectio, nulla servitus, nullum onus unquam impositum fuit, nisi populus qui subiturus illa onera erat, impositioni eiusmodi voluntarie consentiret. Immo a principio idem populus ea constituit cum ipso principe...>>; (62): <<2.... Populus Romanus omnem potestatem in principem transulit quoad onus. 3. Unde imperium immediate processit a populo, et populus fuit causa effectiva regum seu principum, aut quorumcunque magistratuum, si iustum habuerun ingressum (93 dist. cap. Legimus [24]). Ergo si populus fuit causa effectiva seu efficiens et finalis regum et principum, ut a populo per liberam electionem originem duxerunt, non potuerunt imponere populo a principio nisi tributa et serviria quae ipsi populo grata essent, et quorum impositioni libenter populus consensisset...>>. Sulla lex regia de imperio cfr. D. 1.4.1 pr.: <<Quod principi placuit, legis habet vigorem: uqsote cum lege regia, quae de imperio eius lata est, populus ei et in eum omne suum imperium et potestatem conferat>>; Inst.1.2.6: <<Sed et quod principi placuit, legis habet vigorem, cum lege regia, quae de imperio eius lata est, populus ei et in eum omne suum imperium et potestatem concessit>>.

(45) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Notabile II, [seccion] IV (ed. cit., 64): <<5. 'Item, id quod est omnibus profuturum, et potest esse nocivum, de consensu omnium est agendum (1. quicumque, la 2, C. de om. ag. deser., lib. 11). Propter quod requirendus est omnium hominum liberorum consensus in omni tali negotio: ergo totus vocandus erat...>>. Cfr. C. 11.59.7.2, De omni agro deserto et quando steriles fertilibus imponuntur, 1. Quicumque: <<... ut id consensu omnium fiat, quod omnibus profuturum est>>.

(46) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Sequuntur aliquot conclusiones. Conclusio I. [seccion] VTII (ed. cit., p. 80): <<1. Nulli principum aut regum, quantumcumque supremo, licet in regno statuere et ordinare aliquid, concernens totam rempublicam, in preiudicium aut detrimentum populi vel subditorum, eorum consensu non habito, licito, vel debito, quod si facit, nihil omnino valet de iure>>.

(47) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Notabile II, [seccion] IV (ed. cit., 64): <<6.... omnia iura regalia, reditus et tributa, pacta fuerunt ab initio inter reges et populos, et per consequens non sine consensu libero populi sunt constituta. Ergo nulla subiectio imposita fuit sine consensu populi>>.

(48) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Notabile II, [seccion] IV (ed. cit., 62): <<4.... Populus prior fuit natura et tempore ipsis regibus...>>.

(49) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Sequuntur aliquot conclusiones. Conclusio I. [seccion] VIII (ed. cit., 82): <<5. Libertas est res preciosior et inestimabilior cunctis opibus quae populis habet (1. libertas, de regulis iuris). ergo, preiudicando libertad, princeps faceret contra iustitiam>>. Cfr. D.50.17.106, Paulus libro secundo ad edictum: <<Libertas inaestimabilis res est>>.

(50) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Sequuntur aliquot conclusiones. Conclusio I. [seccion] IX (ed. cit., 84): <<1. Item quilibet rector, vel princeps, cuiuscumque regni vel communitatis, quantumcumque sit supremus, non habet libertatem aut potestatem imperandi civibus prout vult et secundum libitum suae voluntatis, sed solum secundum leges politicas. At leges debent esse conscriptae ad communem omnium utilitatem, et non in praeiudicium reipublicae ... 2. Quia rex vel princeps non imperat subditis ut homo, sed sicut minister legis, unde non dominatur, sed administrat populum per leges (1. digna vox, C. de legibus)>>.

(51) C.1. 14.4: <<Digna vox maiestate regnantis legibus alligatum se principem profiteri: adeo de auctoritate iuris nostra pendet auctoritas. Et re vera maius imperio est submittere legibus principatum. Et oraculo praesentis edicti quod nobis licere non patimur indicamus>>.

(52) Una voce fra le tante, Cino DA PlSTOIA, Lectura in C. 1.4.4, additio, n. 2-3, 7 (Cyni Pistoriensis ... In Codicem ... doctissima commentaria, Francofurti ad Moenum, impensis Sigismundi Feyerabendt, 1578, fol. 25vb-26ra): <<Dico ergo, quod imperator est solutus legibus de necessitate: tamen de honestate ipse vult ligari legibus, quia honor reputatur vinculum sacri iuris et utilitas ipsius... Praeterea ad hoc facit hec lex, quia honestas ligat etiam principem ...>>.

(53) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Sequuntur aliquot conclusiones. Conclusio I. [seccion] VTII (ed. cit., 82): <<4. Tertio, nemini licet sine legitima causa praeiudicium inferre libertati populorum suorum...>>.

(54) Bartolome DE LAS CASAS, De regia potestate, Sequuntur aliquot conclusiones. Conclusio I. [seccion] IX (ed. cit., 84): <<4.... Sed si reges statuerent aliquid in praeiudicium populorum sive subditorum, eorum consensu non habito, facerent quae per ius naturale et divinum prohibentur, quae Deo valde displicerent, et sic attentarent efficere sibi non possibilia. Ergo nulli licet facere in praeiudicium. Minor probatur, quia manifestum iure naturali prohiben ut quis alteri faciat quod sibi rationabiliter nollet fieri>>.

(55) Fray Bartolome DE LAS CASAS, De thesauris, fijacion del texto latino, traduccion castellana, introduccion e indices (ideologico y general) por A. LOSADA. Notas e indices de fuentes biblicas, juridicas y otras por M. LASSEGUE, O.P. (Obras completas, 11.1), Madrid, Alianza Editorial, 1992, Caput VIII, 104,: <<Ergo Summus Pontifex, per sepe dictam de regibus nostris institutionem, non intellexit privare reges et dominos naturales illius Indiarum orbis suis dominiis, statibus regalibus vel honoribus, dignitatibus aut iurisdictionibus...>>.

