Printer Friendly

"Mourir pour des idees": Eleonora e Napoli ne II resto di niente di Enzo Striano.

Abstract

Scopo di questo saggio e la messa a fuoco dei motivi e delle motivazioni che caratterizzano il romanzo piu noto di Striano, Il resto di niente, dedicato a Eleonora de Fonseca Pimentel, protagonista del 1799 napoletano. L'autore, nel fare un ritratto dell'intellighenzia napoletana del periodo, dipinge al tempo stesso un grande affresco della citta nell'originalita della sua fisionomia urbana e nella sua singolare qualita scenografica, unendo la costruzione di immagini non stereotipe alla sperimentazione stilistica e linguistica. Lungi dall'essere un romanzo storico, il capolavoro di Striano--e questa la tesi dell'articolo--deriva la sua ispirazione profonda dal gruppo di intellettuali e uomini politici della sinistra cui l'autore medesimo appartenne negli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso. Molti personaggi dell'epoca possono essere rintracciati in filigrana nel romanzo, a cominciare da Striano stesso, identificabile nel giovane amico di Eleonora, Vincenzo Sanges, presente anche in altri suoi scritti.

Parole chiave

Enzo Striano, Napoli, rivoluzione del 1799

**********

E c'era anche un'aria strana, per Napoli, allora: bastava osservare la gente. Striano (1957)

E con quello che sta succedendo intorno, per il mondo? Striano (1978)

Tutti non facciamo che attendere. Mentre questa citta bellissima ai nostri piedi va accendendosi di luci. Sembra sentirne vaporare l'alito, di veder la gente brulicante per strade, vicoli, piazze. Ride, mangia, prende il fresco, vive. Noi, invece, in quest'isola arcigna, fuori dal mondo banale e bello. Striano (1986)

Nell'aggrovigliato clima della Napoli della "ricostruzione", Enzo Striano con la sua "necessita del narrare" si affianca naturalmente alla produzione della vitalissima generazione postbellica anticipata da Tre operai di Carlo Bernari nel 1934. Nei suoi romanzi e nei suoi interventi teorici, dove la sperimentazione si adagia sempre sul doppiofondo della rammemorazione, lo scrittore napoletano annuncia e racconta, senza indulgenti intarsi nostalgici o venature ridondanti di colore, una citta sdopplata, smembrata dalle sue antinomie; eppure tellurica, solforosa, agitata nelle sue viscere infette dagli oscuri misteri del sottosuolo e dalla luminosita fosforescente del mare. Scossa dalla irrequietezza di una eterna, sensuale, guappesca giovinezza che dilaga in ogni interstizio della citta-metropoli, dai suoi mercati-teatro dagli odori violenti all'intrico di palazzi, di chiese, di monumenti non inventariati, che si addossano alle sfide ambigue della modernita, la Napoli de Il resto di niente e in preda

alle angosce di una rivoluzione rapidamente invecchiata nella delusione del fallimento e nel sangue dei suoi patiboli, ma magicamente bambina a ogni aurora. Striano narratore con decoro osserva e distilla questo perenne sdoppiamento, questa dolente scissione che dall'intima esistenza dei protagonisti del 1799 contagia tutta la comunita, e la impasta nell'epicentro del romanzo, attuando una sperimentazione che possiamo definire etica, pronta a proiettarsi senza indolenza nel vigore degli sguardi nuovi.

Il calibrato abbinamento delle stoffe narrative e l'accumulo di immagini autentiche dello spazio urbano impediscono allo scrittore la frequentazione dei nutriti negozi antiquari dove gli oggetti dell'elegia e dell'apologetica si allineano senza uno straccio di expertise.

La fortuna dei romanzi di Striano ha indubbiamente alcuni tratti in comune con quella di altri protagonisti della letteratura del Novecento, che hanno conquistato critici e lettori solo dopo la loro scomparsa: Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Guido Morselli, morto suicida, e Salvatore Satta sono stati a lungo gli alfieri di questo aristocratico drappello, a cui vogliamo aggiungere anche la scrittrice siciliana Maria Messina, recensita da Borgese e letteralmente scoperta da Leonardo Sciascia.

Forse un parallelo piu stretto per lo scrittore napoletano puo essere tracciato con Federigo Tozzi. Il senese pubblico, dopo varie peripezie, Con gli occhi chiusi nel 1919 presso Treves, poco prima della morte, benche l'opera potesse ritenersi finita dal dicembre 1913: la moglie Emma ricordava che il romanzo era stato "prima rifiutato da diverse Case Editrici, compresa la Casa Treves" (1925: 272). Tozzi mori nel marzo 1920 mentre stava per arrivare in libreria fresco di stampa Tre croci, scritto due anni prima in solo quindici giorni; considerato da Borgese un capolavoro, il romanzo era stato rifiutato dalla Nuova Antologia. (1)

Striano rientra quindi nel novero degli scrittori scoperti in ritardo oppure ignorati in vita da editori distratti e da una critica silente ed estranea a ogni forma di azzardo, poi improvvisamente fulminata sulla via di Damasco e divenuta per incanto esagitata, noiosa, ripetitiva. L'industria culturale, con arbitrarieta indefinite e soprassalti ingiustificati, miete vittime e costruisce fortune, talora impresentabili, seguendo leggi ferree e sconosciute. Anche per Striano, con rare eccezioni, si e dovuto assistere al rito dell'emulazione e della corsa alla ricerca dei modelli piu adeguati alla deflagrazione del caso letterario. I Vicere di Federico De Roberto, il prevedibile e onnipresente Gattopardo, i grandi russi costituiscono gli inevitabili "richiamati" in servizio come modelli per Il resto di niente. (2) A questo si aggiungano le formule e le etichette che oscillano liberamente tra "romanzo storico" e "antiromanzo" e il gioco sembra fatto. Ma con Striano, un cultore della contro-epopea, ci troviamo innanzitutto di fronte a un autore sorprendente, innovativo, sobrio, capace di cogliere di Napoli l'assenza di definitivo, di codificato, con sensibilita non lontana dal Walter Benjamin che negli anni 1920 visita la citta e ne scrive criticandone le facili oleografie (si veda la poco nota recensione del 1928 al libro di Jacob Job, Neapel. Reisebilder und Skizzen). (3)

Potremmo definire Striano un "fuori corso" ossia uno scrittore militante che scheggia e altera le sigillate formule letterarie del libro-merce. Striano vive seriamente la letteratura come dimensione della coscienza. Il suo infatti, e parliamo de Il resto di niente, e "un libro silenzioso" e profondo, secondo una delle piu intelligenti e meno scontate letture del romanzo, offerta da quell'impasto di genialita e disordine creativo che fu il vittoriniano Luigi Compagnone (cfr. 1989), uno dei piu coerenti sperimentatori tra i narratori vissuti a Napoli nel secondo dopoguerra, anch'egli un "fuori corso" di eccellenza. (4) Non proprio convincente e la puntigliosa recensione dedicata al libro da Raffaele La Capria (1998), molto piu impegnato a individuare i motivi del successo del romanzo presso il lettore napoletano malgrado, a suo giudizio, vari difetti strutturali, che a coglierne i tanti elementi di originalita. Persuasivo e non contraffatto risulta invece l'archetipico giudizio di Domenico Rea sulla novita del linguaggio, "che sale a un'altezza rare volte raggiunta dagli scrittori italiani", (5) in un lontano e non sospetto intervento del 1986, in occasione della prima uscita dell'opera. (6)

Un cerimoniale di recensioni, avvitato su se stesso, ha accompagnato le varie riedizioni del romanzo, ma solo dopo che era stato accolto nei cataloghi prima di Rizzoli e poi di Mondadori: una pessima abitudine questa, tipica delle patrie lettere italiche. (7)

Progettato nel lungo periodo, depurato dalle tentazioni dello schema epico, il romanzo pone Striano indiscutibilmente nelle vesti di caposcuola europeo di un modo nuovo di scrivere di Napoli: "sede inquieta di gente inquieta", per citare un'immagine usata da Cesare Cases (1958: 162) nel recensire il Barone rampante di Italo Calvino. Va notato che dopo l'uscita de Il resto di niente, dopo i prevedibili, ingenerosi silenzi e le successive epidemie di napoletanerie cartacee, dal morbo giallo o noir che si voglia alle pallidissime prose dei nipotini di La Capria, vi e stato un ritorno del romanzo di taglio storico ambientato nella citta. Citiamo solo due titoli, di livello e dimensioni molto diversi tra loro, non privi, probabilmente, di qualche incontro o collusione fortuita con l'opera e il metodo di Striano: il robusto romanzo dal titolo a dir poco scontato di Susan Sontag, The Volcano Lover (1992), presto tradotto in italiano, fino al libriccino di Adrien Goetz, La dormeuse de Naples, uscito a Parigi nel 2004 e in traduzione italiana l'anno successivo (cfr. Sontag, 1995; Goetz, 2005).

Il libro della Sontag, costruito intorno alle figure di sir William Hamilton, "il Cavaliere", il grande collezionista di oggetti antichi e finanziatore di spedizioni archeologiche, e della seconda moglie Emma, la bellissima animatrice della corte di Ferdinando e Carolina, e ambientato in parte in una Napoli di fine Settecento di cui gia conoscevamo gli umori aciduli e solforosi; ancor piu familiari ci suonano le pagine finali della storia, dedicate a Eleonora de Fonseca Pimentel, che parla della sua morte e della sua vita con singolare prossimita ai toni e modi gia usati da Striano (Sontag, 1995: 403-441).

Portato a termine tra la conclusione di Indecenze di Sorcier nel 1978 e il 1982, Il resto di niente, svanite piu attraenti mete editoriali e dopo vari rifiuti, fu pubblicato quattro anni dopo, (8) in una citta per molti versi desertificata, poco propensa alla competizione sul piano nazionale e strutturalmente predisposta a una sostanziale clandestinita del moderno. Intorno alla figura di Eleonora, la nobildonna di famiglia portoghese venuta a Napoli da Roma nel 1760 e giustiziata sulla forca di Piazza del Carmine il 20 agosto del 1799, si accumula una materia incandescente. L'opera viene messa insieme attraverso un complesso lavoro di accordi e di indagini in cui confluiscono innumerevoli studi storici, topografici, urbanistici, sociologici: intensi anni di ricerche linguistiche e di meditazioni su una stagione emblematica, breve, confusa ed esplosiva, al pari di una violenta eruzione del Vesuvio. La vicenda viene costruita sui classici della rivoluzione, Vincenzo Cuoco e Pietro Colletta, sulla memorialistica degli esuli e dei sopravvissuti all' "armonia perduta", sui numerosi studi storicoeruditi di Benedetto Croce, (9) su immensi materiali documentari e iconografici--carteggi, cronache, diari (quello dell'avvocato Carlo De Nicola e i Giornali di Diomede Marinelli)--e sugli aggiornamenti dovuti alle ricerche novecentesche: (10) l'uso personalissimo di questa pluralita di fonti retrodatate genera un sofisticato congegno in cui trovano armonia realta e romanzo, memoria e invenzione, vicende storiche e fantasia, dialetto e linguaggio, tema questo piu volte affrontato dagli scrittori napoletani alla vigilia del boom economico sulle pagine della rivista Le ragioni narrative (cfr. Palermo, 1995). Per Mario Pomilio--credo sia utile ricordarlo per talune riflessioni sulle avanguardie che trovano rifrazioni critiche nello Striano deluso dalle museruole ideologiche e dalla faziosa polarizzazione del dibattito sui destini della letteratura nella societa dei consumi (11)--uno scrittore non puo che obbedire alla propria coscienza morale continuando a "scrivere storie della nostra storia" senza volere a ogni costo imparare antichi giochi.

Quello che e certo, e che rimangono gravi i nostri dubbi circa la possibilita di risalire attraverso il dialetto dalla letteratura dell'oggettivita alla letteratura della coscienza (come direbbe Calvino), dalla presa di contatto naturalistica alla presa di coscienza etico-storica. E percio che resistere in nome della lingua e per noi resistere sull'argine d'una coscienza morale e in nome d'una concezione dello scrittore che non si arrenda alle cose ma teso al di sopra di esse continui a scrivere storie della nostra storia. (Pomilio, 1967b: 59)

La formazione di Striano, come tanti intellettuali napoletani protagonisti o comparse del dibattito culturale e politico del secondo dopoguerra, inizia durante il fascismo e trova la sua maturazione nella Napoli del risveglio, lentamente non piu "milionaria" ma altrettanto disinvolta e afflitta da un ceto politico discutibile; il clima culturale e caratterizzato dall'egemonia del Partito comunista e dal severo ripensamento del crocianesimo. (12)

Striano e uno dei piu autonomi fra gli intellettuali di quegli anni; profondamente segnato dalla vasta, dolorosa crisi ideologica seguita ai fatti d'Ungheria, nel 1956 egli abbandona il posto di redattore napoletano dell'Unita, quindi l'incarico romano offertogli da Giorgio Amendola, ritornando dopo pochi mesi a Napoli (cfr. Striano, 1980). La sua esperienza e il suo rifiuto assumono significati emblematici per la comprensione del "nuovo corso", come direbbe Pomilio, in tempi di grande glaciazione ideologica e scontri polemici tra tradizione e avanguardie; (13) l'acutezza critica del suo sguardo si allarga lungo quella dorsale urbana a vario titolo occupata dal laurismo, dagli egoismi della borghesia imprenditoriale e delle professioni, dalla lentezza e dalle alleanze della Chiesa cattolica, dalla cecita ideale della politica e dal ruolo del Partito comunista italiano: in questo ambiguo contesto Striano si sforza di capire il significato e il senso del lavoro intellettuale. Uno snodo decisivo e il romanzo sperimentale Indecenze di Sorcier (1978), basato su un solido insieme di conoscenze comparative di natura antropologica, politologica e linguistica; molto di piu di una metafora quindi del suo modo d'intendere il mondo. In sintonia con i temi di fondo de Il resto di niente, Striano qui sviluppa gia un'organica, vasta riflessione sul significato profondo della scrittura, delle imposture di cui e strumento in tempi di falsi rivoluzionari e di incalliti mercanti (cfr. Striano, 2006).

Il libro-inchiesta Mistero napoletano di Ermanno Rea (1995; vedi 20022), centrato sulla figura "travolta e travolgente", come ricorda Erri De Luca, della giornalista e musicista Francesca Spada, "comunista in Napoli dal '45 al '61", svela le contraddizioni di un ambiente ricco di ideali ma in maniera abnorme compresso, ingabbiato nella burocrazia stalinista di un partito gerarchico, che impone ai compagni una dura disciplina e agli eretici l'obbligo dell'autocritica anche dopo il 1956, sotto la verticistica direzione di Amendola: (14) occorreva essere degli acrobati, lo scrive Rea a proposito di Renzo Lapiccirella, marito della Spada, per sfuggire alla mannaia dell'epurazione immediata. Il giovane Striano (classe 1927) frequento Renato Caccioppoli, a cui deve la maturazione di tante sue scelte libertarie (cfr. D'Episcopo, 1992: 24) e Francesca Spada, entrambi morti suicidi, rispettivamente nel 1959 e nel 1961: il matematico e la giornalista erano uniti da molte idee e dalla comune passione per il pianoforte (cfr. Lambiase, 2010).

Le speranze del dopoguerra, i dibattiti sulla societa, sulla filosofia, sull'arte, il cinema, la letteratura, che animavano le conversazioni a casa Caccioppoli, non sono cosi distanti dalle idealita e dalle utopie dei rivoluzionari del 1799 che frequentavano e occupavano, con a capo Carlo Lauberg, la modesta abitazione di Eleonora a Sant'Anna di Palazzo. In Striano la caduta delle illusioni dopo il 1956 si presenta come una ripetizione, meno cruenta ma altrettanto amara, della dissoluzione degli ideali del 1799. Occorre ripartire in salita e superare le ispessite muraglie di diffidenza della coscienza ferita. (15) Temi questi che, in vario modo e sotto forme diverse, ritorneranno con insistenza nei racconti, nei romanzi, nei saggi e nei testi teatrali che precedono o accompagnano l'accurata stesura definitiva de Il resto di niente, un'opera la cui complessa progettazione e architettura trascinano il critico al largo, nel tentativo di cogliere le ragioni profonde, di smascherare l'occultamento delle provee il travestimento dei personaggi in un orizzonte nel quale la letteratura si afferma come scelta di liberta politica concettuale e artistica.

Striano partecipo attivamente alla vita letteraria e giornalistica e sperimento l'isolamento derivante dalia non omologazione nelle schematiche indicazioni del Partito comunista amendoliano, a cui invece si piego Rea, suo coetaneo, prendendone il posto nella redazione napoletana de L'Unita. In un troppo fugace accenno si e scritto che "Mistero napoletano e Il resto diniente vanno letti uno sul rovescio dell'altro". (16) A nostro avviso, almeno per rispettare un non discutibile dato cronologico, e stato Rea, che lo ricorda "alla rinfusa" in un folto elenco di nomi (2002 (2): 13), a sovrapporsi eventualmente al lavoro di Striano, benche i due libri abbiamo pochissimo in comune sul piano letterario e su quello (ci si perdoni il termine desueto) ideologico. Piuttosto, il debole racconto La comunista di Rea (cfr. 2012:9-67 in particolare), per un fascio di considerazioni deduttive, pare incoraggiarci a ritenere possibile un sotterraneo legame tra Striano e l'eretica, indipendente giornalista de L'Unita.

La figura di Francesca Spada, tragica e ardente, non e escluso che possa ayer suggerito proprio a Striano delle analogie e sollecitato possibili confronti con Eleonora de Fonseca Pimentel. Ci piace pensare che il volto dell'attrice Anna Buonaiuto, interprete della Spada nell'azzardato e compiacente episodio La salita del film I vesuviani (1997) di Mario Martone, potrebbe essere utilizzato senza alcuna modifica o trucco particolare per quello di Eleonora (mentre poco indovinata appare la scelta della pur brava attrice Maria de Medeiros che la impersona nel film di Antonietta De Lillo, realizzato nel 2004).

L'amore per i libri, la convinta passione politica, il disinteresse per il potere fine a se stesso, l'indomito spirito di autonomia intellettuale, il giornalismo inteso come strumento di formazione civile, una sofferta vita sentimentale, l'inclinazione per la poesia e la musica come difesa dalla degradazione della vita spicciola, il sacrificio nel restare a Napoli malgrado la consapevolezza della sconfitta, un vano, giovanile inseguimento della felicita perdura, la decisa militanza nelle azioni e nei pensieri, il rispetto altissimo per il mondo dell'infanzia, la nomea di donne-scandalo, la vicinanza anagrafica--47 anni la patriota, 45 la giornalista --al momento della morte violenta, paiono indizi rilevanti, non prove ovviamente, per avanzare l'ipotesi, forse fittizia e azzardata, di un gioco d'identificazione e di rifrazioni tra Francesca e Lenor e di un conseguente scomporsi dei due personaggi in un insieme arbitrario, non piu facilmente ricomponibile sull'ingombra scrivania della memoria. Una interazione silenziosa e caustica che piegherebbe le resistenze degli amanti a oltranza di un passato ibernato, musealizzato come un raro frammento di affresco pompeiano, chiuso nella sua incomunicabilita con la storia, congelato nel feticcio delle illusioni perdute. Anche Francesca Spada del resto aveva dovuto sperimentare, cosi come Eleonora, quanto fosse strana la Storia, il sotterraneo mutamento del proprio rapporto con l'ambiente tra oggetti apparentemente immutabili.

Con lei mutavano le cose del mondo. Com'e strana la Storia, a un tratto ti accorgi che respiri aria diversa. Non sai dire in che: tutto va come prima, pero senti che le abitudini han perso confortevole, smorta eternita. Frizza irrequieta attesa d'avvenimenti ignoti. (Striano, 1995 (9): 95)

Traluce un doppio fondo del romanzo di Striano quindi, un diario di bordo occultato nelle scritture del palinsesto che, decifrato in tutte le sue sovrapposizioni, svaluterebbe di un colpo le distorsioni interpretative derivanti da una rigida quanto prevedibile attribuzione di genere.

Un romanzo storico--il migliore "del piu recente Novecento" a giudizio di Barberi Squarotti (1998)--, forse, ma disseminato d'indicazioni simboliche e da un'enciclopedia, parzialmente sfogliata dalla critica, di metafore e allusioni costruite attraverso una audace quanto ricercata sperimentazione linguistica e concettuale. Nella Nota dell'Autore che chiude il libro, Striano, non lasciando deleghe in bianco alla critica, aveva dettato con epigrafica chiarezza il suo modo d'intendere il romanzo.

"Questo e un romanzo 'storico' (secondo la classificazione didascalica del generi, in verita tutti i romanzi sono 'storici', cosi come tutti i romanzi sono 'sperimentali'), non una biografia, ne una vita romanzata" (1995 (9): 329).

Il romanzo si fonda sulla operosa indagine storica senza che la vicenda si lasci aggravare dalla pesantezza della erudizione, come ha saputo evidenziare Michele Prisco. (17) Anche le parti sulla vita privara di Eleonora si fondano su fonti verificate con acribia monastica, si pensi alle pagine relative al matrimonio con il rozzo militare Pasquale Tria, alla morte dell'unico figlio e alla successiva separazione dal marito, ma nessun documento di archivio conserva la sua polverosita. Nel romanzo ogni situazione o citazione si fonde nella organicita del racconto e riconquista senso vivente.

Il resto di niente, anche alla luce di sentieri interpretativi che portano verso la ricostruzione di una biografia generazionale, e quella che possiamo definire una polifonia parlata, una prodigiosa composizione di personaggi e piani diversi che s'intersecano senza perdere contorno; di pitture, di colori, d'immagini teatrali e farsesche che immergono il lettore nei caratteri della citta, nella festa e nelle inquietudini di una citta inimitabile, irripetibile, dominata da una sacrilega vocazione all'ombra, all'oscuro, al torbido, benche per lunghi periodi dell'anno arsa dal calore e accecata dal sole.

Lenor, cosi affettuosamente chiamata dai suoi familiari e in seguito dagli amici, ragazzina allegra in giro per conoscere Napoli, vede per la prima volta il re mentre su una carrozza scoperta esce dal Palazzo per scendere verso la Marina lungo l'angolo del Gigante. Una soluzione simbolica, quella proposta dall'autore, per stabilire un inestricabile rapporto tra la futura rivoluzionaria e ii monarca, da cui ricevera qualche invito a corte ma soprattutto prima un ordine di carcerazione e meno di un anno dopo la condanna a morte. La ragazza, immediatamente dopo il passaggio della regale carrozza "tutta doratura e fregi", avverte dei dolori al ventre e si accorge dell'avere avuto "il primo sangue di donna", di essere diventata signorina come si diceva a Napoli. Ferdinando, un re bambino di tredici anni, era seduto accanto a "un signore grosso, inespressivo, gran tricorno azzurro sul parruccone a buccoli". Lenor ebbe la sensazione che il re l'avesse guardata.

Le parve che il re, nel passare, la guardasse. Aveva occhi chiari e indifferenti. Continuo a contemplarlo, il ragazzo mostro corruccio nella fronte, accenno a voltarsi, mentre la carrozza continuava la corsa. Forse s'era irritato perche lei era rimasta li, dritta, a scrutarlo, senza neppure accennare alla riverenza, come facevano tutte le persone in cui la vettura s'imbatteva. (Striano, 1995 (9): 30)

Una profezia quindi che l'accompagnera negli anni e che restera impressa nella memoria come segno di un destino tracciato. Sul pagliericcio del carcere della Vicaria, dove era rinchiusa dal 5 ottobre 1798, in un momento di grave sofferenza fisica, le ritorna alla memoria quel fatale incontro e rivede il re "in giamberga verde e d'oro" (250).

Viaggiatore, esploratore, turista, sovente il personaggio di Lenor si trova ad attraversare e a navigare nei vicoli o nelle grandi strade con le paure del naufrago. Sua guida e la elegante figura d'invenzione Vincenzo Sanges--(Sanges nel romanzo I giochi degli eroi del 1974 e il personaggio che interpreta il nuovo Capo dello Stato Maggiore dell'esercito)--, un conclamato Enzo Striano con costumi e profumi alla moda ma senza parrucca, (18) conosciuto nel salotto settimanale di casa durante una serata organizzata dai suoi zii portoghesi per entrare finalmente in contatto con la societa dei dotti. I due familiarizzano e Sanges, con l'essenzialita del divulgatore di alto profilo, le spiega la storia cittadina (preferisce il riformismo di Bernardo Tanucci agli inconcludenti estremismi dei giovani intellettuali), e nei giorni successivi l'accompagna dove mai avrebbe saputo spingersi. Sanges, che sostiene il lettore nel compimento della trasfigurazione letteraria di Lenor e nella sua definitiva uscita dallo scafandro celebrativo, conosce intimamente la capitale-metropoli, la porosita delle sue rocce e della sua architettura (secondo la calzante definizione di Walter Benjamin e della sua amica, la regista lettone Asja Lacis), (19) e con leggerezza s'inoltra con la giovane poetessa, con cui "era nata gentile, curiosa amicizia", in una sorta d'infanzia napoletana, che li portera a immergersi nella topografia storica della citta, dalla Napoli dei vicoli senza luce alle amene ville del Vomero. (20) Si dirigono a piedi verso Posillipo, il luogo della "pausa del dolore", attraversando il Pallonetto di Santa Lucia, dove vivono i luciani, "una tribu nella tribu", uomini prepotenti e bambini, fedelissimi di Ferdinando IV, Castel dell'Ovo, la Riviera di Chiaia, la sua spiaggia, il villaggio di Mergellina, Palazzo Donn'Anna: nei giorni successivi visitano il Mercato, raggiunto costeggiando "muriccioli lungo una spiaggia purulenta, tanfosa d'orina, pesce morto immondizia", il vero "reame dei mercanti e dei lazzari", la piazza delle esecuzioni capitali, e poi un'avventurosa discesa agli inferi, nel libidinoso e orrido vico di Santa Teresella degli Spagnoli, popolato da esseri luridi e sguaiati su cui la natura esercita abusi incontrollati di disumanizzazione. Goethe, Francesco Mastriani, il Fucini di Napoli a occhio nudo, anche il Malaparte dell'ultimo capitolo di Kaputt e de La pelle, fino alla Ortese del Mare non bagna Napoli, entrano nella spirale della pieta disegnata da Striano nel mostrare, senza compiacimento, un angolo della Napoli del sottosuolo; non quella misteriosa e turistica visitata nei divertiti e oziosi tour dai viaggiatori di ieri e dalle masse militarizzate di oggi, ma la purulenta realta di Santa Teresella o dei fondaci della Marina. Il riferimento a Curzio Malaparte merita un'ulteriore notazione. Il romanzo, si e piu volte detto, nasconde percorsi mimetizzati ma localizzati di collegamento con le esperienze umane e politiche dello scrittore. I richiami sono numerosi e si ritrovano tanto nei fatti che nei personaggi della storia narrata. Un esempio efficacissimo lo rintracciamo nell'arrivo dei francesi al comando dello Championnet in citta dopo la precipitosa fuga del re a Palermo nel dicembre 1798. Nobili, borghesi, intellettuali e lazzari ritrovano la pace e festeggiano con i soldati di Napoleone allo stesso modo con cui i napoletani accoglieranno gli alleati nel 1943. Il passo che leggiamo sembra estratto da La pelle (cfr. Malaparte, 2010) o dalle scene di tanto celebre cinema del neorealismo. Gli ussari di Striano non sono cosi diversi anche dal soldato americano di colore derubato di tutto dallo scugnizzo in Sciuscia (1946), uno dei capolavori di Vittorio De Sica.

Napoli sembra aver dimenticato tutto. La temperatura e mite e, nonostante si sia entrati in "ventoso", per la citta non yola un soffio: forse qui bisognerebbe modificarlo il calendario repubblicano, che e nato in Francia, dove il clima e diverso.

Tutto, o quasi tutto, pare tornato come prima, anche meglio di prima. La folla gremisce strade, vicoli, piazze, le botteghe han riaperto, i lazzari si son fatti amici dei Francesi. Ci scherzano, li fanno divertire, li derubano, li accompagnano di qua e di la. Sulle spiagge di Santa Lucia, di Mergellina, folla di granatieri, d'ussari, cacciatori: ai banchetti di vendita o in attesa d'imbarcarsi sopra i gozzi d'oro. Osterie e bische straripano di Francesi e d'accompagnatori, per non parlare del Mercato, dei vichi della Cagliantesa, di San Matteo, dove, sotto le insegne coi gerani, in ogni ora del giorno e della notte brulicano uniforme rosse e blu. Lazzari e Francesi si scambiavano allegramente anche il linguaggio (...). Intorno agli alberi della liberta, piantati dappertutto come aveva raccomandato Championnet, si balla, si canta, si vendono spassatiempi, brodo di polpo, femmine. E Championnet davvero e andato a vedere il miracolo di san Gennaro in Duomo. (Striano, 1995 (9): 278)

La liquefazione del sangue del santo alla presenza del generale rivoluzionario avviene grazie all'accondiscendenza del cardinale Capece Zurlo; i canali della Realpolitik sono nuovamente attivi. Il popolaccio inizia a odiare san Gennaro, lo sente dalla parte degli occupanti d'oltralpe, mentre aumentano le quotazioni di sant'Antonio, la cui effigie sta per essere posta a protezione del sanfedisti del cardinale Fabrizio Ruffo. I due santi per il popolo sono ufficialmente in guerra tra loro. Nei vicoli e nei fondaci san Gennaro non suscita piu grande devozione (cfr. Croce, 1948 (5) a).

Sanges, colui che "'l'aiuto a conoscere luoghi della citta", insinua nella diciottenne Lenor il dubbio, il tarlo del "resto di niente", l'incubo della improbabile vittoria della poesia sui mostri del mito. A Santa Teresella si attraversa una galleria degli incubi, un insieme di scene oniriche, di balli sfrenati di quattro femmenie' circondati da una folla eccitata e divertita, che non sarebbero dispiaciute alla visionarieta del Malaparte de La pelle o a un antropologo della scuola di De Martino.

Davanti un basso un calderaio gonfio, sudato, interamente nudo, teneva accesso un fuoco di carbone per stagnare pignatte a colpi di mazzuolo. Puzza orribile, da mal di testa. In un angolo una donna grassa, le gambe simili a colonne di cera, friggeva, dentro una padella poggiata su due pietre, pezzetti di pasta nericcia, fiori di zucca, pesciolini, fette di patata. (...)

Si distrasse per clamore e musica lontani: battere di tamburi, sonagli, zuf-zuf di pentoloni a stantuffo. Ragazzi galopparono verso i suoni, tirandosi dietro cani, galline, un porco. Dalle case schizzarono facce stupide e allegre. A uno slargo folla infantile, proterva, circondava quattro personaggi incredibili.

In principio credette fossero donne, volgari e scostumate, che cantavano e danzavano, poi capi. Uno indossava camiciola rosa, senza maniche, da cui uscivano braccia pelose. Un altro, obeso, portava un cappellino a merletti e sottogola, gonna multicolore da pacchiana. A torso nudo, si reggeva le mammelle grasse, pendule, mostrandole con allegra golosita alla folla che rideva, fischiava, insultava. Gli altri due, pure in abiti da donna, suonavano, passando con rapidita prodigiosa dai tamburelli ai pentolacci della Piedigrotta, a chitarroni dalle pance larghe, poi tutti e quattro tornavano a cantare, facendo le voci sottili. (Striano, 1995 (9): 49-50)

A Santa Teresella Lenor ritorno tempo dopo da sola per comprare uno scaffaletto per i libri. Dal falegname Don Edua' conobbe il giovane Michele, l'ex lazzaro che aveva deciso di lasciare la sua tribu per lavorare, per sentirsi diverso: con la nostalgia per la perduta "liberta", ma con la convinzione di aver fatto una scelta giusta (163). Del lazzaro, "il lavorante riccio", si ricordera, ed e questa ulteriore prova dell'esistenza di un intimo, ricorrente colloquio tra Striano e la sua Eleonora. Nella sua veste di insegnante anche l'autore sosteneva che solo dopo aver strappato alle pessime abitudini della citta i giovanissimi, la citta avrebbe potuto diventare finalmente moderna e civile (291).

Napoli, dove si vive in bilico tra golosita e miseria--l'opulenza dei suoi mercati e unica al mondo--, tra pudore e volgarita, eleganza e spregiudicatezza, magia e ragione, euna sconfinata isola del tesoro, priva di mappe conosciute, che nasconde in se inaspettate e multiformi "inclinazioni pedagogiche".

"Senza volerti insegnare nulla ti costringeva ad apprendere, fra banalita, segreti spregevoli. I Napoletani li succhiavano col latte, ma ce n'era per tutti. Bastava stare attenti, riflettere" (51).

E ancora Sanges a predire a Len6r una carriera di poetessa dopo averla ascoltata declamare alcuni versi, ed e lui, con un collaudato meccanismo di rifrazioni, a spiegarle la meschinitfa dei colti locali.
   Io non sono ne il conte di Cagliostro ne la Sibilla di Cuma. Potrei
   predirvi un brillante avvenire di letterata, se ci sapeste fare: la
   gente di lettere a Napoli e, in genere, sciocca, infida. Qui e
   difficile conquistarsi un privilegio. Chi l'ha raggiunto se lo
   tiene caro. La torta e piccola. Lenor, non puo saziare tutti. E il
   problema di questo Regno: ha una sola grande citta, alla quale
   accorrono nobili e cafoni, ricchi e poveri, intelligenti e fessi.
   (41)


La de Fonseca Pimentel sara accolta in Arcadia e i suoi versi ascoltati e graditi a corte (Croce, 1948 (5) b; De Fonseca Pimentel, 1999). Eppure per una donna le porte del lavoro intellettuale a Napoli e nelle province del Regno erano sbarrate. La giovanissima lo aveva subito capito e per questo si sentiva infelice.
   Ma come sarebbe potuto andare in maniera diversa? A nessuna donna
   nel Regno era aperto il piccolo mondo del lavoro di qualita.
   Soltanto cameriera, cuffiara, stiratrice, puttana. Non esistevano
   medichesse, avvocatesse e apparivano mostri Donna Colubrano
   Pignatelli che studiava matematica o Mariangella Ardinghelli che
   aveva scritto su una cosa nuova della fisica, l'elettricita. (68)


Con Sanges la poetessa stringe sempre piu una relazione di complicita, e di affetto, un'intimita non tanto amorosa quanto familiare. Lo avverte come sua guida e suo mentore, e ai suoi discorsi si affida per la comprensione dell'anguillare citta che la ospita. Quando l'amico scompare dai salotti e dalle conversazioni lo va a cercare senza trovarlo. E un momento di smarrimento, di solitudine, dove forse con maggiore immediatezza affiora una dimensione esistenziale delrautore al di la dello stesso andamento narrativo. L'atlante urbano ancora s'identifica con i percorsi del romanzo. Striano avra girato a piedi la citta annotando sul suo taccuino di scavo toponimi, nomi di chiese e di palazzi con le scale firmate dalrarchitetto Ferdinando Sanfelice, e letto con cura il bel libro-breviario Le strade di Napoli. Saggio di toponomastica storica di Gino Doria, la cui prima edizione era apparsa nel 1943, seguita dalla seconda, notevolmente accresciuta, nel 1971.

Una mattina s'arrampic6 fino all'Imbrecciata dei Sette Dolori, per cercare Vincenzo. Erta straduccia di pietre taglienti: da un capo sbucava su Toledo, presso la Pignasecca, dalraltra saliva tortuosa verso il Vomero. Anche li bassi, panni stesi, clamore. Ci volle tempo per scovare la casa di Sanges, in quella zona ancora non avevano applicato i numeri civici. Infine giunse a un palazzuccio fumoso, scale doppie alla Sanfelice ma strettissime, puzzolenti di gatto e cavolo cappuccio. Sali all'ultimo, Vincenzo non vi abitava piu da parecchio, forse era tornato a Sarno. (Striano, 1995 (9): 100)

Intanto Sanges, scomparsa la maroma, ritorna a Napoli qualche tempo dopo, cambiato, triste, invecchiato, stanco d'inseguire illusioni ma comunque affettuosamente disponibile verso Lenor, che ormai si e separata dal marito Tria, ignorante militare di carriera.

"Siamo cambiati tutti. Anch'io non sono quello d'una volta. Veder cadere le persone cara segna, come no. Ti cancella per sempre l'infanzia che, nonostante tutto, ti portavi dentro; ti spegne e ti matura" (130).

Nell'impianto narrativo le vivide descrizioni delle strade, degli oggetti e dei volti di Napoli strutturano uno dei livelli piu evidenti dell'opera. Le grandi nature morte di Gian Battista Ruoppolo, i mercati di Vincenzo Migliaro, le opulente composizioni del presepe donato da Michele Cuciniello al Museo nazionale di San Martino nel 1879 aiutano Striano a creare numerose pagine di grande resa iconografica e di forte impatto sensoriale. Gli occhi di Lenor paiono annegare nella molteplicita degli odori e dei colori natalizi che imbandiscono Toledo e i vicoli in una strana, misteriosa simbiosi fra le architetture e un immenso deposito all'aperto di oggetti e di merci.
   Si fece largo, davanti la chiesa di San Ferdinando, imbocco un
   tratto di Toledo, dov'era calca indescrivibile.

      Si fermo a guardare, all'angolo del Sargente Maggiore, la mostra
   di "La femme chic" con vestiti che mozzavano il flato (...). Le
   botteghe alimentari traboccavano di noci, mandorle, castagne dure,
   datteri africani, lardo, prosciutti, sottaceti variopinti. (...) La
   confusione maggiore nei vicoli, ai mercatini sommersi da broccoli,
   cavolfiori, mele annurche, arance, pigne, davanti ai pescivendoli
   che maneggiavano anguille vive e sguscianti, orate, dentici, f
   acendo grondare acqua ed erbe di mare. Nella melma guazzavano coi
   piedi nudi, sudici, ficcati in grossi zoccoli di legno. (102)


Toledo nei giorni tragici che precedono l'arrivo dei francesi in citta, nel gennaio 1799, sara vuota e i banchi dei mercati non offriranno nulla alle donne in cerca di cibo. A Napoli le rivoluzioni e le guerre si associano alla fame, alla immediata penuria di generi alimentari. Cosi accadeva nel 1799, cosi negli anni della seconda guerra mondiale e nell'infernale biennio 1943-1945, il tempo sfrenato della borsa nera. Un effetto collaterale previsto e inevitabile nella visione delle catastrofi del napoletano, al di la del ceto o della classe di appartenenza. La cessazione del conflitto coincide con il magico riapparire di abbondanti carri di verdure, di frutti, di cibo di ogni genere. La sola notizia della resa dei difensori di Castel Sant'Elmo, ancor prima che i prigionieri possano scendere in citta per essere trasferiti in carcere, riavvia i commerci e riporta per magia, come in tanti cunti di Basile, le mercanzie nelle strade.
   Napoli sembra aver ritrovato di colpo la propria vita tumultuosa,
   sonora. Con maggiore golosita. Le botteghe, riaperte le botteghe
   per incanto, traboccano di roba, i balconi grappolano paurosamente
   di persone. Per l'aria nuovamente gli odori untuosi e dolci
   dell'estate napoletana. (318)


Un album di gouaches e di grandi vedute sette-ottocentesche si inserisce fra i fogli del romanzo con illustrazioni meritevoli delle migliori prove pittoriche di Jacob Philipp Hackert, di Pitloo e della Scuola di Posillipo. Ma queste descrizioni della memoria diventano implicitamente anche atto durissimo di accusa verso chi, mettendo le mani sulla citta negli anni Cinquanta-Sessanta, aveva alterato ignobilmente la natura urbanistica e la bellezza del paesaggio. La collina del Vomero, che Striano conosceva minuziosamente e frequentava come tanti giovani della sua generazione, era stata violentata senza reticenze da una scandalosa alleanza tra la politica e l'imprenditoria.
   Si passa tra i grandi pini verdi che fiancheggiano il carcere di
   Santa Maria Apparente, s'imbocca l'infernale salita del Petraio. Le
   bestie fioccavano bava ai morsi, sul petto. Il sentiero che
   s'inerpica alla collina e ciottolume grigio. Di li precipitava,
   negli antichi inverni, la spuma minacciosa della lava, ora e
   asciutto. Il cielo ride, c'e tanto verde, nonostante la stagione.
   Nei campi ben squadrati lavoravano quieti pacchiane e contadini,
   come niente intorno stesse succedendo. Eppure qui Sant' Elmo
   incombe, col minaccioso sprone. Sotto, la dolcezza candida della
   Certosa di San Martino, dentro un mare di foglie sempre verdi.
   (269)


Alle composite vedute di Napoli quindi si aggiungono elementi che moltiplicano la trama fluviale, "nel senso che si tratta di un grande fiume" (Domenico Rea), del romanzo e rovesciano le comodita del canone. Nelle acque di questo immenso fiume corrono al mare la vita storica di Eleonora, che usando formule attinte dalle arti figurative definiremo piu una pittura storica appunto che una pittura di storia, il ricchissimo quadro della intellighenzia illuminista e rivoluzionaria, impegnata in accese conversazioni sulle istituzioni e sull'organizzazione dello Stato, tante pagine di storia delle relazioni tra gli intellettuali e della cultura musicale: uno tra i tanti esempi e la venuta a Napoli dello scienziato e letterato veneto Alberto Fortis (1741-1803), che soggiorno e studio vari periodi nel Regno e fu amico e corrispondente della de Fonseca.

Le diverse parti sono tessute fra loro con raffinati accorgimenti artigianali e lasciano riconoscere un laborioso, lento lavoro di cucitura: per intenderci di quelli di un tempo, fatti a mano con grazia e precisione. Il richiamo all'amore del tabacco, comune a molti frequentatori dei salotti, le discussioni sulla poesia di Metastasio, sulle musiche di Paisiello e Cimarosa, il cui Matrimonio segreto (1792) ottenne a Vienna e a Napoli un successo strepitoso, le interminabili giaculatorie sui pettegolezzi di corte sono gli elementi decorativi di una societa che fino al 1792 e non oltre la congiura del 1794, che costo la vita al giovanissimo Emmanuele De Deo, al Vitaliani e al Giordano, pareva conservare un rapporto non drammatico con il potere monarchico. Nel romanzo la ricostruzione degli arredi, delle mode, del gusto, dei costumi avviene con compiutezza e cura.

Tra pagine di meravigliosa forza immaginativa e altre in cui, grazie allo sfoggio di raffinate fonti iconografiche e non comuni indicazioni bibliografiche risalenti a una conoscenza di prima mano di gazzette e cronache dell'epoca--vedi il richiamo non scontato a padre Rocco--, Napoli appare in tutta la sua scintillante vivacita.
   Feste si celebravano sotto i tabernacoli sistemati da padre
   Rocco, predicatori urlavano dovunque. Ne vide uno spaccare la sua
   grossa croce di legno sulla testa di uno spettatore distrattosi a
   guardare una ragazza. E le strabilianti mostre del casadduogli per
   Sant' Antonio! A Santa Teresella si esponevano un sant' Antonio e
   una santa Chiara con teste e mani di legno, corpi di formaggio e
   prosciutti. Il petto di santa Chiara provoloni, la collana
   salsicce, gli orecchini taralli. Lazzari e pezzenti inebetiti
   salivavano. (77)


Ci sono poi rituali carnevaleschi che colpiscono per la forza evocativa e per la rappresentazione farsesca. E il caso dei festeggiamenti per il Capodanno 1799 nella grandissima casa Fasulo in via Atri, una "zona sudicia e bula della citta" (206), in cui l'assalto ai sontuosissimi banchi delle pietanze si associa a un lugubre rito di disfacimento, di annunciata premonizione dell'infausto destino che tocchera di li a poco a tanti degli invitati. Vi parteciparono tutti i patrioti e tra questi Cirillo, Cuoco, Astore, Salfi, l'abate Jerocades, Pagano, Lauberg, Lenor, Gennaro Serra e anche ii quasi cinquantenne Sanges. Lauberg ha l'idea di portare al banchetto tre veri lazzari che, dopo momenti di timidezza, chiudono la serata completamente ubriachi. In un luogo nabesco e visionario potevano accadere le cose piu strane.

"Qui si puo fare cio che si vuole: nell'anticamera s'e formato un mucchio di parrucche, aterra uno strato di cipria. Molte dame svelano capelli corti, al naturale, parecchie sono vestite da maschio" (207).

Ciaia, Lomonaco, Jerocades, Pagano, Chiara Pignatelli e molte dame discutevano di poesia e di Alfieri, mentre Baffi "spiega cosa c'e scritto nei papiri scoperti ad Ercolano". E un episodio, questo di casa Fasulo, non marginale e che assume nel romanzo un significato altamente simbolico, celebrando l'apertura di un anno terribilis e memorabile.

Il resto di niente si presenta comunque come il racconto intimo di un tormentato rapporto amoroso tra l'autore e Napoli, un legame non interrotto ne dalla negativita degli avvenimenti ne dagli assalti dell'oscura coscienza dei mali annidati nella diabolica e amata "Fedelissima", talvolta avara di idilli e pronta a tradire anche i suoi piu onesti innamorati.

La cultura borghese, i grandi intellettuali e parte della societa aristocratica tentarono di costruire un modello sociale nuovo, rorido di prospettive ideali e fortemente alternativo a quello dominante, legittimato dal potere della monarchia borbonica. Il giacobinismo, giunto nel porto di Napoli sui legni della flotta francese guidata da Latouche de Treville nel 1792, erodeva principi e convincimenti dell' ancien regime fomentando la crescente "agitazione rivoluzionaria" (Croce, 1998: 208-209). Gli intellettuali napoletani, conoscitori dell'opera dei grandi illuministi napoletani Antonio Genovesi e Gaetano Filangieri, che Lenor ricordava da giovane "con la faccina magra, un po' foruncolosa ..." (Striano, 1995 (9): 104), progettavano di modificare in profondita le strutture di un potere intriso delle piu retrive concezioni assolutiste. Gennaro Serra, dopo essere salito sul ponte della nave Languedoc e aver incontrato il cittadino ammiraglio che si fa dare del tu dai marinai, confidava all'amica: "Dobbiamo prepararci Lenor" (205). Era giunto il momento di affermare anche a Napoli i principi della Rivoluzione francese.

Striano e consapevole di realizzare un'opera ambiziosa, complessa, strettamente legata alle vicende della societa napoletana a lui contemporanea attraverso una molteplicita d'interstizi che fanno trapelare i percorsi dell'ideologia e della politica e la fisionomia delle classi dirigenti, tra entusiasmo e melanconica rammemorazione del passato. E un romanzo in cui la storia, appoggiata dai ricordi, rompe gli argini didattici e diventa impegno, passione, militanza. Una grande autobiografia collettiva che racconta i fatti, sempre compiuti e definiti, con una intuizione che assume sempre piu i tratti di una accertata verita: Napoli e abitata non da diavoli ma da eterni bambini che non vogliono assolutamente crescere e somigliare finalmente ai popoli adulti delle tante altre citta europee. La passivita colta da Cuoco nel suo Saggio storico sulla Rivoluzione di Napoli (1799) non 6 nella assenza di volonta e di partecipazione ma nel desiderio di restare in un giardino di favole e di umili sogni, accontentandosi di vivere nei piu bui e sporchi bassifondi dell'Olimpo. Il narratore in una parte decisiva del romanzo, riferendosi all'immutabilita della "gente bambina", esprime con chiarezza le sue idee sulla rivoluzione e sulla fatua ambizione di quanti, avvolti anch'essi nelle velleita di un'infanzia dorata e supponente, credono nel sortilegio del cambiamento. I lazzari amano il re e la Chiesa, difendono i preti e gli aristocratici ribaldi che li proteggono dai "perturbatori d'un mondo quieto, fantastico, bene ordinato secondo i primordiali principi della vita". Il nuovo mondo sgomenta, impaurisce e costringe gli uomini a uscire dalle piu elementari, millenarie certezze. I lettori e gli autori di libri sono i grandi nemici dell'immodificabile e vanno abbattuti con violenza al pari di un qualsiasi esercito nemico che renta di conquistare la citta, il suo mare pescoso, le sue spiagge luminose, le sue tane cariche di voci affamate. Striano commenta l'idea di Eleonora di educare il popolo e di servirsi dell'aiuto di un diffidente Vincenzo Cammarano, lo storico Pulcinella del Teatro San Carlino, per raccontare gli ideali e i fatti della Repubblica napoletana, con impressionante anticonformismo e realismo. Il vecchio, esperto Cammarano non crede che la maschera di Pulcinella possa essere giacobina, "lo po' pure fa', ma solo per far ridere, per soldi. Isso non ce crede". La delusione patita da Sanges-Striano nel suo rapporto con le ambiguita della politica, dei partiti e degli apparati non e senza ritorno purche il dibattito sulla felicita pubblica lo si affronti con serieta e senso della Storia. Occorre che le generazioni compromesse con ogni forma di potere (politica, Chiesa, camorra) si assottiglino, strappando il maggior numero di giovanissimi alla pigrizia dell'intelligenza, alla sudditanza verso i forti e i prepotenti, alla poverta, al vuoto morale, all'assenza dell'indignazione. L'educazione civile e uno dei grandi motivi "politici" del romanzo ma non si realizza soltanto dando delle nobili, fragili indicazioni. Leggere Genovesi, Filangieri, "distruggere Pulcinella, san Gennaro, vicoli, bassi", smetterla con la vita randagia e poi? Quanti napoletani vogliono e possono cambiare?
   Vogliono esser lasciati in pace nella loro grande, bella citta di
   giardini, cupole, spiagge. Nel sicuro protettivo dei vicoli, dei
   bassi, del tempo. Resteranno cosi? Com'essi vogliono? Sempre il
   vecchio problema: s'ha diritto di lar felici gli altri imponendogli
   quella che riteniamo sia felicita? Felicita comporta sacrifici,
   s'ha diritto d'imporli a chi pensa che non valga la pena farli?
   (...) (291)


Solo quando ci sara una rivoluzione della mentalita nelle nuove generazioni si potra avere una cultura del lavoro e una concreta condivisione del bene comune: la citta potra diventare "come tant'altre, civili, della Terra", e il suo popolo, educato e istruito, sara persino pronto, e qui non manca una ironica distanza dai velleitarismi di certa sinistra italiana e napoletana soprattutto, "a seguire quanto gli verra intimato dai filosofi, da tutti quelli che vogliono assolutamente dargli felicita" (291).

Intanto nella capitale la rabbia dei lazzari e esplosiva--si assiste a vere e proprie epidemie di violenza--, ma si raffredda facilmente e rimane sopita durante lunghe pause in cui regna l'indifferenza verso il mondo, e si impone una convivenza pacifica tra la loro tribu e le varie classi sociali, cosi come accadeva all'arrivo delle gravi notizie di Francia di qualche anno prima. La cartolina della citta pare provenire da un luogo di non-storia, da un villaggio millenario inca dimenticato dai conquistadores, eppure a breve si scatenera l'inferno e la lunga notte non avra aurore.
   Gennaro l'accompagna verso il mare. E sempre piu stupita: Napoli
   non sa nulla, Napoli se ne infischia. Quale tensione, che paure?
   Tutto va come sempre, anzi meglio. La citta e splendida, fiorita,
   si diverte. Il mare azzurrissimo, liscio, riflette come una
   specchiera il Vesuvio col pennacchio barocco, la penisola di
   Sorrento, le case e gli alberi di Castellammare. Lo solcano barche,
   barchini, velieri, con baldacchini ricamati per proteggere dal sole
   le allegre comitive. Ne giungono sulle ali di refole incostanti,
   fiotti di canzoni e musiche, richiami.

      Sulle spiagge di Santa Lucia, Chiaia, Mergellina, i lazzari nudi
   si arrostiscono beati, sonnolenti, avvolti dalle nuvole odorose di
   salsedine e d'aglio provenienti dai banchetti ambulanti. Ostricari
   infaticabili spaccano conchiglie coi loro coltellucci ricurvi,
   producendo montagne di gusci. L'acre odore del limone strizzato
   sulla carne palpitante di cozze, fasolare, cannolicchi. (184)


La citta da tempo si era abituata a sopportare la vicinanza tra carnefici e vittime, che talvolta finivano per mescolarsi e tragicamente confondersi nella ritualita della morte. Gli sbudellamenti del gennaio 1799 nelle strade e nelle piazze della capitale apparivano, e giustamente, solo un'ouverture: radicalita rivoluzionaria e reazionarismo plebeo s'incastravano con lineare precisione nella follia della guerra civile. La fucilazione in Castelnuovo dei fratelli Gerardo e Gennaro Baccher e dei loro compagni Natale d'Angelo, Ferdinando e Giovanni La Rossa il 13 giugno 1799, a poche ore dalla caduta del governo repubblicano, ordinata dalla Commissione rivoluzionaria, senza alcun processo (Croce, 1948 (5) c: 158), acuiva la violenza e il desiderio delle parti contrapposte di colpirsi senza regole. Di questo evento Eleonora, per aver pubblicato i documenti della congiura sul Monitore napoletano, si senti molto addolorata: nella vicenda ebbero un ruolo Luisa Sanfelice, Ferdinando Ferri e Vincenzo Cuoco. (21) Nel romanzo e Luigi Primicerio a confortarla sbrigativamente definendo i Baccher e gli altri giustiziati "tre o quattro mascalzoni".

I giacobini esasperano l'aggressivita di fronte agli atti selvaggi compiuti dall'armata del cardinale Ruffo nelle province e alla rabbia dei lazzari e dei poverissimi ospiti dei Quartieri spagnoli: l'accentuazione del radicalismo rivoluzionario diventa inevitabilmente una risposta alla furia sanfedista e al tempo stesso una prova della sconfitta degli ideali patriottici, lontani e intraducibili per le masse urbane e per quelle del contado nonostante gli sforzi compiuti dal Monitore napoletano della stessa de Fonseca e da poeti come Luigi Serio (cfr. Giglio, 1999). Va pure ricordato che l'intellettualita giacobina fu di altissimo profilo culturale e seppe esprimere progetti di respiro europeo (cfr. Macry, 1998). Pur nella chiarezza delle sue posizioni interpretative Striano, e bene sottolinearlo, non aspira a invasioni di campo e non si sottrae dal fare i conti con gli storici di professione: poco o nulla lo accomuna alle enfatiche biografiche romanzate della Maciocchi (1993, 1997) su Eleonora e su Luisa Sanfelice. L'autore propone con misura il racconto dello spirito del tempo, dei suoi umori, delle sue passioni, e riesce a farlo con i linguaggi e con i metodi propri della letteratura. Il suo libro, al pari delle Confessioni d'un italiano di Ippolito Nievo, pur conservando un raro carattere di avventuroso e poetico insieme, e "piu efficace e piu storico di dieci studi eruditi", come afferma Carlo Dionisotti (1988: 342) a proposito del capolavoro dello scrittore veneto condividendo una considerazione di Sergio Romagnoli.

L'incomunicabilita tra lazzari e rivoluzionari piu volte nel romanzo si manifesta in tutta la sua drammaticita. Ma in una occasione si evidenziano veri e propri cavalli di frisia, che delimitano le oceaniche distanze tra le parti. Lauberg, De Deo, Lenor, Gennaro Serra, Lomonaco, Russo, Manthone e Marra, l'ultimo comandante della piazza di Castel Sant'Elmo, si recano nei fondaci per parlare con il popolo e diffondere le idee libertarie della rivoluzione francese. Si scontrano con la disperazione e la fame degli abitanti, comunque disposti a prestar loro ascolto. L'arrivo dei lazzari modifica improvvisamente la scena, la incupisce e rende ruvido il contatto. I lazzari sono prepotenti, arroganti, pronti alla violenza; il greve confronto tra uno del branco, l'inesperto De Deo e il piu deciso Lauberg spiega plasticamente gli insuperabili limiti della proposta repubblicana e l'impotenza delle parole. Dal versante della resa narrativa gli esiti sono notevoli: l'accorta scelta del ritmo linguistico e ii graduale aumento delle tonalita dialettali compiono l'ulteriore accreditamento letterario del dialogo. Un lazzaro baffuto entra in scena affrontando direttamente e con fare irridente De Deo che tenta di parlare di liberta: giunge "fino a respirargli in faccia". E un indizio corposo di quanto Striano, dai suoi possedimenti nell'arcipelago del disincanto, sia lucido nel considerare i feticci dell'ideologia e i pericoli derivanti dalla narcisistica convinzione della superiorita delle avanguardie rivoluzionarie rispetto alle classi subalterne o al Lumpenproletariat, di cui erano soci onorari i lazzari di Napoli. E un conflitto che non lascia illusioni e non concede aperture ironiche: i patrioti dovranno precipitosamente allontanarsi sotto un diluvio d'insulti e di oscenita. Le domande restano intonse, nessuno riesce a trovare un limite alle argomentazioni dei due gruppi; una muraglia cinese li separa senza appello. Il brano, pur nella sua lunghezza, merita di essere letto per l'indizio che offre al lettore in cerca del suo passe-partout nel "folto mazzo di chiavi" che per Sterne (1981) e efficace metafora del Political romance. Il brano inoltre puo acquisire il contorno di frammento di una possibile piece teatrale:

--Cavalie',--disse, martellando le sillabe--tu vuoi da' la liberta a me? Tu si' cchiu libero de me? Cavalie', mo te 'mparo' na cosa: Napoli sai de chi e? Primma de san Gennaro, poi de lo rre, e poi e d"a mia.

De Deo avvilito, anche spaventato, non riusci a intervenire, Russo sogghignava. Fu Lauberg, nonostante la fretta, a intervenire accavallando le sillabe per il nervosismo.

--Tu tieni la liberta de te mori' de famme, guaglio'.

Il lazzaro s'irrigidi. Guardo i compagni, rispose, con sprezzo:--Cavalie'. lo te dongo a mangia' a te, a tutta la razza tua.

--Overo?--chiese, ironico, Lauberg E comme fai? Tu faticasse?

--Io non fatico. La fatica la lasciammo a te ealla gente comm' a te. A Napoli sai chi e che non fatica? Lo rre, li signure e li lazzare. Tu lo sai chi e il padrone mio, cavalie'? E Aniello.

I lazzari attorno risero forte, anche le donne e i ragazzi.

--E chi e Aniello?--domando ingenuamente Lauberg, nonostante l'esperienza, provocando sghignazzare clamoroso ...

--Aniello songh'io.--annunzio con degnazione il baffuto, puntandosi un dito al petto.

--Ma tu chi sei!--sbotto Lauberg, irritato, i lazzari divennero cupi.--Che vira fai! Dint'a la fetenzia, senza sape' niente!

S'accese, prese ad arringare.

--Chisto e lo male vostro. Vi credete liberi, padroni, ma di che? De la famme? De la monnezza? Lo rre, li signure, li prievete se spartono la grascia e vuie tenite li ppanze azzeccate co' li rine.

--Cavalie', vattenne.--lo interruppe il gamurrino, cattivo--Tu non me piace. Dici ca nuie simmo niente e nisciuno. E allora perche 'nce vai cercanno? Nuie stammo bbuono accossi. Che si' venuto a fa' da lo Mandriere?

--Non ti riguarda, borbotto Lauberg, il lazzaro l'afferro per un braccio.

--Non ve facite vede' cchiu da chesti pparte.

Volendo stravincere, grido:--La liberta ve la tenite pe' vvuie! Sai addo' l'avita mettere?

Dinto a lo mazzo de mammeta!

--Lo mazzo de mammeta! Lo mazzo de mammeta!--fu il terribile, spernacchiante coro che li accompagno mentre uscivano precipitosamente. (Striano, 19959: 160)

Nei sei mesi della Repubblica napoletana, da gennaio a giugno 1799, atti terribili e feroci si susseguono ma la ragione della mai raggiunta governabilita e racchiusa nella lotta tra l'entusiasmo delle favole e l'angoscia del moderno, tra la difesa di una societa immobile e limacciosa e il tempo del cambiamento: un perenne contrasto, irrisolto per le grandi occasioni storiche puntualmente perdute da Napoli.

Nelle parti finali del romanzo Striano continua a evitare toni gonfi, cadute retoriche, eccessi ideologici. Nessuna concessione viene offerta alle tribunizie esaltazioni storiografiche delle celebrazioni risorgimentali e alle tardive enfasi postmoderne ma si propone la sottolineatura delle qualita umane dei patrioti e di Lenor, che nei momenti concitati che precedono la sconfitta esprime una umanita profonda, distante dal bisogno del sacrificio e dalla ricerca di una morte degna di figurare tra le Vite di Plutarco. Nei suoi occhi non c'e piu il furore rivoluzionario ma la lucida, rassegnata convinzione che tutto e ormai il "resto di niente".
   Va a guardarsi allo specchio, toglie gli occhialetti, fissa gli
   occhi. Non piu de foco, sbiaditi, stanchi, arrossati. Cosa vi si
   legge, dentro? Non riesce a trovarvi niente. Il resto di niente.
   Non v'e piu nascosto nulla. (294)


La mattina del 13 giugno i tipografi la svegliano nella sua casa di Sant'Anna di Palazzo, quella che aveva preso nel palazzotto del marchese Sifola, e le consegnano l'ultimo numero del Monitore napoletano, il trentacinquesimo, datato 20 pratile, anno VII repubblicano (8 giugno): non sara mai distribuito, la Repubblica e in agonia e i lazzari--che si confermano i veri soldati del re--pronti all'assalto finale. Il primo era uscito solo pochi mesi prima, il 14 piovoso (2 febbraio 1799), eppure sembrava che fosse trascorsa da allora una vira lunga e faticosa, racchiusa nella bolla di un sogno svanito. In uno spazio che pare sospeso, incantato, pietrificato, mentre "Napoli tace" prima della tempesta che dal mare sta per investire con onde gigantesche ogni illusione, l'immagine di Donna Lionora, alle prese con l'amatissimo caffe nella "cucina tutta mattonelle bianche di Cava de' Tirreni" (131) si arricchisce di una pacata, tenera femminilita pur nei foschi presagi che l'atterriscono e la sospingono su uno spazio bianco senza piu margini.
   Va in cucina a prendere mestolate d'acqua, per rinfrescarsi,
   tornare in se. Silenzio strano in casa e fuori: mancano i concerti
   di campane che dall'alba fan tintinnare l'aria del quartiere, manca
   il rumore di scuri e di portelle che sbattono, annunziando il
   risveglio nei palazzi e nei bassi, mancano rotolio di carrette,
   richiami, gli urli dei ragazzi. Napoli tace.

      Allarmata, apre la finestra, facendo entrare vampe di calore
   blanco. Pochissime persone in giro, radi i potecari che s'avviano,
   in mano le enormi chiavi alla san Pietro, per toglier catenacci
   alle botteghe. Un solo carrettino di verdura s'arrampica verso il
   mercatino al trivio, il padrone non scarica mazzate ne bestemmie
   sul ciuccio affaticato. E ched'e? Riempie la caffettiera. Ora si
   sente lucida. Forse questo e l'ultimo caffe che mi preparo, pensa.
   Domani e Sant'Antonio, il giorno stabilito da Ruffo. E il numero 35
   del "Monitore" e proprio l'ultimo. Non lo leggera nessuno. (307)


Con Luigi Primicerio, suo antico amore conosciuto durante una serata del 1768 dai Serra di Cassano, riassapora la dolcezza di un tempo e con lui, dopo un vano tentativo di fuga dalla citta, assediata dai sanfedisti e dai lazzari, raggiunge Castel Sant'Elmo, ultimo presidio di resistenza repubblicana. Le pagine che raccontano questo amore ritrovato e la solidarieta tra i due amanti nelle ore che precedono la fine sono molto forti sul versante narrativo e su quello delle intime risonanze emotive. Lenor ha gli occhi chiusi, ha smesso di lottare, di sperare, si affida senza illusioni a Luigi.
   Vanno in fretta verso San Carlo alle Mortelle. Lei tiene gli occhi
   chiusi, ariuda e dolce insieme. Decide Luigi!

      All'altezza della chiesetta di San Carlo altro momento tenero,
   nonostante la spossatezza del corpo. La chiesa e serrata, il sole
   screpola le vecchie ante pittate in verde. Manda un bacio con la
   mente, verso il caro quadratino. Andiamo. I ciottoli del Petraio
   riverberano fuoco. I ninterrotto il frinire delle cicale sui greppi
   e le terrazze: stordiscono. Piedi e gambe bruciano, labbra, narici,
   gola sono secche. Ogni tanto leva lo sguardo sulla mole gialla di
   Sant'Elmo: proietta ombra vastissima sui giardini della Certosa,
   dai quali nasce desiderio di fresco, quiete, pace. Forse non
   possiamo lar altro, Luigi mio, vecchio, malridotto amore di
   trent'anni fa. Dobbiamo proprio andare a Sant'Elmo. (311)


II personaggio di Primicerio e stato identificato con il giurista e poeta giacobino Luigi Serio, morto nel corso dei combattimenti contro le truppe del cardinale Ruffo al Ponte della Maddalena il 13 giugno 1799 (Giglio, 1998). Nel romanzo egli cade a Castel Sant'Elmo sotto gli occhi stupefatti di Lenor.
   Improvvisa, vigliacca scarica di fucileria crepita vicinissima.
   Ventate di pallottole spazzano il cortile, entrano nelle feritoie.
   Due o tre nel camerone cadono. Anche Luigi. Preso nella schiena, a
   sinistra. Meu Deus. Lei con gli occhi sbarrati vede lo zampillo
   rosso vivo che sprizza due o tre volte, si spegne. Non fa in tempo
   a raggiungerlo che Luigi, in terra, ha gia serrato i denti in
   smorfia gelida, incancellabile. Gli accarezza la fronte ancora
   tiepida, i pochi, lunghi capelli grigi dietro il collo. (317)


Il romanzo resta coerente fino all'epilogo della lunga parabola, operando una continua azione di sfrondamento di ogni forma di mitizzazione. Bellissime sono le immagini che precedono l'esecuzione di Gennaro Serra di Cassano, il giovane, nobile rivoluzionario che non aveva mai smesso di amare la de Fonseca; in quell'ultimo attimo lei lo ricambia lanciandogli "un bacio forte, con tutto il cuore". In Gennaro, ormai un san Sebastiano alla giacobina, la donna aveva piu volte visto crescere quel figlioletto perduto che non aveva mai lasciato andar via dalla sua anima e dai suoi piu gelosi pensieri.

Striano in queste pagine compone una letteratura alta, colma di quella verita dei sentimenti che solo la poesia riesce a svelare, malgrado le scene si tingano di sangue e il brusio del macabro tenti di tarlare gli ultimi respiri di quelle generose esistenze. Il "caro" piu volte ricorrente nel linguaggio della patriota prossima alla morte e usato nel suo significato piu autentico e sincero, riferito a chi si ama, e parte degli affetti personali.
   Guarda tesa, contratta. Fissa Gennaro che e dritto, fermo, anche se
   trema un poco. E molto pallido. Prima d'avvicinarsi al ceppo si
   volta, la guarda, le sorride. Gli manda un bacio, forte, con tutto
   il cuore. Gennaro mio, caro, caro amore anche tu, non soffrire, ti
   prego. Non soffrire troppo.

      Pero non ha ii coraggio di guardare la mannaia cadere. Meno male
   che ii gruppo di serventi precipitatisi a gettar segatura impedisce
   di vedere. Scorge soltanto, dopo il boato "Viva lo re!", tre o
   quattro che portano giu per la scaletta il corpo insanguinato di
   Gennaro. Come un ragazzo che ha avuto un incidente: tutto piegato
   da una parte, non si puo capire che non ha piu la testa. (328)


La scena avrebbe potuto lasciare segni immediati e generare una incontrollata devastazione della psiche. Questo non avviene malgrado immagini degne del dipinto La bottega del macellaio di Annibale Carracci (1582) o dei tanti martirii di santi raffigurati nelle tele dei caravaggeschi napoletani.

La morte di Lenor, a cui era stata negata la decapitazione in quanto considerara non abbastanza aristocratica da meritarla, non e presentata in conformita con la consacrata testimonianza di Cuoco, ossia in un'aura di mitico eroismo, ma con decoro e grande compostezza, (22) che costringono persino lo sgarbato e livido Mastro Donato, nomignolo a Napoli attribuito al boia, a un atto di gentilezza.
   Addio, addio anche a te, Vincenzo. Caro Vincenzo della mia
   giovinezza in questa cara citta. Amore mio tu pure, ovunque ti
   trovi adesso. Speriamo che riesca a salvarti.

      Alza gli occhi, verso il mare, che s'e fatto celeste tenero.
   Come il cielo, come il Vesuvio grande e indifferente. Un piccolo
   sospiro di rimpianto. Non osa chiedere: vorrebbe, pero. Ritrovarli
   tutti nell'abbraccio di Dio sarebbe bello. Cosi, invece, che
   rimane? Niente. Il resto di niente.

      Vacilla. Mastro Donato il bola la sorregge, poi la spinge, con
   delicatezza. Le tiene una mano per farla salire sopra lo scaletto.
   Prima di date il calcio la guarda, con occhio serio, un po'
   aggrondato. (328-329)


Il saluto a Sanges, che gli sembra di scorgere tra le onde di una folla eccitata in cui affiora anche il volto malato della leale cameriera Graziella--la figlia della prostituta Naso de Cane (cfr. 131)--e struggente. Possiamo immaginare in filigrana la sofferenza dell'autore nel lasciare Eleonora sul patibolo di Piazza Mercato e nel fuggire in lacrime attraverso Sant'Eligio verso il "paese d'oro, segreto" depositato nei fondali marini del suo inquieto quanto libero mondo interiore, chiedendosi "in definitiva che senso aveva avuto" raccontare quella storia. Forse Il resto di niente.

Ma Eleonora, ormai ospite nello studio di Striano, canticchia fra se e se, insieme a noi, i versi senza tempo di Georges Brassens: "Mourir pour des idees, l'idee est excellente".

Funding

This research received no specific grant from any funding agency in the public, commercial of not-for-profit sectors.

DOI: 10.1177/0014585813479928

Bibliografia

Augias C (1998) Dal ventre di Napoli nasceva la rivolta. La Repubblica, 19 maggio.

Barberi Squarotti G (1998) Una splendida Lenor. Si riscopre Il resto di niente di Enzo Striano. La Stampa, 11 giugno.

Battaglini M (a cura di) (1974) Il Monitore napoletano: 1799. Napoli: Guida (nuova edizione 1999, Napoli: Guida).

Benjamin W (20072) Immagini di citta. A cura di E Gianni. Torino: Einaudi.

Cases C (1987) Calvino e il "pathos della distanza". In: Cases C. Patrie lettere. Torino: Einaudi, pp. 160-166 (gia pubblicato nel 1958 in Citta aperta 7-8).

Compagnone L (1977) Dentro la Stella. Milano: Rusconi.

Compagnone L (1989) Il silenzio dopo il resto di niente. Il Mattino, 12 giugno.

Croce B (1936) Vite di av venture, di fede e di passione. Bari: Laterza (nuova edizione 1989, Milano: Adelphi).

Croce B (19485a) San Gennaro e Sant'Antonio. In: Croce (1998), pp. 94-100.

Croce B (19485b) Bibliografia degli scritti di E. de Fonseca Pimentel. In: Croce (1998), pp. 81-102.

Croce B (19485c) Luisa Sanfelice e la congiura dei Baccher. In: Croce (1998), pp. 133-204.

Croce B (1998) La rivoluzione napoletana del 1799. A cura di C Cassani, nota di F Tessitore. Napoli: Bibliopolis (riproduce l'edizione del 1948 5).

D'Episcopo F (1992) Enzo Striano. Napoli: Liguori.

De Fonseca Pimentel E (1943) Il monitore repubblicano del 1799. Articoli politici seguiti da scritti vari in verso e in prosa della medesima autrice. A cura di B Croce. Bari: Laterza (ristampa anastatica 2000, Bologna: il Mulino).

De Fonseca Pimentel E (1999) Una donna tra le muse. La produzione poetica. A cura di D De Lisio, introduzione di R Giglio. Napoli: Loffredo.

De Luca E (1995) L'eresia di Renato e Francesca comunisti soffocati dal PCI. Corriere della sera, 30 settembre.

Dionisotti C (1988) Appunti sul Nievo. In: Dionisotti C. Appunti sui moderni. Foscolo, Leopardi, Manzoni e altri. Bologna: Il Mulino, pp. 337-350 (gia pubblicato nel 1983 in Miscellanea di studi in onore di Vittore Branca. Firenze: Olschki).

Giglio R (1998). Per l'identificazione storica di un personaggio de il resto di niente. In: Critica letteraria XXVI(IV/101): 731-739; ripubblicato con il titolo Luigi Serio, personaggio del romanzo "Il resto di niente" in: Giglio (1999), pp. 255-262.

Giglio R (1999) Un letterato per la rivoluzione: Luigi Serio (1744-1799). Napoli: Loffredo. Goetz A (2005) L'odalisca perduta. Genova: L'Ippocampo.

Iermano T (2000-2001) Il nuovo corso e la negazione del conformismo ideologico. In: Di Biase M e Giordano MG (a cura di) Mario Pomilio intellettuale e scrittore problematico. Scritti e testhnonianze per il decennale della morte. Numero monografico di Riscontri XXII(4)-XXIII(1): 21-38.

Iermano T (2009 (2)) Geografie e storie del Novecento letterario. Profili critici e proposte di lettura. Napoli: Mephite.

Iermano T (2013) Denuncia, mito e oblio. Appunti di viaggio sulla Napoli moderna. In: Sabbatino P (a cura di) Il viaggio a Napoli tra letteratura e arti. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane, pp. 485-507.

La Capria R (1998) Striano. Il romanzo del grande Sud. Corriere della sera, 6 aprile.

Lambiase S (2010) Francesca Spada la dolce eretica e il treno dei bambini emigranti. Corriere del Mezzogiorno, 11 ottobre.

Letra A (a cura di) (2008) Monitore napoletano (2 febbraio-8 giugno 1799). L'antico nella cultura politica rivoluzionaria. Manduria: Lacaita.

Maciocchi MA (1993) Cara Eleonora. Passione e morte della Fonseca Pimentel. Milano: Rizzoli.

Maciocchi MA (1997) L'amante della rivoluzione. La vera storia di Luisa Sanfelice e della Rivoluzioine napoletana del 1799. Milano: Mondadori.

Macry P (1998) Napoli '99. Giu le mani dalla rivoluzione. Corriere della sera, 17 novembre 1998.

Malaparte C (2010) La pelle. Storia e racconto. A cura di C Guagni e G Pinotti. Milano: Adelphi.

Palermo A (1995) Una difesa delle ragioni narrative. In: Palermo A Il vero, il reale e 1 ideale. Indagini napoletane fra Otto e Novecento. Napoli: Liguori, pp. 154-165.

Pomilio M (1959) Il nuovo corso. Milano: Bompiani.

Pomilio M (1967a) Contestazioni. Napoli: Rizzoli.

Pomilio M (1967b) Dialetto e linguaggio. In: Pomilio (1967a), pp. 35-62 (gia pubblicato nel 1960 in Le ragioni narrative I/2, pp. 5-41).

Pomilio M (1967c) La grande glaciazione. In: Pomilio (1967a), pp. 103-125.

Prisco M (1987) Eleonora al naturale, Il Tempo, 21 febbraio.

Ramondino F e Muller AF (1992) Dadapolis. Caleidoscopio napoletano. Torino: Einaudi.

Rea D (1986) Napoli capitale degli orrori. Il Mattino, 1 dicembre.

Rea E (2002 (2)) Mistero napoletano. Introduzione di S Perrella. Torino: Einaudi (gia pubblicato nel 1995, Torino: Einaudi).

Rea E (2012) La comunista. Due storie napoletane. Milano: Giunti.

Sabbatino P (2011) Quel Giuda nominato Trotskj di Enzo Striano. Rivista di Letteratura Teatrale 4: 211-223.

Sabbatino P e Striano A (a cura di) (2012) Enzo Striano. Il lavoro di uno scrittore tra editi e inediti. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane.

Sontag S (1995) L'amante del vulcano. Milano: Mondadori.

Sterne L (1981) Romanzo politico. Nota introduttiva di G Melchiori. Torino: Einaudi.

Striano A (2010) Quel Giuda nominato Trotskj tra Indecenze di Soreier (1978) e Il resto di niente (1982). Rivista di Letteratura Teatrale 3: 151-155.

Striano E (1957) La linea gotica. Inedito.

Striano E (1980) Giorgio Amendola. Ricordo di uno scrittore. Corriere di Napoli. Ultimissime, 6 giugno.

Striano E (1995 (9)) Il resto di niente. Napoli: Loffredo (edizione originale 1986, Napoli: Loffredo).

Striano E (2006) Indecenze di Sorcier. A cura di A Striano introduzione di G Barberi Squarotti. Milano: Mondadori.

Tozzi E (1925) Note biografiche. In: Tozzi F (1925), pp. 269-276.

Tozzi F (1925) Novale. Milano: Mondadori.

Tozzi F (1995 (4)) Opere. Romanzi, prose, novelle, saggi. A cura di M Marchi, introduzione di G Luti. Milano: Mondadori.

Toni Iermano

Universita degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Italia

Note

(1.) Lo dichiara Emma Tozzi in Tozzi F (1925:228 in nota). Per una storia dei testi tozziani cfr. Tozzi (1995 4: 1329-1387).

(2.) Per indicazioni bibliografiche aggiornate su recensioni e interventi sul romanzo vedi il sito ufficiale dello scrittore www.enzostriano.it. Inoltre si rinvia al recente volume di Autori varia cura di Sabbatino e Striano (2012).

(3.) Cfr. Ramondino e Muller (1992: 9-11, 88-89, 328-329). Sull'argomento vedi Benjamin (2007 (2)). Inoltre cfr. Iermano (2013).

(4.) Sul suo legame ideale con Elio Vittorini vedi Compagnone (1977), una riscrittura "napoletana" di Conversazione in Sicilia.

(5.) Per indicazioni sul dibattito critico relativo all'opera di Striano cfr. inoltre Iermano (2009 (2): 310-316).

(6.) Il resto di niente fu pubblicato a Napoli dall'editore Loffredo nel 1986 e ininterrottamente ristampato fino al 1995. Nel 1997 fu pubblicato dalia Avagliano di Cava de" Tirreni in edizione economica e l'anno successivo passo alla Rizzoli, che nel 2001 lo accolse nella Piccola Biblioteca La Scala. Nel 2002 e ritornato momentaneamente alla Avagliano e finalmente nel 2005 e approdato agli Oscar Mondadori. Per le citazioni qui riportate ho utilizzato, anziche la piu accessibile edizione degli Oscar, Striano (1995 9), un piccolo omaggio alle modeste quanto dignitosissime origini del romanzo.

(7.) Esemplare in questo ambito e la sommaria recensione di Augias (1998).

(8.) Cfr. Enzo Striano, scheda redazionale non firmata che precede il romanzo nell'edizione del 2005 presso Mondadori (V-XX: qui VIII-IX).

(9.) Oltre che del classico saggio cuochiano La rivoluzione napoletana del 1799, nella costruzione del paesaggio storico del romanzo Striano fece un uso narrativo dei documenti editi in De Fonseca Pimentel (1943) e del profilo di Carlo Lauberg apparso in Croce (1936).

(10.) Tra gli strumenti di lavoro dovette risultargli particolarmente utile per la conoscenza della Eleonora giornalista l'edizione del Monitore napoletano del 1799 (Battaglini, 1974). I 35 numeri originali del giornale si conservano presso la Biblioteca Nazionale di Napoli e quella di Potenza. Inoltre vedi Letra (2008).

(11.) Si rinvia al decisivo intervento di Striano Un 'etica per Narciso. Appunti per un'ideologia della societa dei consumi, scritto tra il 1968 e il 1969 e parzialmente pubblicato in Incentivi riel 1971. Vedi D'Episcopo (1992: 20).

(12.) Appare di sicuro interesse il racconto inedito di Striano La linea gotica, finito di scrivere il 13 agosto 1957, conservato nelle carte dello scrittore. Il testo si compone di 57 pagine dattiloscritte. Racconta l'esperienza del giovane Mario, che ha lo stesso nome del protagonista del Giornale di adolescenza, durante gli ultimi due anni di guerra: da Napoli, con la mamma e due sorelle, va a vivere nel 1943 in un paesino fra Varese e Como mentre il padre resta in citta. La guerra interrompe ogni comunicazione tra il Nord e il Sud e inevitabilmente spezza in due anche la famiglia di Mario. Milano, dopo lo sfondamento della linea gotica, diventa la grande capitale politica dell'Italia liberata e Mario la raggiunge in treno a guerra ormai finita, quando la linea gotica e ormai solo un ricordo: "Gli era sembrato curioso che quello avesse detto 'la linea gotica': era parecchio che non ne sentiva piu parlare. Gli tornd dentro, nuovamente, la sensazione di nascosto, di antico, che quelle parole gli avevano dato, sentendole la prima volta" (46). Al termine del racconto, dopo la data di chiusura, Striano inserisce la seguente annotazione: "Nota dell'Autore: riscrivere questo finale in chiave triste". Siamo nel 1957 e le illusioni di un mondo nuovo sono state lacerate dai carri armati sovietici nelle strade di Budapest. In quello stesso anno La lineagotica vince il Premio Castellammare. In giuria vi erano, tra gli altri, Compagnone, Rea, Incoronato, Prisco e Pomilio. Vedi D'Episcopo (1992: 19).

(13.) Cfr. Pomilio (1967c). Per meglio cogliere il pesante clima politico successivo agli avvenimenti d'Ungheria, si rinvia a Pomilio (1959). Inoltre vedi Iermano (2000-2001).

(14.) A questo riguardo Erri De Luca (1995), nel recensire il libro di Rea, uscito per i tipi di Einaudi nel 1995, ha scritto: "Si scoperchia un partito pentola, chiuso e incupito di sospetti all'interno e ostile verso il popolo dei vicoli intorno, cui rimprovera il vendersi per un piatto di pasta, la sua natura di sottoclasse infida, cui va contrapposta l'esigua compagine degli operai. Rea racconta le dissidenze addomesticate con l'esercizio punitivo delle autocritiche, comunque mai sufficienti, oppure espulse. Lo stalinismo resiste a Napoli non solo alla morte del titolare, ma anche alla denuncia dei suoi crimini, nel '56. Il partito, in mano ad Amendola in citta, si arrocca nella sconfitta e isola il dissenso. Sono anni disperati di critiche soffocate, di cui sono spariti i verbali dagli archivi, come puo scoprire Rea. Con la morte del matematico Caccioppoli e della musicista Francesca Spada si consuma in sacrificio quanto di meglio era stato prodotto dall'intelligenza febbrile e dalla passione d'essere cittadini del mondo di una citta assiderata. Erario quanto di meglio non solo per latitudine di talento e competenza, ma per l'affezione spasmodica al luogo. Non vollero ne poterono partire, anche se ridotti dal partito all'inutilita".

(15.) Per tutti cfr. Striano A (2010) e Sabbatino (2011).

(16.) Silvio Perrella nell'Introduzione a Rea E (20022: XI).

(17.) "Dunque romanzo, per essere piu esatti, romanzo storico: e tuttavia qui la storia e si tratta di uno dei capitoli piu drammatici e martoriati scritti da una citta, Napoli, che ha sempre vissuto vicende drammatiche e martoriate--6 come mimetizzata, per cosi dire, dall'impeto narrativo che sorregge la struttura del libro" (Prisco, 1987).

(18.) "E c'era Vincenzo Sanges, non ebbe il coraggio di fermare lo sguardo su di lui. Il piu bello: l'aveva notato sin dalle prime, fugaci apparizioni nel salotto. Sedeva accanto la finestra, accavallando le gambe muscolose fasciate da calzoni a tubo. Parlava fitto con un altro, bassino, rado di capelli, gli occhialetti d'oro, poi seppe ch'era l'avvocato Meola. Neppure Sanges portava la parrucca e sarebbe stato un peccato nascondere i bei capelli biondi, ondulati, che gli scendevano sul collo, formando anche due morbidi favoriti intorno al viso robusto, ben rasato. Doveva essere uno di quei Napoletani d'origine angioina: biondi, gli occhi chiari. Tento esplorazione velocissima, le parve sul verde, o verde grigio" (Striano, 1995 9: 34-35).

(19.) "Impressioni di viaggio fantastiche--scrivono Benjamin e la Lacis--hanno colorato la citta. In realta e grigia: un grigio rosso o ocra, un bianco-grigio. E molto grigia nei confronti del cielo e del mare. E non da ultimo questo grigiore toglie ai cittadini ogni piacere. Chi non comprende le forme ha qui poco da vedere. La citta e rocciosa. Dall'alto, dove non arrivano le voci, vista da Castel San Martino, essa giace morta nel crepuscolo, tutt'uno con la roccia. Appare appena una striscia di spiaggia, dietro si accalcano gli edifici uno sull'altro. Casermoni in affitto con sei o sette piani su basamenti forniti di scale sembrano grattacieli in confronto alle ville. Nel basamento di roccia, dove raggiunge la riva, sono state scavate delle grotte. Come nei dipinti di eremiti del Trecento si vede qua e la nella roccia una porta. E aperta e si puo guardare in una grossa stanza da letto. Piu oltre le scale conducono al mare, a trattorie di pescatori che sono state ricavate in grotte naturali. Da qui la sera filtrano verso Falto una luce opaca e una musica tenue. L'architettura e porosa come questa roccia. Edifici e azioni si trasformano gli uni nelle altre in cortili, arcate, scalinate. A tutto si lascia lo spazio per divenire teatro di costellazioni mai viste prime. Si evita il definitivo, il codificato" (Ramondino e Muller, 1992: 9).

(20.) Sul rapporto Sanges-Lenor vedi varie considerazioni in D'Episcopo (1992:131-164).

(21.) Il Monitore napoletano (al quale spetta la prima menzione del nome del Cuoco), nel numero del 24 germile, ossia del 13 aprile pubblicava: 'Una nostra egregia cittadina, Luisa Molina Sanfelice, svelo venerdi sera (5 aprile) al governo la cospirazione di pochi, non piu scellerati che mentecatti', ecc. E, dopo aver fornito varie notizie sui congiurati, terminava: 'Essa, superiore alla sua gloria, ne invita premurosamente a far noto che ugualmente con lei e benemerito della Patria in questa scoperta il cittadino Vincenzo Cuoco' (Croce, 19485c:151-152).

(22.) Sulle fonti storiche relative alle otto esecuzione del 20 agosto 1799 e in particolare su quella di Eleonora vedi Croce (1998: 78-79). La de Fonseca fu sepolta il 21 agosto nella chiesa di Santa Maria di Costantinopoli.

Autore corrispondente:

Toni lermano, Universita degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Italia.

Email: toniermano@tiscali.it
COPYRIGHT 2013 State University of New York at Stony Brook, Center for Italian Studies
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2013 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Title Annotation:article in Italian
Author:Iermano, Toni
Publication:Forum Italicum
Date:May 1, 2013
Words:12460
Previous Article:Oltre la tradizione dei romanzo storico ad argomento risorgimentale: la riscrittura di donna e nazione ne II sorriso dell'ignoto marinaio di Vincenzo...
Next Article:La tesi di laurea di Cesare Pavese su Walt Whitman e i suoi studi successivi sulla letteratura americana.

Terms of use | Privacy policy | Copyright © 2021 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters |