Printer Friendly

Doppiaggio, sottotitoli e fenomeni di code-switching e code-mixing: la traduzione dei testi mistilingui.

Nel suo studio sulla traduzione in sottotitoli Gottlieb (1992) si riferisce ad un'operazione molto diffusa fuori dall'Italia, in quei Paesi dove e consuetudine per il pubblico avere accesso ai film in lingua originale con sottotitoli nella propria lingua. In questi Paesi le persone sviluppano una particolare abitudine a leggere le parole che compaiono in basso sullo schermo e a metterle contemporaneamente in relazione con i messaggi sonori provenienti dalle battute in lingua originale pronunciate dagli attori (se hanno una parziale conoscenza della lingua), con i suoni paraverbali trasmessi dagli attori (intonazione, ritmo, pause, tono e timbro della voce), con i suoni significativi del contesto e con i messaggi visivi della scena e delle azioni. Nello stesso capitolo citato sopra, Gottlieb (1992: 166-68, citato da Taylor, 1998: 221) riporta una lista di dieci casi possibili che possono verificarsi nel tradurre dal dialogo della sceneggiatura al testo per i sottotitoli:

1. espansione (expansion): aggiunta di spiegazioni;

2. parafrasi (paraphrase): cambiamento di qualche elemento della frase, necessario nel passaggio dalla lingua di partenza alla lingua obiettivo;

3. trasposizione (transfer): traduzione letterale;

4. imitazione (imitation): riproduzione di alcuni tratti della lingua di partenza;

5. trascrizione (transcription): tentativo di riprodurre suoni che sono insoliti per entrambe le lingue, come le voci di animali;

6. slittamento (dislocation): uso di mezzi linguistici diversi per mantenere lo stesso effetto;

7. restrizione (condensation): riassunto del testo originale, senza perdite di significato;

8. riduzione (decimation): eliminazione di una parte del testo originale contenente significati non essenziali;

9. cancellazione (deletion): eliminazione totale di una parte di testo con perdita di significati;

10. rinuncia(resignation): soluzione che non soddisfa le esigenze linguistiche o semantiche del testo di partenza.

Anche tradurre una sceneggiatura per la versione doppiata del film implica un adattamento linguisfico e culturale che si realizza attraverso una serie di strategie, molte delle quali rispecchiano quanto abbiamo gia osservato per la realizzazione dei sottotitoli. Sapino (2000: 200-13) cita quelle piu importanti:

1. spostamento: si usano espressioni piu colorite di quelle originali, allo scopo di caratterizzare meglio il personaggio, talvolta con variazioni semantiche che variano l'intensita del testo di partenza;

2. aggiunta: inserimento di parti di testo assenti nell'originale, specialmente quando il personaggio e fuori campo, cioe nei momenti in cui sono meno presenti le esigenze di sincronizzazione labiale;

3. chiarificazione: si spiegano espressioni che, rimandando a contesti e situazioni della nazione da cui proviene il film, possono causare difficolta di comprensione;

4. cancellazione: si eliminano parole e espressioni che rimandano alia cultura di origine del film, se si teme che queste possano risultare estranee allo spettatore.

Queste strategie si applicano ai casi in cui l'originale sonoro presenti dei modelli di lingua standard. Male cose si complicano quando nell'originale siano presenti delle varieta di lingua non standard (le varieta regionali di italiano, per esempio, o i diversi accenti dell'inglese, i gerghi, i registri o le varieta colloquiali che rimandano a particolari caratterizzazioni di personaggi o a particolari strati sociali). Si pensi alle spefimentazioni attuate nel doppiaggio degli accenti italoamericani (talvolta resi con un italiano regionale napoletano o siciliano), o dell'inglese dei negri d'America (un tempo assimilato alla Mammy di Via col vento, tutta dedita alla sua "padroncina," oggi manipolato a livello di ritmo o timbro di voce dei doppiatori, come mostra il doppiaggio di Eddie Murphy).

1. Fenomeni di code-switching

Un ulteriore caso di difficolta emerge quando l'originale sonoro presenta dei fenomeni di code-switching, cioe uno slittamento di codice, un passaggio da una lingua all'altra, come avviene spesso nelle interazioni fra persone (o in ambienti) bilingui. In passato i personaggi stranieri dei film si appiattivano generalmente sulla lingua dello spettatore, a scapito della verosimiglianza della storia (si pensi a Roma citta aperta ead altri film del dopoguerra, in cui i soldati tedeschi, tranne sporadici casi in cui parlavano in tedesco fra loro, generalmente recitavano con un improbabile italiano standard). Oggi al contrario il cinema rispecchia sempre di piu la realta plurilingue di molti ambienti caratterizzati dal contatto fra persone di lingue e culture diverse. Come si comporta qui la traduzione per i sottotitoli e il doppiaggio?

1.1. Code-switching e doppiaggi

Una tecnica diffusa (quando si tratta di casi sporadici di code-switching o di slittamenti verso lingue poco note agli spettatori) consiste nella cancellazione del divario linguistico fra le parti del discorso e nell'appiattimento sulla lingua in cui avviene la traduzione. In Tutto su mia madre (di Pedro Almodovar), per esempio, l'alternanza fra spagnolo (di Madrid) e catalano (di Barcellona) indicavano nell'originale il continuo tornare indietro al passato della protagonista principale (Manuela), nella Barcellona degli anni Ottanta, rispetto a Madrid, citta in cui si e rifugiata per fuggire dal suo tragico presente. La traduzione pero si appiattisce sull'italiano standard, perdendo le connotazioni legate alle due lingue, come vediamo in una frase in catalano pronunciata dal travestito Agrado, tradotta in italiano nel doppiaggio e nei sottotitoli:

Agrado (al farmacista): Oye, que bona nit!

(sonoro italiano: Ciao! Buonanotte!)

(sottotitoli italiani: Ciao!) (1)

Prendiamo un altro esempio: nel film La vita e bella di Roberto Benigni, tutti ricorderanno la scena finale in cui un carro armato americano attraversa il campo di concentramento e fa restare a bocca aperta Giosue, il bambino protagonista della storia. Il soldato si affaccia dall'oble e lo saluta, come e verosimile, in inglese:

Soldato: Hi boy! You are alone? What's your name?

Bambino: (fa cenno di no con la testa, per dire che non capisce)

Soldato: You don't understand, do you? I'll give you a lift, come on up here! Here you go!

In Giappone questo film non solo e stato sottotitolato, mane sono state fatte addirittura due versioni doppiate in giapponese: una per la televisione e una per il videonoleggio. Proprio questa scena mostra delle soluzioni traduttive diverse.

Nel film doppiato per l'home-video si e scelto di mantenere la versione sonora in inglese e di sottotitolarla in giapponese:

Soldato: originale in inglese

(sottotitoli giapponesi: Ciao bimbo, sei da solo? Come ti chiami?)

Bambino: (cenno della testa)

Soldato: originale in inglese

(sottotitoli giapponesi: Non capisci l'inglese? Ti diamo un passaggio!)

Nel film per la televisione, invece, anche il soldato parla in giapponese, e questo crea la necessita di trasformare il senso delle sue frasi in relazione al cenno di diniego del bambino. Ecco come suona in italiano il dialogo giapponese di questa scena:

Soldato (doppiato in giapponese): Ciao bimbo, sei da solo? La famiglia?

Bambino: (cenno della testa)

Soldato (doppiato in giapponese): Ho capito, sei rimasto da solo. Ti diamo un passaggio, vieni, sail Aspetta ti aiuto, dammi una mano, ecco.

Complessivamente tra le due versioni doppiate in giapponese de La vita e bella, quella per l'home video e piu accurata e fedele all'originale, mentre quella per la televisione (destinata a un pubblico piu distratto ma forse anche meno aperto culturalmente ad altre lingue e culture) e piu orientata linguisticamente e culturalmente verso il Giappone, come dimostra anche questo caso di code-switching appiattito sulla lingua dei telespettatori.

L'altra scena famosa di code-switching di La vita e bella, in cui Benigni traduce a modo suo gli ordini del soldato tedesco ai nuovi arrivati nella camerata del lager, e stata mantenuta in tedesco come nell'originale, mentre Benigni li traduce oralmente in giapponese. Nella versione del film doppiata in tedesco, invece, si e dovuti ricorrere a un artificio, lasciando la voce italiana di Benigni (che invece nel resto del film viene doppiato) e sottotitolando la scena in tedesco: solo cosi lo spettatore avrebbe potuto cogliere la comicita della discrepanza fra gli ordini originall e la traduzione fatta dal protagonista del film.

1.2. Code-switching e sottotitoli

Una soluzione ofiginale per risolvere il problema di rendere comprensibile il testo ai telespettatori e di mantenere le colmotazioni legate a lingue diverse dall'ofiginale, si trova nei sottotitoli italiani per nonudenti utilizzati nel DVD del film Un te con Mussolini di Franco Zeffirelli. Il film e di per se un esempio eccellente di multilinguismo nel cinema, visto che narra le vicende di un ricco fiorentino anglofilo, della sua anziana segretaria inglese, e della comunita dei cosiddetti "anglobeceri" (gli inglesi stabilmente insediati a Firenze prima della seconda guerra mondiale), sconvolta da una ricca americana di passaggio. In alcuni casi di code-switching, in cui la versione italiana presenta delle battute in inglese, i sottotitoli traducono in italiano queste frasi, ma aggiungono la postilla "in inglese" che puo cosi dare allo spettatore non udente una indicazione in piu sul testo audio originale, pur senza osare una trascrizione del sonoro tout court.

SIGNOR GARNIERI (alla segretaria): Dear Sir.

(SOTTOTITOLI) (in inglese) Caro signore.

Signor Garnieri (alla segretaria): Yours Sincerely.

(SOTTOTITOLI): (in inglese) Sinceramente vostro.

Luca: Good morning.

(SOTTOTITOLI) (in inglese) Buongiorno.

2. Fenomeni di code-mixing

Diversamente dal code-switching, in cui l'interazione "slitta" da una lingua all'altra con una o piu frasi, il code-mixing consiste in una mescolanza di codici, caratterizzata dall'inserimento nel discorso di parole o gruppi di parole in una lingua diversa.

2.1. Code-mixing e doppiaggio

La ricerca di Sapino sul doppiaggio in italiano del film Portrait of a Lady (1996) (2) osserva un caso di code-switching e code-mixing (inglese/francese) che nell'originale era inserito per connotare un ambiente alto-borghese in cui la conoscenza del francese costituiva un elemento di distinzione e di prestigio, cosi come in Un te con Mussolini l'uso di parole e frasi in inglese rappresentava un tratto distintivo dell'alta societa fiorentina negli anni precedenti alla seconda guerra mondiale. (3) La soluzione degli attoritraduttori italiani di Ritratto di signora nell'adattamento dei brani bilingui e quella dell'italianizzazione dei termini francesi, soluzione che l'autrice giudica "sicuramente discutibile" (Sapino, 2000: 206). (4)

La strategia usata in Un te con Mussolini e diversa: qui si sceglie di fornire due versioni speculari: un italiano frammisto di parole e frasi in inglese, nella versione italiana (piu verosimile), un inglese frammisto di parole e espressioni italiane nella versione inglese, (5) poco verosimile, ma efficace nel suo insieme, in quanto portatrice di esotismi che rendono, per un pubblico inglese, l'impasto peculiare di quella lingua "mescidata" che doveva essere l'anglo-fiorentino di certi ambienti della Firenze borghese degli anni Trenta:
A B

SONORO INGLESE SONORO ITALIANO

1. Signor Guarnieri: Caro signor 1. Signor Guarnieri: Caro signor
Keegan, most respected and famoso Keegan, most respected and famoso
mereante di Manchester ... mercante di Manchester.
2. Miss Wallace: Dear Sir. 2. Miss Wallace: Dear Sir.
3. G.: I am in grande gratitudine 3. G.: I am in grande gratitudine
for the massive and importante for the massive and importante
bundle of silk which will bring expedition di seta e di lana fine
lacrime alegre to the eyes of which will bring lacrime alegre
molte bellissime signore agli occhi di molte beautiful
Florentine. signore Florentine.
4. W.: Thank you for the 4. W.: I vostri tessuti sono
consignment to fabric, it is up to sempre di grande qualita.
your usual standard.
5. G.: Please accept, signore, my 5. G.: Vi prego di accettare, Sir,
most humble compliments and i miei piu sincerissimi
sincerissimi good wishes. compliments and sincerissimi good
 wishes.
6. W.: Your Sincerely. 6. W.: Yours Sincerely.
7. G.: Ah, Miss Wallace, that's 7. G.: Brava Miss Wallace, e tutto
all for today. per today.


L'inserimento di parole e frasi in italiano e qualche volta anche in vernacolo fiorentino (Ma il chela dice?) e un espediente che emerge anche altrove nel testo inglese, ma non sempre si riflette nella versione italiana, attenta a giustificare l'uso di vocaboli inglesi per ragioni non solo di connotazione ambientale ma anche funzionali al contesto comunicativo, come abbiamo visto nella lettera dettata da Guarnirei (mezza in italiano e mezza in inglese) alla segretaria, per aiutarla nell'elaborazione della versione inglese destinata a un corrispondente in Inghilterra, o nel brano seguente, in cui il bambino saluta il padre in inglese per mostrargli i suoi progressi:
A B

SONORO INGLESE SONORO ITALIANO

27. G.: Ma il che la dice? Can you 27. G.: Ah, ah! Ma avete proprio
imagine that my wife accepts a voglia di scherzare oggi! Ma ve lo
bastard? (to himself) Now I have immaginate mia moglie che si
my wife ... prende un bastardo in casa, mia
 moglie?
28. W.: Signor Guarnieri, there 28. W.: Signor Guarnieri, cercate
are not illegitimate children in di capire che non esistono bambini
this world, only illegitimate bastardi. Illegittimo e che li ba
parents. messi al mondo.
29. G.: Parole, parloni! (To 29. G.: Eh, parole, paroloni!
himself) Ma povera scema! Ti
Immagini!
30/32. W.: (To Luca) Say good 30. W.: Vieni!
morning to your father. 31. G.: (sottovoce) Ma povera
 scema! Mate lo immagini ...
 32. W.: (a Luca) Vieni, su,
 avanti, saluta tuo padre.
33. Luca: Good morning. 33. Luca: Good morning.
34. G.: Che e impazzita? Ma come 34. G.: Ma sei impazzita? Ma come
si permette? O Dio bono! You bring vi permettete? O Dio bono, portare
the child here. The wife can il ragazzino qui con mia moglie
arrive any moment. (To Luca) Tu che puo arrivare da un momento
sta' bono, tu sta' bono li eh! all'altro? Madonna ... (a Luca)
Miss Wallace, in England such Tu sta' bono eh, sta' bono li eh!
behaviour is perhaps possible but Miss Wallace, in Inghilterra, in
in Italy, believe me, this is the Inghilterra saranno possibili cose
end of the world, the end of the del genere ma qui in Italia
world! credetemi, e la fine del mondo, la
 fine del mondo!


La caratterizzazione del personaggio, che nella versione inglese e affidata all'inserimento di parole e frasi italiane e alla pronuncia italiana dell'attore, nella versione italiana risulta piuttosto, in quest'ultimo scambio di battute, dall'uso di espressioni del vernacolo fiorentino, purtroppo non perfettamente riuscite in bocca ad un attore romano (O Dio bono ... Madonna ... Tu sta' bono eh, sta' bono li eh).

L'inserimento di parole straniere nel discorso puo essere un artificio utilizzato anche (indipendentemente dal sonoro originale) per dare una "patina" esotica alla versione doppiata. E questa la scelta, per esempio, del doppiaggio di La vita e bella in giapponese per il videonoleggio, in cui "Buongiorno principessa" viene reso con "Buongiorno ohimesama" (mentre nella versione per la TV viene tradotta anche la parola "buongiorno," ormai nota anche in Giappone).

In altri casi il code-mixing presente nella versione originale da il via a percorsi brillanti e creativi nell'opera del traduttore-doppiatore, come vediamo nel film Goodmorning Vietnam, centrato sull'inglese misto di forestierismi dei dj delle radio americane per i soldati in Vietnam. Un caso fra i tanti: "I'm stationed in Putain" (che allude, con il francesismo, al sesso mercenario frequente fra le truppe americane di stanza a Hanoi) diventa "Sono dislocato a Fikatang" (in cui il gergale "fica" viene esotizzato con il suffisso -tang, mantenendo cosi un alone di code-mixing paragonabile a quello dell'originale).

2.2. Code-mixing e sottotitoli

Nel caso di un sonoro che presenta fenomeni di code-mixing, i sottotitoli tendono di solito all'appiattimento verso la lingua del pubblico. In Un te con Mussolini, per esempio, si cambiano le componenti della frase in inglese, riproponendone il significato in italiano: la parafrasi, in questo caso, appiab tisce il testo togliendo la connotazione originale confefita dalla mescolanza di codici (che nella versione italiana sonora tradisce l'ammirazione del protagonista per la cultura inglese):

3. (SONORO ITALIANO) I am in grande gratitudine for the massive and importante expedition di seta e di lana fine which will bring lacrime alegre agli occhi di molte beautiful signore Florentine.

3. (SOTTOTITOLI ITALIANI) Le sono molto grato per l'importante spedizione di seta e di lana fine. Queste stoffe faranno piangere di felicita molte belle signore fiorentine.

5. (SONORO ITALIANO) Vi prego di accettare, Sir, i miei piu sincerissimi compliments and sincerissimi good wishes.

5. (SOTTOTITOLI ITALIANI) Vi prego di accettare i miei piu sinceri complimenti.

6. (SONORO ITALIANO) E tutto per today.

6. (SOTTOTITOLI ITALIANI) E tutto per oggi.

Anche la traduzione dei sottotitoli inglesi opta per una soluzione appiattita sull'inglese, fomendo quindi una parafrasi dell'originale di cui perde totalmente la connotazione legata all'alternanza delle due lingue (6):

1. (SONORO ITALIANO) Cayo signor Keegan, most respected and famoso mercante di Manchester ...

1. (SOTTOTITOLI ITALIANI) Dear Mr Keegan, most respected and famous merchant in Manchester.

5. (SONORO ITALIANO) Please accept, signore, my most humble compliments and sincerissimi good wishes.

5. (SOTTOTITOLI ITALIANI) I beg of you to accept my sincerest compliments and very good wishes.

34. (SONORO ITALIANO) Che e impazzita? Ma come si permette? O Dio bono! You bring the child here. The wife can arrive any moment. (To Luca) Tu sta' bono, tu sta' bono li eh!

34. (SOTTOTITOLI ITALIANI) Have you gone mad? How dare you? You brought the boy here! My wife could walk in! (To Luca) You stay there.

In un caso viene omessa un'intera frase in italiano pronunciata dall'attore e la prima parte della battuta (anche questa in italiano) viene riassunta in una sola parola:

29. (SONORO ITALIANO) Parole, parloni! (To himself) Ma povera scema! Ti Immagini!

29. (SOTTOTITOLI ITALIANI) Words!

In un altro caso l'originale inglese aveva inserito una battuta in vernacolo fiorentino (Mail chela dice? = What are you saying?) che non solo scompare nei sottotitoli, ma viene anche tradotta molto liberamente (You feel like playing games today!), con una espressione piu vicina alle traduzioni italiane usate nella versione doppiata e sottotitolata (Avete proprio voglia di scherzare / Avete voglia di scherzare):

27. (SONORO ITALIANO) Mail chela dice? Can you imagine that my wife accepts a bastard? (to himself) Now I have my wife ...

27. (SOTTOTITOLI ITALIANI) You feel like playing games today! My wife would never accept a bastard in the house!

Conclusioni

Nei sottotitoli di brani plurilingui si puo trovare:

a. traduzione e indicazione della lingua originale: Nella sequenza di Un te con Mussolini presa in esame, per esempio, i sottotitoli italiani e inglesi si differenziano soprattutto per il trattamento riservato alle parti bilingui (italiano-inglese) del sonoro che solo nena versione italiana mantengono un riferimento al fenomeno inserendo fra parentesi la glossa "in inglese" (forse perche si tratta in realta di trascrizioni per non udenti).

b. traduzione: Generalmente pero il sottotitolo si appiattisce suna lingua dello spettatore e, se non indispensabili, arriva perfino a cancellare le parti in una lingua diversa da quella del film (lo abbiamo visto nell'esempio di catalano del film Tutto su mia madre o nei sottotitoli inglesi di Un te con Mussolini). Del resto e questa una delle strategie tipiche della traduzione di servizio, orientata verso i destinatari piu che rispettosa per l'originale, che si combina qui con la necessith di ridurre se necessario e rendere leggibile il testo in contemporanea allo svolgimento delle sequenze.

Nel doppiaggio di brani plurilingui si possono usare invece queste strategie:

a. si puo mantenere l'effetto-macchia dell'originale lasciando le stesse parole in L2, purche si tratti di una lingua diversa da quella in cui avviene il doppiaggio (lasciare il discorso del soldato tedesco in La vita e bella tradotto in tedesco significa rinunciare all'espediente del contatto fra lingue diverse)

b. si puo usare la strategia precedente e abbinare la traduzione in sottotitoli delle parti in L2 (soldato americano che parla inglese nella versione home-video di La vita e bella)

c. si puo mantenere il plurilinguismo dell'originale, cambiando pero le parti del discorso in L2 (traduzione italiana di Benigni in camerata ne La vita e bella diventa, nel film doppiato in tedesco, l'elemento che riporta nel film il fenomeno di code-switching), o perfino creando dei neologismi piu comprensibili al pubblico (Putain/Fikatang)

d. si possono dare delle connotazioni di bilinguismo o plurilinguismo al discorso (corrispondenti alle intenzioni della sceneggiatura originale) mediante espedienti diversi ancora. Per esempio e con l'inserimento di parole straniere nel dialogo, anche se non presenti nell'originale: come l'intercalare "Buongiorno" ne La vita e bella in giapponese o le espressioni florentine nella versione inglese di Un te con Mussolini) o attraverso una pronuncia straniera dei personaggi, come vediamo in Un te con Mussolini, dove il dialogo recitato in inglese e caratterizzato daUa pronuncia italiana (mista a frasi e parole italiane) dell'anglofilo Paolo Guarnirei, e quello in italiano e caratterizzato specularmente dalla pronuncia inglese della signorina Wallace doppiata in italiano.

Tradurre e sempre una sfida. Tradurre per i sottotitoli eil doppiaggio dei film e una sfida ancora piu appassionante per i reticoli di codici che entrano in gioco. Se a tutto questo aggiungiamo la difficolta di rendere un originale caratterizzato dal contatto fra piu lingue (con fenomeni di code-switching o code-mixing) in una versione doppiata o sottotitolata per un pubblico di lingua e cultura diversa, possiamo solo guardare con estremo rispetto alle soluzioni (talvolta poco rischiose, talvolta assolutamente brillanti) adottate via via da chi di questo mestiere ha fatto una forma di arte a latere di quella cosiddetta "cinematografica."

NOTE

(1) E da notare, in questo caso, che il linguaggio "brillante" di Agrado, ricco di coloriture espressive e gergali, viene accentuato nel doppiaggio italiano da una voce femnunile particolarmente roca, diversa dal timbro dell'attore del film originale, forse per indicate la "transessualita" del personaggio che diviene cosi piu riconoscibile per il pubblico italiano.

(2) Il film, diretto da Jane Campion, costimisce la trasposizione filmica del romanzo omonimo di Henry Miller (1908).

(3) Cosi si spiega anche il desiderio di Guarnieri di dare al figlio, seppur illegittimo, un'educazione da perfetto gentleman.

(4) Il direttore del doppiaggio di Ritratto di signora ha giustificato la riduzione dei termini francesi nei dialoghi italiani con lo scopo di "ristabilire fra le due lingue una proporzione equivalente a quella riscontrabile nel romanzo": questo fa capire l'accuratezza di un'operazione che deve tener conto, in questo caso, non solo della sceneggiatura del film, ma anche delle versioni in inglese e in italiano del romanzo da cui e ispirato.

(5) Nelle nostre trascrizioni le parole in lingua diversa dalla lingua del doppiaggio sono inserite in corsivo.

(6) Paolo Guarnieri, in questo caso, si dimostra tale ammiratore della cultura e della lingua inglese da inserire parole inglesi in italiano: la versione sonora in inglese inverte come abbiamo visto le due componenti.

OPERE CITATE

Baccolini, R., R. M. Bollettieri Bosinelli, e L. Gavioli, a cura di. Il doppiaggio. Trasposizioni linguistiche e culturali. Bologna: CLUEB, 1994.

Bollettieri Bosinelli, R. M., e C. Heiss, a cura di. Traduzione multimediale per il cinema, la televisione e la scena. Bologna: CLUEB, 1996.

Brincat, G. "Il doppiaggio di telefilm americani: una variante tradotta dell'italiano parlatorecitato?" L'italiano oltre frontiera. V Convegno Internazionale Leuven, 22-25 aprile 1998. Vol. 1. Leuven: University Press/Franco Casati Editore, 1998. 245-58.

Diadori, P. L'italiano televisivo. Aspetli linguistici, extralinguistici, glottodidatlici. Roma: Bonacci, 1994.

Di Fortunato, E., e M. Paolinelli. Barriere linguistiche e circolazione delle opere audiovisive: la questione doppiaggio. Roma: AIDAC, 1996.

Gottlieb, H. "Subtitling. A New University Discipline." Teaching Translation and Interpreting. Training, Talent and Experience. A cura di C. Dollerup e A. Loddegaard. Amsterdam: John Benjamins, 1992. 161-70.

Kovacic, I. "Subtitling Strategies. A Flexible Hierarchy of Priorities." Traduzione multimediale per il cinema, la televisione e la scena. A cura di R.M. Bollettieri Bosinelli e C. Heiss. Bologna: CLUEB, 1996. 297-305.

Maraschio, N. "L'italiano del doppiaggio." La lingua italiana in movimento. Firenze: Accademia della Crusca, 1982. 135-58.

Nencioni, G. "Parlato-parlato, parlato-scritto, parlato-recitato." Di scritto e di parlato. Discorsi linguistici. Bologna: Zanichelli, 1983. 126-58.

Pavesi, M. "Osservazioni sulla (socio-)linguistica del doppiaggio." Il doppiaggio. Trasposizioni linguistiche e culturali. A cura di R. Baccolini, R. M. Bollettieri Bosinelli, e L. Gavioli. Bologna: CLUEB, 1994. 129-42.

--. "L'allocuzione nel doppiaggio dall'inglese all'italiano." Traduzione multimediale per il cinema, la televisione e la scena. A cura di R. M. Bollettieri Bosinelli e C. Heiss. Bologna: CLUEB, 1996. 117-30.

Raffaelli, S. "Il parlato cinematografico e televisivo." Storia della lingua italiana. Vol. 2. Acura di L. Serianni e P. Trifone. Torino: Einaudi, 1994. 271-90.

Redi, R. "L'invenzione del doppiaggio." Lumidre 9 (1997): 11-12.

Sapino, P. "'The Portrait of a Lady (1908) di Henry James e la trasposizione cinematografica (1996) di Jane Campion: testo letterario, testo filmico e doppiaggio." Quaderni di doppiaggio, di M. Penegatta e P. Sapino, Comune di Finale Lignre, Finale Ligure (SV) 2000: 131-225.

Snelling, D. "Upon the Simultaneous Translation of Films." The Interpreters' Newsletter 3 (1990): 14-16.

Taylor, C. Language to Language. A Practical and Theoretical Guide for Italian/English Translators. Cambridge: Cambridge UP, 1998. 211-25.

Viezzi, M. "The Translation of Film Sub-rifles from English into Italian." The Interpreters' Newsletter 4 (1992): 84-86.

PIERANGELA DIADORI is Associate Professor of Foreign Language Education and holds the chair of Theory and History of Translation at the Universita per Stranieri di Siena. Since 1998, she has also taught second-language methodology at the Universita di Genova. In addition to numerous articles and chapters of books on Italian linguistics and language teaching, she is the author or co-author of L'italiano televisivo (1994), Le varieta dell'italiano (1998), Senza parole. 100 gesti degli italiani (1993); co-author of two manuals for teaching Italian to foreigners: Viaggio nel nuovo cinema italiano (1997), Pro e contro 1 e 2 (1997, 1999); and editor of the volume Insegnare italiano a stranieri (2001).
COPYRIGHT 2003 American Association of Teachers of Italian
No portion of this article can be reproduced without the express written permission from the copyright holder.
Copyright 2003 Gale, Cengage Learning. All rights reserved.

 Reader Opinion

Title:

Comment:



 

Article Details
Printer friendly Cite/link Email Feedback
Author:Diadori, Pierangela
Publication:Italica
Date:Dec 22, 2003
Words:4126
Previous Article:Scripta volant, verba manent. Nuovi percorsi per la posta elettronica in servizio di un curriculum ISL.
Next Article:Archibugi's cinematic representations of the socio-cultural changes in the Italian family.


Related Articles
Wilkins nella formazione del canzoniere di Petrarca.
Maria Sabrina Titone. Cantiche del Novecento. Dante nell'opera di Luzi e Pasolini.
Dire la verita dei sogni: la teoria di Panfilo in Decameron IV.6.
Laura Diafani. "Ragionar di se." Scritture dell'io e romanzo in Italia (1816-1840).
I Sei personaggi siamo noi: Pirandello, o la metamorfosi degli studenti nel laboratorio teatrale in italiano.
Luigi Pirandello. Pensaci, Giacomino.
Niccolo Machiavelli. The Prince.
Franco Nasi. Poetiche in transito. Sisifo e le fatiche del tradurre.
Andrea Battistini, a cura di. Storia della letteratura italiana.
Se una notte d'inverno il lettore: le problematiche di Calvino tradotto.

Terms of use | Copyright © 2014 Farlex, Inc. | Feedback | For webmasters