(56) Bartolome DE LAS CASAS, De thesauris, caput VIII (ed. cit., 105): <<Tum 3: quoniam Sedes Apostolica, per leges vel constitutiones vel donationes suas, non consuevit tollere, absque legitima causa, ea que iuris sunt naturalis vel gentium aut divini: quin potius ea usque ad animam et sanguinem servare inviolabiliter protestatur...>>.

(57) Bartolome DE LAS CASAS, De thesauris, caput VIII (ed. cit., 105): <<Tum 4: per ea quae communiter omnes canonistae determinant in c. Quae in ecclesiarum, de constitutionibus (X.1.2.7), scilicet, Papam non posse privare infideles suis dominiis et iurisdictionibus quemadmodum nec christianos. Et signanter Innocentius in c. Quod super his, de voto. (X.3.34.8) quam sententiam tenent etiam theologi studiosiores iuris naturalis, et alibi latissime scripsimus>>. Cfr. Innocenzo IV, Comm. in X.3.34.8, n. 3 (Commentaria Innocentii Quarti Pont. maximi super litros quinque Decretalium, Francofurti ad Moenum, apud Sigismundum Feyerabendt, 1570, fol. 430ra): <<dominia, possessiones et iurisdictiones licite sine peccato possunt esse apud infideles, hec enim non tantum pro fideli, sed pro omni rationabili creatura facta sunt ... Ipse (scil. Deus) enim solem suum oriri facit super bonos et maios, et ipse et volatilia pascit, Matt. c. 5 circa finem et 6, et propter hoc dicimus, non licet pape vel fidelibus auferre sua, sive dominia sive iurisdictiones infidelibus, quia sine peccato ea possident>>.

(58) Bartolome DE LAS CASAS, De thesauris, Caput XX (ed. cit., 230): <<Cum ergo intervenire consensum et approbationem populi liberi ad constitutionem novi principis, sit naturale vel de iure naturali, et sic morale ad regulandum hominum actus: consequens est quod sic debeat in tempore gratie observari; atque proinde, in casu nostro, necessario haberi conveniat consensum illorum populorum et regum ipsorum, ad recipiendum regem nostrum...>>.

(59) Bartolome DE LAS CASAS, De thesauris, Caput XX (ed. cit., 232): <<Minor satis patet: in c. In nomine Domini, 23 dist (D. 23 c.1); ubi dicit Leo Papa: 'Nulla ratio sink ut illi inter episcopos habeantur, qui nec a clericis sunt electi nec a plebibus expetiti'. Et d. c. Plebs, 63 dist. (D.63 c.11), cum sequentibus; ubi populus vocatur non ad eligendum, tamen ad consentiendum electioni praelati, per illam regulam iuris: "Quod omnes tangit, debet ab omnibus approbari", cum suis concordantiis, lib. 6 (VI 5.13.29) et glossa in c.1 62 dist. Notant a contrario sensu quod si populus non vult consentire electioni factae per collegium, potest electio irritari ... Si ergo episcopus dari non debet invitis populis ne plebs invita episcopum contemnat vel odiat longe minus rector vel rex temporalis populo libero extraneo, gentili et infideli, proprios habenti et naturales reges non recognoscentes superiorem...>>.

(60) Bartolome DE LAS CASAS, De thesauris, Caput XX (ed. cit., 236): <<Ergo non potest eis dari rex novus nisi ipsi populi et quorum iuri detrahitur voluntarie consenserint. Si ergo requiritur necessario quod gentes illae principesque illarum consentiam electioni vel institutioni de regibus nostris Hispaniarum factae per Papam in dominos universales orbis illius, cum negotium sit gravissinum et valde onerosum utpote contra regnorum illorum naturalem libertatem ac servilem deterioremque status omnium incolarum et regum seu magistratuum suorum conditionem, et propterea maxime odiosum: manifestum est oportere ad hoc eius modi consensum libere praestent, illos dulcissimis, mansuetissimis, immo supplicibus verbis suavibusque indictionibus et bonis rationibus moveri, induci et persuaderi, et non perfunctorie>>.

(61) Bartolo DA SASSOFERRATO, Comm. in D.49.1.1.3, n. 10 (Bartholus super secunda ff. Novi, Venetiis, per Baptistam de Tortis, 1526, fol. 226vb).

(62) Bartolo DA SASSOFERRATO, De regimine civitatis, [seccion] 1: <<... et istud regimen vocat Aristoteles poliriam seu politicum. Nos autem vocamus regimen ad populum, et hoc quando tale regimen bonum est et per regentes consideratur bonum commune principaliter ...>> (D. QUAGLIONI, Politica e diritto nel Trecento italiano. Il <<De tyranno>> di Bartolo da Sassoferrato (1314-1357). Con Pedizione critica dei trattati <<De guelphis et gebellinis>>, <<De regimine civitatis>> e <<De tyranno>>, Firenze, Olschki, 1983, 150).
COPYRIGHT 2013 Servicio de Publicaciones de la Universidad de Navarra
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2013 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Title Annotation:articulo en italiano
Author:Condorelli, Orazio
Publication:Ius Canonicum
Date:Jun 1, 2013
Words:12377
Previous Article:La pericia super actas: dificultades, certeza y valor objetivo.
Next Article:La inmunidad de jurisdiccion de la Santa Sede frente a reclamaciones por abusos a menores en los Estados Unidos.
Topics:

Terms of use | Privacy policy | Copyright © 2019 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters